/ A. Negri: "Invece che con l'Egitto l'Italia rompa le relazioni co...

A. Negri: "Invece che con l'Egitto l'Italia rompa le relazioni con il bieco New York Times"

A. Negri: Invece che con l'Egitto l'Italia rompa le relazioni con il bieco New York Times
 

"Il New York Times afferma, secondo testimonianze raccolte sul posto, che Giulio Regeni è stato accoppato dalla polizia egiziana. Ma la colpa non è degli uomini del presidente-generale Al Sisi. Finalmente abbiamo trovato i veri mandanti: sono gli stessi giornalisti americani che vogliono far saltare gli ottimi rapporti economici tra Roma e il Cairo, oltre che la proficua collaborazione in Libia. A quando, finalmente, la rottura delle relazioni diplomatiche con il bieco New York Times?"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Notizie che fanno piangere le mamme e ridere gli amici (Giovanni Ceruti. op. cit.)
 
di Alberto Negri*
 
Turchia e Arabia Saudita annunciano operazioni aeree e di terra contro l’Isis ma la prima cosa che fa Ankara è bombardare i curdi siriani, teoricamente alleati oltre che di Mosca e di Assad anche degli Usa. Gli Stati Uniti si lamentano con Mosca perché bombarda anche l’opposizione legittima ad Assad. Noi ci dovremmo lamentare con gli Stati Uniti perché hanno provocato questo disastro mediorientale. E come Nato dovremmo adesso schierarci con Erdogan e i sauditi fautori dell’islam wahabita e sponsor da decenni dei jihadisti? Questi la guerra ai combattenti dell’Isis non l’hanno mai fatta, casomai li hanno favoriti e appoggiati ideologicamente. Ma non listate a lutto le bandiere e altre fesserie del tipo “Je Suis..” se arrivano nuovi attentati in Europa.
 
I genieri americani lanciano ancora l’allarme _ sarà la terza volta in tre mesi _ che la diga di Mosul sta per crollare: l’appalto è stato assegnato all’italiana Trevi che dovrebbe essere sorvegliata sul posto da
450 militari. Visto che gli Usa sanno tutto della diga ed è così urgente intervenire perché non ci mandano i loro soldati già presenti in Iraq? Qual è il vantaggio di partecipare a questa operazione? La Libia o altro? Non risulta che da queste missioni sia mai venuto niente di buono per il nostro Paese. E inoltre ogni volta che c’è una vittima tra i militari in missione comincia la solita insopportabile litanìa: perché ci siamo andati?
 
Il New York Times afferma, secondo testimonianze raccolte sul posto, che Giulio Regeni è stato accoppato dalla polizia egiziana. Ma la colpa non è degli uomini del presidente-generale Al Sisi. Finalmente abbiamo trovato i veri mandanti: sono gli stessi giornalisti americani che vogliono far saltare gli ottimi rapporti economici tra Roma e il Cairo, oltre che la proficua collaborazione in Libia. A quando, finalmente, la rottura delle relazioni diplomatiche con il bieco New York Times?
 
*Post Facebook pubblicato su gentile concessione dell'autore
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Venezuela, Maduro: "Il popolo venezuelano non sarà mai vittima del bullismo di un impero"

Dopo la grave ingerenza di Almagro di oggi, il presidente del Venezuela Maduro risponde da Palazzo Miraflores davanti da una mobilitazione spontanea di lavoratori. "Nessuno applicherà nessuna carta nella nazione di Bolivar"

Commentando l'invocazione del Segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani (OSA),...
Notizia del:

Venezuela, Maduro denuncia collegamenti tra funzionari di polizia di Chacao (Miranda) e l'Ambasciata degli Stati Uniti

Il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolas Maduro, ha denunciato lunedi notte che a seguito dell'intervento del governo verso la Polizia a Chacao, nello stato di...
Notizia del:

Il declino di Poroshenko: doveva cambiare l’Ucraina, ma ora rischia di cadere

La crisi economica e il programma del FMI hanno senza dubbio fatto la propria parte ma a pesare sono le promesse elettorali mancate

di Eugenio Cipolla Alcuni lo descrivono come un leader ferito, chiuso nel bunker della Bankova in...
Notizia del:

La condizione del FMI per gli "aiuti" all'Ucraina: le terre a Monsanto e Dupont

Il cerchio di majdan si chiude sui suoi “romantici" piddini "estimatori”

di Fabrizio Poggi* - Contropiano Petro Poroshenko ha chiesto alla Rada di approvare le modifiche alla...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Il Real Madrid dedica la vittoria della Champions League ai suoi tifosi uccisi dall'ISIS in Iraq

Il presidente del Real Madrid, Florentino Perez ha dedicato la vittoria della Champions League ai fan che hanno perso la vita nel recente attacco terroristico in Iraq.

I membri di un club di tifosi del Real Madrid sono stati uccisi dai terroristi dell'ISIS a Balad, vicino alla...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Diplomatico saudita disgustato dai progressi contro l'ISIS in Iraq. Motivo? "L'Iran crea conflitto sciiti-sunniti"

L'ambasciatore saudita in Iraq, Thamer al-Sabhan, ancora una volta provoca tensioni con nuove accuse contro l'Iran e il suo sostegno alle forze popolari irachene nella loro lotta contro i terroristi dell'ISIS.

"L'Iran vuole creare il caos e distruggere gli arabi attraverso conflitti tra sciiti e sunniti",...
Notizia del:

Il rischio di una selezione avversa per il mercato del lavoro in Italia

  di Fabrizio D’Orio   La fuga di cervelli dal nostro paese è una realtà che abbiamo imparato a conoscere in maniera consistente negli ultimi decenni. Infatti,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa