/ Assad: Le forze armate siriane sono pronte ad affrontare un possi...

Assad: Le forze armate siriane sono pronte ad affrontare un possibile intervento turco-saudita

Assad: Le forze armate siriane sono pronte ad affrontare un possibile intervento turco-saudita
 

Il presidente siriano Bashar al-Assad, ha dichiarato, oggi, in un'intervista all'AFP, che le forze siriane sono pronte a far fronte ad un possibile intervento militare da parte della Turchia e dell'Arabia Saudita in Siria.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
"È una possibilità che non può essere esclusa per il semplice motivo che Erdogan è una persona intollerante, radicale che vive nel sogno ottomano (...) è lo stesso vale per l'Arabia Saudita. Tuttavia, tale azione che non sarebbe stato facile,  noi, molto probabilmente, siamo pronti ad affrontarla", ha sottolineato Asad, in un'intervista esclusiva rilasciata ad AFP.
Los corso 4 febbraio il portavoce militare di Riyadh, generale di brigata Ahmad al-Asiri, ha annunciato che il suo paese è pronto a partecipare a qualsiasi operazione di terra guidata dagli Stati Uniti sul suolo siriano.
D'altra parte, l'Iran, la Russia e il governo siriano hanno messo in guardia per le conseguenze di una incursione di terra verso la Siria, senza il consenso di Damasco. Il ministro degli esteri siriano, Walid al-Moallem, ha avvertito che la Siria sarà contro ogni incursione di terra su loro suolo e invierà gli aggressori alle loro casa nelle bare.

In un altro punto dell'intervista, il presidente siriano ha respinto le accuse delle Nazioni Unite (ONU) contro il suo governo per presunti crimini di guerra commessi nelle sue operazioni antiterrorismo.
L'ONU ha accusato la Siria di atrocità come "sterminio" di prigionieri, ma Al-Asad ha replicato che tali denunce "obbediscono ad un'agenda politica (...) non ci sono prove."
Il presidente siriano ha precisato anche che l'obiettivo principale delle forze siriane è quello di recuperare tutti i territori occupati da parte di gruppi terroristici, ma riconosce che questo potrebbe richiedere molto tempo a causa del loro sostegno ai paesi come la Turchia e la Giordania alle bande estremiste.
Sulla situazione attuale della lotta contro il terrorismo, ha evidenziato che lo scopo principale della battaglia di Aleppo è quello di tagliare le linee di rifornimento di armi e supporto logistico da Turchia ai gruppi terroristici.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Hispantv
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Opposizione turca: Ankara invia armi all'ISIS in Siria attraverso le ambulanze

Il governo turco invia armi all'ISIS attraverso le ambulanze dall'inizio della crisi in Siria, ha dichiarato un esponente dell'opposizione turca.

Il portavoce del Partito Popolare Democratico (HDP), Ayhan Bilgen ha dichiarato, ieri, televisione siriana che...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

E ci risiamo con le minacce... USA: "L'Iran deve scegliere tra il mercato mondiale e il sostegno a Hezbollah

Gli Stati Uniti insistono che l'Iran deve smettere di sostenere Hezbollah se vuole svolgere un ruolo attivo e positivo nel mercato mondiale. Gli stessi avvertimenti che gli USA fecero alla Siria prima dell'inizio della crisi nel 2011.

"Chiediamo all'Iran di smettere di farlo perché non è nel loro interesse", ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

NYT: Armi della CIA per i ribelli siriani vendute al mercato nero

Le armi spedite in Giordania per i ribelli siriani da parte della CIA e dell'Arabia Saudita sono state rubate da agenti dei servizi segreti giordani e vendute al mercato nero. Lo ha rivelato il New York Times.

Alcune delle armi rubate sono state utilizzate in una sparatoria nel novembre scorso, dove morirono due nordamericani...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Le banche di Turchia e Qatar facilitano le transazioni finanziarie dell'ISIS

Il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) ha accumulato riserve monetarie nelle banche di Turchia e Qatar, rivela un articolo del quotidiano britannico "Express".

"Per anni, le banche in Qatar hanno aiutato le organizzazioni terroristiche (...)", ha riportato, ieri,...
Notizia del:     Fonte: nrg.co

Il capo dei servizi segreti di Israele ha ribadito che Tel Aviv non vuole la sconfitta dell'ISIS in Siria

Herzl Halevi si è mostrato preoccupato per le perdite subite dal gruppo terroristico negli ultimi tre mesi ed ha sottolineato che la sua sconfitta potrebbe mettere Israele in una "posizione difficile".

Il capo dell'intelligence militare israeliana, Herzl Halevi, ha ribadito che il suo Paese non vuole che lo...
Notizia del:     Fonte: Sana. Sy

Nasrallah: La battaglia di Aleppo è cruciale per il destino della Siria

Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha dichiarato che la partecipazione della Resistenza nella lotta contro il terrorismo in Siria è a difesa del Libano e del suo popolo e che non si può scollegare il futuro e il destino del Libano da ciò che è accadendo in Siria.

Il leader libanese ha fatto queste osservazioni in un discorso televisivo per celebrare il quarantesimo giorno...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria chiede 5 miliardi di dollari di risarcimento a Erdogan per furti e danni a beni e proprietà ad Aleppo

Il ministero della Giustizia siriano ha presentato una denuncia contro il Presidente turco per furti e danni alle infrastrutture nel paese arabo.

L'agenzia di stampa ufficiale siriana Sana ha riferito che il Dipartimento degli affari siriani di Stato...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Come Israele beneficia degli attacchi in Giordania

Un'autobomba ha colpito martedì scorso l'esercito giordano in una regione di confine con la Siria, uccidendo sei soldati e ferendone altri 6. Anche se l'attacco non è stato rivendicato, i media hanno accusato l'ISIS di essere l'autore. Ecco però quali saranno i benefici per Israele.

In risposta all'attacco, la Giordania ha dichiarato le "zone militari chiuse" lungo i confini con...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Erdogan invita l'Occidente ad accettare i terroristi Al-Nusra come suo 'alleato'

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha proposto all'Occidente di escludere dalla lista delle organizzazioni terroristiche, Al-Nusra e accettare questo gruppo come un alleato.

"Perché non accettare il Fronte al-Nusra (ramo siriano di Al-Qaeda) come alleato? Stanno anche combattendo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Portavoce Casa Bianca: "Attaccare le forze siriane trascinerebbe gli Stati Uniti in una grande guerra"

Il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ha riconosciuto, ieri, che un eventuale attacco contro le forze siriane creerebbe il caos in Asia occidentale.

"Un attacco contro le forze di Bashar al-Assad porterebbe ad una grande guerra nella regione", ha dichiarato...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Opposizione turca: Ankara invia armi all'ISIS in Siria attraverso le ambulanze

Il governo turco invia armi all'ISIS attraverso le ambulanze dall'inizio della crisi in Siria, ha dichiarato un esponente dell'opposizione turca.

Il portavoce del Partito Popolare Democratico (HDP), Ayhan Bilgen ha dichiarato, ieri, televisione siriana che...
Notizia del:     Fonte: Sana. Sy

Nasrallah: La battaglia di Aleppo è cruciale per il destino della Siria

Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha dichiarato che la partecipazione della Resistenza nella lotta contro il terrorismo in Siria è a difesa del Libano e del suo popolo e che non si può scollegare il futuro e il destino del Libano da ciò che è accadendo in Siria.

Il leader libanese ha fatto queste osservazioni in un discorso televisivo per celebrare il quarantesimo giorno...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria chiede 5 miliardi di dollari di risarcimento a Erdogan per furti e danni a beni e proprietà ad Aleppo

Il ministero della Giustizia siriano ha presentato una denuncia contro il Presidente turco per furti e danni alle infrastrutture nel paese arabo.

L'agenzia di stampa ufficiale siriana Sana ha riferito che il Dipartimento degli affari siriani di Stato...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Israele spiega perché la potenza militare di Hezbollah è superiore a quella di molti paesi

Il regime israeliano ha spiegato i motivi per i quali ritiene la potenza militare del Movimento della Resistenza Islamica in Libano, Hezbollah, maggiore rispetto a molti paesi avanzati.

Dieci anni dopo l'ultima offensiva israeliana contro il Libano e Hezbollah nel 2006 combattenti impegnati...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Una società francese ha pagato le tasse all'ISIS per proteggere i suoi affari in Siria

Alcuni documenti svelati dal quotidiano francese "Le Monde" hanno portato alla luce che una società di materiali da costruzione francese ha pagato le tasse all'ISIS per "proteggere" i suoi affari in Siria.

I documenti pubblicati dal quotidiano francese Le Monde, ieri, hanno svelato che gli amministratori di questa società,...
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar

L'Esercito siriano riprende l'offensiva ad ovest di Raqqa

Il 555° Reggimento della 4a Divisione meccanizzata dell'esercito arabo siriano, sostenuto dai falchi del deserto, Marines siriani, e Forze di difesa nazionale (NDF), hanno continuato la loro offensiva...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

Il punto della situazione sulla guerra in Siria: Mappa e report completo

I mesi di maggio e giugno hanno dimostrato di essere fra o più sanguinosi in questi cinque anni di guerra in Siria. Oltre a una maggiore spargimento di sangue sul campo di battaglia, maggio e giugno hanno visto un aumento degli attacchi terroristici. In particolare, gli attentati suicidi nelle roccaforti del governo siriano a Tartous e Jableh hanno portato la guerra in una zona della Siria che era stata toccata relativamente poco dalla violenza.

Di Renato Velez - Al Masdar A seguire i progressi e le perdite dei vari attori della guerra in Siria.   Al...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa