/ Lo scienziato che nel 1988 lanciò l’allarme sui cambiamenti clima...

Lo scienziato che nel 1988 lanciò l’allarme sui cambiamenti climatici definisce l’accordo sul clima "una frode"

Lo scienziato che nel 1988 lanciò l’allarme sui cambiamenti climatici definisce l’accordo sul clima una frode
 

"Sono parole senza senso, non c’è azione, solo promesse"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

In mezzo a tutte le autocelebrazioni per la firma di uno "storico" accordo sul clima, senza meccanismo di applicazione, pochi sono più qualificati dell'ex scienziato della NASA James Hansen, che come riporta il Guardian, è lo scienziato che nel 1988 lanciò l'allarme sui cambiamenti climatici...per descrivere la farsa assoluta che è l'accordo raggiunto a Parigi, durante la COP21, la Conferenza mondiale sul clima.
 
"Siamo al cospetto di una vera e propria frode, un inganno", ha commentato Hansen. "L’impegno è di contenere il riscaldamento di 2 gradi e poi di cercare di fare un pò meglio ogni 5 anni. Sono parole senza senso, non c’è azione, solo promesse. Fino a che i combustibili fossili saranno quanto di più economico hanno a disposizione, continueranno ad utilizzarli. Solo tassando le emissioni di gas serra si riuscirà a indurre le nazioni ad abbassarle abbastanza velocemente da evitare il disastro"

Hansen è stata una fastidiosa, ma rispettata voce sui cambiamenti climatici da quando è salito alla ribalta nell'estate del 1988.
 
Gli scienziati della Nasa, che stavano analizzando i cambiamenti del clima della Terra a partire dagli anni '70, hanno testimoniato davanti ad una commissione del Congresso che qualcosa chiamato "effetto serra", dove i gas intrappolati vengono rilasciati nell'atmosfera stavano causando il riscaldamento globale con una certezza del 99%.
 
Un articolo del New York Times sulla testimonianza del 1988 include la proposta radicale che ci dovrebbe essere una "forte riduzione nella combustione di carbone, petrolio e altri combustibili fossili che rilasciano anidride carbonica".
 
Dopo di che, le cose si sono complicate per Hansen. Lo scienziato sostiene che la Casa Bianca ha alterato la testimonianza successica resa nel 1989, e che la NASA ha nominato un responsabile dei media che controllava quello che il porfessore diceva alla stampa. 
 
"Gli scienziati sono addestrati per essere obiettivi", dice Hansen. "Non penso che ci dovrebbe essere impedito di parlare delle implicazioni della scienza". 

Lo scienziato, 74 anni, si è ritirato dalla NASA nel 2013 e rimane un professore alla Columbia University. Negli ultimi anni è stato arrestato più volte di fronte alla Casa Bianca per aver protestato contro la pipeline tra Alberta e Texas, insieme con i membri del gruppo 350.org, che richiede di limitare l'estrazione di carbone e petrolio.

Considerato un allarmista da una parte della comunità scientifica, che non vede di buon occhio il suo attivismo, il suo ultimo contributo alla scienza del clima è stato uno studio pubblicato nel mese di luglio, che assicura che l'obiettivo di mantenere l’aumento di temperatura inferiore ai 2 gradi è "troppo pericoloso" e che l'aumento del livello del mare potrebbe mettere a repentaglio la metà delle maggiori città costiere del pianeta, tra cui New York, Miami, Londra e Shanghai. 

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il presidente filippino molla Trump per Putin: «Dalla Russia compreremo gas e armi»

di Eugenio Cipolla L’arrivo alla Casa Bianca di Donald Trump, che con il tempo sembra sempre più essere un’anatra zoppa, e l’ipocrisia dell’Unione Europa, sempre pronta...
Notizia del:

Esplosione a Manchester: 22 morti e 60 feriti. L'Isis rivendica l'attacco

Lunedì sera c’è stata un’esplosione alla Manchester Arena, un palazzetto di Manchester, nel Regno Unito, nel quale si stava tenendo un concerto della popstar americana Ariana...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Iran: "Uguali radici e origine degli attentati terroristici di Manchester e Miryaveh"

L'Iran ha esortato a porre fine al terrorismo, dal momento che questa piaga non varia e ciò che è accaduto a Manchester è lo stesso che accade in Medio Oriente.

"Crediamo fermamente che siano uguali nelle radici e nelle origini ideologiche gli atti terroristici a Miryaveh...
Notizia del:     Fonte: SANA

Il mainstream lo ignora, ma di terrorismo si muore ogni giorno in Siria. Homs, attentato provoca 4 morti e più di 30 feriti

Quattro persone sono state uccise e altre 30 sono rimaste ferite, oggi, a causa dell'esplosione di un pick-up azionata dai terroristi vicino alla centrale elettrica principale nel quartiere al-Zahraa nella città di Homs.

Il reporter dell'agenzia di stampa siriana, SANA, ha riferito che due terroristi hanno fatto esplodere un pick-up...
Notizia del:

I media cinesi esaltano lo smantellamento della rete di spionaggio della CIA in Cina tra il 2010 e il 2012

Il Global Times, pubblicato da Quotidiano del Popolo, scrive in un editoriale nelle sue edizioni cinese e in lingua inglese che se le notizie che la Cina "ha in modo sistematico smantellato operazioni...
Notizia del:

Rohani: " “il problema del terrorismo non si risolve tenendo riunioni e versando denaro nelle tasche delle superpotenze”

Proprio mentre il presidente americano Donald Trump si è recato in visita in Arabia Saudita annunciando il rinnovamento dell’amicizia tra Ryad e Washington, in Iran si è assistito al...
Notizia del:

Alberto Negri - Manchester, centinaia i foreign fighters tornati per uccidere

di Alberto Negri, Il Sole 24 Ore* Se fosse confermata la pista jihadista, questo attentato era tra le tragiche eventualità da mettere in conto. Dopo l'attentato del lupo solitario Khalid...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa