/ Assedio di Aleppo, dove muore la verità

Assedio di Aleppo, dove muore la verità

Assedio di Aleppo, dove muore la verità
 

Proviamo ribrezzo nel leggere menzogne e falsificazioni quotidiane su giornali di un mondo che si crede ancora libero su quanto stia avvenendo in Siria

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

In guerra a morire è sempre la verità, si sa. Ma quando a raccontare gli eventi in Siria è il circo mediatico occidentale (italiano in particolare), la questione arriva ai limiti del paradosso. 
 
Due ottimi articoli a firma Fulvio Scaglione, vice direttore di Famiglia cristiana, e Vincenzo Brandi fanno chiarezza su quanto stia avvenendo in queste ore ad Aleppo, da sempre capitale economica del paese, oggi ridotta ad un cumulo di macerie per la guerra per procura in Siria e che potrebbe segnare per sempre le sorti della guerra, liberando il paese dai terroristi dell'Isis. 
 
Scrive Scaglione: “L’assedio di Aleppo. Forse non lo sapevate ma in questi ultimi giorni, e solo in questi ultimi giorni, il mondo delle persone perbene, di coloro che hanno a cuore la libertà, è angosciato dall’assedio di Aleppo. Il che è un po’ curioso, perché Aleppo è sotto assedio da tre anni e mezzo. Guardate la cartina qui pubblicata: raffigura la situazione di Aleppo dal 2012 fino a un mese fa. Com’è facile notare, il verde circonda su tre lati il rosso. E il verde erano le forze dei ribelli. Che quindi per tre anni e mezzo hanno stretto la città in una morsa aperto solo verso Sud. Un assedio quasi perfetto”.

 
E poi sul dramma umanitario dal 2012 ad oggi avvenuto nel totale silenzio e menefreghismo dei nostri media conniventi con il progetto di destabilizzazione e distruzione di uno stato sovrano, scrive correttamente Brandi: “Poiché però la città continuava a resistere, grazie anche ad un’incerta via di rifornimento posta a Sud-Est del centro e tenuta aperta dall’esercito, i jihadisti, cui nel frattempo si erano aggiunti anche i miliziani dello Stato Islamico (o Daesh) provenienti dall’Est, da Raqqa, tagliarono l’acqua e l’energia elettrica agli assediati, bombardando nel contempo i quartieri centrali con razzi e mortai e tormentando gli assediati con sanguinosi attentati condotti con autobombe ed altri mezzi (il più grave e micidiale fu condotto contro l’Università con la morte di decine di studenti). Su tutto questo vi sono, tra le altre, le continue testimonianze dei vescovi delle comunità cristiane cittadine, che riferiscono anche di aver fatto scavare pozzi nei recinti delle chiese per alleviare le sofferenze della popolazione assetata, testimonianze che i giornalisti non potevano ignorare, anche se non avessero voluto prestare fede alle dettagliate notizie fornite dall’agenzia siriana SANA, o dalle fonti russe (Sputnik-edizione italiana) e libanesi (Al Manar)”.
 
E Scaglione rincara la dose: “Come hanno vissuto i siriani di Aleppo, quelli rimasti nei quartieri controllati dal Governo e dalle truppe di Assad? Le testimonianze non mancano. Bombe sulle scuole e sugli ospedali. Missili sui palazzi. Niente acqua. Niente elettricità. Pochissimo carburante, e a carissimo prezzo, per riscaldare le case d’inverno. Un sacco di morti civili, perché i missili cadevano dove cadevano. Insomma, le cose che succedono durante un assedio.Quando, nel 2014, lanciò l’appello “Salviamo Aleppo”, la Comunità di Sant’Egidio scrisse cose come questa: “La gente non può uscire dalla città accerchiata dall’opposizione, tra cui fondamentalisti intransigenti e sanguinari”.
Oppure: “C’è l’orribile ricatto dell’acqua che i gruppi jihadisti tolgono alla città. È una guerra terribile e la morte viene da ogni parte. Passando per tunnel sotterranei, si fanno esplodere  palazzi “nemici” “. E lo diceva Sant’Egidio, che non aveva mai lesinato le critiche anche verso Assad. Insomma, pochi dubbi: era un assedio”.
 
 
Di fronte a questa svolta nella guerra in corso in Siria, i nostri giornalisti ora si stracciano le vesti parlando dei civili che fuggono dalle zone dei combattimenti.  La controffensiva dell’esercito siriano grazie al supporto dell'aviazione russa, scattata negli ultimi mesi del 2015, ha l'obiettivo di liberare la città dall'assedio dei terroristi. Folli festanti accolgono i “liberatori” in ogni villaggio durante l'avanzata. Carla del Ponte, uno dei giuristi internazionali più noti, ha dichiarato in settimana di plaudire l'intervento russo: "finalmente qualcuno prova a cacciare questi terroristi": E per i media nostrani? Secondo il nostro regime l’esercito di Assad che “avanza verso Aleppo” per “riconquistarla”, come se la città fosse in mano ai rivoltosi e ai mercenari stranieri, e non invece assediata da oltre tre anni dall'Isis. Da Aleppo gli abitanti fuggirebbero verso la Turchia, terrorizzati dai bombardamenti russi”.
 
Ma qual è quindi il vero problema che bisogna nascondere in tutti i modi? Semplice. L'avanzata dell'esercito siriano scoperchia la madre di tutte le questioni: l'approviggionamento, il supporto e i legami con il nostro “alleato” NATO, la Turchia, dei terroristi. Liberata Aleppo finisce il gioco per i terroristi e per Ankara. “I profughi di adesso scappano verso un confine, quello con la Turchia, che è improvvisamente diventato impenetrabile, a meno che l’Europa non molli altri miliardi a Erdogan e soci. Ma è impenetrabile solo per i profughi. Perché gli islamisti in fuga davanti a siriani, Hezbollah, iraniani e curdi, possono attraversarlo senza problemi. Così come per anni l’hanno attraversato in senso inverso i foreign fighters e i rifornimenti per i jihadisti che stringevano in una morsa Aleppo. Ma già, quello non era un assedio”, conclude Scaglione.
 
Proviamo ribrezzo nel leggere menzogne e falsificazioni quotidiane su giornali di un mondo che si crede ancora libero su quanto stia avvenendo in Siria, un paese lacerato da chi si auto-definisce ancora civilizzatore con milioni di morti sulla coscienza negli ultimi decenni. Dopo cinque anni di destabilizzazioni della Siria attraverso una guerra per procura fomentata dagli Stati Uniti, Turchia, Arabia Saudita principalmente, il popolo siriano ha eroicamente resistito e non ha ceduto a quel destino che il mondo libero aveva scelto per loro sul modello iracheno e libico. Quando la vittoria sembra prossima ad Aleppo e quindi , il regime mediatico alza la voce. Questo inutile brusio serve a mascherare i crimini commessi in precedenza e a distogliere l'attenzione sulle azioni criimali di un paese nostro "alleato" NATO che tiene l'Europa in pugno.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: SANA

Siria: la Francia, sponsor del terrorismo, non farà parte del processo di pace

La Francia "non è abilitata" a svolgere un ruolo nel processo di pace in Siria, per il suo supporto al terrorismo ha le mani macchiate del sangue dei siriani, ha avvertito il Ministero degli Affari Esteri siriano in un comunicato.

Nella lettera, inviata in due copie alle Nazioni Unite (ONU) e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
Notizia del:     Fonte: Ruptly

VIDEO. Portavoce YPG: Le forze siriane sono venute per difendere Afrin, ma nessun accordo con Damasco

Il portavoce delle YPG curde di Afrin ha dichiarato ai giornalisti che un numero crescente di forze del governo siriano si è unito alla loro lotta contro la Turchia ad Afrin "per difendere il suolo della patria", ma ha negato il raggiungimento di un accordo con Damasco.

Il portavoce delle YPG ha dichiarato che "[le Forze popolari siriane] sono venute qui per difendere il suolo...
Notizia del:     Fonte: TASS - Interfax

Mosca: "La crisi del Ghouta orientale è colpa di chi sostiene i terroristi"

I terroristi non permettono ai civili di lasciare le aree sotto il loro controllo, impedendo l'operazione del corridoio umanitario, secondo il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.

"La responsabilità della situazione nel Ghouta Orientale(sobborgo di Damasco) è di coloro...
Notizia del:     Fonte: RT

"L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU è rovesciare il governo siriano"

Le delegazioni di Svezia e Kuwait hanno presentato all'ONU una bozza di risoluzione sull'introduzione di un cessate il fuoco per 30 giorni in Siria, per la Russia è solo una proposta per rovesciare il governo siriano.

L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU sembra essere il rovesciamento del governo siriano, ha...
Notizia del:     Fonte: Der Tagesspiegel

Intelligence tedesca: è ora di iniziare un dialogo con Assad sulla lotta al terrorismo

Il capo dei servizi segreti tedeschi, Bruno Kahl, ha sottolineato la necessità di avviare un dialogo con le autorità siriane e il presidente Bashar al-Assad in materia di lotta contro il terrorismo.

Come ha riportato il quotidiano tedesco 'Der Tagesspiegel, finora la proposta di Bruno Kahl capo del BND il...
Notizia del:

Padre salesiano di Damasco su Ghouta: "Ma quali vittime perseguitate dal regime. È l’esatto contrario, sono terroristi che sparano missili contro le nostre scuole"

"Voi europei invece appoggiate i terroristi che colpiscono la gente innocente. Questo è inaccettabile e qualcuno deve dirlo"

Ogni volta, ogni volta, ribadiamo ogni volta che l'esercito siriano è impegnato a liberare il SUO...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa