/ Lo scienziato che nel 1988 lanciò l’allarme sui cambiamenti clima...

Lo scienziato che nel 1988 lanciò l’allarme sui cambiamenti climatici definisce l’accordo sul clima "una frode"

Lo scienziato che nel 1988 lanciò l’allarme sui cambiamenti climatici definisce l’accordo sul clima una frode
 

"Sono parole senza senso, non c’è azione, solo promesse"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

In mezzo a tutte le autocelebrazioni per la firma di uno "storico" accordo sul clima, senza meccanismo di applicazione, pochi sono più qualificati dell'ex scienziato della NASA James Hansen, che come riporta il Guardian, è lo scienziato che nel 1988 lanciò l'allarme sui cambiamenti climatici...per descrivere la farsa assoluta che è l'accordo raggiunto a Parigi, durante la COP21, la Conferenza mondiale sul clima.
 
"Siamo al cospetto di una vera e propria frode, un inganno", ha commentato Hansen. "L’impegno è di contenere il riscaldamento di 2 gradi e poi di cercare di fare un pò meglio ogni 5 anni. Sono parole senza senso, non c’è azione, solo promesse. Fino a che i combustibili fossili saranno quanto di più economico hanno a disposizione, continueranno ad utilizzarli. Solo tassando le emissioni di gas serra si riuscirà a indurre le nazioni ad abbassarle abbastanza velocemente da evitare il disastro"

Hansen è stata una fastidiosa, ma rispettata voce sui cambiamenti climatici da quando è salito alla ribalta nell'estate del 1988.
 
Gli scienziati della Nasa, che stavano analizzando i cambiamenti del clima della Terra a partire dagli anni '70, hanno testimoniato davanti ad una commissione del Congresso che qualcosa chiamato "effetto serra", dove i gas intrappolati vengono rilasciati nell'atmosfera stavano causando il riscaldamento globale con una certezza del 99%.
 
Un articolo del New York Times sulla testimonianza del 1988 include la proposta radicale che ci dovrebbe essere una "forte riduzione nella combustione di carbone, petrolio e altri combustibili fossili che rilasciano anidride carbonica".
 
Dopo di che, le cose si sono complicate per Hansen. Lo scienziato sostiene che la Casa Bianca ha alterato la testimonianza successica resa nel 1989, e che la NASA ha nominato un responsabile dei media che controllava quello che il porfessore diceva alla stampa. 
 
"Gli scienziati sono addestrati per essere obiettivi", dice Hansen. "Non penso che ci dovrebbe essere impedito di parlare delle implicazioni della scienza". 

Lo scienziato, 74 anni, si è ritirato dalla NASA nel 2013 e rimane un professore alla Columbia University. Negli ultimi anni è stato arrestato più volte di fronte alla Casa Bianca per aver protestato contro la pipeline tra Alberta e Texas, insieme con i membri del gruppo 350.org, che richiede di limitare l'estrazione di carbone e petrolio.

Considerato un allarmista da una parte della comunità scientifica, che non vede di buon occhio il suo attivismo, il suo ultimo contributo alla scienza del clima è stato uno studio pubblicato nel mese di luglio, che assicura che l'obiettivo di mantenere l’aumento di temperatura inferiore ai 2 gradi è "troppo pericoloso" e che l'aumento del livello del mare potrebbe mettere a repentaglio la metà delle maggiori città costiere del pianeta, tra cui New York, Miami, Londra e Shanghai. 

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Partito comunista siriano unificato: "Giù le mani dal nostro paese"

Nel gruppo degli aggressori, dobbiamo elencare, oltre a Europa e Stati uniti, Arabia saudita, Qatar, Turchia, Israele, Bahrein e altri stati reazionari, colonialisti e sionisti. E naturalmente tutte le fazioni terroriste armate, al lavoro contro la popolazione e le infrastrutture del paese. La cosiddetta “opposizione” che ha appoggiato l’attacco statunitense contro la Siria fa parte della categoria di chi vende la patria per i dollari e i rial.

  Comunicato del Partito comunista siriano unificato Dal giornale elettronico “Nur” Traduzione...
Notizia del:

25 aprile. Un corteo di popolo celebra il 25 Aprile, senza il Pd e l’arroganza dei sionisti

di Sergio Cararo* - Direttore di Contropiano Un corteo di popolo, lungo, affollato, partecipato oltre ogni aspettativa. E tra la gente circola una battuta al vetriolo: “Come si è saputo...
Notizia del:

Maggio 2013, Del Grande e Radio 3: i terroristi in Siria (Al Nusra) "sono il numero 1 dell'onestà."

Del Grande ha confezionato una serie “Syria Calling, voci dalla guerra”, trasmessa su Radio 3 dal 27 al 31 maggio 2013. Si racconta la rivoluzione siriana. Poi per chiudere in bellezza, nell’ultima puntata viene riportata la testimonianza di un generale dell’Esercito Siriano Libero che tesse le lodi dell’organizzazione terroristica Al Nusra, perché “sono il numero 1 dell’onestà, non hanno mai rubato nulla. Apprezzo il loro modo di trattare i civili”.

  Dopo essere stato rilasciato dalle autorità turche, rientra in Italia Gabriele Del Grande. Un...
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Notizia del:

Abbiano almeno il pudore di tacere, certi antifascisti a corrente alternata! 

di Mauro Gemma In Ucraina i nazisti sono al potere, con il sostegno anche del governo PD. Là si incarcera, si tortura e anche si uccide chi la pensa diversamente. Si mettono fuori legge partiti...
Notizia del:

Novaja Gazeta contro Ramzan Kadyrov

di Fabrizio Poggi Un po' di cronistoria. Lo scorso 1 aprile Novaja Gazeta scriveva di “arresti in massa e crudeltà in Cecenia nei confronti di persone sospettate di orientamenti sessuali...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Perché l'OPCW non indaga sugli attacchi chimici in Siria?

La Russia definisce 'insolita' la decisione dell'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPCW) di non indagare sui presunti attacchi chimici in Siria.

"È insolito perché la decisione non prevede altro che un'indipendente, imparziale e trasparente...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa