/ Jade Helm 15, prove tecniche di legge marziale negli Usa. Texas,...

Jade Helm 15, prove tecniche di legge marziale negli Usa. Texas, Utah e California del sud "potenzialmente ostili".

Jade Helm 15,  prove tecniche di legge marziale negli Usa. Texas, Utah e California del sud potenzialmente ostili.
 

Dal 15 luglio al 15 settembre un'operazione in cui i embri del corpo militare del paese si mischieranno alla popolazione civile. Non era mai successo prima

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Cesare Sacchetti
 
Non sembra che ci siano precedenti di alcun tipo, e forse l’esercitazione militare Jade Helm 15 potrebbe essere la prima nel suo genere nella quale membri del corpo militare degli Stati Uniti si mischieranno alla popolazione civile. A coordinare l’operazione sarà lo United States Special Operations Command, ovvero il commando delle operazioni speciali degli Stati Uniti che ha stabilito che questa esercitazione si terrà in sette stati americani: Texas, New Mexico, Arizona, California, Nevada, Utah and Colorado. Le manovre inizieranno la prossima estate dal 15 luglio  e termineranno il 15 settembre.
 
Che tipo di operazione è Jade Helm? Secondo il documento declassificato pubblicato dal Commando delle operazioni militari, è un “allenamento militare realistico che si interessa di operazioni di guerra non convenzionali”. In questo tipo di esercitazione è previsto che i militari si infiltrino tra i civili che dovranno segnalare alle forze militari che partecipano all’operazione ( Berretti Verdi, Navy Seals, Marines, 82ª Divisione aviotrasportata)  qualsiasi attività sospetta che abbia luogo sul territorio federale degli stati. Secondo la mappa pubblicata dal Commando, gli Stati interessati sono contrassegnati con dei colori ( blu, marrone, rosso, celeste) per connotarne l’ostilità, la neutralità, o l’amicizia nei confronti di questo tipo di operazione.

 
Il Texas, lo Utah e il sud della California sono considerati ostili. La California,il Nevada e il Colorado sono considerati tolleranti mentre il New Mexico e l’Arizona non hanno una connotazione precisa. Ufficialmente il documento del commando giustifica la necessità dell’esercitazione per “ migliorare la capacità di adattamento a territori sconosciuti, a condizioni economiche e sociali differenti”, e operare “all’interno della comunità dove tutto quello che è al di fuori dell’ordinario sarà segnalato alle autorità (i civili del posto saranno i primi in questo compito).” E’ proprio quest’ultimo punto a sollevare interrogativi su questo tipo di esercitazione, dove non solo la popolazione di alcuni stati viene classificata come ostile, come se i civili potessero rappresentare una minaccia per il governo federale. Il governo degli Stati Uniti considera nemici alcuni dei suoi cittadini in dissenso con le politiche di Washington? 
 
Se questa esercitazione è uno dei modi per provare la fedeltà dei cittadini americani, tramite l’infiltrazione delle forze armate tra i civili, si è piuttosto vicini all’anticamera della legge marziale negli Stati Uniti. Tantomeno non sono specificate quali siano le attività fuori dall’ordinario che vadano segnalate alle autorità e questo sembra evocare il clima delle grandi purghe staliniane, nella quali il cittadino era spinto ad indossare i panni del delatore per denunciare presunte attività sospette del vicino di casa, per non essere perseguito anch’egli in un clima di isteria generale e di diffidenza reciproco. Con la differenza che l’URSS dell’epoca era considerata un apparato totalitario fondato sulla polizia politica e le repressioni di massa, mentre gli USA sono ancora oggi considerati la culla delle libertà democratiche.  
 
Si teme dunque che gli stessi cittadini americani rifiutino o disapprovino le politiche del governo federale, che in tal senso agisce con uno schema di repressione dei possibili focolai intestini che potrebbero in qualche modo ribellarsi agli ordini dell’esecutivo. Secondo Roy Boyd, vice-sceriffo della Contea di Vittoria "verranno costruiti nuclei di militari per provare la loro abilità di movimento sul posto senza farsi troppo notare nella comunità".  L’obbiettivo dei militari è dunque quello di "testare la loro capacità di fondersi sostanzialmente con l'ambiente locale , mischiarsi con esso e non far saltare la loro copertura."
 
 Se dunque i militari hanno l’obbiettivo di mescolarsi alla popolazione civile  senza farsi identificare, si corre il pericolo di mettere a rischio l’incolumità dei civili che verrebbero loro malgrado coinvolti in un’operazione militare. Il potenziale beneficiario di Jade Helm potrebbe essere il governo che tramite questo tipo di esercitazioni potrebbe identificare eventuali “sacche ostili”. L’esercito degli Stati Uniti non è stato in grado di spiegare perché il sud della California, lo Utah e il Texas siano considerati ostili e ha giustificato l’esercitazione per contrastare eventuali minacce straniere. Secondo  il portavoce del Commando Operazioni Speciali, Mark Lastoria, Jade Helm consentirà ai soldati di praticare"nuove tecniche in operazioni speciali di guerra", e  “serve ad affinare le competenze necessarie a fronte di un continuo cambiamento della minaccia straniera”.
 
Nonostante le smentite ufficiali dell’Esercito che esclude l’introduzione della legge marziale negli USA, esistono dei manuali operativi in proposito ed uno è stato pubblicato nel 2006, utilizzato per un corso presso la Scuola di Polizia Militare a Fort McClellan che fornisce le direttive per contrastare eventuali insurrezioni civili. Secondo il manuale la funzione della polizia militare è quella di “ interrompere riunioni non autorizzate e pattugliare la zona di disturbo per prevenire l’esercizio di atti illegali", aggiungendo che, "durante le operazioni per ristabilire l'ordine, le forze militari possono ricorrere all’uso della forza,  alzare dei blocchi stradali, disperdere le folle, e impiegare agenti di controllo della folla”. Cosa succede alle persone che vengono fermate dalle autorità militari? 
 
Secondo un documento rilasciato dal Dipartimento della Difesa, gli attivisti politici verranno portati in “campi di concentramento temporanei ”per essere pacificati da "ufficiali esperti in operazioni psicologiche " e per far sviluppare un "apprezzamento delle politiche degli Stati Uniti". Chi non è d’accordo con quello che sta facendo il governo va dunque rieducato.  

Assurdo? Joseph Conrad scrisse che “quanto più una persona è intelligente, tanto meno diffida dell'assurdo.” Il mondo che si credeva  di aver dimenticato potrebbe tornare proprio perché ci si rifiuta di accettare una verità così intollerabile. Non si tratta di veline farneticanti o di sciocche paranoie. Il potere non si cura nemmeno più di nascondere ciò che sta facendo. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Gli attacchi aerei dell'Arabia Saudita con bombe a grappolo provocano 16 morti nello Yemen

In diversi attacchi con bombe a grappolo, l'Arabia Saudita ha ucciso 16 yemeniti.

Cinque bambini yemeniti sono stati uccisi e molti altri sono stati feriti nell'esplosione di resti di bombe...
Notizia del:

"La NATO dovrebbe essere parte del museo dell'impero statunitense"

Alcuni analisti statunitensi ritengono che Washington "dovrebbe fare un museo con la NATO, insieme ad altri manufatti dell'impero nordamericano".

Gli Stati Uniti dovrebbero garantire la loro sicurezza e quella dei suoi cittadini, e non la sicurezza di altri...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Gaza, due anni dopo l'aggressione israeliana senza giustizia e ricostruzione

Due anni dopo l'aggressione israeliana a Gaza, le persone stanno ancora lottando per sopravvivere. Una situazione ancor più complicata dal momento che non c'è nessuna ricostruzione e neanche giustizia per i crimini commessi dal regime israeliano.

di Isabel Pérez, Hispantv   Due anni sono passati dalla fine dell'operazione militare israeliana...
Notizia del:

Washington Post: Le forze appoggiate dagli Stati Uniti in Siria hanno dimenticato l'ISIS e combattono tra di loro.

In un articolo pubblicato, ieri, dal Washington Post, si evidenzia che gli scontri si sono intensificati tra i cosiddetti ribelli siriani e le forze democratiche della Siria (SDF).  Quando i ribelli...
Notizia del:     Fonte: Tass

Lavrov: "Senza separare i terroristi dall'opposizione siriana non sarà possibile regolare il conflitto"

I ministri degli esteri di Russia e Stati Uniti hanno rilasciato delle dichiarazioni dopo il summit per discutere principalmente sulle questioni relative al coordinamento delle azioni per combattere il terrorismo in Siria.

Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il Segretario di Stato nordamericano, John Kerry, hanno partecipato...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Cresce la presenza militare di Israele in Honduras in vista delle elezioni

Un progetto di legge inviato al Parlamento dell'Honduras chiede l'approvazione un accordo di sostegno militare tra la nazione centroamericana e Israele.

Con l'entrata in vigore dell'accordo crescerà la presenza militare di Israele e Colombia in Honduras.   Gli...
Notizia del:     Fonte: Press.tv

Comandante iracheno: Gli USA ci danno false informazioni sull'ISIS

Un comandante delle forze popolari, ha affermato che gli Stati Uniti hanno dato false informazioni false alle forze irachene nella lotta contro il gruppo terroristico ISIS, Daesh in arabo.

"I funzionari degli Stati Uniti, che coordinano le operazioni dell'esercito iracheno contro i terroristi,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa