/ E-mail di Hilary Clinton rilevano il vero motivo dell'intervento ...

E-mail di Hilary Clinton rilevano il vero motivo dell'intervento della Nato in Libia

E-mail di Hilary Clinton rilevano il vero motivo dell'intervento della Nato in Libia
 

L’obiettivo reale era eliminare, annullare l’influenza di Gheddafi nell’Africa francofona. La lotta per l'emancipazione dell'Africa dal franco è stata fatale

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha recentemente rivelato una serie di messaggi di posta elettronica del 2011 della candidata alla presidenza Hillary Clinton, che chiariscono una volta per tutti i veri motivi dietro l'aggressione della Nato contro la Libia del 2011. 
 
Sono quasi 3.000 le conversazioni che il Dipartimento di Stato ha reso pubbliche su ordine di un tribunale. Secondo quanto riporta il Foreign Policy, una email inviata il 2 aprile 2011 dal funzionario Sidney Blumenthal (stretto collaboratore prima di Bill Clinton e poi di Hillary) a Hillary Clinton, dall’eloquente titolo “France’s client & Qaddafi’s gold”, racconta i retroscena dell’intervento franco-inglese e rivela chiaramente i fini del presidente francese Nicolas Sarkozy in Libia: ottenere il petrolio, riaffermare la potenza militare francese e evitare l'influenza di Gheddafi nelll'Africa "francofona". 
 
La posta in gioco, l’obiettivo reale era eliminare, annullare l’influenza di Gheddafi nell’Africa francofona dal momento che lo stesso Gheddafi aveva lo scopo di sostituire il FRANC CFA, una valuta utilizzata da 14 ex colonie francesi (creata nel 1945) che comportava una serie di obblighi nei confronti del tesoro francese.
 
La parte più sbalorditiva scrive anche il sito Infowars che riporta la notizia, è il lungo resoconto sull’enorme minaccia che l’oro e l’argento, contenuti nelle riserve di Gheddafi (stimate in 143 tonnellate di oro e altrettanti di argento) potrebbero portare alla valuta Franc CFA in circolazione come moneta africana nell’africa francofona.
 
Questa riserva di oro è stata accumulata da Gheddafi prima della guerra civile in Libia del 2011, ed era destinata ad essere utilizzata per instaurare una valuta panafricana basata sul dinaro libico d’oro.

Questo piano era stato concepito per fornire ai paesi francofoni un’alternartiva al CFA e quindi una sostanziale indipendenza dal tesoro francese.

..... 
 
Riguardate questo video in cui il Comandante Chavez anticipava tutto quello che si è rivelato come la verità, con il chiaro riferimento ai sette miliardi di riserve in oro e argento in possesso di Tripoli.

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Tass

Lavrov: "Senza separare i terroristi dall'opposizione siriana non sarà possibile regolare il conflitto"

I ministri degli esteri di Russia e Stati Uniti hanno rilasciato delle dichiarazioni dopo il summit per discutere principalmente sulle questioni relative al coordinamento delle azioni per combattere il terrorismo in Siria.

Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il Segretario di Stato nordamericano, John Kerry, hanno partecipato...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Cresce la presenza militare di Israele in Honduras in vista delle elezioni

Un progetto di legge inviato al Parlamento dell'Honduras chiede l'approvazione un accordo di sostegno militare tra la nazione centroamericana e Israele.

Con l'entrata in vigore dell'accordo crescerà la presenza militare di Israele e Colombia in Honduras.   Gli...
Notizia del:     Fonte: Press.tv

Comandante iracheno: Gli USA ci danno false informazioni sull'ISIS

Un comandante delle forze popolari, ha affermato che gli Stati Uniti hanno dato false informazioni false alle forze irachene nella lotta contro il gruppo terroristico ISIS, Daesh in arabo.

"I funzionari degli Stati Uniti, che coordinano le operazioni dell'esercito iracheno contro i terroristi,...
Notizia del:

Il Vice Presidente degli USA, John Biden ammette che c'è stata copertura aerea nordamericana all'invasione turca in Siria.

Nel corso di una conferenza stampa con Erdogan, ieri, ad Ankara, il vicepresidente degli USA, Biden, ha ammesso che c'è stata la copertura aerea statunitense all'invasione turca in territorio siriano. Ed ha ribadito che il suo supporto per la Turchia è "assoluto e incrollabile".

Chi già vedeva Erdogan come un paladino dell'antimperialismo è presto servito. In questi giorni...
Notizia del:     Fonte: Maan

Il prigioniero palestinese, Bilal Kayed, vince la sua battaglia contro Israele dopo 71 giorni di sciopero della fame

Il prigioniero palestinese Bilal Kayed ha concluso, ieri, lo sciopero della fame dopo 71 giorni per protestare contro la sua detenzione amministrativa nelle carceri israeliane.

Il prigioniero palestinese ha raggiunto un accordo con le autorità israeliane circa la fine della sua detenzione...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Altri 10 carri armati turchi entrano in territorio siriano. Protesta della Siria: "La Turchia come può combattere l'ISIS se ha favorito la sua creazione?"

La Turchia ha inviato 10 carri armati in Siria, un giorno dopo la sua offensiva contro l'ISIS (Daesh, in arabo), nella città siriana di Jarabulus.

Un convoglio di 10 carri armati dell'esercito turco, ambulanze e attrezzature pesanti ha attraversato il confine...
Notizia del:     Fonte: celag.org

Crescita, occupazione ed equità di fronte al falso mito dell'indipendenza delle banche centrali

Proponiamo la traduzione di questo articolo di Alejandro Vanoli, economista e già presidente della Banca Centrale della Repubblica Argentina, che spiega quanto errato e deleterio sia il ruolo delle banche centrali nei regimi neoliberisti

di Alejandro Vanoli per Celag   Le banche centrali hanno la loro origine in banche private che avevano...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa