/ CON RENZI, IN ITALIA SI COMPRA LAVORO DAL TABACCAIO

CON RENZI, IN ITALIA SI COMPRA LAVORO DAL TABACCAIO

CON RENZI, IN ITALIA SI COMPRA LAVORO DAL TABACCAIO
 

La vera "esplosione" è quella dei voucher, termine francese anglicizzato che vuol dire "buono" e che conferma che l'uso delle lingue estere serve da noi a nobilitare le fregature.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Di Giorgio Cremaschi

Quando si diraderà il polverone della propaganda di Renzi, si vedrà che il vero boom non è quello dei cosiddetti contratti tempo indeterminato. Che poi non sono tali perché con il Jobsact si puo essere licenziati in qualsiasi momento. E che in gran parte non sono neanche nuove assunzioni, perché molte di esse sono soprattutto di lavoratori licenziati e poi riassunti da imprese che così intascano 8000 euro. 
 
No la vera esplosione è quella dei voucher, termine francese anglicizzato che vuol dire "buono" e che conferma che l'uso delle lingue estere serve da noi a nobilitare le fregature. 
 
I buoni lavoro sono stati introdotti dal ministro Sacconi dell'ultimo governo Berlusconi. Poi, come sempre è avvenuto in economia e lavoro, i governi a guida PD li hanno confermati e estesi. 

Si va in un ufficio pubblico, o anche dal tabaccaio, e si comprano i buoni lavoro, come se fossero biglietti del tram. Con quei buoni si compra lavoro, cioe essi vengono dati al lavoratore al posto del salario. Quando fu varato questo strumento l&# 39;allora ministro Sacconi, oggi coerentemente fan di Renzi, spiegò che serviva a far emergere il lavoro nero. Invece, come è sempre avvenuto per le misure liberiste sull'occupazione, i voucher hanno fatto sprofondare verso il basso il lavoro una volta tutelato dai contratti. Chi era in nero è rimasto in nero, ma in tante mansioni nei servizi lavoratori che sarebbero stati assunti con qualche contratto precario, si sono visti offrire gli ancora più convenienti, per le imprese, voucher. Così infatti chi compra lavoro ottiene tre risultati. Non è responsabile di chi lavora per lui perché non c'è rapporto di lavoro. Lo paga legalmente 7,50 € netti, 10 lordi senza altra spesa. E soprattutto lo paga con un paio di ticket per 10 ore di lavoro...chi va a controllare? 
 
Quando si afferma che la controriforma liberista del lavoro, di cui Renzi è solo l'ultimo insopportabile alfiere, riduce il lavoratore a merce si esprime una verità attenuata. Perché molte merci son trattate con più cura e rispetto delle persone, che qui vengono comprate, consumate e gettate vie come un pacchetto di sigarette. Vergogna.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

LA NAZIONALIZZAZIONE DI MPS SEGNA LA CRISI DELL'EPOCA LIBERISTA E L'INIZIO DI UNA NUOVA STORIA

"Ora i cialtroni della globalizzazione cercheranno di ridimensionare il fatto ad una rara eccezione. Ma non ce la faranno"

di Giorgio Cremaschi Il fatto che, senza alcuni scandalo dei benpensanti dell'economia e della politica,...
Notizia del:

"CHIAMATELA PURE POPULISMO, MA A SALVARE LA COSTITUZIONE E' STATA LA LOTTA DI CLASSE" 

di Giorgio Cremaschi Dilagano le analisi sul referendum, in particolare in rapporto alle differenti collocazioni politiche degli elettori, ma a me il dato che pare più evidente è la ripartizione...
Notizia del:

"I governi non devono fare le Costituzioni. Quando accade è avvio di dittatura" #iovotoNO

di Giorgio Cremaschi COSÌ SOTTO L'AMBASCIATA DI GERMANIA ABBIAMO MANIFESTATO L'ULTIMO NO PRIMA DEL VOTO. E ricordiamo che, come diceva Piero Calamandrei, i governi non devono fare...
Notizia del:

"ALLARME ROSSO. LA LEGGE TRUFFA PUÒ PASSARE SOLO CON GLI IMBROGLI E RENZI E I SUOI LI STANNO TENTANDO"

di Giorgio Cremaschi   1.600.000 votanti dall'estero titola esaltato La Repubblica. Oramai non si vergognano più di niente e usano tutto, proprio tutto, pur di vincere. Sanno che...
Notizia del:

Stampelle di Renzi e aiutini elettorali per il SI: la triste parabola di Landini e Camusso

"Comunque vada a finire, il merito di questo referendum è quello di avere rivelato tutti i mali, le finzioni, gli opportunismi che hanno devastato il vecchio mondo sindacale e della sinistra. "

di Giorgio Cremaschi Le firme di Cgil Cisl Uil e di Fim Fiom Uilm sull'accordo quadro per i contratti...
Notizia del:

Domani a Roma chiude la campagna per il NO sociale alla controriforma

Appuntamento alle 16.30 davanti l'Ambasciata tedesca, in piazza Indipendenza, nome perfetto per l'occasione

di Giorgio Cremaschi IL 2 DICEMBRE ALLE 16.30 A ROMA DI FRONTE ALLA AMBASCIATA DI GERMANIA, IN PIAZZA INDIPENDENZA,...
Notizia del:

"La Corte Costituzionale è burocrazia". Il fascismo profondo, questa l'ultima risorsa di Renzi

di Giorgio Cremaschi   Anche se più volte son stato tentato di farlo, ho finora sempre evitato di ricorrere alla parola fascismo per definire ciò che si agita attorno alla controriforma...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa