/ Una testimonianza da Aleppo, Suor María Guadalupe de Rodrigo: «Co...

Una testimonianza da Aleppo, Suor María Guadalupe de Rodrigo: «Con Assad i cristiani non sono stati perseguitati. L’Occidente non può imporre la sua “democrazia” ai siriani»

Una testimonianza da Aleppo, Suor María Guadalupe de Rodrigo: «Con Assad i cristiani non sono stati perseguitati. L’Occidente non può imporre la sua “democrazia” ai siriani»
 

Suor Guadalupe Maria De Rodrigo, argentina, 42 anni, Missionaria cristiana, nel 2011 è arrivata ad Aleppo poco prima della guerra alla Siria, ed è rimasta per portare aiuto alla popolazione assediata dai terroristi. Per la religiosa in Siria c’è un governo laico che non ha mai perseguitato i cristiani. E soprattutto: “In Siria non c’è stata nessuna rivoluzione, ma un attacco pianificato dall’estero.”

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Da Madrid Francesco Guadagni e Veronica Yanes
 
Suor Maria Guadalupe de Rodrigo, è una missionaria argentina. Dopo vari in anni di permanenza in diversi Paesi del Medioriente, decide, nel 2011, di passare un periodo di riposo ad Aleppo. Suor Guadalupe è sta testimone diretta dai primi giorni della guerra alla Siria. La religiosa, di ritorno dalla Siria, in varie città della Spagna, adesso racconta la sua esperienza e le sofferenze che hanno vissuto e ancora vivono i cittadini di Aleppo e la minoranza cristiana a causa dell’assedio dei terroristi.
 
“Ho vissuto in altri paesi del Medioriente dove i cristiani erano discriminati. Il Governo di Assad non ha mai discriminato i cristiani che vivevano in armonia con le persone di altre confessioni” ha affermato Suor Guadalupe,  ieri sera, a Madrid, dove è intervenuta, nella Chiesa di San Juan de la Cruz, davanti ad almeno 300 persone. “La Siria prima della guerra era un paese prospero, dove non c’era insicurezza, disoccupazione. Assad non è un santo, ma il suo popolo lo appoggia. Perché noi dovremmo imporre la nostra democrazia ai siriani?”, ha dichiarato la missionaria. Ed ha aggiunto: “Già dai primi giorni dell’inizio delle manifestazioni, la gente mi parlava di persone che provenivano da altri paesi, lo si notava dall’accento, venuti in Siria per provocare disordini.” Suor Guadalupe ha spiegato che da subito si è manifestata la presenza dei gruppi terroristi fondamentalisti che non chiedevano affatto democrazia. “In Siria non c’è una guerra civile, non c’è una rivoluzione, ma una guerra fomentata dall’estero”. La missionaria argentina ha stigmatizzato il comportamento dei mezzi di informazione: “I media hanno avviato in Siria una campagna mediatica affermando che i siriani erano desiderosi della democrazia, che volevano rovesciare il loro Presidente. Le manifestazioni a favore del governo le propagandavano come contro”, ha ribadito. La religiosa ha ricordato il dramma dell’assedio di Aleppo da parte dei terroristi che hanno bloccato l’accesso ai beni di prima necessità comportando terribili sofferenze per i cittadini di Aleppo. E non solo. Da subito si sono manifestate le persecuzioni contro i cristiani: “Hanno ucciso bambini, molte persone sono state crocifisse. Tutto questo prima che arrivasse l’Isis. Per questo dico che l’opposizione moderata non esiste.” Sulla questione dei profughi siriani, Suor Guadalupe, ha sottolineato come ci sia stata “una speculazione, senza badare alle cause del problema”. La missionaria ha sottolineato che “i cittadini di Aleppo, nonostante le sofferenze provocate dagli attacchi indiscriminati dai terroristi, hanno continuato a vivere, in maniera eroica, continuando a sorridere, trovando una grande forza nella Fede.” Suor Guadalupe ha concluso con un appello: “Dobbiamo batterci affinché non si cancelli la presenza dei cristiani in Medioriente, non solo con aiuti materiali, ma con la conoscenza, con la diffusione delle informazioni.”
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: The Guardian

I paesi dell'Europa dell’Est inviano armi per miliardi di dollari ai terroristi in Siria e Yemen

Negli ultimi quattro anni, i paesi dell'Europa orientale hanno venduto armi per miliardi di dollari inviate ai terroristi in Siria e Yemen con la complicità di Arabia Saudita, Giordania, Emirati Arabi Uniti e Turchia.

Questa notizia è emersa da un rapporto del BIRN, Rete informativa di Ricerca per i Balcani, pubblicato,...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Gli Stati Uniti costruiscono una base aerea a Kobane

Gli Stati Uniti costruiscono una nuova base militare in un ex fabbrica di cemento ad est della città siriana di Kobanê, nella provincia settentrionale di Aleppo.

"Qualche mese fa, gli Stati Uniti d'America hanno iniziato a costruire varie strutture, tra cui un aeroporto...
Notizia del:     Fonte: http://news.sky.com/

Smentito il terrorismo sulla Brexit: l'economia britannica cresce dello 0,6% dopo il referendum

L'economia britannica cresce nel secondo trimestre del 2016 dello 0,6%. Smentite tutte le fosche previsioni di una rovinosa caduta dell'economia in caso di vittoria della Brexit

  Le previsioni erano decisamente fosche: in caso di vittoria della Brexit, pontificavano a reti unificate,...
Notizia del:

"Fiat brava gente": così gli Agnelli hanno rapinato l'Italia lungo un intero secolo

Hanno deciso di abbandonarla definitivamente anche come sede legale e fiscale, dopo che, scrive correttamente Giorgio Cremaschi oggi, non resta più nulla da spolpare e poi è sempre meglio...
Notizia del:     Fonte: Ansa

Lotta al terrorismo: Trump apre ad alleanza con la Russia

Il candidato alla presidenza per il Partito Repubblicano chiede durante un comizio: «Non sarebbe bello se andassimo con la Russia?»

In materia di lotta al terrorismo parole di estremo buon senso arrivano dal tanto vituperato Donald Trump. Il...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Yemen, mercenari sauditi commettono un massacro a Taiz

In un attacco dei mercenari dell’Arabia Saudita, nella provincia di Taiz, nel sud-ovest dello Yemen, sono stati uccisi 20 civili yemeniti.

"I mercenari dell'Arabia Saudita hanno attaccato una moschea nel villaggio di Al-Sarari ed hanno ucciso...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Gli USA hanno cambiato la loro posizione e non cercano di cacciare Assad

Il rappresentante russo alle Nazioni Unite, Alexei Borodavkin, ha dichiarato, ieri, che gli Stati Uniti non cercare di cacciare il presidente siriano Bashar al-Assad.

"Senza dubbio la Russia sa che gli Stati Uniti non cercano le dimissioni immediate Asad in Siria", ha...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Maduro: 'Il terrorismo che affligge il mondo, frutto della cultura della violenza del capitalismo'

Il presidente venezuelano ha dichiarato che gli atti terroristici in Europa provengono dalla “cultura della violenza, della morte e della discriminazione” promossa dal capitalismo.

Parlando in un programma televisivo, Nicolas Maduro ha ricordato che gli attacchi e gli eventi di violenza che...
Notizia del:     Fonte: Sana.Sy

Assad ai politici greci: Il popolo siriano è determinato a continuare a difendere la sua patria e la sua sovranità

Il presidente Bashar al-Assad ha incontrato, oggi, una delegazione di politici greci, tra i quali il vice presidente della Democrazia Cristiana, Nikos Nikolopoulos e Theodore Katsanevas, un membro del PA.SO.K

Durante l’incontro si è discusso della situazione in Siria, il pericolo del terrorismo nella regione...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Le frasi memorabili del Comandante Chávez

TeleSur ricorda l'eredità lasciata da Chávez in favore dell'indipendenza, la sovranità e lotta antimperialista dei popoli latinoamericani

  Il Comandante Chávez, di cui tra due giorni cade l’anniversario della nascita, vinse le elezioni...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:     Fonte: Sana.Sy

Assad ai politici greci: Il popolo siriano è determinato a continuare a difendere la sua patria e la sua sovranità

Il presidente Bashar al-Assad ha incontrato, oggi, una delegazione di politici greci, tra i quali il vice presidente della Democrazia Cristiana, Nikos Nikolopoulos e Theodore Katsanevas, un membro del PA.SO.K

Durante l’incontro si è discusso della situazione in Siria, il pericolo del terrorismo nella regione...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

Aleppo, “ribelli moderati” sotto assedio, l’Esercito siriano avanza e l’aviazione russa li bombarda senza sosta

I ribelli jihadisti di Fatah Halab sono completamente sotto assedio nel settore orientale di Aleppo città, in quanto l’Esercito siriano ha conquistato quello che una volta era il parco dei...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

Aleppo, i ribelli sull'orlo del collasso, a Quneitra nuovo attacco di Israele all’Esercito siriano.

Mentre continua l’avanzata dell’Esercito siriano all’interno della città di Aleppo con i gruppi ribelli allo sfascio, a sud, precisamente a Quneitra, l’aviazione israeliana ha attaccato le postazioni delle truppe siriane

Il comandante della 16a Divisione del Free Syrian army, sostenuto dall’Occidnete ed i suoi assistenti si...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Libano, Ambasciatore britannico: Nessuno può criticare Hezbollah per combattere in Siria

L'ambasciatore britannico in Libano ha dichiarato che non si può fare nessuna colpa al movimento di resistenza libanese Hezbollah per la lotta contro i terroristi nella vicina Siria.

"Data la minaccia dell’ISIS per il Libano, non si può biasimare Hezbollah se è presente...
Notizia del:     Fonte: Wall Street Journal

WSJ: I bombardieri russi hanno distrutto una base militare segreta di Stati Uniti e Regno Unito in Siria

Gli aerei da guerra russi hanno bombardato una base militare segreta degli Stati Uniti e dell Regno Unito, che si trova in Siria. Lo ha rivelato il quotidiano statunitense Wall Street Journal.

L'attacco dell'Aeronautica Militare della Russia contro la base legata CIA, in Siria era parte di una campagna...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Esercito iracheno si prepara per una grande offensiva contro l'ISIS nell’ultima roccaforte a est di Al-Anbar

L'esercito iracheno sta preparando una grande offensiva per recuperare l'ultimo bastione dell’ISIS nella parte orientale della provincia occidentale di al-Anbar.

"Rinforzi militari, compresi i membri delle forze armate e della polizia federale e carri armati hanno raggiunto...
Notizia del:     Fonte: Prensa Latina

Assad: Cuba è e sarà la punta di diamante del movimento rivoluzionario e Fidel Castro è il suo simbolo

Il Presidente siriano Bashar al Assad, in un’intervista rilasciata, oggi, a Prensa Latina, ha dichiarato che Cuba è e sarà la punta di diamante del movimento rivoluzionario in America Latina, e il suo leader storico, Fidel Castro, è un simbolo della lotta per l'indipendenza.

Testo dell’intervista in lingua originale su Prensa Latina   PRENSA LATINA: Signor Presidente, la...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa