/ CON RENZI, IN ITALIA SI COMPRA LAVORO DAL TABACCAIO

CON RENZI, IN ITALIA SI COMPRA LAVORO DAL TABACCAIO

CON RENZI, IN ITALIA SI COMPRA LAVORO DAL TABACCAIO
 

La vera "esplosione" è quella dei voucher, termine francese anglicizzato che vuol dire "buono" e che conferma che l'uso delle lingue estere serve da noi a nobilitare le fregature.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Di Giorgio Cremaschi

Quando si diraderà il polverone della propaganda di Renzi, si vedrà che il vero boom non è quello dei cosiddetti contratti tempo indeterminato. Che poi non sono tali perché con il Jobsact si puo essere licenziati in qualsiasi momento. E che in gran parte non sono neanche nuove assunzioni, perché molte di esse sono soprattutto di lavoratori licenziati e poi riassunti da imprese che così intascano 8000 euro. 
 
No la vera esplosione è quella dei voucher, termine francese anglicizzato che vuol dire "buono" e che conferma che l'uso delle lingue estere serve da noi a nobilitare le fregature. 
 
I buoni lavoro sono stati introdotti dal ministro Sacconi dell'ultimo governo Berlusconi. Poi, come sempre è avvenuto in economia e lavoro, i governi a guida PD li hanno confermati e estesi. 

Si va in un ufficio pubblico, o anche dal tabaccaio, e si comprano i buoni lavoro, come se fossero biglietti del tram. Con quei buoni si compra lavoro, cioe essi vengono dati al lavoratore al posto del salario. Quando fu varato questo strumento l&# 39;allora ministro Sacconi, oggi coerentemente fan di Renzi, spiegò che serviva a far emergere il lavoro nero. Invece, come è sempre avvenuto per le misure liberiste sull'occupazione, i voucher hanno fatto sprofondare verso il basso il lavoro una volta tutelato dai contratti. Chi era in nero è rimasto in nero, ma in tante mansioni nei servizi lavoratori che sarebbero stati assunti con qualche contratto precario, si sono visti offrire gli ancora più convenienti, per le imprese, voucher. Così infatti chi compra lavoro ottiene tre risultati. Non è responsabile di chi lavora per lui perché non c'è rapporto di lavoro. Lo paga legalmente 7,50 € netti, 10 lordi senza altra spesa. E soprattutto lo paga con un paio di ticket per 10 ore di lavoro...chi va a controllare? 
 
Quando si afferma che la controriforma liberista del lavoro, di cui Renzi è solo l'ultimo insopportabile alfiere, riduce il lavoratore a merce si esprime una verità attenuata. Perché molte merci son trattate con più cura e rispetto delle persone, che qui vengono comprate, consumate e gettate vie come un pacchetto di sigarette. Vergogna.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

ThyssenKrupp. Corte di cassazione conferma le condanne ai manager, ma i colpevoli sono liberi in Germania

"Questa è la realtà della Unione Europea, un sistema autoritario e truffaldino di diseguali"

di Giorgio Cremaschi  Nella notte tra il 5 e il 6 dicembre del 2007 un terribile incendio distrusse...
Notizia del:

Renzi contro Visco. La "sinistra filo Troika" con Visco. Che pena, che spettacolo ridicolo

  di Giorgio Cremaschi    Matteo Renzi deve sicuramente la sua ascesa politica al sistema bancario. Ricordiamo fra tutte la sponsorizzazione della sua figura e poi della sua controriforma...
Notizia del:

Qui sta l'imbroglio del referendum in Lombardia e il Veneto

Giorgio Cremaschi: "Che tutte le principali forze politiche delle due regioni siano d'accordo, è solo un ulteriore segno del degrado della nostra democrazia."

di Giorgio Cremaschi  Le stesse forze politiche che contrapposte si candidano al governo del paese...
Notizia del:

GRAZIE AGLI STUDENTI, IN LOTTA PER TUTTI CONTRO IL LAVORO GRATIS

di Giorgio Cremaschi Non dobbiamo solo sostenere, dobbiamo ringraziare le decine di migliaia di studenti scesi in piazza oggi contro l'alternanza scuola lavoro. Finalmente in tante città...
Notizia del:

Ultimatum, parola che riemerge dal fango per colpa dell'UE

di Giorgio Cremaschi  Tutti i mass media adoperano senza alcuna cautela, anzi quasi con compiacimento, la parola "ultimatum" con cui Rajoy ha dato cinque giorni di tempo al governo...
Notizia del:

ILVA : O NAZIONALIZZAZIONE O SCHIAVITÙ

di Giorgio Cremaschi Fieramente il ministro Calenda ha rinviato l'incontro per L'Ilva, accusando il compratore Mittal di non mantenere i patti. Ma che penosa sceneggiata e quali patti e...
Notizia del:

"Serve a far accettare la schiavitù ai giovani". E' Crozza a dire la verità sulla vergogna "alternanza scuola-lavoro"

  di Giorgio Cremaschi Come spesso accade nel mondo dei mass media governato dal minculpop del liberismo, tocca ad un uomo di spettacolo dire ciò su cui tacciono esimi professori,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa