/ CON RENZI, IN ITALIA SI COMPRA LAVORO DAL TABACCAIO

CON RENZI, IN ITALIA SI COMPRA LAVORO DAL TABACCAIO

CON RENZI, IN ITALIA SI COMPRA LAVORO DAL TABACCAIO
 

La vera "esplosione" è quella dei voucher, termine francese anglicizzato che vuol dire "buono" e che conferma che l'uso delle lingue estere serve da noi a nobilitare le fregature.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Di Giorgio Cremaschi

Quando si diraderà il polverone della propaganda di Renzi, si vedrà che il vero boom non è quello dei cosiddetti contratti tempo indeterminato. Che poi non sono tali perché con il Jobsact si puo essere licenziati in qualsiasi momento. E che in gran parte non sono neanche nuove assunzioni, perché molte di esse sono soprattutto di lavoratori licenziati e poi riassunti da imprese che così intascano 8000 euro. 
 
No la vera esplosione è quella dei voucher, termine francese anglicizzato che vuol dire "buono" e che conferma che l'uso delle lingue estere serve da noi a nobilitare le fregature. 
 
I buoni lavoro sono stati introdotti dal ministro Sacconi dell'ultimo governo Berlusconi. Poi, come sempre è avvenuto in economia e lavoro, i governi a guida PD li hanno confermati e estesi. 

Si va in un ufficio pubblico, o anche dal tabaccaio, e si comprano i buoni lavoro, come se fossero biglietti del tram. Con quei buoni si compra lavoro, cioe essi vengono dati al lavoratore al posto del salario. Quando fu varato questo strumento l&#
39;allora ministro Sacconi, oggi coerentemente fan di Renzi, spiegò che serviva a far emergere il lavoro nero. Invece, come è sempre avvenuto per le misure liberiste sull'occupazione, i voucher hanno fatto sprofondare verso il basso il lavoro una volta tutelato dai contratti. Chi era in nero è rimasto in nero, ma in tante mansioni nei servizi lavoratori che sarebbero stati assunti con qualche contratto precario, si sono visti offrire gli ancora più convenienti, per le imprese, voucher. Così infatti chi compra lavoro ottiene tre risultati. Non è responsabile di chi lavora per lui perché non c'è rapporto di lavoro. Lo paga legalmente 7,50 € netti, 10 lordi senza altra spesa. E soprattutto lo paga con un paio di ticket per 10 ore di lavoro...chi va a controllare? 
 
Quando si afferma che la controriforma liberista del lavoro, di cui Renzi è solo l'ultimo insopportabile alfiere, riduce il lavoratore a merce si esprime una verità attenuata. Perché molte merci son trattate con più cura e rispetto delle persone, che qui vengono comprate, consumate e gettate vie come un pacchetto di sigarette. Vergogna.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

TTIP: IL PARTITO DELLA NAZIONE IN VENDITA

"Neppure l'addetto stampa di una multinazionale del petrolio oggi sarebbe capace di affermare seriamente un tale concentrato di sciocchezze"

di Giorgio Cremaschi   Carlo Calenda rappresenta al meglio la casta renziana. Esperienze manageriali...
Notizia del:

In Francia suona la campana della libertà: l'Ue non può essere riformata, solo rovesciata

"La rivolta dei lavoratori e dei giovani francesi sconvolge la costituzione reale dell’Europa e segna l’avvio della sua crisi. I popoli hanno cominciato a capire la verità di fondo di questo sistema europeo e cioè che esso non è riformabile, può solo essere rovesciato".

di Giorgio Cremaschi Sono settimane che in un crescendo straordinario di mobilitazione, lavoratori, studenti,...
Notizia del:

Dopo JP Morgan, FMI ora Confindustria con le "riforme" Renzi: "Non sono sostegni, sono prese di possesso"

Padroni e banchieri vogliono una costituzione che serva a distruggere ciò che resta dei diritti sociali e del lavoro. La CGIL dov'è?

di Giorgio Cremaschi La Confindustria di Boccia entra prepotentemente in campo a sostegno della controriforma...
Notizia del:

Francia, Dall'Ue: "il jobs act è indispensabile". Avete capito chi è il mandante di Hollande?

di Giorgio Cremaschi Alla fine parla il mandante del Jobs Act di Hollande: la Ue chiama il governo francese a non cambiare la legge infame. Mentre il popolo è in rivolta, ci sono ancora dubbi...
Notizia del:

Della propaganda renziana dell'ottimismo resta solo la sabbia

PRECIPITA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE, SPROFONDANO GLI ARGINI DELL'ARNO, È LA SABBIA SU CUI È COSTRUITA L'ITALIA DI RENZI

  di Giorgio Cremaschi Quasi nelle stesse ore un dato economico e un disastro ambientale hanno...
Notizia del:

La campagna per il sì del trio Renzi-Boschi-Napolitano è già una pratica applicazione della nuova costituzione autoritaria

" Se vogliamo difendere la Costituzione antifascista, quella per cui sono morti i partigiani 70 anni fa, dobbiamo mobilitarci ben più di quanto abbiamo fatto finora. Sono loro che ci offendono con ogni loro parola, bisogna reagire".

di Giorgio Cremaschi   La polemica sui partigiani lanciata da Boschi, il sostegno che le hanno dato...
Notizia del:

"L'UE oggi alimenta tre guerre: militare, contro i migranti e contro i suoi popoli. Può essere fermata solo rovesciando il suo potere tirannico"

"Nel Medio Evo era con Deus vult, Dio lo vuole, che si giustificavano le sopraffazioni del potere. Laicamente ora si afferma che lo vuole l'Europa, ma i fini sono gli stessi che in quell'epoca apparentemente lontana.

di Giorgio Cremaschi   LA MIA RELAZIONE ALL'ASSEMBLEA EUROSTOP DI NAPOLI PER ITALEXIT   Sono...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa