/ Madre Agnese Mariam de la Croix: "Ho visto laghi di sangue in Sir...

Madre Agnese Mariam de la Croix: "Ho visto laghi di sangue in Siria e il jihadismo sessuale"

Madre Agnese Mariam de la Croix: Ho visto laghi di sangue in Siria e il jihadismo sessuale
 

La monaca ha accusato i paesi occidentali per tutto quello che sta accadendo nel paese

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Madre Agnes Mariam de la Croix, una suora di origine franco-libanese, vive nel monastero greco-ortodosso di San Giacomo il Mutilato a Qara, in Siria. I terroristi dello Stato Islamico (EI) la vogliono uccidere.
 
La suora ha dichiarato a RT che nella città siriana di Aleppo, dove è stata recentemente, che attualmente molte persone sono affette da malattie per "mancanza di servizi alimentari di base" e ha dichiarato di aver visto i terroristi avvicinarsi a “soli 30 metri dalle abitazioni" e sparare contro tutto ciò che si muove.  Rispetto all"inferno" della situazione in Siria, dove ha visto i bambini “a cui erano stati tagliati una gamba o un braccio", De la Croix ha inoltre messo in evidenza a RT che in Siria non è in corso una guerra civile, perché diverse comunità erano riuscite a vivere in questa società per "centinaia di anni”. Questo conflitto è una "guerra artificiale "promosso e finanziato da agenti esterni .
 
La religiosa ha poi rivelato al quotidiano russo Moskovskiy Komsomolets dei macabri dettagli sul jihadismo sessuale nelle zone controllate dai terroristi. La sua storia inizia con la pubblicazione nella città siriana di Homs nel novembre 2011. "Allora i media occidentali hanno parlato di manifestanti pacifici, ma in realtà erano squadre suicide. Il loro scopo era quello di seminare violenza e paralizzare la vita pacifica della città ", ricorda de la Croix.
 
"In un giorno ho visto in un ospedale più di 100 cadaveri. Ho visto laghi di sangue. Ho tutti i video. Vorrei che mi sanguinassero gli occhi", ammette la suora.
 
De la Croix crede che quello che è successo a Homs, non è responsabilità del presidente siriano Bashar al Assad. "Successivamente, in Occidente, hanno detto che Assad ha organizzato tutto questo, ma ho le liste dei morti e il 75% di loro sono soldati governativi. Sono stati uccisi per destabilizzare e distruggere il potere di Assad", ha detto la suora.
 
Le esecuzioni, ricorda Madre Agnes Mariam de la Croix, si verificano "tutti i giorni". "Per esempio, se qualcuno viene visto fumare, si tagliano le dita. Una ragazza ha recentemente ricevuto un pestaggio per aver creato un profilo su Facebook," dice.
 
La religiosa spiega poi i dettagli della Jihad sessuale e dice che i jihadisti violentano le donne che non rispettano le regole dell'Islam come "una pratica ufficiale".  Ogni 2-3 ore le donne hanno un altro marito per puro "divertimento". "Queste donne non hanno voce, sono semplicemente violentata," dice.
 
Attualmente nei “leader” dell'Isis "la poligamia è una pratica di massa: sposano le ragazze di età compresa tra 9, 10, 11 anni di età: nello Stato Islamico c'è un mercato dove i terroristi vendono gli esseri umani. Quindi ci sono sceicchi, che giocano con i loro schiavi", ha continuato Agnes. "A volte queste persone possono costare solo $ 50."
 
La monaca ha accusato i paesi occidentali per tutto quello che sta accadendo, ricordando che invece di “appoggiare le forze laiche hanno permesso tutto questo crimine.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Reuters-Hispantv

Dopo Siria e Somalia il mese degli O/Errori degli Stati Uniti si conclude con l'uccisione di 15 civili in Afghanistan

Per concludere "degnamente" un mese di atrocità, dopo aver ucciso più di 80 soldati siriani a Deir Ezzor, 22 soldati somali, 8 poliziotti afghani, oggi, un drone statunitense ha ucciso almeno 15 civili in Afghanistan.

Tentando di giustificare la sua ultima atrocità, Washington ha spiegato che il drone dell'aviazione...
Notizia del:

Video. Bambina di 15 anni arrestata con violenza e spray al peperoncino per aver urtato una macchina con la bici. In quale regime secondo voi?

Maryland, regime degli Stati Uniti in azione. La vittima di una bambina di 15 anni, afro-americana chiaramente. Arrestata domenica dalla polizia di Hagerstown Police per non cooperare con i...
Notizia del:

Samir Amin: 'La questione curda, ieri ed oggi'

di Samir Amin*  da samiramin1931.blogspot.it Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx21.it Il caos politico che domina la scena in Medio Oriente si esprime tra l'altro, nell'emergere...
Notizia del:

Jill Stein: l'alternativa tra Trump e Clinton esiste (anche se non ve lo dicono)

"La Clinton e Trump sono i candidati più detestabili e inaffidabili della storia americana e persino i loro sostenitori non li amano […] La gente vuole altre possibilità di...
Notizia del:     Fonte: Govorit Moskva

Russia: "Risponderemo a tutte le accuse degli Stati Uniti"

"Risponderemo a tutto quello che dicono gli statunitensi", ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zajárova, riferendosi alle ultime accuse e insinuazioni circa l'operazione in Siria.

La Russia non lascerà senza risposta la serie di recenti dichiarazioni circa la sua azione militare in Siria,...
Notizia del:

Deutsche Bank, troppo grande (il buco) per non far fallire tutta la zona euro

Ha giocato d'azzardo e ha perso: Deutsche Bank voleva conquistare Londra e Wall Street, ora si parla invece di aiuti pubblici.

In un articolo di Dei Zeit tradotto da Voci della Germania viene riassunta la situazione disastrosa di Deutsche...
Notizia del:

Il populismo de il Manifesto: 'L'uscita dall'euro sarebbe un disastro e il default'. La lettera di risposta pubblicata dal Giornale

Da il Manifesto on-line Intervenendo sul manifesto del 23 settembre Giorgio Lunghini fornisce “qualche cifra sugli effetti dell’abbandono della moneta unica”....
 

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa