/ Il crollo del prezzo del petrolio potrebbe portare un terzo delle...

Il crollo del prezzo del petrolio potrebbe portare un terzo delle aziende statunitensi del settore al fallimento

Il crollo del prezzo del petrolio potrebbe portare un terzo delle aziende statunitensi del settore al fallimento
 

Più di 30 piccole imprese hanno già presentato istanza di fallimento

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il prezzo del petrolio è sceso del 5% lunedi, assestandosi sotto i 30 dolalri e avvicinando sempre più lo spettro del fallimento per una parte significativa dell'industria petrolifera statunitense, riporta Market Watch.
 
Fino ad un terzo dei produttori di petrolio e di gas degli Stati Uniti potrebbero andare in bancarotta, secondo il Wall Street Journal. Tuttavia, la sopravvivenza sarebbe possibile per alcuni se il petrolio recuperasse almeno quota 50 dollari al barile, dicono gli analisti.
 
Più di 30 piccole imprese che devono complessivamente 13 miliardi hanno già presentato istanza di fallimento, secondo lo studio legale Haynes e Boone.
 
Inoltre, il prezzo del petrolio Brent è sceso in maniera significativa a seguito del crollo del mercato azionario in Cina, il notevole indebolimento dello yuan e l'aumento delle scorte di petrolio negli Stati Uniti, riporta RIA Novosti. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Maan

Il prigioniero palestinese, Bilal Kayed, vince la sua battaglia contro Israele dopo 71 giorni di sciopero della fame

Il prigioniero palestinese Bilal Kayed ha concluso, ieri, lo sciopero della fame dopo 71 giorni per protestare contro la sua detenzione amministrativa nelle carceri israeliane.

Il prigioniero palestinese ha raggiunto un accordo con le autorità israeliane circa la fine della sua detenzione...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Altri 10 carri armati turchi entrano in territorio siriano. Protesta della Siria: "La Turchia come può combattere l'ISIS se ha favorito la sua creazione?"

La Turchia ha inviato 10 carri armati in Siria, un giorno dopo la sua offensiva contro l'ISIS (Daesh, in arabo), nella città siriana di Jarabulus.

Un convoglio di 10 carri armati dell'esercito turco, ambulanze e attrezzature pesanti ha attraversato il confine...
Notizia del:     Fonte: celag.org

Crescita, occupazione ed equità di fronte al falso mito dell'indipendenza delle banche centrali

Proponiamo la traduzione di questo articolo di Alejandro Vanoli, economista e già presidente della Banca Centrale della Repubblica Argentina, che spiega quanto errato e deleterio sia il ruolo delle banche centrali nei regimi neoliberisti

di Alejandro Vanoli per Celag   Le banche centrali hanno la loro origine in banche private che avevano...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

"La Russia continua ad utilizzare la base iraniana per attaccare i terroristi"

Il Presidente del Parlamento iraniano, Ali Larijani, ha dichiarato, oggi, che gli aerei russi stanno ancora utilizzando la base iraniana Noyé per attaccare i terroristi in Siria.

Larijani ha riferito, confutando il Ministero della Difesa della Russia, che anche i bombardieri strategici russi...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Gli attacchi della coalizione guidata degli Stati Uniti hanno causato danni per 2 miliardi di dollari alla Siria

L'industria del petrolio e del gas in Siria ha subito ingenti danni in seguito ai bombardamenti della coalizione guidata dagli Stati Uniti.

Gli attacchi della coalizione guidata dagli Stati Uniti, il cui scopo ufficiale è quello di combattere l'ISIS,...
Notizia del:

Assange: Clinton e Trump sono un disastro per tutti

Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, ritiene che l'elezione a Presidente degli Stati Uniti di Hillary Clinton o Donald Trump sarebbe un disastro per gli USA e per il resto del mondo.

"Entrambi i candidati (per la Casa Bianca), lei e Donald Trump, sono un disastro sia per il loro paese che...
Notizia del:

Ministero della Difesa iraniano: "La Russia utilizzerà la nostra base per tutto il tempo necessario"

Il Ministero della Difesa iraniano ha annunciato che la Russia può utilizzare la base iraniana di Hamdan per le operazioni contro i terroristi in Siria per tutto il tempo necessario. Si valuta, inoltre, la concessione di altre basi iraniane alla Russia.

"Gli aerei russi useranno la base militare Hamadan per attaccare lo Stato Islamico tutto il tempo necessario",...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa