/ Gli Usa sostengono militarmente l'ISIS. La denuncia di un deputat...

Gli Usa sostengono militarmente l'ISIS. La denuncia di un deputato iracheno

Gli Usa sostengono militarmente l'ISIS. La denuncia di un deputato iracheno
 

Il capo del gruppo parlamentare Badr sostiene di essere in possesso di prove contro gli USA

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il deputato iracheno Qasim Al-Araji ha riferito al Parlamento iracheno che il suo gruppo, l’Organizzazione Badr, è in possesso di prove che il governo degli Stati Uniti sta fornendo sosteno militare allo Stato Islamico. 

Lo scorso giugno, il senatore americano Rand Paul aveva già denunciato trasferimenti di armi allo Stato islamico da parte di altri gruppi ribelli in Siria, definiti “moderati” dal governo degli Stati Uniti: “Uno dei motivi per cui ISIS si è avvantaggiato è perché stiamo armando i loro alleati”. "Badr non ha ancora rivelato i documenti, per cui non è chiaro se la nuova prova potrebbe rivelare casi analoghi di supporto, ma solo involontario, allo Stato islamico".
Secondo quanto riportato da Almasalah, giovedì il capo del gruppo parlamentare Badr ha condiviso queste informazioni con il Parlamento sostenendo che il gruppo è in possesso di prove contro gli USA e affermando che presto saranno in grado di condividere le prove documentate.
 
L’Organizzazione Badr è un ramo delle Brigate Badr, l’ala militare del Consiglio Supremo per la rivoluzione islamica in Iraq (SCIRI), che si è formato durante la guerra del 1982 tra Iran e Iraq e consisteva principalmente di esuli iracheni e rifugiati in Iran. Dal momento dell’invasione a guida americana del
2003, il gruppo ha cambiato il nome da “Brigata” a “Organizzazione” e sono quindi diventati un partito politico iracheno ufficiale. Il gruppo mantiene un’ala militare ed è salito alla ribalta nella lotta contro lo Stato islamico in Iraq, in particolare per il suo ruolo nella liberazione della Provincia di Diyala, a febbraio.

 
Comandanti delle milizie e funzionari governativi dicono che il Gen. Ghassem Soleimani, un potente generale iraniano, è il capo della strategia nella lotta dell’Iraq contro i militanti sunniti, lavorando in prima linea a fianco di 120 consulenti della Guardia rivoluzionaria del suo paese per dirigere miliziani e forze governative sciite, anche nei più piccoli dettagli della battaglia.
 
Le affermazioni di Al-Araji sul  sostegno militare degli Stati Uniti allo Stato islamico non sono le prime nel loro genere.  
 
Secondo Press TV, uno studio condotto da un gruppo con sede a Londra ha anche scoperto che i militanti Stato islamico avevano usato “quantità significative” di armi contrassegnate come “di proprietà del governo degli Stati Uniti.” 


Non è però un mistero che i miliziani dell'ISIS si siano impossessati di armi e veicoli dell'Esercito iracheno, forniti dagli Usa ( si pensi agli arsenali delle caserme dell'esercito iracheno di Mosul saccheggiati quando l'Isis ha conquistato la città)  e che abbiano intercettato le armi destinate dagli Usa agli oppositori moderati siriani, come confermato da un rapporto  dell'organizzazione non governativa, Conflict Armament Research.
 

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: RT

Monaco, la Polizia afferma: «Vi sono legami con Breivik»

La Polizia tedesca in una conferenza stampa ha segnalato un «ovvio legame» tra l'autore della strage di Monaco di Baviera e il terrorista norvegese Anders Behring Breivik

da RT Gli eventi a Monaco di Baviera hanno coinciso esattamente con il quinto anniversario del doppio attentato...
Notizia del:     Fonte: VeteransToday

I terroristi dell’ISIS si addestrano nei pressi di un campo militare degli Stati Uniti in Kosovo

Ci sono almeno cinque campi di addestramento dell’ISIS (Daesh, in arabo) in Kosovo, a pochi chilometri dal campo militare degli Stati Uniti di Bondsteel.

Il portale di notizie nordamericano,VeteransToday, citando fonti vicine ai servizi di intelligence del Kosovo,...
Notizia del:

Monaco, terrore al centro commerciale: tutto quello che sappiamo

Ancora avvolte nel mistero restano le motivazioni che hanno spinto il ragazzo a compiere la strage

Sono le 15:50 di un tranquillo venerdì pomeriggio a Monaco di Baviera quando la Polizia riceve una concitata...
Notizia del:     Fonte: RT/BBC

Attacco a Monaco: l'attentatore avrebbe agito da solo. I morti salgono a 10

La Polizia informa che l'attentatore si è suicidato

«Abbiamo trovato un uomo, si è suicidato. Partiamo dal presupposto, che fosse l’unico tiratore»,...
Notizia del:     Fonte: RT

Attentato a Monaco di Baviera: almeno 6 morti e numerosi feriti

Secondo le prime testimonianze l'attacco sarebbe stato portato da più persone con armi da fuoco

Almeno sei persone sono morte in una sparatoria avvenuta in uno dei maggiori centri commerciali di Monaco di...
Notizia del:

Manlio Di Stefano (M5S) a Laura Boldrini sulla Turchia: "Ma perché Erdogan è solo ora un dittatore?"

Dov'erano i moralisti di oggi quando, alle Nazioni Unite, l'Ambasciatore russo Churkin mostrava al mondo le prove di come Ankara addestrasse combattenti terroristi in Siria e del traffico continuo di armi e munizioni nei territori siriani sotto controllo dell'ISIS?"

di Manlio Di Stefano* "L'accordo per i migranti è stato un errore", chiosa da ultimo...
Notizia del:

Cento giorni dopo il nuovo premier: cosa (non) è cambiato in Ucraina

di Eugenio Cipolla   Lo scorso 14 aprile, quando venne chiamato da Petro Poroshenko a risolvere uno stallo politico lunghi mesi, nessuno credeva in Volodymyr Groisman. L’ex speaker...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa