/ E-mail di Hilary Clinton rilevano il vero motivo dell'intervento ...

E-mail di Hilary Clinton rilevano il vero motivo dell'intervento della Nato in Libia

E-mail di Hilary Clinton rilevano il vero motivo dell'intervento della Nato in Libia
 

L’obiettivo reale era eliminare, annullare l’influenza di Gheddafi nell’Africa francofona. La lotta per l'emancipazione dell'Africa dal franco è stata fatale

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha recentemente rivelato una serie di messaggi di posta elettronica del 2011 della candidata alla presidenza Hillary Clinton, che chiariscono una volta per tutti i veri motivi dietro l'aggressione della Nato contro la Libia del 2011. 
 
Sono quasi 3.000 le conversazioni che il Dipartimento di Stato ha reso pubbliche su ordine di un tribunale. Secondo quanto riporta il Foreign Policy, una email inviata il 2 aprile 2011 dal funzionario Sidney Blumenthal (stretto collaboratore prima di Bill Clinton e poi di Hillary) a Hillary Clinton, dall’eloquente titolo “France’s client & Qaddafi’s gold”, racconta i retroscena dell’intervento franco-inglese e rivela chiaramente i fini del presidente francese Nicolas Sarkozy in Libia: ottenere il petrolio, riaffermare la potenza militare francese e evitare l'influenza di Gheddafi nelll'Africa "francofona". 
 
La posta in gioco, l’obiettivo reale era eliminare, annullare l’influenza di Gheddafi nell’Africa francofona dal momento che lo stesso Gheddafi aveva lo scopo di sostituire il FRANC CFA, una valuta utilizzata da 14 ex colonie francesi (creata nel 1945) che comportava una serie di obblighi nei confronti del tesoro francese.
 
La parte più sbalorditiva scrive anche il sito Infowars che riporta la notizia, è il lungo resoconto sull’enorme minaccia che l’oro e l’argento, contenuti nelle riserve di Gheddafi (stimate in 143 tonnellate di oro e altrettanti di argento) potrebbero portare alla valuta Franc CFA in circolazione come moneta africana nell’africa francofona.
 
Questa riserva di oro è stata accumulata da Gheddafi prima della guerra civile in Libia del 2011, ed era destinata ad essere utilizzata per instaurare una valuta panafricana basata sul dinaro libico d’oro.

Questo piano era stato concepito per fornire ai paesi francofoni un’alternartiva al CFA e quindi una sostanziale indipendenza dal tesoro francese.

..... 
 
Riguardate questo video in cui il Comandante Chavez anticipava tutto quello che si è rivelato come la verità, con il chiaro riferimento ai sette miliardi di riserve in oro e argento in possesso di Tripoli.

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

"Non posso servire in buona fede Trump". Alto dirigente della CIA si dimette con una lettera al WP

  Edward Price ha lavorato alla Cia dal 2006 fino a questo mese. Ultimo, importante, incarico: portavoce del  National Security Council. In una lettera pubblicata da  The Washington Post, ha...
Notizia del:

Bastabufale. L'appello della Boldrini è un flop, ma il Ministero della Verità si avvicina...

“14.000 firme” esulta Laura Boldrini per il suo appello in circa dieci giorni. BastaBufale   Nonostante la campagna mediatica, il numero sembra quello di un flop. Anche perché...
Notizia del:

Russia: "I tentativi occidentali di frenare il nuovo ordine mondiale portano all'anarchia"

  Il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu ha dichiarato che i tentativi occidentali "di frenare il nuovo ordine mondiale portano all'anarchia". Lo riporta Ria Novosti, sottolineando...
Notizia del:

I media aziendali sono più inutili che mai

  Invece di concentrare la loro energia giornalistica sull'insicurezza economica che affligge tanti cittadini americani, i media corporativi sono completamente ossessionati dalle teorie della...
Notizia del:     Fonte: kp.ru

Cosa potrebbe accadere se Trump attaccasse l'Iran?

Esperti e analisti hanno analizzato le possibili conseguenze di un attacco degli USA all'Iran.

Dopo l'insediamento alla Casa Bianca, Donald Trump, ha descritto l'Iran come lo "stato numero del...
Notizia del:     Fonte: http://vocidallestero.it/

Washington Post: l'austerita' un disastro peggiore del previsto

L’euro è stato uno strumento letale che ha trasformato la recessione in depressione economica

  di Matt O’Brien - vocidallestero.it Ci prendiamo ora una pausa dai soliti scandali come da programma,...
Notizia del:     Fonte: RT

Muore per infarto l'ambasciatore russo presso l'Onu

L'ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vitaly Churkin, è morto a causa di un attacco cardiaco. Lo ha reso noto il ministero degli Esteri russo. Churkin martedì avrebbe compiuto 65 anni

  Il Ministero degli Esteri della Federazione Russa ha annunciato la morte di Vitaly Churkin, politico e...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa