/ Assad a "El País": «Con 80 Paesi che appoggiano il terrorismo, l'...

Assad a "El País": «Con 80 Paesi che appoggiano il terrorismo, l'aiuto di Russia e Iran è decisivo»

Assad a El País: «Con 80 Paesi che appoggiano il terrorismo, l'aiuto di Russia e Iran è decisivo»
 

A quasi 5 anni dagli inizi della crisi nel paese arabo, il Presidente siriano Bashar Al Asad ha rilasciato un'intervista al quotidiano spagnolo "El Pais". Tra i temi affrontati, il futuro della Siria, i negoziati di pace, il rapporto con l'America Latina, i progressi dell'esercito siriano nel paese e gli interventi di Russia e Iran.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Ecco il testo integrale dell'intervista apparsa oggi su "El País"
 
 
Domanda. Questa settimana è stato consentito l'accesso umanitario alle sette aree assediate. Ci sono stime che in queste zone vivono 486.000 persone, molti assediati da più di tre anni fa. Perché è stato ritardato l'invio di questo aiuti?
 
Risposta. In realtà questo non è accaduto di recente. Avviene dall'inizio della crisi. Non abbiamo imposto alcun embargo su qualsiasi area in Siria. C'è una differenza tra un assedio e un esercito che circonda una zona specifica, perché ci sono terroristi, e questo è qualcosa di naturale in questo caso, la sicurezza o la situazione militare. Ma il problema in queste aree è che i gruppi armati stessi hanno sequestrato cibo e altri beni di prima necessità agli abitanti per poi rivenderli a prezzi molto alti. Mentre il governo, non ha mai impedito l'arrivo degli aiuti a qualsiasi area, compresi quelli che sono sotto il controllo dello Stato Islamico [come la città di Raqa nel nord del paese, prima sotto il controllo del Fronte al-Nusra [filiale locale di al Qaeda, per quasi tre anni. Sono stati inviati in queste aree tutte le pensioni, gli stipendi dei dipendenti ed i vaccini per i bambini.
 
D. Quindi continua l'invio di cibo e salari a Raqa ed in altri bastioni dell'ISIS?
 
R. Si. Se mandiamo i salari a Raqa perché crediamo che ogni persona siriano ricade sotto la nostra responsabilità del governo, quindi perché farlo come in altre aree? Questo sarebbe contraddittorio. Ecco perché ho detto che la consegna degli aiuti umanitari non è una questione recente. Noi, fin dall'inizio, non abbiamo mai smesso di consentire l'invio di aiuti.
 
D. E ancora avviene?
 
R. Certo.
 
P. Russia e gli Stati Uniti hanno annunciato la scorsa settimana una tregua. Il governo siriano è disposto a rispettare il cessate il fuoco e la sospensione delle operazioni militari in Siria?
 
R. Certo. Inoltre abbiamo annunciato che siamo pronti a questo, ma la questione non dipende solo su un annuncio. Dipende da che cosa si ha intenzione di fare sul campo. Ora, penso che il concetto di cessate il fuoco non è corretto, perché il cessate il fuoco si svolge tra due eserciti e due paesi che si combattono. Sarebbe meglio usare il concetto di operazioni di posa. Essa dipende in primo luogo dal fermare il fuoco, ma anche altri fattori complementari che sono più importanti, come ad esempio, impedire ai terroristi di usare la sospensione delle operazioni per migliorare le loro posizioni. Vietare dipende anche da altri paesi, in particolare la Turchia, che potrebbe inviare più uomini e le armi o qualsiasi tipo di supporto logistico ai terroristi. Inoltre, una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite riguardo a questo punto  non è stata rispettata. Se non garantiamo tutti questi requisiti per la sospensione delle operazioni, tutto questo avrà un effetto negativo e causare più caos in Siria, e può anche portare alla divisione di fatto del paese. Pertanto, applicando la cessazione delle operazioni, potrebbe essere positivo se saranno rispettati i requisiti necessari.
 
D. Quindi ci sarà la lotta, nonostante il cessate il fuoco, almeno nei confronti di alcuni gruppi armati?
 
R. Sì, di sicuro, ad esempio contro ISIS, Al Nusra e altre organizzazioni o gruppi terroristici affiliati ad Al-Qaeda. Ora, la Siria e la Russia annunceranno quattro nomi: Ahrar Al-Sham e Jeish Islam [Esercito dell'Islam] oltre al Fronte al-Nusra e ISIS.

 
P. Le sue truppe intorno ad Aleppo, un bastione dell'opposizione. Quando riprenderete il pieno controllo di questa città?
 
R. In realtà siamo nel centro della città e gran parte della città è sotto il controllo del governo. La maggior parte degli abitanti dei sobborghi sono stati spostati dalla zona sotto il controllo di aree sotto il controllo del governo. La domanda non è più riprendere il controllo della città. In realtà, la questione sta nel bloccare le strade tra la Turchia ed i gruppi terroristici. Questo è lo scopo delle battaglie di Aleppo ora, e recentemente siamo riusciti a chiudere le strade principali. C'è una chiusura completa tra Aleppo e la Turchia, ma rende il rapporto tra la Turchia ed i terroristi molto più difficile. È per questo motivo che la Turchia sta bombardando i curdi di recente.
 
D. Cosa avverrà dopo Aleppo? L''esercito siriano è pronto per raggiungere Raqa, capitale autoproclamata dell'ISIS?
 
R. In linea di principio, si andrà a tutti i siti, ma in questo momento stiamo combattendo in più di dieci fronti in Siria. Ci stiamo muovendo verso Raqa, ma siamo ancora lontani da essa. In linea di principio, sì, stiamo andando fino a Raqa e in altre aree, anche se il tempo dipende dai risultati dei diversi scontri attualmente in corso nel paese e, pertanto, non si può definire con esattezza il tempo.
 
P. La Russia ha avviato un'intensa campagna di attacchi aerei contro le principali postazioni dell'opposizione. Questo è stato un punto di svolta nel conflitto. Chi ha l'iniziativa ora? Pensa che avrebbe potuto compiere questo senza pensare ad un aiuto esterno?
 
R. Senza dubbio, il sostegno russo e iraniano è stato essenziale per il nostro esercito per ottenere questa svolta. Ma dire che non saremmo stati in grado di raggiungere questi risultati è una domanda ipotetica. Voglio dire nessuno può avere una certa risposta. Ma sicuramente abbiamo bisogno di questo aiuto, per un semplice motivo: perché più di 80 paesi supportano in maniera diversa i terroristi. Alcuni direttamente con il denaro, il supporto logistico, armi o combattenti. E in altri paesi è stato offerto sostegno politico in varie sedi internazionali. La Siria è un paese piccolo. Potremmo combattere, ma in ultima analisi, vi è un sostegno incondizionato a quei terroristi ed è ovvio che in questa situazione c'è la necessità di un sostegno internazionale. Ma ancora una volta dico che questa domanda è ipotetica e non si può dare risposta.
 
D. Per quanto riguarda i raid aerei russi, non è preoccupato per le vittime civili? Lunedì è stato bombardato un ospedale che ha ucciso 50 persone. Gli USA accusano la Russia dell'attentato.
 
R. I funzionari Usa hanno detto di non sapere chi ha commesso l'attacco, questo è quello che hanno dichiarato in seguito. Queste dichiarazioni contraddittorie sono comuni negli Stati Uniti, ma nessuno ha un punto di prova per l'autore degli attacchi e il modo in cui si sono verificati. Per quanto riguarda le vittime, questo è un problema in ogni guerra. Certo che mi sento molto triste per la morte di ogni civile innocente in questo conflitto, ma è la guerra. Le guerre sono cattive, non c'è guerra buona, perché ci sono sempre e sempre sarà civili innocenti a pagare il prezzo.
 
D. Quindi, come fa a spiegare al suo popolo, i siriani, che c'è un esercito straniero che opera nel suo territorio che ha causato vittime civili? Lo vede come inevitabile?
 
R. No, non ci sono prove che i russi hanno attaccato obiettivi civili. Sono molto precisi nei loro attacchi e sempre attaccano ogni giorno, le basi e le postazioni terroristiche. Sono i nordamericani che hanno ucciso numerosi civili nella parte settentrionale della Siria. Finora non si è verificato un solo incidente russo che abbia coinvolto i civili dal momento che i russi non attaccano i civili e gli attacchi si verificano soprattutto nelle zone rurali.
 
D. Parlando di eserciti stranieri, come risponderà se la Turchia e Arabia Saudita invieranno le loro truppe nel suo paese con il pretesto di combattere ISIS?
 
R. Come dici lei, è una scusa. Ma se succede li affronteremo come stiamo combattendo i terroristi. Difenderemo il nostro paese. Tale azione costituisce un'aggressione. Non hanno diritto di intervenire in Siria, né politicamente né militarmente. Sarebbe una violazione del diritto internazionale e per noi come cittadini siriani, la nostra unica scelta è quella di combattere e difendere la nostra patria.
 
D. La Turchia ha cominciato a bombardare le zone siriane dal proprio territorio.
 
R. Sì, e prima dei bombardamenti, la Turchia ha inviato terroristi e quindi sta lavorando verso lo stesso obiettivo con mezzi diversi. La Turchia è coinvolta negli eventi in Siria dall'inizio.
 
P. L'Arabia Saudita ha cercato di unire l'opposizione in una conferenza tenuta a Riyadh. Alcuni militanti legati ad al Qaeda erano presenti alle riunioni. Riconoscete qualsiasi gruppo di opposizione armata come un partito legittimo con il quale si può negoziare?
 
R. Si riferisce a chi combatte sul terreno?
 
D. Sì.
 
R. No. I dettami legali e costituzionali, ritengono che tutti coloro che portano le armi contro il popolo e contro il governo è un terrorista, sia nel nostro paese o in qualsiasi altro paese del mondo. Non possiamo dire che queste persone godono di legittimità. Essi possono essere legittimi quando depongono le armi e partecipano al processo politico. Questo è l'unico modo possibile in qualsiasi paese per la ricostruzione o modificare la legge, la costituzione o il governo. Questo può essere fatto attraverso un processo politico, non a mano armata.
 
D. Quindi si considerano terroristi tutti quelli che combattono?
 
R. Finché non annunciano che essi sono disposti a partecipare al processo politico. Solo allora non avremo alcun problema con loro.
 
D. Per quanto riguarda i combattenti, a prescindere dalla loro intenzioni, se consegnano le armi e vogliono tornare, possono farlo?
 
R. Si concederà l'amnistia, e questo è successo negli ultimi due anni e si è accelerato negli ultimi tempi. Molti di loro hanno deposto le armi ed alcuni ingrossare le fila dell'esercito siriano e attualmente combattono l'ISIS e sostengono l'esercito siriano ed i combattenti russi.
 
D. Quindi, se, come ha detto coloro che hanno preso le armi contro il governo sono tutti terroristi, con chi esattamente si negozia a Ginevra?
 
R. A Ginevra doveva essere una miscela. Su un lato di terroristi ed estremisti che sono stati addestrati in Arabia Saudita, alcuni dei quali appartenenti ad Al Qaeda. Inoltre sono avversari che vivono in esilio o in Siria. Siamo in grado di negoziare con l'altra parte, con i patrioti siriani legati al loro paese, ma senza dubbio non possiamo negoziare con i terroristi, e per questo è fallita la conferenza.
 
D. E i dirigenti e attivisti dell'opposizione che sono imprigionati in Siria da prima dello scoppio del conflitto nel 2011?
 
R. Sono stati liberati tempo fa dal carcere e la maggior parte di loro sono già parte dell'opposizione.
 
D. Tutti?
 
R. Tutti fuori prima del 2010, tra cui alcuni terroristi che erano stati condannati a diversi anni di carcere, scontata la pena, quando è iniziata la crisi hanno aderito a gruppi terroristici.
 
D. Ci sono le prove di quello che dice?
 
R. Sì. Uno di loro è morto di recente, Zahran Aloush. Condannato al carcere perché legato ad Al Qaeda, come è iniziata la crisi, ha formato il suo gruppo terroristico.
 
P. Secondo alcune stime ci sono 35.000 jihadisti stranieri in Siria, tra cui 4.000 dall'Europa. Il governo spagnolo ha dichiarato che circa 300 persone con passaporti spagnoli. Che ne sarà di loro se cadono nelle mani dell'esercito siriano?
 
R. Spagnoli?
 
P. Jihadisti stranieri in generale.
 
R. In primo luogo, ci comportiamo con loro come con altri terroristi. Dal punto di vista giuridico non c'è alcuna differenza in base alla nazionalità, ma le domande per estradarli nei loro paesi, si verificano attraverso le relazioni istituzionali dei due Paesi.
 
D. In questo contesto, dal suo punto di vista, che cosa è che attira il gran numero di stranieri in Siria?
 
R. In sostanza, per il sostegno che ricevono. Essi ricevono un vero e proprio supporto esterno. L'Arabia Saudita è il principale finanziatore di questi terroristi. Li hanno messi su piani e li inviano in Turchia e poi in Siria. L'altro fattore di attrazione si trova nel caos, e il caos è un terreno fertile per i terroristi. Il terzo fattore è l'ideologia, perché appartengono ad Al Qaeda. Questa zona, nella nostra cultura religiosa, la cultura dell'Islam, occupa una posizione di rilievo dopo la Mecca, Gerusalemme e altri luoghi sacri. Essi pensano di poter venire qui per stabilire il loro stato. L'idea è che possono venire a combattere e morire per Allah e l'Islam, per loro questa è il jihad.
 
D. Se il governo impone il suo controllo in tutta la Siria, sarà avviato un processo politico? Sareste disposti ad andare alle elezioni di nuovo?
 
R. Sarebbe normale la formazione di un governo di unità nazionale che riunisce tutte le correnti politiche che desiderano essere parte di esso. questo governo dovrebbe preparare le condizioni per la redazione di una nuova costituzione, perché se si vuole parlare del futuro della Siria e la discussione con le varie parti, e discutere su come risolvere il problema interno, si dovrebbe discutere la Costituzione. Indubbiamente la Costituzione deve essere sottoposta a un referendum popolare. E secondo la nuova costituzione ci dovrebbero essere elezioni anticipate. Se le persone o le diverse parti vogliono tenere le elezioni, si terranno. Ma per risolvere la parte politica del problema non ha nulla a che fare la mia opinione personale.
 
D. Dove si vedi tra 10 anni?
 
R. La cosa più importante è come vedo il mio paese, perché io sono parte del mio paese. Pertanto, dopo dieci anni voglio essere in grado di salvare la Siria, ma questo non significa che io rimanga il presidente. Sto parlando della mia visione di quel periodo. Se la Siria andrà bene allora sarò la persona che ha salvato il suo paese. Questo è il mio lavoro ora e questo è il mio dovere. Così mi vedo per quanto riguarda la carica e la mia persona come cittadino siriano.
 
D. Ma si sarà al potere tra 10 anni?
 
R. Questo non è il mio obiettivo. Non mi importa della mia presenza al potere. Per me, se il popolo siriano mi vuole al potere, allora lo sarò, in caso contrario, non  lo sarò. Se non posso aiutare il mio paese, allora devo lasciare immediatamente.
 
D. Me Permetta di citare una parte della relazione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite sulla Siria, pubblicato il 3 febbraio: "Alcuni detenuti da parte del governo sono stati picchiati a morte o sono morti a causa di ferite riportate durante la tortura ". E si aggiuge che il governo ha commesso crimini di guerra.
 
R. È simile a quello che il Qatar ha fatto un anno fa o giù di lì, quando ha falsificato un rapporto composto da immagini non verificate di feriti, sulla base di informazioni provenienti da fonti dubbie. Poi hanno mandato il rapporto alle Nazioni Unite. Questo fa parte della manipolazione dei media esercitata contro la Siria. Questo è il problema, l'Occidente e la sua campagna mediatica. Informazioni non verificate che accusano la Siria e poi adottare misure contro.
 
D. Il mondo è rimasto scioccato dalla immagine del bambino Aylan Kurdi, un rifugiato siriano che aveva tre anni, che è stato trovato morto su una spiaggia in Turchia. Come si è sentito di fronte a quell'immagine?
 
R. È una delle parti più tristi del conflitto siriano, che ci sono persone che lasciano il proprio paese per vari motivi. Ma al di là della sensazione, la domanda che a noi, come pubblici funzionari, ci fa la cittadinanza siriana è quello che faremo e se sono state adottate le misure per permettere ai rifugiati di tornare a casa. Ci sono due motivi. Il primo, che dobbiamo affrontare, naturalmente, è il terrorismo, perché quei terroristi minacciano non solo il pubblico, ma li privano dei loro mezzi di sussistenza di base. La seconda ragione è l'embargo che è stato applicato sulla Siria dall'Occidente, in particolare gli Stati Uniti, che ha causato più difficoltà per la vita delle persone qui, in particolare nel settore sanitario. Dobbiamo affrontare questi motivi per evitare questa tragedia e che non si estenda per un lungo periodo di tempo.
 
D. Lei ha detto che alcuni di questi profughi in fuga ISIS, ma alcuni dicono in fuga dal governo o dalle campagne effettuate dal governo siriano in alcune zone.
 
R. Potrei darle provai che contraddicono questo e lo avete potuto vedere durante il vostro soggiorno in Siria, ovvero che la maggior parte delle persone che vivono nella zona sotto il controllo dei terroristi sono migrati verso l'area sotto il controllo del governo. Quindi, se si vuole sfuggire al governo, perché andare dal governo? Questo non è reale. Ma ora, quando c'è una battaglia, ripresa o gli scontri tra il governo ei terroristi in alcune zone, è naturale che la maggior parte dei suoi abitanti lasciare quelle zone ad altre, ma questo non significa fuga dal governo. Alcuni di coloro che emigrarono in aree sotto il controllo del governo sono parenti di combattenti ribelli stessi.
 
P. Secondo le stime internazionali, circa cinque milioni di rifugiati sono fuggiti in Siria. Un milione hanno attraversato il confine con l'Europa. Quali garanzie hanno queste persone di tornare liberamente e senza timore di rappresaglie?
 
R. Certo che possono tornare, voglio dire che è un loro diritto il ritorno. A meno che non si tratti di un terrorista o assassino, che non sia sfuggito al governo. E alcuni di loro, e penso che molti sono sostenitori del governo e non hanno scappano da esso, ma come ho detto, le condizioni di vita sono peggiorate molto nel corso degli ultimi cinque anni. Vogliamo che la gente torni in Siria.
 
D. Che cosa può fare il vostro governo per fermare il flusso di profughi  ed evitare così che  tante persone anneghino nel Mediterraneo?
 
R. Come le ho detto, non dipende solo la Siria, ma anche dal resto del mondo. In primo luogo, l'Europa deve sollevare l'embargo contro il popolo siriano, perché non è in realtà un embargo sul governo siriano, ma contro il popolo siriano. In secondo luogo, la Turchia dovrebbe interrompere l'invio di terroristi in Siria. In terzo luogo, come governo, dobbiamo combattere i terroristi, senza dubbio, e dobbiamo migliorare le condizioni di vita dei cittadini con tutti i mezzi a nostra disposizione per permettere ai siriani di rimanere a casa. Questo è l'unico modo che può portare queste persone indietro o convincerli a tornare nel loro paese. Sono sicuro che la maggior parte di loro vogliono tornare in Siria.
 
D. Quando è salito al potere, ha promesso riforme democratiche in un momento definito  "Primavera di Damasco". Alcuni credono che se avesse fatto quelle riforme più rapidamente, avrebbe potuto salvare molte vite. Principalmente l'opposizione o gli Stati Uniti sostengono che se avesse lasciato il potere, molte di queste vite avrebbero potuto essere salvate. Che cosa significa questo?
 
R. La domanda è: Qual è il rapporto tra ciò che lei ha citato e l'invio di denaro dal Qatar, l'invio di armi e sostegno diretto ai terroristi? Qual è il rapporto tra questa e il ruolo della Turchia nel sostenere i terroristi? Qual è il rapporto di questa con la presenza dell'ISIS e al-Nusra in Siria? Quindi questo rapporto non è corretto. Se si desidera cambiare il primo ministro, in qualsiasi regime, sia nel proprio paese o in qualsiasi altro paese, deve farlo attraverso un processo politico. Non è possibile utilizzare le armi. L'uso delle armi non può essere il modo per cambiare il regime o stabilire una democrazia. La democrazia non si ottiene a mano armata e l'esperienza degli Stati Uniti in Iraq, lo dimostra. La stessa situazione si verifica in Yemen. Il presidente [Ali Abdullah] Saleh ha lasciato il potere a causa delle stesse accuse. Che cosa è successo in Yemen? Forse è meglio ora? Questo non è corretto e non vi è alcuna relazione. Siamo in grado di raggiungere la democrazia attraverso il dialogo. La vera democrazia deve essere stabilito sulla base della società stessa. Come si può accettare l'altro. Questa zona è un melting pot che riunisce i diversi gruppi etnici, sette e religioni. Come possono accettarsi a vicenda? Se riescono a farlo, allora potrebbero accettare  l'altro politicamente e poi raggiungere una vera democrazia. Quindi il problema non dipende dal presidente. Hanno cercato di personalizzare il problema, solo per dimostrare che si tratta di un problema semplice e che se il presidente lascia il suo incarico, allora tutto andrà bene. Nessuno può accettare questo punto di vista.
 
D. In questi cinque anni, vedendo così tante vite perdute e siti archeologici distrutie, avresti fatto qualcosa di diverso?
 
R. In generale, se si parla di principi, fin dall'inizio abbiamo detto che avremmo combattuto il terrorismo e che avremmo sostenuto il dialogo. Abbiamo un dialogo aperto con tutti tranne che con i gruppi terroristici. Allo stesso tempo, abbiamo aperto la porta ai terroristi se avessero deposto le armi e tornati alla vita normale, coì abbiamo offerto un'amnistia generale. Quindi questo è l'inizio di una soluzione completa. Ora, cinque anni dopo, non posso dire che questo è stato un errore, e penso che stiamo andando a cambiare questi principi. Le misure per attuarle sono diverse, a volte, perché dipende da diversi responsabili, diverse istituzioni, persone diverse e diversi individui. Chiunque può commettere errori,. Quindi, se vogliamo cambiare qualcosa, se potevamo cambiare quegli errori che sono stati commessi in diverse parti, lo avremmo fatto; questo è quello che avrei fatto se potessi tornare indietro con le lancette dell'orologio.
 
D. Quindi dal suo punto di vista, a partire dall'inizio quelle proteste a Deraa e Damasco come terroriste, infiltrate da forze straniere. Come hai visto quelle prime manifestazioni contro il governo?
 
R. All'inizio c'era un mix di manifestanti. In primo luogo, il Qatar ha pagato questi manifestanti per portarli su Al Jazeera e quindi convincere l'opinione pubblica mondiale che la gente protestava contro il presidente. Il numero massimo che sono stati raggiunti è stato di 140.000 manifestanti in tutta la Siria, che non è nulla, di conseguenza, ed è per questo non eravamo preoccupati. Poi hanno infiltrato i manifestanti con i militanti che hanno aperto il fuoco contro la polizia ed i dimostranti, al fine di provocare altre proteste. Quando hanno fallito, hanno iniziato l'invio di armi per sostenere i terroristi. Ma c'erano manifestanti che hanno protestato onestamente? Che cambiamenti chiedevano? Certamente, non si può dire che tutti coloro che partecipavano erano tutti terroristi.
 
D. Hai visitato la Spagna due volte ed ha incontrato i presidenti José María Aznar e José Luis Rodriguez Zapatero che hanno inoltre visitato la Siria quando erano in carica. Come sono stati i suoi rapporti con la Spagna da allora?
 
R. La Spagna in generale è contro qualsiasi soluzione rischiosa in Siria. È qualcosa che noi apprezziamo. Essi non hanno sostenuto alcuna azione militare contro la Siria ed hanno detto che complicherebbe ulteriormente la situazione. Non parlano di rovesciare il presidente o interferire nei nostri affari interni. Hanno detto che tutto deve avvenire sulla base di una soluzione politica attraverso un processo politico. Questo è molto. Allo stesso tempo, la Spagna fa parte dell'Unione europea, e quindi è limitata alle decisioni dell'Unione. Speriamo che la Spagna trasmetta lo stesso messaggio con il suo punto di vista politico all'Unione Europea, per quanto riguarda il nostro conflitto.
 
D. In America Latina, secondo lei, dove godere del massimo sostegno?
 
R. In generale, e qualcosa di strano e spiacevole, allo stesso tempo, i paesi più lontani dalla Siria hanno una visione molto più realistica di ciò che sta accadendo in Siria rispetto agli europei, dove siamo più vicini e considerati il giardino di entrata dell'Europa. Parlo a livello ufficiale e dei cittadini. Ci conoscono di più e sostengono la Siria in tutte le sedi internazionali e non hanno cambiato la loro posizione fin dall'inizio della crisi.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: El Pais
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Ria.ru

Mosca: "Le minacce degli Stati Uniti contro la Siria sono un appoggio 'de facto' ai terroristi '

Il numero due della diplomazia russa ha dichiarato che la reazione degli Stati Uniti non cerca di ripristinare la situazione ad Aleppo.

Questa mattina, il vice degli Esteri russo Sergei Ryabkov ha dichiarato che la posizione degli Stati Uniti per...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Evitare che l'Esercito siriano liberi Aleppo: Gli USA studiano la soluzione militare al conflitto in Siria

Secondo quanto riferisce la Reuters, Gli Stati Uniti stanno studiando un piano per bloccare l'offensiva dell'Esercito siriano.

Il governo degli Stati Uniti ha avviato uno studio sulle misure per migliorare il supporto militare per l'opposizione...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Duterte annuncia la fine delle esercitazioni militari congiunte tra Filippine e Stati Uniti

«Rispetterò l’alleanza militare, il patto firmato dai paesi negli anni 50’, ma penso di stabilire nuove alleanze commerciali», ha spiegato Duterte che è intenzionato a orientare la propria politica estera in direzione di Russia e Cina

  Il presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, ha annunciato che il suo paese non effettuerà più...
Notizia del:     Fonte: http://www.mppre.gob.ve/

Delcy Rodriguez: «Il Venezuela costituisce una minaccia geopolitica e ideologica per il capitalismo»

Il Venezuela, spiega la dirigente bolivariana, è un paese scomodo per alcuni attori internazionali come gli Stati Uniti. Un paese che ostacola i piani imperiali di Washington. Ma da Caracas, ribadiscono che nonostante tutto, restano «liberi, indipendenti e sovrani»

  Il Venezuela viene quotidianamente attaccato e calunniato. Il suo governo definito corrotto, inetto e dittatoriale....
Notizia del:

L’ASSASSINIO DELLO SCRITTORE NAHED ATTAR: I TERRORISTI ISLAMICI, I LORO PADRINI, E LA BATTAGLIA DI  ALEPPO  

di Vincenzo Brandi* - Roma 27.9.2016                           Partiamo da una notizia che...
Notizia del:

Maan Bashur: 'La Siria è un bastione contro il progetto sionista. Per questo Israele vuole distruggerla'

"Credo che a poco a poco gli arabi stiano comprendendo di nuovo che quella del nazionalismo arabo è l'unica strada che può preservare la sicurezza e lo sviluppo economico del “Medio Oriente”

Da Contropiano*   Maan Bashur, intellettuale e politico arabo, è il fondatore del Forum Nazionale...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: la vera barbarie è quella che gli Stati Uniti hanno fatto in Iraq e Libia

La portavoce del Ministero degli affari esteri russi ha definito come 'barbarie vera e propria' le azioni degli Stati Uniti Iraq e Libia.

In risposta alle dichiarazioni dell'inviato degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Samantha Power, che ha definito...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Le monarchie del Golfo potrebbero fornire ai "ribelli moderati" in Siria missili anti aerei per abbattere i jet russi

Le monarchie del Golfo potrebbero fornire missili anti-aerei portatili ai 'ribelli siriani' per abbattere gli aerei russi in Siria

L'agenzia di stampa britannica Reuters, citando un funzionario degli Stati Uniti, a condizione di anonimato,...
Notizia del:

Il documento desecretato a maggio della DIA che vi spiega tutto quello che dovete sapere sulla guerra in Siria

DI Pepe Escobar - RUSSIA TODAY Traduzione per comedonchisciotte.org a cura di VALENTINO FANCELLO Dimenticate i meeting senza fine tra Sergei Lavrov e John Kerry; dimenticate l’intervento...
Notizia del:     Fonte: ksta.de

Siria, comandante del gruppo terrorista Al Nosra rivela l'appoggio ricevuto da Stati Uniti, Arabia Saudita, Qatar e Israele

Nel corso di un'intervista ad un giornale tedesco, un comandante del gruppo terrorista Al-Nusra, ha rivelato l'appoggio ricevuto da Stati Uniti, Qatar, Arabia Saudita, Israele in Siria.

Il sostegno di cui gode Al-Nusra (rinominato Fath al-Sham) da parte degli Stati Uniti, Israele, Arabia Saudita,...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:

VIDEO. La Russia invia aiuti umanitari ad Aleppo nonostante gli attacchi terroristici

FONTE: HISPAN TV La Russia invia aiuti umanitari ad Aleppo nonostante gli attacchi terroristici **
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

Ultimo report e mappa sulla battaglia di Aleppo

Il fronte di Aleppo è stata teatro degli scontri più intensi che si svolgono in tutta la Siria, con le forze del governo e dei gruppi armati appoggiati dall'Arabia Saudita e dell'Occidente che si contendono il controllo di questa città strategica.

Nord Aleppo:   Durante il fine settimana, le forze armate siriane, soprattutto Liwaa Al-Quds (combattenti...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

Esercito siriano e combattenti palestinesi liberano il nord di Aleppo

Alle 12:30 (ora di Damasco), Liwaa Al-Quds (combattenti palestinesi) e l'Esercito siriano arabo (ASA) hanno imposto il pieno controllo sul nord di Aleppo, liberando il campo profughi di Handarat.   Secondo...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

L'Esercito siriano circonda la zona orientale di Aleppo, si avvicina l'offensiva finale per la liberazione della città

Secondo quanto riporta il portale di notizie Al Masdar-news, oltre 1.750 soldati della 106a Brigata della Guardia Repubblicana della 4a Divisione meccanizzata dell'Esercito arabo siriano hanno circondato...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: Gli Stati Uniti non agiscono contro i terroristi di al Nosra e ISIS perché li usano per realizzare la propria agenda

Il presidente Bashar al-Assad, in un'intervista rilasciata all'agenzia Associated Press (AP) ha dichiarato che "gli Stati Uniti non hanno la volontà di agire contro il" Fronte Nousra "e lo" Stato islamico", perché ritengono questi due gruppi terroristici come carta tra le loro mani che può essere utilizzata per realizzare la propria agenda."

Ecco i passaggi più importanti dell'intervista del Presidente Assad all'Associated Press   Il...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

La battaglia nel sud della Siria: la stella di Israele sotto la tonaca di al Nosra

Un comandante militare ha rivelato al quotidiano libanese al-Akhbar i retroscena della battaglia campale dei "ribelli moderati"nel sud della Siria, chiamata Sud Qadissiyat.

La sua unicità rispetto alle altre battaglie nella zona di confine tra il Golan e la Palestina occupato...
Notizia del:

Aleppo. L'Esercito siriano protegge dal fuoco dei "ribelli moderati" i civili in fuga

FONTE: SYRIAPRESS Aleppo. L'Esercito siriano protegge dal fuoco dei "ribelli moderati" i civili che tentano di fuggire verso le zone controllate dal governo siriano   **   ...
 

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa