/ Risolto il "mistero" delle Toyota in dotazione allo Stato Islamic...

Risolto il "mistero" delle Toyota in dotazione allo Stato Islamico

Risolto il mistero delle Toyota in dotazione allo Stato Islamico
 

Toyota non ha idea di come così tante auto di sua produzione siano finite nelle mani dell’ISIS. Ma forse gli Usa sì..

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

In molti video e immagine pubblicate, i membri del gruppo terroristico Stato islamico vengono spesso ritratti a bordo di nuovi SUV e furgoni marchio Toyota. Chi ha fornito questi veicoli?
 
L'Istituto Ron Paul per la pace e la prosperità sostiene di aver 'risolto l'enigma' delle centinaia di veicoli giapponesi in possesso dei militanti dell'ISIS. Nel 2013 e il 2014, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e il governo britannico hanno fornito tali autovetture al Free Syrian Army, che combatte Bashar Al Assad e poi sono passata allo Stato Islamico.
 
Questa conclusione si basa su due rapporti, uno di Public Radio International  (PRI), pubblicato nel mese di aprile 2014, che sostiene che gli Stati Uniti hanno fornito "43 camion marca Toyota ai ribelli siriani"; e uno che ha pubblicato il quotidiano 'The Independent' nel 2013, che scriveva che "senza dubbio, il governo britannico ha anche fornito i veicoli ai terroristi che combattono in Siria".
 
"Ma tutto questo non è una novità. La domanda é: perché il Tesoro degli Stati Uniti porta avanti questa farsa? Forse a Washington ritengono che se sono gli unici a porsi la domanda ovvia di come l&# 39;ISIS sia riuscitao ad ottenere un gran numero di questi pick-up nel bel mezzo del deserto siriano, nessuno sospetterà che Washington abbia un ruolo nella faccenda ", scrive l'analista politico ed editorialista Tony Cartalucci.
 
La scorsa settimana, l'unità sul finanziamento del terrorismo del Dipartimento del Tesoro ha chiesto alla società Toyota perché così tanti dei loro veicoli sono finiti nelle mani dei terroristi in Libia, Siria e Iraq. In risposta, i giapponesi hanno emesso un comunicato in cui non hanno spiegato come fosse successo e hanno detto di essere pronti a collaborare con l'inchiesta degli Stati Uniti sull'argomento.
 
Cartalucci sostiene che il Tesoro americano "ha chiesto alla parte sbagliata" e suggerisce che avrebbe dovuto sollevare la questione al proprio Dipartimento di Stato. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: RT

Trump: Da ciarlatano a tiranno, il volto volgare dell'impero del male

Oggi, il volto più volgare, grottesco, ignorante, misogino, razzista, xenofobo e selvaggiamente capitalista sfruttatore dell’impero statunitense assume il controllo della Casa Bianca

di Eva Golinger - RT   Bom bom bom bom ba bom bom ba bom! Questa mattina mi sono svegliata con la musica...
Notizia del:

"Non ci sarà nessun Trump che vi farà ripulire la faccia di quello che avete fatto, da Occhetto in poi"

È peculiare che i demosinistri qui facciano ironia e alzino il sopracciglio su Trump. Ma c'è una spiegazione semplice e psichiatrica. I demosinistri qui son gli stessi che hanno...
Notizia del:

CharlieHebdo, il silenzio la migliore risposta. Ma un pensiero va a loro...

di Mauro Gemma * Il pensiero va immediatamente alle migliaia e migliaia di coglioni "je sui Charlie", povere, e spesso inconsapevoli, vittime del mainstream dominante. Molti di costoro se la...
Notizia del:     Fonte: Daily Mail

Gli Stati Uniti esortarono Saddam ad attaccare la Siria di Hafez Al-Asad

Gli Stati Uniti esortò Saddam Hussein ad attaccare la Siria di Hafez al-Assad a causa della chiusura del gasdotto dall'Iraq, rivela un rapporto segreto, pubblicato dal Daily Mail.

Secondo quanto sostenuto in un rapporto segreto dell'ex funzionario CIA, Graham Fuller, datato 1983, Washington...
Notizia del:     Fonte: Le soir - Hispantv

Tribunale belga ordina la detenzione dell'ex ministro degli Esteri israeliano, Tzipi Livni

Un tribunale, in Belgio, ha ordinato l'arresto dell'ex ministro degli esteri Tzipi Livni Israele per crimini di guerra, in vista del suo arrivo a Bruxelles il prossimo 23 gennaio.

Ieri, l'Ufficio federale del Belgio, ha segnalato, così come riportato anche dalla stampa locale, che...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

L’Ufficio di Coordinamento della MNOAL respinge il rinnovo del decreto di Obama contro il Venezuela

L'Ufficio di Coordinamento del Movimento dei Paesi Non Allineati (Mnoal) ha espresso la sua solidarietà alla Repubblica Bolivariana del Venezuela, per il rinnovo dell'ordine esecutivo firmato dal presidente degli Stati Uniti

da italia.embajada.gob.ve   L'Ufficio di Coordinamento del Movimento dei Paesi Non Allineati (Mnoal)...
Notizia del:

Il nemico non è Trump, siamo noi stessi. John Pilger

di John Pilger*  Negli Stati Uniti, il giorno dell’insediamento del Presidente Trump, migliaia di scrittori esprimeranno la loro indignazione. “Per poter guarire e andare avanti…”,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa