/ Premio Pulitzer: "all'insaputa di Obama, il Pentagono ha fornito ...

Premio Pulitzer: "all'insaputa di Obama, il Pentagono ha fornito intelligence ad Assad per non lasciare la Siria ai terroristi"

Premio Pulitzer: all'insaputa di Obama, il Pentagono ha fornito intelligence ad Assad per non lasciare la Siria ai terroristi
 

Seymour Hersh: "Per combattere il nemico comune di Jabhat al-Nusra e dello Stato islamico, l'intelligence statunitense ha fornito inteligence miitare a Assad attrverso terze parti, come la Germania, Israele e Russia"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Il Joint Chiefs of Staff (JCS) - l'organo che riunisce i maggiori gradi dell'esercito statunitense e che consiglia Dipartimendo di Difesa,  l'Homeland Security Councilis, la Nsa e il Presidente degli Stati Uniti sulle questioni militari - sta indirettamente aiutando l'intelligence militare siriana contro i terroristi islamici, nel timore che il programma dell'amministrazione Obama per cacciare il presidente Bashar Assad  possa generare il caos totale in Siria.
 
Una nuova inchiesta sulla London Review of Books dal famoso giornalista americano e premio Pulitzer, Seymour Hersh, espone il divario esistente oggi all'interno del regime degli Stati Uniti tra i leader militari ed i politici della Casa Bianca, quando si tratta di trattare con gli estremisti islamici in Siria e in Iraq.
 
Il Pentagono non è entusiasta di Obama, afferma Hersh. "Assad deve andare” si ripete, ma quando in realtà si fornisce indirettamente a Damasco l'intelligence sui jihadisti. Lo ha dichiarato un ex consigliere del Joint Chiefs of Staff a Hersh.
 
Nell'estate del 2013, un rapporto altamente secretato preparato dalla Defense Intelligence Agency (DIA) e il JCS  ha valutato che spodestare il presidente Assad avrebbe creato il caos nel paese e lo avrebbe consegnato ai terroristi.
 
Subito dopo l'assassinio di forte libico Muammar Gheddafi, la CIA aveva iniziato a far affluire le armi libiche in Siria attraverso la Turchia, scrive Hersh. Sono state consegnate a chi voleva spodestare Assad, tra cui Jabhat al-Nusra e lo Stato islamico. I cosiddetti ribelli "moderati" erano evaporati e il "Free Syrian Army era un gruppetto che stazionava in una base aerea in Turchia", ha detto la fonte del giornalista. 
 
La valutazione dell'esercito americano era quindi realistica, dato che l'opposizione “moderata” ad Assad, quella per intenderci che l'Italia di Renzi e Gentiloni considera il suo punto di riferimento per la Siria, è un mito e gli Stati Uniti stavano armando estremisti islamici.
 
L'ex capo della DIA, il tenente generale Michael Flynn, ha ricordato il rapporto in questione, dichiarando che ha ottenuto enorme “pushback" da parte dell'amministrazione Obama, che "non ha voluto sentire la verità."
 
"Se il pubblico americano avesse visto l'intelligence che stavamo producendo ogni giorno, al livello più sensibile, sarebbe rimasti scioccato", ha detto Flynn. "Il JCS ha chiaramente detto che Assad non doveva essere sostituito dai fondamentalisti", ha ricordato l'ex consigliere JCS a Hersh.
 
Date le circostanze, l'esercito americano si rese conto che una sfida diretta per la politica di Obama era destinata al fallimento e il generale Martin Dempsey, presumibilmente, decise di opporsi agli estremisti, senza l'utilizzo di "canali politici."
 
Per combattere il nemico comune di Jabhat al-Nusra e lo Stato islamico, l'intelligence statunitense ha fornito inteligence miitare attrverso terze parti, come la Germania, Israele e Russia. "Era chiaro che Assad aveva bisogno di una migliore intelligence e consigli operativi", ha detto l'ex consigliere JCS a Hersh, notando, che "Obama non lo sapeva. Obama non sa cosa fa la JCS in ogni circostanza e questo è vero per tutti i presidenti ".
 
Il consulente ha sottolineato che non c'era alcun contatto diretto tra il governo degli Stati Uniti e l'esercito siriano. "E 'stato uno scambio tra militari e non una sorta di sinistra trama del Joint Chiefs' contro Obama per sostenere Assad", ha detto la fonte. "Se Assad resta ancora al potere ... è perché è stato abbastanza intelligente da utilizzare l'intelligence e i consigli tattici che abbiamo fornito agli altri".
 
Con la piena conoscenza dell'intelligence siriana, l'ambasciata Usa in Siria, aveva speso milioni di dollari per un lungo periodo per il finanziamento dei ribelli che miravano a destabilizzare il paese. Questi sforzi hanno avuto luogo mentre il presidente Bashar Assad stava cercando di stabilire relazioni amichevoli con Washington.
 
“Dopo l'attacco alle Torri Gemelle, Bashar Assad è stato, per anni, estremamente utile per noi mentre, a mio avviso, siamo stati grossolani in cambio, e goffi nel nostro uso dell'oro che ci ha dato", un consulente di lunga data per l'intelligence degli Stati Uniti ha detto Hersh.
 
Nel 2002, Assad aveva consegnato una grande quantità di informazioni sulle attività dei Fratelli Musulmani in Siria e in Germania. Nello stesso anno, i servizi segreti siriani avevano sventato un attacco di Al Qaeda alla Quinta Flotta Usa in Bahrain. Hersh sostiene addirittura che una prigione di Damasco è stata usata dalla Cia per torturare i sospetti terroristi tenuti prigionieri, come stava accadendo in altri paesi coinvolti nel loro programma segreto di “rendition”.
 
Tuttavia, nonostante il generoso sostegno di Assad, l'atteggiamento della Casa Bianca verso il leader siriano è rimasto negativo. Il giornalista americano sostiene che, in cambio della condivisione dell'intelligence a disposizione del Joint Chiefs, Damasco doveva accettare quattro condizioni: frenare gli Hezbollah dall'attaccare Israele; rinnovare il dialogo con Israele sulle alture del Golan; accettare "consiglieri militari al di fuori della Russia" e Iran, e la promessa di tenere elezioni libere dopo la guerra. Una fonte di Mosca ha detto a Hersh che gli israeliani rifiutarono di discutere la questione delle Alture del Golan, dicendo: "Assad è finito"
 
Seymour M. Hersh scrive poi che il tentativo delle forze armate Usa nell'aiutare Damasco con intelligence è stato minato dalle azioni di Arabia Saudita, Qatar e Turchia. Questi paesi hanno armato gli estremisti islamici con armi moderne, che hanno permesso loro di avere il sopravvento e sottomettere l'esercito siriano, provocando enormi perdite territoriali entro il 2013.
 
Mentre i sauditi erano disposti al negoziato, il governo turco e il presidente Recep Tayyip Erdogan stavano giocando un altro gioco. Dopo aver sostenuto Jabhat al-Nusra per anni, il consigliere JCS ha detto che il governo Erdogan stava "ora facendo lo stesso per lo Stato islamico", al fine di rompere l'equilibrio in Medio Oriente. Il governo turco ha rifiutato di fermare il flusso di jihadisti stranieri che attraversano la Turchia perché il presidente Erdogan "sta sognando in grande, di restaurare l'impero ottomano. E lui non si rese conto fino a che punto poteva avere successo in questo".
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Tass

Lavrov: "Senza separare i terroristi dall'opposizione siriana non sarà possibile regolare il conflitto"

I ministri degli esteri di Russia e Stati Uniti hanno rilasciato delle dichiarazioni dopo il summit per discutere principalmente sulle questioni relative al coordinamento delle azioni per combattere il terrorismo in Siria.

Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il Segretario di Stato nordamericano, John Kerry, hanno partecipato...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Cresce la presenza militare di Israele in Honduras in vista delle elezioni

Un progetto di legge inviato al Parlamento dell'Honduras chiede l'approvazione un accordo di sostegno militare tra la nazione centroamericana e Israele.

Con l'entrata in vigore dell'accordo crescerà la presenza militare di Israele e Colombia in Honduras.   Gli...
Notizia del:     Fonte: Press.tv

Comandante iracheno: Gli USA ci danno false informazioni sull'ISIS

Un comandante delle forze popolari, ha affermato che gli Stati Uniti hanno dato false informazioni false alle forze irachene nella lotta contro il gruppo terroristico ISIS, Daesh in arabo.

"I funzionari degli Stati Uniti, che coordinano le operazioni dell'esercito iracheno contro i terroristi,...
Notizia del:

Il Vice Presidente degli USA, John Biden ammette che c'è stata copertura aerea nordamericana all'invasione turca in Siria.

Nel corso di una conferenza stampa con Erdogan, ieri, ad Ankara, il vicepresidente degli USA, Biden, ha ammesso che c'è stata la copertura aerea statunitense all'invasione turca in territorio siriano. Ed ha ribadito che il suo supporto per la Turchia è "assoluto e incrollabile".

Chi già vedeva Erdogan come un paladino dell'antimperialismo è presto servito. In questi giorni...
Notizia del:     Fonte: Maan

Il prigioniero palestinese, Bilal Kayed, vince la sua battaglia contro Israele dopo 71 giorni di sciopero della fame

Il prigioniero palestinese Bilal Kayed ha concluso, ieri, lo sciopero della fame dopo 71 giorni per protestare contro la sua detenzione amministrativa nelle carceri israeliane.

Il prigioniero palestinese ha raggiunto un accordo con le autorità israeliane circa la fine della sua detenzione...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Altri 10 carri armati turchi entrano in territorio siriano. Protesta della Siria: "La Turchia come può combattere l'ISIS se ha favorito la sua creazione?"

La Turchia ha inviato 10 carri armati in Siria, un giorno dopo la sua offensiva contro l'ISIS (Daesh, in arabo), nella città siriana di Jarabulus.

Un convoglio di 10 carri armati dell'esercito turco, ambulanze e attrezzature pesanti ha attraversato il confine...
Notizia del:     Fonte: celag.org

Crescita, occupazione ed equità di fronte al falso mito dell'indipendenza delle banche centrali

Proponiamo la traduzione di questo articolo di Alejandro Vanoli, economista e già presidente della Banca Centrale della Repubblica Argentina, che spiega quanto errato e deleterio sia il ruolo delle banche centrali nei regimi neoliberisti

di Alejandro Vanoli per Celag   Le banche centrali hanno la loro origine in banche private che avevano...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa