/ CON RENZI, IN ITALIA SI COMPRA LAVORO DAL TABACCAIO

CON RENZI, IN ITALIA SI COMPRA LAVORO DAL TABACCAIO

CON RENZI, IN ITALIA SI COMPRA LAVORO DAL TABACCAIO
 

La vera "esplosione" è quella dei voucher, termine francese anglicizzato che vuol dire "buono" e che conferma che l'uso delle lingue estere serve da noi a nobilitare le fregature.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Di Giorgio Cremaschi

Quando si diraderà il polverone della propaganda di Renzi, si vedrà che il vero boom non è quello dei cosiddetti contratti tempo indeterminato. Che poi non sono tali perché con il Jobsact si puo essere licenziati in qualsiasi momento. E che in gran parte non sono neanche nuove assunzioni, perché molte di esse sono soprattutto di lavoratori licenziati e poi riassunti da imprese che così intascano 8000 euro. 
 
No la vera esplosione è quella dei voucher, termine francese anglicizzato che vuol dire "buono" e che conferma che l'uso delle lingue estere serve da noi a nobilitare le fregature. 
 
I buoni lavoro sono stati introdotti dal ministro Sacconi dell'ultimo governo Berlusconi. Poi, come sempre è avvenuto in economia e lavoro, i governi a guida PD li hanno confermati e estesi. 

Si va in un ufficio pubblico, o anche dal tabaccaio, e si comprano i buoni lavoro, come se fossero biglietti del tram. Con quei buoni si compra lavoro, cioe essi vengono dati al lavoratore al posto del salario. Quando fu varato questo strumento l&# 39;allora ministro Sacconi, oggi coerentemente fan di Renzi, spiegò che serviva a far emergere il lavoro nero. Invece, come è sempre avvenuto per le misure liberiste sull'occupazione, i voucher hanno fatto sprofondare verso il basso il lavoro una volta tutelato dai contratti. Chi era in nero è rimasto in nero, ma in tante mansioni nei servizi lavoratori che sarebbero stati assunti con qualche contratto precario, si sono visti offrire gli ancora più convenienti, per le imprese, voucher. Così infatti chi compra lavoro ottiene tre risultati. Non è responsabile di chi lavora per lui perché non c'è rapporto di lavoro. Lo paga legalmente 7,50 € netti, 10 lordi senza altra spesa. E soprattutto lo paga con un paio di ticket per 10 ore di lavoro...chi va a controllare? 
 
Quando si afferma che la controriforma liberista del lavoro, di cui Renzi è solo l'ultimo insopportabile alfiere, riduce il lavoratore a merce si esprime una verità attenuata. Perché molte merci son trattate con più cura e rispetto delle persone, che qui vengono comprate, consumate e gettate vie come un pacchetto di sigarette. Vergogna.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

Il QUESITO E' TRUFFALDINO COME LA CONTRORIFOMRA: IL 22 OTTOBRE TUTTI A ROMA PER IL NORENZIDAY

di Giorgio Cremaschi Il quesito ufficiale del referendum costituzionale è un imbroglio sfacciato e ridicolo. Se avessero scritto: "Volete voi dire SI alla bellissima riforma costituzionale...
Notizia del:

E' il ritorno al Medio Evo, al privilegio assoluto per i potenti: le parole della vergogna del ministro Del Rio

di Giorgio Cremaschi   Intervenendo ad una trasmissione televisiva il ministro Del Rio ha giudicato "sproporzionata" la richiesta di 16 anni per Mauro Moretti, fatta dai pubblici ministeri...
Notizia del:

Pieta' l'è morta: Nel ricordo di Ahmed, ammazzato perché guidava una lotta sindacale

di Giorgio Cremaschi Abd Elsalam Ahmed Eldanf per la Procura di Piacenza era in gita notturna davanti al magazzino GLS e colto da improvvisa follia si è gettato sotto un camion, uccidendosi....
Notizia del:

LA FIAT UCCIDE E LA POLITICA E' CORRESPONSABILE

"NON SI PUO’ CONTINUARE A VIVERE PER ANNI SUL CIGLIO DEL BURRONE DEI LICENZIAMENTI. L'intero quadro politico istituzionale che, da sinistra a destra, ha coperto le insane politiche della Fiat è corresponsabile di queste morti insieme alle centrali confederali

di Giorgio Cremaschi Dopo aver lucrato negli anni scorsi finanziamenti pubblici multimiliardari, lo speculatore...
Notizia del:

Ma quale futuro, Renzi è gli anni '50: quando era l'ambasciatrice Usa Luce a decidere #IoVotoNo

TORNANO GLI ANNI 50: L'AMBASCIATORE USA ORDINA AGLI ITALIANI COME VOTARE. IL NUOVO DI RENZI È IL PEGGIO DEL VECCHIO. ANCHE PER QUESTO DEVE VINCERE IL NO

di Giorgio Cremaschi La prima immagine è quella della signora Clara Booth Luce, ambasciatrice USA in...
Notizia del:

DAL 16 AL 18 SETTEMBRE A CHIANCIANO TERME: IN TANTI PER IL NO ALL'EURO E ALLA UNIONE EUROPEA DELLE BANCHE, DELLA FINANZA, DELLE MULTINAZIONALI

di Giorgio Cremaschi Tutti i poteri economici si stanno schierando in forze a favore della controriforma costituzionale di Napolitano e Renzi, con il sostegno sempre più brutale della Unione...
Notizia del:

QUESTO L'EFFETTO RENZI A CATANIA, LO STESSO CHE IN TUTTA ITALIA: AVANTI CON IL NO

di Giorgio Cremaschi Che pena vedere quella festa che una volta era un grande appuntamento di popolo ridotta a passerella di uno squallido potere in stato d'assedio. In una festa dell'Unità...
 

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa