/ Saakashvili carica gli ucraini:«Con le armi americane possiamo co...

Saakashvili carica gli ucraini:«Con le armi americane possiamo conquistare tutta la Russia»

Saakashvili carica gli ucraini:«Con le armi americane possiamo conquistare tutta la Russia»
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Eugenio Cipolla

Le tre relazioni sull’assistenza tecnica fornita dal Fondo Monetario Internazionale, arrivate nel fine settimana sul tavolo del governo di Kiev, mostrano ancora una volta la vera natura di un’istituzione per la quale niente è mai abbastanza. Nel documento inviato da Washington ci sono un totale di 80 raccomandazioni specifiche all’esecutivo dell’ex repubblica sovietica che rischiano di mandare definitivamente in bancarotta i conti ucraini. I temi tratti nelle tre relazioni sono “Revisione della gestione finanziaria pubblica”, “Gestione dei beni dello Stato” e “riduzione dei contributi al sistema di sicurezza sociale”. In questi documenti gli ispettori del FMI avvertono Kiev sulla necessità di «adottare misure che aiutino a realizzare una politica di bilancio sostenibile».
 
Tradotto, significa che per accontentare Washington il governo ucraino dovrà studiare nuovi tagli. Anche perché, osservano fonti bene informate interne al Fondo Monetario Internazionale, l’attuale situazione politica del governo ucraino rendere estremamente improbabile l’assegnazione di una nuova tranche per la fine del mese in corso, come richiesto dalla leadership di Kiev.
 
Intanto sul fronte Donbass lo scontro con i filorussi prosegue, nonostante la tregua siglata con gli accordi di Minsk-2. Nell’ultima settimana, secondo quando denunciato da Eduard Basurin, portavoce del ministero della Difesa dell’autoproclamata Repubblica di Donetsk, sono stati tre i civili uccisi e tre quelli feriti dai bombardamenti delle forze di sicurezza ucraine. Nella notte di domenica, inoltre, l’agenzia di stampa Donetsk, citando una fonte dell’agenzia di sicurezza della DNR, ha parlato di bombardamenti governativi nell’aerea dell’ex aereoporto di Donetsk e nei villaggi attorno alla città.
 
La risposta di Kiev, almeno sul piano mediatico e diplomatico, non è ancora arrivata, ma il governo sta lavorando a pieno ritmo per definire nuove strategie militari nel caso in cui la situazione dovesse precipitare ulteriormente. Ieri, su iniziativa presidenziale, in Rada è stato depositato un progetto di legge che diminuisce a 30 giorni il tempo necessario per la chiamata alle armi. «In contrasto con le norme vigenti – si legge in una nota esplicativa del progetto di legge – i tempi per la chiamata al servizio militare dei cittadini ucraini sono definiti con decreto presidenziale, il quale verrà pubblicato entro e non oltre un mese dalla sua definizione». Questo, viene spiegato, per «consolidare a livello legislativo la capacità di prendere rapidamente decisioni in sede di acquisizione delle Forze Armate dell’Ucraina […] in caso di cambiamenti significativi della situazione politico-militare del paese».
 
Che in conflitto possa riesplodere come un anno fa, ormai è dato quasi per certo. Non a caso, stamattina è arrivata la carica dell’ex premier georgiano Mikheil Saakashvili, attuale governatore della Regione di Odessa e primo ministro ucraino “in pectore” (a meno di sorprese clamorose sarà lui a sostituire Arsenij Yatsenyuk). In un’intervista al canale televisivo ucraino “24”, Saakashvili ha detto che «le maggiori lacune dell’Ucraina si registrano nel settore delle armi. Abbiamo armi anticarro superato. C’è un nuovo sistema in possesso degli Usa e se ce lo dessero tutto sarebbe diverso». Per l’ex premier di Tbilisi, «lo spirito dei soldati ucraini è tra i migliori al mondo e se venissero loro fornite conoscenze, abilità ed armi, sarebbero in grado di conquistare tutta la Russia», lanciando un appello nemmeno tanto velato alle autorità americane. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Gli Stati Uniti hanno chiesto scusa ad Assad per l'attacco all'Esercito siriano

Gli Stati Unitisi sono scusati con il presidente siriano Bashar al-Assad, per il bombardamento aereo sulle postazioni dell'esercito siriano. Lo ha riferito il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov.

"Sì, il governo degli Stati Uniti si è scusato con il presidente siriano per l'attacco aereo,...
Notizia del:

L'attacco mediatico contro il Venezuela raggiunge il livello più basso di sempre con le 'culle di cartone'

Di nuovo all'attacco meschino, mediocre, basso e moralmente piccolo come solo le corporazioni neo-liberali da cui sono stipendiati sanno fare.  Protagonisti, come sempre, Omero Cia(i) su...
Notizia del:

Lavrov: "Nelle élite occidentali prevalgono le idee di supremazia e difesa degli interessi propri contro lo sviluppo di una cooperazione giusta ed equa"

La crisi siriana non può essere risolta fino a quando i terroristi saranno sconfitti, ha dichiarato, questa sera, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, intervenendo alla 71 sessione dell'Assemblea generale dell'ONU.

Parlando alla 71a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA), il ministro degli Esteri russo...
Notizia del:

PUTIN: "NON SI DOVEVA DISTRUGGERE L'URSS"

"Il Partito comunista dell'Unione Sovietica avrebbe dovuto trasformare il blocco in un'entità democratica piuttosto che vederlo crollare". Lo ha dichiarato il presidente russo...
Notizia del:

Fonte interna di Twitter: cosi' il social nasconde deliberatamente alcuni account

Le voci che Twitter abbia iniziato a censurare blandamente gli account “politicamente più scomodi” negli Stati Uniti è stata confermata da una fonte interna all'azienda...
Notizia del:

Esiste per l'Italia una via d'uscita dalle guerre della Nato? La risposta arriva da Margarita (Venezuela)

di Patrick Boylan* - Peacelink Se l'Italia si trova coinvolta in sempre più guerre, non è soltanto perché fa parte della NATO e quindi ha il "dovere" (se non legale,...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Erdogan: Stabiliremo una no-fly zone nel nord della Siria

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha dichiarato che ha in programma di stabilire una no-fly zone nel nord della Siria.

"Questo è il nostro obiettivo: vogliamo stabilire una no-fly zone in una zona di 95 a 45 chilometri,...
 

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa