/ A. Negri: "Invece che con l'Egitto l'Italia rompa le relazioni co...

A. Negri: "Invece che con l'Egitto l'Italia rompa le relazioni con il bieco New York Times"

A. Negri: Invece che con l'Egitto l'Italia rompa le relazioni con il bieco New York Times
 

"Il New York Times afferma, secondo testimonianze raccolte sul posto, che Giulio Regeni è stato accoppato dalla polizia egiziana. Ma la colpa non è degli uomini del presidente-generale Al Sisi. Finalmente abbiamo trovato i veri mandanti: sono gli stessi giornalisti americani che vogliono far saltare gli ottimi rapporti economici tra Roma e il Cairo, oltre che la proficua collaborazione in Libia. A quando, finalmente, la rottura delle relazioni diplomatiche con il bieco New York Times?"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Notizie che fanno piangere le mamme e ridere gli amici (Giovanni Ceruti. op. cit.)
 
di Alberto Negri*
 
Turchia e Arabia Saudita annunciano operazioni aeree e di terra contro l’Isis ma la prima cosa che fa Ankara è bombardare i curdi siriani, teoricamente alleati oltre che di Mosca e di Assad anche degli Usa. Gli Stati Uniti si lamentano con Mosca perché bombarda anche l’opposizione legittima ad Assad. Noi ci dovremmo lamentare con gli Stati Uniti perché hanno provocato questo disastro mediorientale. E come Nato dovremmo adesso schierarci con Erdogan e i sauditi fautori dell’islam wahabita e sponsor da decenni dei jihadisti? Questi la guerra ai combattenti dell’Isis non l’hanno mai fatta, casomai li hanno favoriti e appoggiati ideologicamente. Ma non listate a lutto le bandiere e altre fesserie del tipo “Je Suis..” se arrivano nuovi attentati in Europa.
 
I genieri americani lanciano ancora l’allarme _ sarà la terza volta in tre mesi _ che la diga di Mosul sta per crollare: l’appalto è stato assegnato all’italiana Trevi che dovrebbe essere sorvegliata sul posto da 450 militari. Visto che gli Usa sanno tutto della diga ed è così urgente intervenire perché non ci mandano i loro soldati già presenti in Iraq? Qual è il vantaggio di partecipare a questa operazione? La Libia o altro? Non risulta che da queste missioni sia mai venuto niente di buono per il nostro Paese. E inoltre ogni volta che c’è una vittima tra i militari in missione comincia la solita insopportabile litanìa: perché ci siamo andati?
 
Il New York Times afferma, secondo testimonianze raccolte sul posto, che Giulio Regeni è stato accoppato dalla polizia egiziana. Ma la colpa non è degli uomini del presidente-generale Al Sisi. Finalmente abbiamo trovato i veri mandanti: sono gli stessi giornalisti americani che vogliono far saltare gli ottimi rapporti economici tra Roma e il Cairo, oltre che la proficua collaborazione in Libia. A quando, finalmente, la rottura delle relazioni diplomatiche con il bieco New York Times?
 
*Post Facebook pubblicato su gentile concessione dell'autore
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia, Ministero degli Esteri: "I Caschi Bianchi danno appoggio ai terroristi in Siria"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, María Zajárova, ha denunciato le attività dell'organizzazione nella Repubblica araba.

"I soccorritori volontari dell'organizzazione 'Caschi Bianchi' che operano in Siria stanno sostenendo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - TASS - Reuters

La Russia condanna gli attacchi di Israele contro la Siria. E Damasco promette una risposta rapida

Il governo russo ha messo in guardia Israele sugli attacchi aerei contro Damasco, mentre la Siria ha promesso una rapida risposta a tale aggressione.

Il portavoce del presidente russo, Dmitri Peskov, ha dichiarato, oggi, che Mosca mette in guardia da qualsiasi...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: " Per gli USA, in Siria come in Venezuela, chiunque serva i suoi interessi e pratichi il terrorismo, è un 'oppositore', un 'moderato' un combattente per la libertà"

In un'intervista concessa a 'Telesur', il Presidente siriano Bashar al Assad, tra i veri argomenti affrontati, ha analizzato anche gli ultimi eventi in Venezuela e la strategia di destabilizzazione ordita dagli USA, già attuata in Siria nel 2011.

  Qui, il testo originale dell'intervista   Domanda 1:   Accesso diretto alla più...
Notizia del:

Javier Couso: "Con questa risoluzione il Parlamento europeo sceglie di stare con l'opposizione violenta venezuelana"

Una risoluzione che colloca il Parlamento europeo "dalla parte dell'opposizione venezuelana che pratica la violenza" e che mostra "una totale ignoranza della Costituzione bolivariana e dei cinque poteri che li compongono".

L'eurodeputato Javier Couso ha mostrato il "rifiuto frontale" della delegazione di Izquierda Unida...
Notizia del:

La Cina supporta il Venezuela nella non ingerenza dei suoi affari interni

Telesur Il governo cinese considera che i venezuelani siano perfettamente in grado di mantenere la stabiltà della loro nazione e proseguire nello sviluppo economico e sociale. ** Pechino...
Notizia del:

"Lei crede alla lotta di classe, lei è comunista?”. Orfini contestato davanti la tomba di Gramsci

“Lasciate in pace Gramsci, lasciatelo in pace. Quante volte si deve ribaltare nella tomba?”. "Lei crede alla lotta di classe, lei è comunista?” “Voglio...
Notizia del:

Così JP Morgan e Goldman Sachs aggirano ogni giorno le sanzioni contro la Russia

di Eugenio Cipolla   Da quasi tre anni gli Stati Uniti ammorbano l’opinione pubblica occidentale con il mantra delle sanzioni alla Russia in seguito alla crisi ucraina. Nel tempo Washington,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa