/ 300 giorni di guerra contro lo Yemen: La distruzione di un paese ...

300 giorni di guerra contro lo Yemen: La distruzione di un paese in cifre

300 giorni di guerra contro lo Yemen: La distruzione di un paese in cifre
 

Il bilancio dei 300 giorni di guerra contro lo Yemen condotta dalla coalizione capeggiata dall'Arabia Saudita è spaventoso, in primis, in termini umanitari: 8000 morti, di cui 1996 bambini e 1519 donne e 16.000 feriti. E non solo...

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Più di 8.000 yemeniti sono stati uccisi, tra cui 1996 bambini e 1519 donne e quasi 16.000 sono stati feriti, secondo il coordinatore dell'alleanza contro i crimini commessi dai sauditi, Ali al-Assemi, dettagliata in una conferenza stampa a Sana'a.
 
Inoltre, ci sono 1,2 milioni di sfollati e 325,137 mila case danneggiate.
 
Secondo l'infografica distribuita, sono anche state totalmente o parzialmente distrutte 615 moschee, 238 strutture sanitarie, 569 tra scuole e istituti, e 16 postazioni dei media.
 
In termini di infrastrutture, gli attacchi della coalizione saudita hanno colpito:
19 aeroporti, 10 porti, ponti 512, 125 centrali elettriche, 167stazioni di comunicazione, 164 reti idrauliche.
 
Per quanto riguarda il settore della produzione, il bilancio della distruzione è il seguente: 970 edifici pubblici, 546 depositi di approvvigionamento, 353 tra centri commerciali e mercati, 409 camion di prodotti alimentari, 175 navi cisterna, 238 stazioni di servizio, 59 siti archeologici, 119 siti turistici, 190 industrie, 42 centri sportivi, 7 depositi di grano, 125 centri di ricovero.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Al Manar
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Sana. Sy

Nasrallah: La battaglia di Aleppo è cruciale per il destino della Siria

Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha dichiarato che la partecipazione della Resistenza nella lotta contro il terrorismo in Siria è a difesa del Libano e del suo popolo e che non si può scollegare il futuro e il destino del Libano da ciò che è accadendo in Siria.

Il leader libanese ha fatto queste osservazioni in un discorso televisivo per celebrare il quarantesimo giorno...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Gli USA espandono la missione delle loro forze speciali nello Yemen

Gli Stati Uniti prevedono di espandere la propria presenza militare in Yemen, mantenendo parte delle sue forze per le operazioni speciali che sono attualmente dispiegate nel territorio yemenita, devastate dalla guerra.

Il team di circa una dozzina di uomini fa parte del gruppo di soldati che il Pentagono ha distribuito nel mese...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Arabia Saudita affida ad Israele il controllo della sicurezza dei suoi confini con lo Yemen

Secondo un documento trapelato, l'Arabia Saudita ha già consegnato il controllo la sicurezza dei suoi confini meridionali con lo Yemen al regime israeliano.

Un documento pubblicato dal sito web di notizie iraniano in lingua araba, Al-Alam, mostra che il vice principe...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nuovo voltafaccia ai civili yemeniti! Gli USA venderanno maggiori quantitativi di bombe a grappolo all'Arabia Saudita

La Camera dei Rappresentanti USA ha approvato la vendita di maggiori quantitativi di bombe a grappolo all'Arabia Saudita, nonostante la condanna internazionale perché Riad utilizza tali munizioni, vietate, sui civili nello Yemen.

I legislatori degli Stati Uniti hanno votato, ieri, contro una proposta di modifica del Dipartimento della Difesa...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Israele spiega perché la sconfitta dell'ISIS non è utile ai suoi interessi

Il capo della direzione militare dei servizi segreti israeliani, il generale Herzi Halevy, ha dichiarato i motivi per i quali la sconfitta dell'ISIS non porterà benefici ad Israele.

"La sconfitta dell'ISIS in Siria e in Iraq non servirebbe gli interessi di Israele, in quanto ciò...
Notizia del:     Fonte: alwaght

L'ONU esclude l'Arabia Saudita dalla "lista nera". La rabbia di un bambino yemenita che in una lettera umilia Ban Ki-moon

Un bambino yemenita ha scritto una lettera al Segretario Generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), Ban Ki-moon, in cui ha mostrato la sua rabbia per la decisione del organismo internazionale di escludere l'Arabia Saudita dalla lista nera per l' uccisione di bambini nella sua aggressione al paese arabo

Caro Signor Ban Ki-moon,   I miei amici ed io abbiamo deciso di accumulare fondi per le Nazioni Unite,...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Arabia Saudita, il più grande acquirente di armi nel mondo

L'Arabia Saudita è il paese con il più alto tasso di importazione di armi in tutto il mondo, lo rivela l'ultimo rapporto annuale l'Istituto di consulenza statunitense IHS.

Nella sua relazione sul commercio mondiale di Difesa, l'IHS indica che con l'acquisto nel 2015 di armi...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Senatori degli Stati Uniti cercano di porre fine alla vendita di armi all'Arabia Saudita

Due senatori degli Stati Uniti cercano di interrompere la vendita delle armi all'Arabia Saudita a per prendere provvedimenti per "ammorbidire" i danni inflitti ai civili yemeniti.

In un articolo raccolto dal portale web "Antiwar", il senatore repubblicano Rand Paul e il democratico...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Arabia Saudita invia 40 predicatori wahabiti per istigare alla violenza in Siria durante il Ramadan

L'Arabia Saudita ha inviato almeno 40 predicatori wahabiti in Siria per incitare alla violenza durante il mese sacro del Ramadan, che inizierà il prossimo 6 giugno.

"Circa 40 predicatori wahabiti (...) dala nord ovest dell'Arabia Saudita sono arrivati nella zona di...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Le dimissioni di Alloush Mohammed evidenziano la crisi dell'opposizione siriana

Allush Mohammed, capo negoziatore del gruppo Riad, che si fa chiamare Alta Comitato dei negoziati, si è dimesso dal suo incarico, ufficialmente per la "mancanza di progressi" nei colloqui di pace per la Siria. Molti analisti ritengono, tuttavia, che le dimissioni di Allush sono soltanto un riconoscimento del fallimento e della debolezza nell'attuazione dei desideri dei regimi che servivano.

Un altro dei capi della delegazione negoziale, Asaad al Zubi, ha anche lui annunciato le sue dimissioni al Al Hadath...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:     Fonte: Sana. Sy

Nasrallah: La battaglia di Aleppo è cruciale per il destino della Siria

Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha dichiarato che la partecipazione della Resistenza nella lotta contro il terrorismo in Siria è a difesa del Libano e del suo popolo e che non si può scollegare il futuro e il destino del Libano da ciò che è accadendo in Siria.

Il leader libanese ha fatto queste osservazioni in un discorso televisivo per celebrare il quarantesimo giorno...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria chiede 5 miliardi di dollari di risarcimento a Erdogan per furti e danni a beni e proprietà ad Aleppo

Il ministero della Giustizia siriano ha presentato una denuncia contro il Presidente turco per furti e danni alle infrastrutture nel paese arabo.

L'agenzia di stampa ufficiale siriana Sana ha riferito che il Dipartimento degli affari siriani di Stato...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Israele spiega perché la potenza militare di Hezbollah è superiore a quella di molti paesi

Il regime israeliano ha spiegato i motivi per i quali ritiene la potenza militare del Movimento della Resistenza Islamica in Libano, Hezbollah, maggiore rispetto a molti paesi avanzati.

Dieci anni dopo l'ultima offensiva israeliana contro il Libano e Hezbollah nel 2006 combattenti impegnati...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Una società francese ha pagato le tasse all'ISIS per proteggere i suoi affari in Siria

Alcuni documenti svelati dal quotidiano francese "Le Monde" hanno portato alla luce che una società di materiali da costruzione francese ha pagato le tasse all'ISIS per "proteggere" i suoi affari in Siria.

I documenti pubblicati dal quotidiano francese Le Monde, ieri, hanno svelato che gli amministratori di questa società,...
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar

L'Esercito siriano riprende l'offensiva ad ovest di Raqqa

Il 555° Reggimento della 4a Divisione meccanizzata dell'esercito arabo siriano, sostenuto dai falchi del deserto, Marines siriani, e Forze di difesa nazionale (NDF), hanno continuato la loro offensiva...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

Il punto della situazione sulla guerra in Siria: Mappa e report completo

I mesi di maggio e giugno hanno dimostrato di essere fra o più sanguinosi in questi cinque anni di guerra in Siria. Oltre a una maggiore spargimento di sangue sul campo di battaglia, maggio e giugno hanno visto un aumento degli attacchi terroristici. In particolare, gli attentati suicidi nelle roccaforti del governo siriano a Tartous e Jableh hanno portato la guerra in una zona della Siria che era stata toccata relativamente poco dalla violenza.

Di Renato Velez - Al Masdar A seguire i progressi e le perdite dei vari attori della guerra in Siria.   Al...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

In una guerra futura, Hezbollah potrebbe colpire Israele con 1200 razzi al giorno

Di fronte alla possibilità di una nuova guerra con Hezbollah, Israele si troverebbe ad affrontare la più grande raffica quotidiana di missili che abbia mai affrontato.

Yitzhak Gershon, generale in pensione delle forze di guerra israeliane (IDF), ha allertato sul numero giornaliero...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa