/ Bush e Blair decisero di invadere l'Iraq un anno prima dell'inizi...

Bush e Blair decisero di invadere l'Iraq un anno prima dell'inizio della guerra

Bush e Blair decisero di invadere l'Iraq un anno prima dell'inizio della guerra
 

È quanto emerge in un memo del Dipartimento di Stato americano pubblicato dal «Mail on Sunday»

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

L'ex primo ministro britannico, Tony Blair, avrebbe dato il suo assenso a partecipare alla guerra in Iraq un anno prima dell'invasione del 2003, rivela un memo segreto della Casa Bianca.
 
I documenti statunitensi ottenuti dal Daily Mail e pubblicati domenica sono parte del lotto di email dal server privato dell'ex Segretario di Stato, Hillary Clinton, che i giudici degli Stati Uniti hanno le hanno chiesto di rivelare.
 
Tra le carte trapelate c'è un memo scritto nel marzo 2002 dall' ex Segretario di Stato americano Colin Powell per l'allora presidente George W. Bush, in cui dice: "Sull' Iraq, Blair sarà con noi nel caso in cui dovessero essere necessarie operazioni ... Egli è convinto su due punti: la minaccia è reale, e il successo contro Saddam produrrà successo regionale".
 
Peccato che nel frattempo, Blair sosteneva che "questo è un problema che ci impone di considerare tutte le opzioni", e "non stiamo proponendo un'azione militare"
 
Il documento è stato scritto una settimana prima del famoso incontro tra Bush e Blair al ranch di Crawford in Texas, dove il premier inglese per la prima volta segnalò la sua disponibilità a sostenere l'azione militare in Iraq.

 
Nella nota dal titolo "Secret ... Memorandum for The President" Powell ha anche detto che "il Regno Unito seguirà il nostro esempio in Medio Oriente."
 
Cinque mesi dopo l'incontro al ranch di Crawford, il governo britannico ha pubblicato un dossier sulle presunte armi di distruzione di massa, sostenendo che Saddam Hussein possedeva armi chimiche e biologiche e aveva anche un programma di armi nucleari. Questo dossier è stato uno dei motivi che ha portto all'invasione dell'Iraq da parte degli Stati Uniti e in seguito tutte le accuse sono state dimostrate essere false.
 
I documenti appena divulgati rivelano anche che Blair ha accettato di agire come il PR di fatto dii Bush e convincere i legislatori scettici e l'opinione pubblica che l'Iraq rappresentava una vera e imminente minaccia.  
 
In cambio, Blair voleva che gli Stati Uniti trattassero il Regno Unito come un partner alla pari in una "relazione speciale" con l'obiettivo di aumentare il suo sostegno tra la popolazione. In uno dei documenti, Powel ha scritto a Bush che Blair  voleva ridurre al minimo "il prezzo politico" di unirsi agli Stati Uniti nella campagna irachena, aggiungendo che gli elettori del PM "avrebbero cercato i segni che la Gran Bretagna e l&# 39;America sono veramente partner alla pari."
 
Le nuove rivelazioni hanno suscitato un'ondata di critiche delle azioni di Tony Blair tra i politici britannici.
 
"Le note dimostrano in termini espliciti quello che molti di noi hanno creduto tutti insieme: Tony Blair ha effettivamente accettato di agire come un frontman per la politica estera americana prima di qualsiasi decisione da parte della Camera dei Comuni o del Gabinetto britannico", ha commentato il conservatore David Davis, citato dal Daily Mail.
 
"Era felice di riciclare la politica di Bush in Iraq e subappaltare la politica estera britannica ad un altro paese senza avere la possibilità remota di avere una reale influenza su di esso ... ", ha aggiunto.
 
L'ex primo ministro scozzese, Alex Salmond, ha detto che "le prove contro Blair si stanno accumulando" e la "il cerchio si sta chiudendo attorno a lui, riporta il Guardian.
 
"La nota contraddice le parole di Blair che sostiene che in tutto quel tempo era stato alla ricerca di modi diplomatici per evitare un'invasione. Si aggiunga anche il peso delle prove fornite da Sir Christopher Meyer, ex ambasciatore britannico negli Stati Uniti - per l'indagine Chilcot - che dimostrano come il calendario militare e la preparazione per l'invasione avevano la precedenza su qualsiasi diplomazia e in particolare sul calendario per gli ispettori guidati da Hans Blix, ", ha detto Salmond.
 
"L'invasione illegale dell'Iraq è stata inequivocabilmente dimostrata essere basata su una frode e un inganno enorme crato da Tony Blair e l'allora governo britannico laburista," ha detto, come citato da Mail.
 
I documenti appena divulgati potrebbero potenzialmente portare a richieste di riaprire l'inchiesta sulle circostanze dell'invasione dell'Iraq, anche se il presidente della commissione d'inchiesta, Sir John Chilcot ha recentemente annunciato che era pronto a pubblicare una relazione finale. Allo stesso tempo, continua adevitare di annunciare una data precisa pubblicazione.
 
Il mese scorso, Chilcot ha detto che si sarebbe consultato con il primo ministro David Cameron al fine di fissare un calendario per la pubblicazione.
 
Nel frattempo, i parenti dei soldati britannici che hanno perso la vita in Iraq minacciano di presentare una denuncia legale se il rapporto non veàà pubblicato entro dicembre, riferisce la BBC.
 
Il Regno Unito ha partecipato alla coalizione guidata dagli Usa che ha invaso l'Iraq nel 2003 senza un mandato delle Nazioni Unite sulla premessa che avrebbero trovato armi di distruzione di massa, anche se tali armi non sono mai state rinvenute. L'invasione e la successiva occupazione sono costate la vita a più di mezzo milione di iracheni solo tra il 2003 e il 2011 e a 179 soldati britannici. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: www.tiempoar.com.ar

Repressione in Argentina, la denuncia del Nobel Pérez Esquivel: «Non possiamo continuare così, ci sono morti e feriti»

«Non possono continuare a reprimere la gente. (Il ministro della sicurezza, Patricia) Bullrich deve essere allontanata. La gendarmeria ha puntato le sue armi contro il popolo. Questo non è democratico, chiediamo che lo Stato di diritto sia rispettato e che i diritti umani siano rispettati»

  La repressione delle proteste contro la riforma delle pensioni di Macri è brutale. Il regime neoliberista...
Notizia del:

Iran: "Lo 'spettacolo' di Haley serve a coprire la complicità Usa nel massacro dei bambini yemeniti"

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha dichiarato che gli Stati Uniti sono complici dei crimini di guerra sauditi nello Yemen. Questo è il commento di Teheran alle accuse di Washington...
Notizia del:

"Deserto rosso". Che faranno i militari italiani in Niger?

di Alessandro Avvisato* Mai fidarsi dei militari e dei governi? Mai! Il 18 maggio scorso così scriveva il Ministero della Difesa: “Il Ministero della Difesa smentisce le notizie relative...
Notizia del:     Fonte: The New York Times

NYT: Gli Stati Uniti accusano l'Iran di violazioni sullo Yemen ma le prove non sono sufficienti

Gli Stati Uniti non hanno mai presentato prove sufficienti sul presunto sostegno dell'Iran al movimento popolare yemenita Ansarollah, dicono gli esperti militari statunitensi, citati da quotidiano, 'The New York Times.

"L'amministrazione (del presidente degli Stati Uniti) Donald Trump ha tentato oggi di afffermare che l'Iran...
Notizia del:     Fonte: SANA

La Siria accusa gli Stati Uniti di trasferire i terroristi in "luoghi sicuri"

La Siria ha denunciato all'ONU il massacro di civili da parte della coalizione internazionale, oltre ad accusare gli Stati Uniti di trasferire i terroristi in "siti sicuri".

Il ministero degli Esteri siriano, in due lettere inviate ieri alle Nazioni Unite (ONU) e al Consiglio di sicurezza...
Notizia del:     Fonte: TASS

"Il Pentagono sulla Siria sta deliberatamente ingannando l'opinione pubblica internazionale e statunitense"

Lo scetticismo espresso dai rappresentanti del Pentagono sul ritiro delle forze russe dalla Siria mostra che gli Stati Uniti non hanno informazioni sulla situazione reale, ha dichiarato il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov.

"Le conclusioni dei rappresentanti del Pentagono sul non ritiro delle forze russe dalla Siria mostrano non...
Notizia del:     Fonte: Xinhua

La Cina sostiene uno Stato palestinese indipendente con capitale Gerusalemme Est

La Cina ha ribadito che difende la creazione di uno Stato indipendente di Palestina secondo i confini del 1967 e con Al-Quds (Gerusalemme) Est come capitale.

"La Cina sostiene la fondazione di uno Stato indipendente di Palestina con una sovranità totale basata...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa