/ Ministro della Difesa Israele, Yaalon: "L'Iran è il nemico e non ...

Ministro della Difesa Israele, Yaalon: "L'Iran è il nemico e non l'ISIS. Preferisco vedere che l''Isis governi la Siria."

Ministro della Difesa Israele, Yaalon: L'Iran è il nemico e non l'ISIS. Preferisco vedere che l''Isis governi la Siria.
 

Durante una conferenza sulla Sicurezza Nazionale, a Tel Aviv, il ministro della difesa israeliano, Moshe Yaalon, ha dichiarato: "Io preferisco l'ISIS all'Iran e non creda che l'ISIS sia una minaccia per Israele. Ed ha aggiunto: "l'Iran sarà sempre il principale nemico."

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Le dichiarazioni di Yaalon sono coerenti con la politica israeliana verso la Siria, dove Israele ha sostenuto, più o meno discretamente, i gruppi terroristici, fornendo l'assistenza medica ai membri di al Qaida, ed attaccando le postazioni siriane e quelle di Hezbollah.
 
Yaalon ritiene che l'ISIS finirà per essere sconfitto, ma ha detto che preferirebbe vedere questo gruppo terrorista governare la Siria dove c'è un "governo filo-iraniano" al potere.
 
 
Questa non è la prima dichiarazione di Yaalon, dove non ritiene l'ISIS un pericolo per Israele. "L'ISIS è un fenomeno nuovo, che è nato in Al Qaida. Non è una minaccia per noi", dichiarò al  Washington Post nel 2014.
 
L'ISIS, da parte sua, ha sempre agito nei paesi arabi e musulmani e non ha mai fatto nulla contro Israele.
 
Settarismo
 
D'altra parte, il ministro israeliano ha inoltre ribadito che la politica dello stato sionista sta ancora cercando di promuovere il settarismo e le differenze tra musulmani sunniti e sciiti. Ha predetto, in questo senso, un "scontro di civiltà" tra Israele e "il mondo sciita", aggiungendo che Israele dovrebbe cercare una "partnership" con "i sunniti" contro l&# 39;Iran e gli sciiti.
 
"L'Iran costruirà la bomba velocemente"
 
Israele ha cercato senza successo di sabotare il recente accordo firmato da Iran e il gruppo 5 + 1, che è entrato in vigore sabato scorso. In questo senso, Yaalon ha insistito con la retorica israeliana familiare delle "scadenze".
 
"Se l'Iran si sente finanziariamente sicuro, è in grado di produrre e produrrà una bomba nucleare in maniera ancora più veloce", ha spiegato.
 
"Gli attacchi degli Stati Uniti, non quelli della Russia, sono efficaci contro l'ISIS in Siria"
 
Inoltre, Yaalon ha dato un'altra prova di quanto sia lontano dalla verità, parlando di scarsa efficacia degli attacchi russi in Siria contro l'ISIS,  preferendo, invece, dare credito ai colpi subiti dall'ISIS in Iraq da parte degli Stati Uniti. A tal proposito ha detto: "l'esercito russo non raggiunge i suoi obiettivi in ​​Siria".
 
"Ci sono progressi nella lotta contro l'ISis grazie alla coalizione guidata dagli Stati Uniti", ha affermato il ministro della difesa israeliano, senza specificare quali "successi" Washington è riuscita ad ottenere in più di un anno dalla inizio della loro campagna contro l'ISIS.
 
Yaalon ha anche espresso il suo sostegno ad un intervento degli Stati Uniti in Siria per "rafforzare le forze locali, come i curdi, con gli "stivali sul terreno".
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: AFP

Yemen, attacco della coalizione saudita su un hotel provoca 35 morti

Un altro terribile massacro dell'Arabia saudita compiuto nello Yemen con l'appoggio di USA e Gran Bretagna ha provocato la morte di più di 30 persone nei pressi di Sanaa.

Un nuovo bombardamento della coalizione guidata dall'Arabia Saudita ha colpito un albergo vicino alla capitale...
Notizia del:     Fonte: rupty

Raqqa, la denuncia dei civili: La Coalizione "ha bombardato deliberatamente" quando c'erano bambini nelle strade

I sopravvissuti agli attacchi della coalizione guidati dagli Stati Uniti segnalano che gli aerei hanno usato fosforo bianco quando hanno bombardato un'area residenziale in Siria.

Molti civili nella provincia Raqqa raccontano di essere stati bersaglio di bombardamenti effettuati in questa...
Notizia del:     Fonte: Tass - Haaretz

Netanyahu ribadisce a Putin di temere più l'Iran che l'ISIS in Siria

Il primo ministro del regime israeliano in un incontro con il Presidente russo Putin ha ribadito che la presenza dell'Iran in Siria rappresenta una minaccia per Israele e per il mondo intero.

Israele utilizzerà i mezzi necessari per proteggere se stesso e impedire all'Iran di rafforzare la...
Notizia del:     Fonte: Avn

Il Venezuela dedica il 72% del proprio bilancio agli investimenti sociali

Il presidente Maduro ha evidenziato che questi ingenti investimenti nel sociale, hanno permesso che negli ultimi anni fossero consegnati oltre 1,7 milioni di alloggi popolari attraverso la Gran Misión Vivienda Venezuela

di Fabrizio Verde   Il 72% del bilancio nazionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela è...
Notizia del:

John Pilger ha ragione. Se il Venezuela cade, l'umanità cade

"Gli USA hanno già invaso il Venezuela con gruppi sovversivi come la NED, che supportano una cosiddetta 'opposizione', che cerca rovesciare con la forza un governo eletto"

di Luis Hernández Navarro - Cubainformazione (Traduzione di Francesco Monterisi*)   John...
Notizia del:     Fonte: teleSUR/Avn

I punti chiave della conferenza stampa internazionale di Nicolás Maduro

Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha dichiarato che in nessuna circostanza tradirà la Rivoluzione Bolivariana e non darà mai il potere a chi ha storicamente aggredito il popolo venezuelano

di Fabrizio Verde   Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha dichiarato in una conferenza...
Notizia del:

Cuba: il paese con la più rapida crescita di internet... o il contrario?

I grandi media internazionali continuano a sottolineare che il governo di Cuba ostacola lo sviluppo di Internet per "timore della libertà di informazione". Un argomento che ogni giorno è più debole

di José Manzaneda - coordinatore di Cubainformación (Traduzione di Francesco Monterisi*)   I...
Notizia del:

Cuba, l'isola ferita solidale con il popolo spagnolo colpito dal terrorismo

I cubani solidarizzano con il popolo spagnolo, e gli altri che negli ultimi tempi hanno sofferto le conseguenze delle azioni terroristiche, perché sanno cosa vuol dire perdere i propri cari

di Arthur González (Traduzione di Francesco Monterisi*)   Rabbia ed impotenza si uniscono...
Notizia del:

Già pronto il piano USA per l'invasione del Venezuela?

Per realizzare l’«opzione militare» minacciata da Trump potrebbe essere adottata, pur in un diverso contesto, la stessa strategia messa in atto in Libia e in Siria

  di Manlio Dinucci* il manifesto, 22 agosto 2017 I riflettori politico-mediatici, focalizzati...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria denuncia i massacri dei civili e danni per 2,5 miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi aerei USA

Dopo le continue denuncie all'ONU sulle morti dei civili, il governo siriano lamenta anche danni per miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi della Coalizione guidata dagli USA che illegalmente opera nel paese arabo.

In una lettera inviata al Segretario generale delle Nazioni Unite e al presidente del Consiglio di sicurezza...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: AFP

Yemen, attacco della coalizione saudita su un hotel provoca 35 morti

Un altro terribile massacro dell'Arabia saudita compiuto nello Yemen con l'appoggio di USA e Gran Bretagna ha provocato la morte di più di 30 persone nei pressi di Sanaa.

Un nuovo bombardamento della coalizione guidata dall'Arabia Saudita ha colpito un albergo vicino alla capitale...
Notizia del:     Fonte: rupty

Raqqa, la denuncia dei civili: La Coalizione "ha bombardato deliberatamente" quando c'erano bambini nelle strade

I sopravvissuti agli attacchi della coalizione guidati dagli Stati Uniti segnalano che gli aerei hanno usato fosforo bianco quando hanno bombardato un'area residenziale in Siria.

Molti civili nella provincia Raqqa raccontano di essere stati bersaglio di bombardamenti effettuati in questa...
Notizia del:     Fonte: Tass - Haaretz

Netanyahu ribadisce a Putin di temere più l'Iran che l'ISIS in Siria

Il primo ministro del regime israeliano in un incontro con il Presidente russo Putin ha ribadito che la presenza dell'Iran in Siria rappresenta una minaccia per Israele e per il mondo intero.

Israele utilizzerà i mezzi necessari per proteggere se stesso e impedire all'Iran di rafforzare la...
Notizia del:

John Pilger ha ragione. Se il Venezuela cade, l'umanità cade

"Gli USA hanno già invaso il Venezuela con gruppi sovversivi come la NED, che supportano una cosiddetta 'opposizione', che cerca rovesciare con la forza un governo eletto"

di Luis Hernández Navarro - Cubainformazione (Traduzione di Francesco Monterisi*)   John...
Notizia del:

Cuba: il paese con la più rapida crescita di internet... o il contrario?

I grandi media internazionali continuano a sottolineare che il governo di Cuba ostacola lo sviluppo di Internet per "timore della libertà di informazione". Un argomento che ogni giorno è più debole

di José Manzaneda - coordinatore di Cubainformación (Traduzione di Francesco Monterisi*)   I...
Notizia del:

Cuba, l'isola ferita solidale con il popolo spagnolo colpito dal terrorismo

I cubani solidarizzano con il popolo spagnolo, e gli altri che negli ultimi tempi hanno sofferto le conseguenze delle azioni terroristiche, perché sanno cosa vuol dire perdere i propri cari

di Arthur González (Traduzione di Francesco Monterisi*)   Rabbia ed impotenza si uniscono...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria denuncia i massacri dei civili e danni per 2,5 miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi aerei USA

Dopo le continue denuncie all'ONU sulle morti dei civili, il governo siriano lamenta anche danni per miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi della Coalizione guidata dagli USA che illegalmente opera nel paese arabo.

In una lettera inviata al Segretario generale delle Nazioni Unite e al presidente del Consiglio di sicurezza...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa