/ Ministro della Difesa Israele, Yaalon: "L'Iran è il nemico e non ...

Ministro della Difesa Israele, Yaalon: "L'Iran è il nemico e non l'ISIS. Preferisco vedere che l''Isis governi la Siria."

Ministro della Difesa Israele, Yaalon: L'Iran è il nemico e non l'ISIS. Preferisco vedere che l''Isis governi la Siria.
 

Durante una conferenza sulla Sicurezza Nazionale, a Tel Aviv, il ministro della difesa israeliano, Moshe Yaalon, ha dichiarato: "Io preferisco l'ISIS all'Iran e non creda che l'ISIS sia una minaccia per Israele. Ed ha aggiunto: "l'Iran sarà sempre il principale nemico."

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Le dichiarazioni di Yaalon sono coerenti con la politica israeliana verso la Siria, dove Israele ha sostenuto, più o meno discretamente, i gruppi terroristici, fornendo l'assistenza medica ai membri di al Qaida, ed attaccando le postazioni siriane e quelle di Hezbollah.
 
Yaalon ritiene che l'ISIS finirà per essere sconfitto, ma ha detto che preferirebbe vedere questo gruppo terrorista governare la Siria dove c'è un "governo filo-iraniano" al potere.
 
 
Questa non è la prima dichiarazione di Yaalon, dove non ritiene l'ISIS un pericolo per Israele. "L'ISIS è un fenomeno nuovo, che è nato in Al Qaida. Non è una minaccia per noi", dichiarò al  Washington Post nel 2014.
 
L'ISIS, da parte sua, ha sempre agito nei paesi arabi e musulmani e non ha mai fatto nulla contro Israele.
 
Settarismo
 
D'altra parte, il ministro israeliano ha inoltre ribadito che la politica dello stato sionista sta ancora cercando di promuovere il settarismo e le differenze tra musulmani sunniti e sciiti. Ha predetto, in questo senso, un "scontro di civiltà" tra Israele e "il mondo sciita", aggiungendo che Israele dovrebbe cercare una "partnership" con "i sunniti" contro l&# 39;Iran e gli sciiti.
 
"L'Iran costruirà la bomba velocemente"
 
Israele ha cercato senza successo di sabotare il recente accordo firmato da Iran e il gruppo 5 + 1, che è entrato in vigore sabato scorso. In questo senso, Yaalon ha insistito con la retorica israeliana familiare delle "scadenze".
 
"Se l'Iran si sente finanziariamente sicuro, è in grado di produrre e produrrà una bomba nucleare in maniera ancora più veloce", ha spiegato.
 
"Gli attacchi degli Stati Uniti, non quelli della Russia, sono efficaci contro l'ISIS in Siria"
 
Inoltre, Yaalon ha dato un'altra prova di quanto sia lontano dalla verità, parlando di scarsa efficacia degli attacchi russi in Siria contro l'ISIS,  preferendo, invece, dare credito ai colpi subiti dall'ISIS in Iraq da parte degli Stati Uniti. A tal proposito ha detto: "l'esercito russo non raggiunge i suoi obiettivi in ​​Siria".
 
"Ci sono progressi nella lotta contro l'ISis grazie alla coalizione guidata dagli Stati Uniti", ha affermato il ministro della difesa israeliano, senza specificare quali "successi" Washington è riuscita ad ottenere in più di un anno dalla inizio della loro campagna contro l'ISIS.
 
Yaalon ha anche espresso il suo sostegno ad un intervento degli Stati Uniti in Siria per "rafforzare le forze locali, come i curdi, con gli "stivali sul terreno".
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Gli Stati Uniti hanno chiesto scusa ad Assad per l'attacco all'Esercito siriano

Gli Stati Unitisi sono scusati con il presidente siriano Bashar al-Assad, per il bombardamento aereo sulle postazioni dell'esercito siriano. Lo ha riferito il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov.

"Sì, il governo degli Stati Uniti si è scusato con il presidente siriano per l'attacco aereo,...
Notizia del:

Duterte e la strategia multipolare che agita Washington

Il 30 Maggio 2016 il parlamento di Manila ha nominato Rodrigo Roa Duterte 16esimo presidente delle Filippine grazie alla vittoria elettorale sul rivale Mar Roxas con oltre sette milioni di voti. Nato...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

Esercito siriano e combattenti palestinesi liberano il nord di Aleppo

Alle 12:30 (ora di Damasco), Liwaa Al-Quds (combattenti palestinesi) e l'Esercito siriano arabo (ASA) hanno imposto il pieno controllo sul nord di Aleppo, liberando il campo profughi di Handarat.   Secondo...
Notizia del:

Lavrov: "Nelle élite occidentali prevalgono le idee di supremazia e difesa degli interessi propri contro lo sviluppo di una cooperazione giusta ed equa"

La crisi siriana non può essere risolta fino a quando i terroristi saranno sconfitti, ha dichiarato, questa sera, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, intervenendo alla 71 sessione dell'Assemblea generale dell'ONU.

Parlando alla 71a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA), il ministro degli Esteri russo...
Notizia del:

PUTIN: "NON SI DOVEVA DISTRUGGERE L'URSS"

"Il Partito comunista dell'Unione Sovietica avrebbe dovuto trasformare il blocco in un'entità democratica piuttosto che vederlo crollare". Lo ha dichiarato il presidente russo...
Notizia del:     Fonte: TELESUR

Giornalista spagnolo: 'i media egemonici internazionali creano una realta' manipolata in Venezuela'

Il Venezuela, dopo l'arrivo di Hugo Chavez al potere e l'attuazione del socialismo del XXI secolo, è diventato il nemico principale delle corporazioni mediatiche internazionali, che...
Notizia del:

Fonte interna di Twitter: cosi' il social nasconde deliberatamente alcuni account

Le voci che Twitter abbia iniziato a censurare blandamente gli account “politicamente più scomodi” negli Stati Uniti è stata confermata da una fonte interna all'azienda...
Notizia del:

Ramirez (rappresentante Onu del Venezuela): 'Non vogliamo 'aiuti' dagli Usa o Europa, vogliamo che non ci rubino il nostro petrolio'

Venezuela. Intervista al rappresentante permanente all'Onu Ramirez: “La guerra del petrolio danneggia tutti”

di Geraldina Colotti, MARGARITA Il Manifesto - 23.09.2016 Al vertice dei Non allineati, che...
Notizia del:

Attacco al convoglio ONU ad Aleppo. Qualcuno ha visto le prove che avevano promesso gli Usa?

PICCOLE NOTE   Un convoglio umanitario è stato attaccato ad Aleppo. Decine di camion distrutti, diversi i morti e i feriti tra il personale della Mezzaluna Rossa che ne...
Notizia del:

Hollywood diviene propaganda di regime con un disgustoso video spot per (K)illary

di Federico Pieraccini   Attori di Hollywood fanno campagna anti-Trump come solo dei multimiliardari, ansiosi di preservare lo status-quo, potrebbero fare. Qui il video disgustoso. Nel video...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Gli Stati Uniti hanno chiesto scusa ad Assad per l'attacco all'Esercito siriano

Gli Stati Unitisi sono scusati con il presidente siriano Bashar al-Assad, per il bombardamento aereo sulle postazioni dell'esercito siriano. Lo ha riferito il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov.

"Sì, il governo degli Stati Uniti si è scusato con il presidente siriano per l'attacco aereo,...
Notizia del:

L'attacco mediatico contro il Venezuela raggiunge il livello più basso di sempre con le 'culle di cartone'

Di nuovo all'attacco meschino, mediocre, basso e moralmente piccolo come solo le corporazioni neo-liberali da cui sono stipendiati sanno fare.  Protagonisti, come sempre, Omero Cia(i) su...
Notizia del:

Lavrov: "Nelle élite occidentali prevalgono le idee di supremazia e difesa degli interessi propri contro lo sviluppo di una cooperazione giusta ed equa"

La crisi siriana non può essere risolta fino a quando i terroristi saranno sconfitti, ha dichiarato, questa sera, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, intervenendo alla 71 sessione dell'Assemblea generale dell'ONU.

Parlando alla 71a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA), il ministro degli Esteri russo...
Notizia del:

PUTIN: "NON SI DOVEVA DISTRUGGERE L'URSS"

"Il Partito comunista dell'Unione Sovietica avrebbe dovuto trasformare il blocco in un'entità democratica piuttosto che vederlo crollare". Lo ha dichiarato il presidente russo...
Notizia del:

Fonte interna di Twitter: cosi' il social nasconde deliberatamente alcuni account

Le voci che Twitter abbia iniziato a censurare blandamente gli account “politicamente più scomodi” negli Stati Uniti è stata confermata da una fonte interna all'azienda...
Notizia del:

Esiste per l'Italia una via d'uscita dalle guerre della Nato? La risposta arriva da Margarita (Venezuela)

di Patrick Boylan* - Peacelink Se l'Italia si trova coinvolta in sempre più guerre, non è soltanto perché fa parte della NATO e quindi ha il "dovere" (se non legale,...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Erdogan: Stabiliremo una no-fly zone nel nord della Siria

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha dichiarato che ha in programma di stabilire una no-fly zone nel nord della Siria.

"Questo è il nostro obiettivo: vogliamo stabilire una no-fly zone in una zona di 95 a 45 chilometri,...
 

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa