/ McCain senza vergogna. "Gli Usa decideranno se e quando l'UE potr...

McCain senza vergogna. "Gli Usa decideranno se e quando l'UE potrà abolire le sanzioni contro la Russia"

McCain senza vergogna. Gli Usa decideranno se e quando l'UE potrà abolire le sanzioni contro la Russia
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il senatore repubblicano John McCain ha detto in un'intervista all'agenzia Sputnik che saranno gli Stati Uniti a decidere quando l'Unione europea potrà abolire le sanzioni economiche contro la Russia, anche se questa misura è costata milioni di perdite ai 28 paesi membri dell'Ue..
 
"Ovviamente c'è molto dibattito tra gli europei per abolire le sanzioni. Molti paesi (della UE) stanno cercando una via d'uscita", ha detto McCain. "Da mesi, in molti paesi, soprattutto in Germania, c'è un'enorme pressione per il sollevamento delle sanzioni", ha aggiunto.
 
Tuttavia, "la decisione finale dei paesi europei su questo tema dipende in qualche misura dal governo degli Stati Uniti", ha detto il senatore repubblicano, aggiungendo che gli Stati membri dell'UE intendono discutere la revoca delle sanzioni contro la russia alla Conferenza internazionale sulla Sicurezza di Monaco di Baviera che si terrà la prossima settimana.
 
"Questo non è ufficialmente un tema della conferenza, ma ci saranno molte conversazioni tra i rappresentanti europei", ha detto McCain.
 
Nel mese di luglio 2014, l'Unione europea e gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni  contro la Russia a seguito della situazione in Ucraina, che sono state ampliate ed estese in diverse occasioni. Nel mese di agosto dello stesso anno, la Russia ha introdotto, in risposta, un pacchetto di sanzioni, tra cui un embargo alimentare.
 
Diverse nazioni europee non sono soddisfatte delle misure adottate nei confronti di Mosca e delle rappresaglie che  hanno provocato perdite di miliardi di euro nel commercio con la Russia. Nel mese di gennaio il ministro delle Finanze francese ha ammesso che Parigi lavorerà in modo che le sanzioni possano essere revocate nella prossima estate.
 
I rappresentanti della Camera di Commercio tedesco-russa AHK sono convinti che le sanzioni contro la Russia dovrebbero essere riviste, perché "l'effetto politico di queste misure non è noto" e compromette seriamente l'industria tedesca. L'Italia lo scorso dicembre ha ritardato la decisione dell'UE di estendere le sanzioni economiche, chiedendo che il blocco discutesse di questa misura.
 
Il vicepresidente Joe Biden, ha ammesso in passato che il governo degli Stati Uniti ha forzato l'Unione europea ad imporre sanzioni contro la Russia, nonostante il rischio di danni economici.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Così l’occidente usa gli stessi strumenti di Goebbels per combattere Putin

di Eugenio Cipolla   L’ultimo dei capolavori che la propaganda occidentale ha confezionato per combattere la tanto odiata russa è un prodotto made in Italy. A lanciarlo nell’affascinante...
Notizia del:

La reazione del mondo arabo alla storicità della candidatura di Hillary

Abbiamo già commentato le parole entusiaste di Laura Boldrini accorsa a Philadelphia a partecipare al trionfo-farsa di Hillary Clinton nella Convention di Philadelhia che di democratico ha davvero...
Notizia del:

Manlio di Stefano (M5S): Il tempo delle ipocrisie è finito. Mercoledì il Pd dovrà decidere se stare con l'Arabia Saudita o con la lotta al terrorismo

di Manlio Di Stefano* "Continueremo ad approfondire le nostre relazioni con i paesi del Golfo rimuovendo gli ostacoli al commercio e proteggendo e promuovendo gli investimenti". "La...
Notizia del:

TERRORISMO E DOPPIA MORALE: IL CASO DELLA CECENIA

Agli attentati terroristici che dal 2001 a oggi insanguinano i principali Paesi occidentali, i governi hanno risposto con la restrizione delle libertà, con maggiori controlli e con una progressiva...
Notizia del:     Fonte: Vzgliad

Chi è intrappolato ad Aleppo?

L'esercito siriano ha dato un ultimatum ai gruppi armati di Aleppo, ma c'è un problema: non è possibile distinguere i terroristi dai cosiddetti “ribelli moderati”.

L'operazione dell'esercito siriano con l'appoggio dell’Air Force russa continua ad avere risultati...
Notizia del:

Il miliardario George Soros: io ho finanziato il colpo di stato in Ucraina

Era il maggio del 2014, tre mesi dopo il colpo di stato di Kiev, e il miliardario americano George Soros ha  rivelato a Fareed Zakaria della CNN di essere responsabile della  creazione di...
Notizia del:

Turchia: cresce il malumore verso Usa. Quale futuro per la NATO?

di Ornella Bertorotta* Le reazioni poco calorose degli alleati tedeschi e americani, che durante il tentato golpe hanno voluto attendere un eventuale successo dei militari ribelli, invece di prendere...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa