/ Deputato turco: "Il gas sarin in Siria arrivato dalla Turchia. L'...

Deputato turco: "Il gas sarin in Siria arrivato dalla Turchia. L'Isis lo ha usato nel 2013"

Deputato turco: Il gas sarin in Siria arrivato dalla Turchia. L'Isis lo ha usato nel 2013
 

Un procedimento penale in Turchia mostra le prove del transito dalla Turchia alla Siria. In esclusiva a RT Eren Erdem: "Perché nessuno li ha fermati? Ecco perché forse il gas sarin utilizzato in Siria è il risultato di questo."

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
I terroristi dell'Isis in Siria hanno ricevuto tutto il materiale necessario per la produzione di gas sarin mortale grazie alla Turchia. Lo ha affermato il deputato turco Eren Erdem in un'intervista esclusiva a RT.
 
Membro del principale partito di opposizione (CHP), Erdem, ha sollevato la questione in Parlamento la scorsa settimana, citando le testimonianze di un caso penale in un tribunale bruscamente chiuso. Ha accusato, nello specifico, il governo di Ankara di non riuscire a indagare adeguatamente sulle vie di rifornimento dalla Turchia per rifornire i terroristi con il materiale necessario alla costruzione di gas sarin tossici. "Ci sono dati che avvolorano questa accusa. Materiali per la costruzione dell'arma chimica vengono portati in Turchia e poi assemblati in Siria nei campi dell'ISIS", ha detto Erdem a RT.
 
Il Gas Sarin è un prodotto chimico di tipo militare che è stato utilizzato in un attacco famigerato a Ghouta e diversi altri quartieri nei pressi della capitale siriana di Damasco nel 2013. La colpa degli attacchi, in un primo momento, è stata data al governo di Damasco nella fase in cui gli Stati Uniti premevano per un'invasione.  
 
Durante l'intervista, Erdem ha mostrato una copia del numero di procedimento penale 2013/120 che è stato aperto dalla Procura della Repubblica Generale nella città di Adana nel sud della Turchia. Dall'inchiesta è emerso che un certo numero di cittadini turchi ha partecipato a negoziati con lo Stato islamico (IS, ex ISIS / ISIL) per la fornitura di materiale necessario per il gas sarin. Indicando le prove citate nella causa penale, ha sottolineato poi che le conversazioni telefoniche intercettate hanno dimostrato che un militante di al-Qaeda, Hayyam Kasap, ha acquisito il sarin. "Ci sono le prove. Ci sono le registrazioni telefoniche di questa spedizione e si dice 'non preoccuparti per il confine, ci prenderemo cura noi di questo' e la burocrazia è avvisata", ha continuato Erdem.

 

Sulla base delle prove raccolte dall'autorità di Adana sono stati arrestati 13 sospetti nel caso. Ma una settimana dopo, inspiegabilmente, il caso è stato chiuso e tutti i sospetti hanno immediatamente attraversato il confine turco-siriano, ha proseguito. “Una settimana dopo gli arresti, un altro pubblico ministero è stato assegnato al caso, ha impugnato l'atto d'accusa e tutti i detenuti sono stati rilasciati. E hanno lasciato la Turchia attraversando il confine siriano. Le registrazioni telefoniche d'accusa mostrano tutti i dettagli da come la spedizione sarebbe stata fatta e come è stato preparata, dal contenuto dei laboratori alla fonte dei materiali. Quali camion stavano per essere utilizzati, tutte le date, ecc. Dalla A alla Z, tutto è stato discusso e registrato. Nonostante tutte queste prove, i sospetti sono stati rilasciati ", ha detto.

"E la spedizione è avvenuta", ha concluso Erdem. "Perché nessuno li ha fermati? Ecco perché forse il gas sarin utilizzato in Siria è il risultato di questo."
 
Parlando sempre a RT, il deputato turco Erdem ha detto che secondo alcune prove l'industria meccanica e chimica Industry Corporation è coinvolta, con alcune voci non confermate che puntano nella direzione di un governo da coprire e il possibile coinvolgimento del ministro di giustizia Bekir Bozdag. Certo le prove mostrano come Bozdag doveva sapere in anticipo dal produttore di gas sarin quando e se gli islamici avrebbero usato l'arma chimica, sottolinea il deputato turco. "Quando ho letto l'atto d'accusa, ho visto chiaramente che queste persone hanno rapporti con l'industria in questione e non hanno alcuna preoccupazione circa l'attraversamento della frontiera. Per esempio in tabulati telefonici di Hayyam Kasap, si sente lui parlare del gas sarin molte volte, dicendo che gli atelier sono pronti per la produzione, i materiali sono in attesa in camion che sono stati presumibilmente portando soda club ", ha detto RT.
 
Il parlamentare ha detto che ora si sente come se ci fosse una caccia alle streghe contro di lui, dopo aver affrontato il ministro della giustizia in aula. Erdem sostiene poi che l'Occidente ha volutamente accusato il regime di Bashar Assad per gli attacchi dell'agosto 2013 e lo ha usato come parte di il pretesto per rendere l'intervento militare in Siria possibile. Il parlamentare ha detto che le prove in caso di Adana, secondo il suo giudizio, dimostrano che l'IS è responsabile dell'attacco. "Per esempio l'attacco chimico in Ghouta. Ricorda. Si è sostenuto che le forze di Assad fossero dietro. Questo attacco è stato condotto pochi giorni prima dell'operazione sarin in Turchia. Con un'alta probabilità quest'attacco è stato condotto con questi materiali di base forniti attraverso la Turchia. Si diceva che responsabile fosse il governo di Damasco, ma l'indagine mostra come fosse l'ISIS. Ispettori delle Nazioni Unite sono andati nel sito, ma non riuscirono a trovare alcuna prova. In questo atto d'accusa che vi ho mostrato, abbiamo trovato le prove. Sappiamo chi ha usato il gas sarin. Il nostro governo lo sa troppo ", ha detto Erdem che ha anche accusato l'Occidente e l'Europa in particolare per la fornitura di "materiali di base" per creare la potente arma chimica. "Tutti i materiali di base vengono acquistati dall'Europa. Istituzioni occidentali dovrebbero interrogarsi su queste relazioni. Fonti occidentali sanno molto bene chi ha effettuato l'attacco gas sarin in Siria. Sanno chi sono queste persone e ci stanno lavorando insieme. Sanno che queste persone stanno lavorando per Al-Qaeda. Credo che il principale responsabile della situazione sia l'ipocrisia dell'occidente", ha concluso.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Pepe Mujica: "La radicalizzazione di Almagro nell'Osa non è un pericolo solo per il Venezuela ma per tutta l'America Latina"

In un'intervista molto lunga e molto bella (si consiglia la lettura integrale) rilasciata a Caras y Careta, l'ex presidente dell'Uruguay Pepe Mujica ha rilasciato queste parole sulla situazione...
Notizia del:

Caracas. Ammissione shock di una dirigente opposizione: «Se Voluntad Popular potesse, brucerebbe oggi stesso il Venezuela»

Voluntad Popular è il partito il cui leader Leopoldo Lopez è incarcerato per i fatti violenti del 2014

di Fabrizio Verde   «Se potessero bruciare il Venezuela oggi stesso, lo farebbero», crolla...
Notizia del:

Il momento esatto in cui la polizia del regime brasiliano lancia una bomba lacrimogena contro un deputato in un comizio

  Un video di Ronaldo Parra diffuso da Ninja Medios mostra il momento esatto in cui la polizia militare brasiliana ha lanciato una bomba lacrimogena contro il deputato di Rio de Janeiro,...
Notizia del:     Fonte: The Guardian - Turkey Blocks

La Turchia blocca l'accesso a Wikipedia

Un gruppo turco di monitoraggio del web ha riferito che Ankara ha bloccato tutti gli accessi all'interno del paese all'enciclopedia online Wikipedia, una misura che segue l'ondata di repressione del governo contro l'opposizione e il dissenso.

Turkey Blocks, che si definisce un "progetto di trasparenza digitale" indipendente,  in un comunicato,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Yemen, al Qaeda annuncia la sua disponibilità ad unirsi all'Arabia saudita per combattere Ansarollah

Il ramo yemenita del gruppo terroristico al Qaeda ha annunciato al sua disponibilià a combattere a fianco dell'Arabia Saudita contro Ansarollah.

Come riportato dal portale Al-Masdar News, il leader di Al Qaeda nella penisola arabica (AQAP), Qasim al-Raymi,...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Italia «a testa alta» nelle spese per la guerra

  di Manlio Dinucci (il manifesto, 30 aprile 2017)    «L'Italia partecipa a testa alta all'Alleanza Atlantica, nella quale è il quinto maggiore contributore,...
Notizia del:

Capriles contro Papa Francesco: leader dell'opposizione venezuelana rifiuta la richiesta di dialogo del Pontefice

Il leader dell'opposizione venezuelana Henrique Capriles ha rifiutato l'offerta di papa Francisco per riattivare il dialogo con il governo del Presidente Nicolás Maduro. Lo riporta...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa