/ Una testimonianza da Aleppo, Suor María Guadalupe de Rodrigo: «Co...

Una testimonianza da Aleppo, Suor María Guadalupe de Rodrigo: «Con Assad i cristiani non sono stati perseguitati. L’Occidente non può imporre la sua “democrazia” ai siriani»

Una testimonianza da Aleppo, Suor María Guadalupe de Rodrigo: «Con Assad i cristiani non sono stati perseguitati. L’Occidente non può imporre la sua “democrazia” ai siriani»
 

Suor Guadalupe Maria De Rodrigo, argentina, 42 anni, Missionaria cristiana, nel 2011 è arrivata ad Aleppo poco prima della guerra alla Siria, ed è rimasta per portare aiuto alla popolazione assediata dai terroristi. Per la religiosa in Siria c’è un governo laico che non ha mai perseguitato i cristiani. E soprattutto: “In Siria non c’è stata nessuna rivoluzione, ma un attacco pianificato dall’estero.”

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Da Madrid Francesco Guadagni e Veronica Yanes
 
Suor Maria Guadalupe de Rodrigo, è una missionaria argentina. Dopo vari in anni di permanenza in diversi Paesi del Medioriente, decide, nel 2011, di passare un periodo di riposo ad Aleppo. Suor Guadalupe è sta testimone diretta dai primi giorni della guerra alla Siria. La religiosa, di ritorno dalla Siria, in varie città della Spagna, adesso racconta la sua esperienza e le sofferenze che hanno vissuto e ancora vivono i cittadini di Aleppo e la minoranza cristiana a causa dell’assedio dei terroristi.
 
“Ho vissuto in altri paesi del Medioriente dove i cristiani erano discriminati. Il Governo di Assad non ha mai discriminato i cristiani che vivevano in armonia con le persone di altre confessioni” ha affermato Suor Guadalupe,  ieri sera, a Madrid, dove è intervenuta, nella Chiesa di San Juan de la Cruz, davanti ad almeno 300 persone. “La Siria prima della guerra era un paese prospero, dove non c’era insicurezza, disoccupazione. Assad non è un santo, ma il suo popolo lo appoggia. Perché noi dovremmo imporre la nostra democrazia ai siriani?”, ha dichiarato la missionaria. Ed ha aggiunto: “Già dai primi giorni dell’inizio delle manifestazioni, la gente mi parlava di persone che provenivano da altri paesi, lo si notava dall’accento, venuti in Siria per provocare disordini.” Suor Guadalupe ha spiegato che da subito si è manifestata la presenza dei gruppi terroristi fondamentalisti che non chiedevano affatto democrazia.
“In Siria non c’è una guerra civile, non c’è una rivoluzione, ma una guerra fomentata dall’estero”. La missionaria argentina ha stigmatizzato il comportamento dei mezzi di informazione: “I media hanno avviato in Siria una campagna mediatica affermando che i siriani erano desiderosi della democrazia, che volevano rovesciare il loro Presidente. Le manifestazioni a favore del governo le propagandavano come contro”, ha ribadito. La religiosa ha ricordato il dramma dell’assedio di Aleppo da parte dei terroristi che hanno bloccato l’accesso ai beni di prima necessità comportando terribili sofferenze per i cittadini di Aleppo. E non solo. Da subito si sono manifestate le persecuzioni contro i cristiani: “Hanno ucciso bambini, molte persone sono state crocifisse. Tutto questo prima che arrivasse l’Isis. Per questo dico che l’opposizione moderata non esiste.” Sulla questione dei profughi siriani, Suor Guadalupe, ha sottolineato come ci sia stata “una speculazione, senza badare alle cause del problema”. La missionaria ha sottolineato che “i cittadini di Aleppo, nonostante le sofferenze provocate dagli attacchi indiscriminati dai terroristi, hanno continuato a vivere, in maniera eroica, continuando a sorridere, trovando una grande forza nella Fede.” Suor Guadalupe ha concluso con un appello: “Dobbiamo batterci affinché non si cancelli la presenza dei cristiani in Medioriente, non solo con aiuti materiali, ma con la conoscenza, con la diffusione delle informazioni.”
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Venezuela: leader di opposizione ammette che le elezioni sono sempre state regolari (VIDEO)

Henry Ramos Allup, già presidente dell'Assemblea Nazionale controllata dall'opposizione, afferma che il i risultati delle elezioni in Venezuela non sono mai stati alterati

di Fabrizio Verde   Pezzo dopo Pezzo viene smontato il castello propagandistico fatto di menzogne contro...
Notizia del:

I legami Cina-America Latina dimostrano che le critiche degli Stati Uniti sono sbagliate

Gli Stati Uniti hanno puntato il dito contro altri paesi in tutto il mondo con la loro mentalità da Guerra Fredda. La Cina non deve preoccuparsi troppo dei commenti degli Stati Uniti che cercano di minare il miglioramento e lo sviluppo delle relazioni tra Cina e America Latina

di Tang Jun* - Global Times   Il 22 gennaio si è tenuta a Santiago, in Cile, la seconda riunione...
Notizia del:     Fonte: SANA

Siria: la Francia, sponsor del terrorismo, non farà parte del processo di pace

La Francia "non è abilitata" a svolgere un ruolo nel processo di pace in Siria, per il suo supporto al terrorismo ha le mani macchiate del sangue dei siriani, ha avvertito il Ministero degli Affari Esteri siriano in un comunicato.

Nella lettera, inviata in due copie alle Nazioni Unite (ONU) e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
Notizia del:     Fonte: Ruptly

VIDEO. Portavoce YPG: Le forze siriane sono venute per difendere Afrin, ma nessun accordo con Damasco

Il portavoce delle YPG curde di Afrin ha dichiarato ai giornalisti che un numero crescente di forze del governo siriano si è unito alla loro lotta contro la Turchia ad Afrin "per difendere il suolo della patria", ma ha negato il raggiungimento di un accordo con Damasco.

Il portavoce delle YPG ha dichiarato che "[le Forze popolari siriane] sono venute qui per difendere il suolo...
Notizia del:     Fonte: TASS - Interfax

Mosca: "La crisi del Ghouta orientale è colpa di chi sostiene i terroristi"

I terroristi non permettono ai civili di lasciare le aree sotto il loro controllo, impedendo l'operazione del corridoio umanitario, secondo il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.

"La responsabilità della situazione nel Ghouta Orientale(sobborgo di Damasco) è di coloro...
Notizia del:     Fonte: RT

"L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU è rovesciare il governo siriano"

Le delegazioni di Svezia e Kuwait hanno presentato all'ONU una bozza di risoluzione sull'introduzione di un cessate il fuoco per 30 giorni in Siria, per la Russia è solo una proposta per rovesciare il governo siriano.

L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU sembra essere il rovesciamento del governo siriano, ha...
Notizia del:     Fonte: Der Tagesspiegel

Intelligence tedesca: è ora di iniziare un dialogo con Assad sulla lotta al terrorismo

Il capo dei servizi segreti tedeschi, Bruno Kahl, ha sottolineato la necessità di avviare un dialogo con le autorità siriane e il presidente Bashar al-Assad in materia di lotta contro il terrorismo.

Come ha riportato il quotidiano tedesco 'Der Tagesspiegel, finora la proposta di Bruno Kahl capo del BND il...
Notizia del:

USA, ricerca rivela che sotto la presidenza Trump sono cresciuti i gruppi neonazisti

Nel 2017 c’erano 954 gruppi d'odio nel paese, un aumento del 4 percento rispetto all'anno precedente quando il numero è aumentato del 2,8 percento, ha dichiarato l'osservatorio dei diritti civili nel suo censimento annuale di tali gruppi

da teleSUR   Il numero di gruppi di odio degli Stati Uniti è aumentato per il terzo anno consecutivo,...
Notizia del:

Ghouta, le solite fake news di regime come su Aleppo (oggi finalmente libera dai terroristi)

di Mauro Gemma La Siria sovrana è nuovamente sotto attacco mediatico, in attesa di una nuova aggressione dei banditi con la bandiera a tre stelle, sostenuti dalle potenze imperialiste e dai...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:

Afrin, "l'esercito siriano entrerà nelle prossime ore"

"L'esercito arabo siriano entrerà ad Afrin nelle prossime ore". Lo riportano i media locali siriani oggi.  Un membro del Partito dell'Unione Democratica aveva annunciato...
Notizia del:

Generale Bertolini, ex comandante Coi: "Gli americani quando devono scegliere tra Assad e i terroristi non scelgono Assad, e questo lo fanno anche gli israeliani."

  Nell'intervista rilasciata a il Sussidiario il Generale Bartolini, ex comandante del Coi, con all'attivo missioni dal Libano ai Balcani all'Afghanistan, ha dichiarato come l'attacco...
Notizia del:

Gli Stati Uniti progettano di suddividere la Siria

Di Jeff Mackler - Counterpunch Durante un discorso tenuto il 17 gennaio all’Università di Stanford, il Segretario di Stato Rex Tillerson, ha annunciato che i militari statunitensi armeranno,...
Notizia del:

(VIDEO) Esercito siriano risponde alla nuova aggressione israeliana vicino Damasco

Jet israeliani hanno attaccato obiettivi vicino Damasco dallo spazio aereo libanese. L'esercito siriano ha affermato di aver distrutto la quasi totalità dei missili israeliani. L'agenzia...
Notizia del:

Damasco: "Le accuse di armi chimiche fanno parte di una campagna mediatica per impedire la liberazione di Idlib dai terroristi"

AlManar (versione francese) Una fonte del governo di Damasco ha denunciato l'esistenza di una campagna politica e mediatica occidentale per esercitare pressioni sull'esercito siriano...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Dopo anni migliaia di civili tornano nelle loro case nella provincia di Damasco

Un gran numero di civili sfollati hanno iniziato a tornare nelle loro case vicino alla capitale siriana, Damasco. Vengono da diverse parti della capitale e dei suoi dintorni. Alle famiglie sono state infine restituite le loro case dopo diversi anni di allontanamento causato dai terroristi.

Da Hispantv   Migliaia di civili sfollati si sono radunati fuori dalla città di Al-Bueda, nella...
Notizia del:

Intervento illegale turco in Siria: la dura condanna dell'Egitto

L’Egitto ha condannato fortemente l’intervento militare turco in Siria, nella regione di Arbin,  nel nord del Paese nella zona controllata attualmente dai curdo-siriani, dove sabato...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa