/ Aerei del Qatar pianificati dagli Usa per fornire armi a formazio...

Aerei del Qatar pianificati dagli Usa per fornire armi a formazioni islamiste in Libia e in Siria. La denuncia del NYT

Aerei del Qatar pianificati dagli Usa per fornire armi a formazioni islamiste in Libia e in Siria. La denuncia del NYT
 

"Quel carico non poteva certo essere destinato ai cosiddetti ribelli siriani, ai quali le armi sono state fornite dagli Stati Uniti alla luce del sole". E quindi a chi?

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Su gentile concessione di Piccole Note

«Da anni Washington teme che Ankara e Doha diano armi a formazioni islamiste sia in Libia sia in Siria. Ma a far pensare che gli stessi Stati Uniti li abbiano aiutati a farlo è una serie di voli di aerei da trasporto militare denunciata dal New York Times e oggetto di un’inchiesta dell’Onu».
 
«Il sospetto che quegli aerei trasportassero armi non è finora stato suffragato da prove concrete, ma alcuni dati sono stati accertati. Si sa per esempio che i C-17 utilizzati per la spedizione erano qatarini, che i destinatari dei carichi trasportati erano turchi e che a fornire pianificazione e logistica per quei voli sono stati degli americani. Ma non americani qualsiasi, bensì funzionari di una società che tempo fa è stata chiamata dai media statunitensi “l’agente di viaggio della Cia”. La qual cosa porta ovviamente a dedurre che il carico di quegli aerei non consistesse in beni umanitari». Così Claudio Gatti sul Sole 24Ore del 1 dicembre (I C-17 del Qatar, le coperture di Ankara, l’«agente di viaggio» della Cia e le armi destinate ai ribelli siriani).

 
Nota a margine.
Di indizi del genere in questi anni ne sono emersi tanti, anche troppi. ma quando è il New York Times a fare un’inchiesta simile allora la cosa ha un altro valore. Alla nota ci permettiamo di aggiungere un particolare: quel carico non poteva certo essere destinato ai cosiddetti ribelli siriani, ai quali le armi sono state fornite dagli Stati Uniti alla luce del sole, non certo attraverso canali clandestini.
 
Armi e munizioni che poi regolarmente sono finite nelle mani sbagliate: o perché, attaccati, i cosiddetti moderati le lasciavano ai ribelli meno moderati, o perché gli stessi moderati cambiavano casacca portando con sé armi e bagagli. 
 
Ulteriore spunto: se oggi l’Isis e le altre organizzazioni terroristiche possono continuare a combattere in Siria è perché qualcuno le rifornisce di armi e munizioni. La favola che stanno usando di quanto rubato dagli arsenali di Saddam Hussein e Assad non regge più: avrebbero avuto munizioni per qualche giorno, qualche mese al massimo, non di più. Se si chiudessero questi canali di rifornimento la guerra finirebbe in pochi giorni. Evidentemente qualcuno non vuole.

Fonte: Piccole Note
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: RT

Vincono Rajoy, Merkel e l'Ibex 35. Perde la Spagna

di Alfredo Serrano Mancilla per RT La destra giovane ha votato per la vecchia destra. Si è manifestata la fedeltà generazionale allo stesso progetto politico. Ciudadanos (C's)...
Notizia del:

Lo storico che nel 2011 aveva previsto la Brexit e questo scenario per l'Europa del sud...

Era il 2011 e Niall Ferguson, il noto storico britannico, in un articolo analisi per il Wall Street Journal aveva previsto la Brexit nell'Europa del 2021.  Come riporta Milano Finanza:...
Notizia del:

Elezioni russe a settembre: Stratfor ("la Cia ombra") parla di uno scenario tipo "Maidan"

Di Fabrizio Poggi* - Contropiano L’ex ras del battaglione neonazista Pravyj Sektor (PS) e attuale leader di “Iniziativa statale Jarosh”, il deputato (!) della Rada suprema Dmitro...
Notizia del:

Aldo Giannulli: "Credetemi, questa sinistra al chachemire è più spregevole della Lega e dell'Ukip"

"Lo confesso, questa sinistra al chachemire, la sinistra delle terrazze romane , ebbene si, mi fa schifo non solo politicamente, ma più ancora moralmente ed umanamente"

Vi riproponiamo, condividendo ogni singola parola, un bellissimo pezzo di Aldo Giannulli che evidenzia tutte...
Notizia del:

Il voto per la Brexit è è stato un atto di pura democrazia. John Pilger

"Un duro colpo a favore della vera pace e democrazia in Europa"

  DI JOHN PILGER*   Il voto di maggioranza dei cittadini britannici per lasciare l'Unione...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

E ci risiamo con le minacce... USA: "L'Iran deve scegliere tra il mercato mondiale e il sostegno a Hezbollah

Gli Stati Uniti insistono che l'Iran deve smettere di sostenere Hezbollah se vuole svolgere un ruolo attivo e positivo nel mercato mondiale. Gli stessi avvertimenti che gli USA fecero alla Siria prima dell'inizio della crisi nel 2011.

"Chiediamo all'Iran di smettere di farlo perché non è nel loro interesse", ha dichiarato...
Notizia del:

Dopo la Brexit, ci sono altre cose che dovremmo abbandonare. Ron Paul

  Il voto del Regno Unito per lasciare l'UE può essere stato uno shock per molti, ma il sentimento che ha portato gli elettori britannici a respingere le regole imposte da Bruxelles...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa