/ Barack Obama, le 7 guerre del Premio Nobel per la Pace

Barack Obama, le 7 guerre del Premio Nobel per la Pace

Barack Obama, le 7 guerre del Premio Nobel per la Pace
 

Durante la presidenza di Barack Obama, gli Stati Uniti hanno bombardato: Afghanistan, Libia, Somalia, Pakistan, Yemen, Iraq e Siria.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Sette anni fa l'investitura di Barack Obama come presidente degli Stati Uniti. Da allora il presidente, insignito del Premio Nobel per la Pace, ha bombardato sette paesi, ha rafforzato lo stato islamico e ha causato conflitti militari in diversi paesi.
 
Eppure gli Stati Uniti è dal 1942 che non dichiarano nessuna guerra, ciò non ha impedito ad Obama di  attaccare e invadere altri paesi.
 
Afghanistan
 
Nel dicembre 2009, appena due mesi dopo essere diventato Premio Nobel per la Pace, Obama ha ordinato di rafforzare la presenza degli Stati Uniti in Afghanistan con 30.000 soldati.
 
Attacchi dei droni senza autorizzazione delle Nazioni Unite
 
Pur se lanciati dal suo predecessore George W. Bush, con l'arrivo di Obama sono stati intensificato gli attacchi dei droni Usa in Yemen, in Pakistan e Somalia.
 
Secondo i dati medi forniti da tre ONG, Obama ha autorizzato 506 attacchi in questi paesi, lasciando più di 3.000 vittime, tra cui 400 civili.
 
Libia
 
Gli Stati Uniti d'America durante i mandato di Obama hanno lasciando una scia di distruzione in Libia, dove nel marzo 2011 hanno partecipato a un'operazione militare per rovesciare Muammar Gheddafi.
 
Di conseguenza, il leader libico è stato ucciso sotto gli slogan democratici, che hanno inaugurato in un periodo di instabilità e di lotta armata per il potere in Libia e hanno portato alla effettiva disintegrazione del Paese e alla diffusione ed al rafforzamento del terrorismo.
 
Iraq e Siria
 
Durante la campagna elettorale dell'ottobre 2011, Obama ha annunciato il ritiro delle truppe statunitensi dall&# 39;Iraq.
 
Tuttavia, i tentativi di Obama per rovesciare il leader siriano Bashar al-Assad, motivo per il quale  gli Stati Uniti hanno armato l'opposizione siriana, hanno permesso l'espansione e il rafforzamento dello Stato Islamico. Ora questi gruppi radicali terrorizzano la popolazione di Siria e Iraq.
 
Ad agosto 2014 Obama ha autorizzato gli attacchi aerei contro le postazioni dell'ISIS in Iraq e nel settembre dello stesso anno Stati Uniti hanno iniziato a bombardare la Siria, senza il consenso della Siria, paese sovrano.
 
La strategia di Obama per combattere l'Isis non ha dato i suoi frutti, qualcosa che ha rimesso in discussione i veri obiettivi degli Stati Uniti
 
Ucraina
 
Durante le proteste scoppiate a Kiev nel novembre 2013, i paesi occidentali hanno rafforzato la loro retorica a sostegno dell'opposizione ucraina, al fine di rovesciare il governo democraticamente eletto di Viktor Yanukovich.
 
Nel febbraio 2014 ci fu un colpo di stato quando l'opposizione sollevò dal potere il legittimo Presidente dell'Ucraina, indicendo elezioni anticipate, sciogliendo la Corte costituzionale e revocando la legge che concede alla lingua russa lo status di lingua ufficiale in Crimea e in altre regioni.
 
Prima e dopo le elezioni presidenziali in Ucraina, Obama ha dato il suo sostegno morale per l'attuale presidente dell'Ucraina, Pyotr Poroshenko.
 
Inoltre, il leader statunitense ha approvato la fornitura di armi letali a Kiev per utilizzarle nel offensiva nella parte orientale del paese, in base a una serie di documenti trapelati da parte del Dipartimento di Stato USA
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Marx21.it

La NATO è la maggior minaccia per l'Europa

di António Abreu | da resistencia.cc Traduzione di Marx21.it Con le sue ultime decisioni, la NATO pone sull’orlo del conflitto nucleare una serie di paesi dell’est europeo...
Notizia del:     Fonte: airwars.org

Siria, 1513 civili sono morti negli attacchi della “Coalizione anti ISIS” guidata dagli Stati Uniti

Almeno 1.513 civili sono morti a seguito delle operazioni di volo effettuate della cosiddetta “Coalizione anti-ISIS, guidata dagli Stati Uniti in Siria.

L'organizzazione di giornalisti indipendenti Airwars ha riferito, oggi che, finora, la coalizione internazionale...
Notizia del:     Fonte: http://michaelmoore.com/trumpwillwin/

Michael Moore, le 5 Ragioni per le quali Trump sarà eletto Presidente degli Stati Uniti

Il regista di 'Fahrenheit 911' ha pubblicato un saggio in cui spiega come, secondo lui, il candidato repubblicano possa prendersi la presidenza degli Stati Uniti.

La scorsa settimana il documentarista Michael Moore ha postato sul suo sito web un articolo intitolato "5...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Gli Stati Uniti costruiscono una base aerea a Kobane

Gli Stati Uniti costruiscono una nuova base militare in un ex fabbrica di cemento ad est della città siriana di Kobanê, nella provincia settentrionale di Aleppo.

"Qualche mese fa, gli Stati Uniti d'America hanno iniziato a costruire varie strutture, tra cui un aeroporto...
Notizia del:     Fonte: Ansa

Lotta al terrorismo: Trump apre ad alleanza con la Russia

Il candidato alla presidenza per il Partito Repubblicano chiede durante un comizio: «Non sarebbe bello se andassimo con la Russia?»

In materia di lotta al terrorismo parole di estremo buon senso arrivano dal tanto vituperato Donald Trump. Il...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Gli USA hanno cambiato la loro posizione e non cercano di cacciare Assad

Il rappresentante russo alle Nazioni Unite, Alexei Borodavkin, ha dichiarato, ieri, che gli Stati Uniti non cercare di cacciare il presidente siriano Bashar al-Assad.

"Senza dubbio la Russia sa che gli Stati Uniti non cercano le dimissioni immediate Asad in Siria", ha...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

“La Francia voleva vendicare l’attentato di Nizza ed ha ucciso 164 civili siriani”

L'attacco dell’aviazione militare francese su un villaggio siriano, il 19 luglio scorso, è stato effettuato come rappresaglia per l'attentato di Nizza, ha dichiarato l'ambasciatore siriano alle Nazioni Unite.

In una riunione degli Stati del Consiglio di sicurezza delle Nazioni (UNSC), che si è svolta ieri, il rappresentante...
Notizia del:     Fonte: VeteransToday

I terroristi dell’ISIS si addestrano nei pressi di un campo militare degli Stati Uniti in Kosovo

Ci sono almeno cinque campi di addestramento dell’ISIS (Daesh, in arabo) in Kosovo, a pochi chilometri dal campo militare degli Stati Uniti di Bondsteel.

Il portale di notizie nordamericano,VeteransToday, citando fonti vicine ai servizi di intelligence del Kosovo,...
Notizia del:     Fonte: Wall Street Journal

WSJ: I bombardieri russi hanno distrutto una base militare segreta di Stati Uniti e Regno Unito in Siria

Gli aerei da guerra russi hanno bombardato una base militare segreta degli Stati Uniti e dell Regno Unito, che si trova in Siria. Lo ha rivelato il quotidiano statunitense Wall Street Journal.

L'attacco dell'Aeronautica Militare della Russia contro la base legata CIA, in Siria era parte di una campagna...
Notizia del:     Fonte: Tass

Lavrov: La situazione del Medioriente frutto di un “atteggiamento ignorante e poco professionale” dell’Occidente

Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato, oggi, che il cambio di potere in Siria deve essere il risultato di elezioni, in quanto, in caso contrario, il paese corre il rischio di ripetere il destino della Libia, ha riferito l’agenzia TASS.

"I partner dicono: 'Cerchiamo di risolvere il problema della Libia, della Siria e dell’Iraq, organizziamo...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: airwars.org

Siria, 1513 civili sono morti negli attacchi della “Coalizione anti ISIS” guidata dagli Stati Uniti

Almeno 1.513 civili sono morti a seguito delle operazioni di volo effettuate della cosiddetta “Coalizione anti-ISIS, guidata dagli Stati Uniti in Siria.

L'organizzazione di giornalisti indipendenti Airwars ha riferito, oggi che, finora, la coalizione internazionale...
Notizia del:     Fonte: Tass

Aleppo, Russia e Siria avviano un'operazione umanitaria su larga scala

Oggi è partita un'operazione umanitaria congiunta su larga scala tra Russia e governo siriano per aiutare la popolazione civile ad Aleppo.

La Russia e il governo della Siria hanno lanciato, oggi, un'operazione umanitaria su larga scala ad Aleppo,...
Notizia del:     Fonte: http://michaelmoore.com/trumpwillwin/

Michael Moore, le 5 Ragioni per le quali Trump sarà eletto Presidente degli Stati Uniti

Il regista di 'Fahrenheit 911' ha pubblicato un saggio in cui spiega come, secondo lui, il candidato repubblicano possa prendersi la presidenza degli Stati Uniti.

La scorsa settimana il documentarista Michael Moore ha postato sul suo sito web un articolo intitolato "5...
Notizia del:

"Giudice, giuria e carnefice": la polizia del regime israeliana in azione (ogni giorno) nei Territori occupati

di Paola Di Lullo Era ricercato perché accusato di aver compiuto l'attentato del 1° luglio scorso che aveva causato la morte del colono Michael Marc ed il ferimento di su moglie Chava...
Notizia del:     Fonte: RT

MOSCA E PECHINO REALIZZERANNO MANOVRE CONGIUNTE NEL MAR CINESE MERIDIONALE

Mosca e Pechino effettueranno esercitazioni militari "di routine" nel Mar Cinese Meridionale il prossimo settembre. Lo riporta Reuters, citando il portavoce del ministero di Difesa cinese Yang...
Notizia del:

Lidia Undiemi: "Mirano a renderci schiavi sostituendo i diritti con l'elemosina"

Hanno distrutto il lavoro, la dignità dei lavoratori e la loro libertà che solo i diritti ed uno stipendio decente possono garantire. Mirano a renderci schiavi sostituendo i diritti con...
Notizia del:

Referendum costituzionale: tanti inutili editoriali, ma la scelta è molto semplice.

Chi vota NO al referendum costituzionale porterebbe l'Italia indietro di trent'anni, vale a dire al Paese dello stato sociale, dello Statuto dei lavoratori, della partecipazione popolare attraverso...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa