/ Ministro della Difesa Israele, Yaalon: "L'Iran è il nemico e non ...

Ministro della Difesa Israele, Yaalon: "L'Iran è il nemico e non l'ISIS. Preferisco vedere che l''Isis governi la Siria."

Ministro della Difesa Israele, Yaalon: L'Iran è il nemico e non l'ISIS. Preferisco vedere che l''Isis governi la Siria.
 

Durante una conferenza sulla Sicurezza Nazionale, a Tel Aviv, il ministro della difesa israeliano, Moshe Yaalon, ha dichiarato: "Io preferisco l'ISIS all'Iran e non creda che l'ISIS sia una minaccia per Israele. Ed ha aggiunto: "l'Iran sarà sempre il principale nemico."

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Le dichiarazioni di Yaalon sono coerenti con la politica israeliana verso la Siria, dove Israele ha sostenuto, più o meno discretamente, i gruppi terroristici, fornendo l'assistenza medica ai membri di al Qaida, ed attaccando le postazioni siriane e quelle di Hezbollah.
 
Yaalon ritiene che l'ISIS finirà per essere sconfitto, ma ha detto che preferirebbe vedere questo gruppo terrorista governare la Siria dove c'è un "governo filo-iraniano" al potere.
 
 
Questa non è la prima dichiarazione di Yaalon, dove non ritiene l'ISIS un pericolo per Israele. "L'ISIS è un fenomeno nuovo, che è nato in Al Qaida. Non è una minaccia per noi", dichiarò al  Washington Post nel 2014.
 
L'ISIS, da parte sua, ha sempre agito nei paesi arabi e musulmani e non ha mai fatto nulla contro Israele.
 
Settarismo
 
D'altra parte, il ministro israeliano ha inoltre ribadito che la politica dello stato sionista sta ancora cercando di promuovere il settarismo e le differenze tra musulmani sunniti e sciiti. Ha predetto, in questo senso, un "scontro di civiltà" tra Israele e "il mondo sciita", aggiungendo che Israele dovrebbe cercare una "partnership" con "i sunniti" contro l&# 39;Iran e gli sciiti.
 
"L'Iran costruirà la bomba velocemente"
 
Israele ha cercato senza successo di sabotare il recente accordo firmato da Iran e il gruppo 5 + 1, che è entrato in vigore sabato scorso. In questo senso, Yaalon ha insistito con la retorica israeliana familiare delle "scadenze".
 
"Se l'Iran si sente finanziariamente sicuro, è in grado di produrre e produrrà una bomba nucleare in maniera ancora più veloce", ha spiegato.
 
"Gli attacchi degli Stati Uniti, non quelli della Russia, sono efficaci contro l'ISIS in Siria"
 
Inoltre, Yaalon ha dato un'altra prova di quanto sia lontano dalla verità, parlando di scarsa efficacia degli attacchi russi in Siria contro l'ISIS,  preferendo, invece, dare credito ai colpi subiti dall'ISIS in Iraq da parte degli Stati Uniti. A tal proposito ha detto: "l'esercito russo non raggiunge i suoi obiettivi in ​​Siria".
 
"Ci sono progressi nella lotta contro l'ISis grazie alla coalizione guidata dagli Stati Uniti", ha affermato il ministro della difesa israeliano, senza specificare quali "successi" Washington è riuscita ad ottenere in più di un anno dalla inizio della loro campagna contro l'ISIS.
 
Yaalon ha anche espresso il suo sostegno ad un intervento degli Stati Uniti in Siria per "rafforzare le forze locali, come i curdi, con gli "stivali sul terreno".
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Sgomberato campo di paramilitari colombiani in Venezuela. Sequestrate anche divise Usa

180 membri delle forze armate venezuelane hanno effettuato un'importante operazione, denominata Operacion Popa 2017, ai confini con la Colombia, nello stato Tachirà. Lo riporta Telesur.   #Exclusivo|así...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Maduro: l'essere umano dev'essere il centro dell'economia venezuelana

  «Siamo impegnati nella costruzione di un’economia che produca ricchezza e che sostenga la crescita dell’uguaglianza, il benessere e lo sviluppo sociale integrale di tutta la nazione;...
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Presidente Maduro: destra parlamentare promuove l’interventismo e tradisce la Patria

da italia.embajada.gob.ve   Caracas, 22 marzo 2017 (MPPRE) - Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, si è dichiarato contrario all'atteggiamento della destra nell'Assemblea...
Notizia del:

L'assassinio a Kiev dell'ex deputato della Duma Voronenkov "avvantaggia il partito della guerra ucraino"

di Fabrizio Poggi   Ucciso a Kiev l'ex deputato della Duma russa Denis Voronenkov. Feriti l'assassino e la guardia del corpo. Trasportati entrambi all'ospedale, il primo con ferite alla...
Notizia del:

Le origini di DAESH spiegate in un minuto (da fonte NATO)

di Pepe Escobar* James Shea, Deputy Assistant Secretary of Emerging Threats della NATO – che titolo gioioso? – ha tenuto recentemente una conferenza al Liberal Club di Londra sul...
Notizia del:

Comitato palestinese BDS sugli sforzi di Israele per far tacere Omar Barghouti e reprimere il movimento

Comunicato del BNC sulla campagna in corso da parte di Israele per mettere sotto silenzio Omar Barghouti e per reprimere il movimento BDS   22 marzo 2017 - Nella mattina di domenica 19 marzo,...
Notizia del:

Deir ez Zor, Siria. Un nome che dovrebbe far vergognare tutto l’Occidente.

Una catastrofe umanitaria nascosta, la complicità verso una tragedia ignobile

RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO                      ...
Notizia del:

AAA ONG dei diritti umani cercasi... L’Ucraina nega l’ingresso alla cantante (disabile) che doveva rappresentare la Russia all’Eurovision

di Eugenio Cipolla Nell’assurdo gioco delle ripicche tra Russia e Ucraina, connesse all’attuale situazione della guerra in Donbass e della decisione della Crimea di ritornare russa, oggi...
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Venezuela: domenica popolo in piazza contro l'interventismo statunitense

da italia.embajada.gob.ve   Caracas, 21 marzo 2017 (MPPRE) - Di fronte ai piani interventisti del Dipartimento di Stato degli USA, il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás...
Notizia del:     Fonte: IRNA

Hezbollah iracheni: Attaccheremo i soldati statunitensi se non lasceranno l'Iraq

Gli Hezbollah iracheni avvertono che dopo l'espulsione dell'ISIS dall'Iraq attaccheranno le forze nordamericane se non lasciano il loro paese.

Ja'far al-Husseini, portavoce del Movimento di Resistenza Islamico in Iraq (Kataib Hezbollah) ha dichiarato...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

L'Isis, i ritardi inspiegabili se si vuole davvero bloccare il terrorismo

di Fulvio Scaglione - Ecodibergamo Definire «attacco al Parlamento» l’incursione che ieri, a Londra, ha seminato il panico nella zona di Westminster è senz’altro esagerato....
Notizia del:

L'assassinio a Kiev dell'ex deputato della Duma Voronenkov "avvantaggia il partito della guerra ucraino"

di Fabrizio Poggi   Ucciso a Kiev l'ex deputato della Duma russa Denis Voronenkov. Feriti l'assassino e la guardia del corpo. Trasportati entrambi all'ospedale, il primo con ferite alla...
Notizia del:

Almagro, da oltre un anno in missione contro la sovranità del Venezuela

  Dal 18 marzo del 2015, quando è stato eletto nuovo segretario Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani (OSA), Luis Almagro, si è presto trasformato nello strumento...
Notizia del:

Le origini di DAESH spiegate in un minuto (da fonte NATO)

di Pepe Escobar* James Shea, Deputy Assistant Secretary of Emerging Threats della NATO – che titolo gioioso? – ha tenuto recentemente una conferenza al Liberal Club di Londra sul...
Notizia del:

Israele corre in soccorso dell'Isis in Siria

Iran: l'attacco israeliano è “aggressione flagrante” alla Siria

da abrilabril.pt | Traduzione di Marx21.it Un diplomatico iraniano ha denunciato il recente...
Notizia del:

Comitato palestinese BDS sugli sforzi di Israele per far tacere Omar Barghouti e reprimere il movimento

Comunicato del BNC sulla campagna in corso da parte di Israele per mettere sotto silenzio Omar Barghouti e per reprimere il movimento BDS   22 marzo 2017 - Nella mattina di domenica 19 marzo,...
Notizia del:

"L'attentatore era un cittadino Britannico, noto ai servizi segreti inglesi". Ergo...

Theresa May: "L'attentatore era un cittadino Britannico, noto ai servizi segreti inglesi". Tradotto, significa che l'attentatore era un 'ribelle moderato' sostenuto dai governi...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa