/ Aerei del Qatar pianificati dagli Usa per fornire armi a formazio...

Aerei del Qatar pianificati dagli Usa per fornire armi a formazioni islamiste in Libia e in Siria. La denuncia del NYT

Aerei del Qatar pianificati dagli Usa per fornire armi a formazioni islamiste in Libia e in Siria. La denuncia del NYT
 

"Quel carico non poteva certo essere destinato ai cosiddetti ribelli siriani, ai quali le armi sono state fornite dagli Stati Uniti alla luce del sole". E quindi a chi?

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Su gentile concessione di Piccole Note

«Da anni Washington teme che Ankara e Doha diano armi a formazioni islamiste sia in Libia sia in Siria. Ma a far pensare che gli stessi Stati Uniti li abbiano aiutati a farlo è una serie di voli di aerei da trasporto militare denunciata dal New York Times e oggetto di un’inchiesta dell’Onu».
 
«Il sospetto che quegli aerei trasportassero armi non è finora stato suffragato da prove concrete, ma alcuni dati sono stati accertati. Si sa per esempio che i C-17 utilizzati per la spedizione erano qatarini, che i destinatari dei carichi trasportati erano turchi e che a fornire pianificazione e logistica per quei voli sono stati degli americani. Ma non americani qualsiasi, bensì funzionari di una società che tempo fa è stata chiamata dai media statunitensi “l’agente di viaggio della Cia”. La qual cosa porta ovviamente a dedurre che il carico di quegli aerei non consistesse in beni umanitari». Così Claudio Gatti sul Sole 24Ore del 1 dicembre (I C-17 del Qatar, le coperture di Ankara, l’«agente di viaggio» della Cia e le armi destinate ai ribelli siriani).

 
Nota a margine.
Di indizi del genere in questi anni ne sono emersi tanti, anche troppi. ma quando è il New York Times a fare un’inchiesta simile allora la cosa ha un altro valore. Alla nota ci permettiamo di aggiungere un particolare: quel carico non poteva certo essere destinato ai cosiddetti ribelli siriani, ai quali le armi sono state fornite dagli Stati Uniti alla luce del sole, non certo attraverso canali clandestini.
 
Armi e munizioni che poi regolarmente sono finite nelle mani sbagliate: o perché, attaccati, i cosiddetti moderati le lasciavano ai ribelli meno moderati, o perché gli stessi moderati cambiavano casacca portando con sé armi e bagagli. 
 
Ulteriore spunto: se oggi l’Isis e le altre organizzazioni terroristiche possono continuare a combattere in Siria è perché qualcuno le rifornisce di armi e munizioni. La favola che stanno usando di quanto rubato dagli arsenali di Saddam Hussein e Assad non regge più: avrebbero avuto munizioni per qualche giorno, qualche mese al massimo, non di più. Se si chiudessero questi canali di rifornimento la guerra finirebbe in pochi giorni. Evidentemente qualcuno non vuole.

Fonte: Piccole Note
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Deputato curdo-siriano: "YPG pagherà a caro prezzo l'alleanza con gli Usa"

Le Unità di protezione del popolo curdo, (YPG) nel nord-est della Siria non dovrebbe fare troppo affidamento al sostegno di Washington. Avrebbero fatto meglio ad allearsi con l'esercito siriano e la Russia, ha dichiarato il deputato curdo-siriano Oussi Omar.

"Io non sono per un boicottaggio totale degli Stati Uniti, ma non contate su di loro. Questo è un...
Notizia del:

Colombia, repressa nel sangue manifestazione pacifica campesina: un morto e due feriti gravi

Questa settimana è iniziato in Colombia uno sciopero dei contadini, lavoratori indigeni e rurali che chiedono allo Stato di porre fine al paramilitarismo e altre rivendicazioni sociali sospese...
Notizia del:

John Pilger, "Non disturbate l'America mentre si prepara una nuova guerra"

"Il messaggio nel paese è chiaro “turatevi il naso” e votate per la Clinton. Ma in questo modo, si alimenta il mostro e ci si prepara per un'altra guerra”

Dopo aver “coperto” quattro campagne, John Pilger, il grande giornalista australiano, nel suo...
Notizia del:

In Francia il primo movimento sociale contro l'Unione Europea. Jacques Sapir

Bruxelles e Francoforte cercano d'imporre in Francia quello che hanno già imposto alla Grecia

  La Francia sta attraversando la più grave crisi sociale dal 1995, quando un movimento sociale...
Notizia del:

Le sei multinazionali dei media che "bombardano" gli americani con 10 ore di programmazione quotidiana

  Se si consente a qualcuno di pompare ore e ore di "programmazione" nella nostra mente, ogni singolo giorno, è inevitabile che questi avrà un grande impatto sul nostro...
Notizia del:

Tra le email della Clinton il piano per rovesciare Assad al fine di "aiutare Israele"

Pubblicato da Wkileaks, un documento contenuto nelle email dell'ex Segretario di Stato fornisce dettagli sui motivi che hanno spinto Washington ad "aiutare il popolo siriano a rovesciare...
Notizia del:

Sanzioni alla Siria, rinnovo burocratico ma il petrolio dall'opposizione continueremo a comprarlo

L'ufficio stampa del Consiglio Ue "risponde" per email (all'Antidiplomatico).

  "Confermate le sanzioni "con procedura scritta", e sempre esentando l'opposizione...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa