/ Siria: per il "mainstream" la tregua regge... ma perché le violaz...

Siria: per il "mainstream" la tregua regge... ma perché le violazioni sono dei "nostri" ribelli "moderati"

Siria: per il mainstream la tregua regge... ma perché le violazioni sono dei nostri ribelli moderati
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
La tregua in Siria raccontata dai giornali mainstream. Con il solito schema del copia e incolla generale, il circo mediatico cita questa "notizia" da parte dell'Ansa a firma Alberto Zanconato:
 
“Raid aerei hanno colpito sei città nella provincia siriana di Aleppo, nel secondo giorno di cessate il fuoco. Lo riferisce l'Osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus), basato a Londra e citato da Sky News, senza poter precisare l'identità dei jet. Secondo altre fonti sul terreno, i raid sarebbero stati compiuti da aerei russi. L'ong denuncia anche altri raid aerei nella zona nordoccidentale di Hama”.
 
Non è ancora chiaro se gli attacchi aerei abbiano colpito zone 'coperte' dalla tregua. Aggiunge Rainews per completare il servizio di "giornalismo" offerto all'opinione pubblica italiana.

Quindi per ricapitolare: violazioni da non precisate fonti sul terreno su un non precisato Jet (per alcuni forse russo). E a dare la notizia una Ong con sede a Londra. Se non fosse tragico il livello d'informazione in Italia, ci sarebbe da sorridere. Per chi e per conto di chi opera il famigerato Osservatorio siriano dei diritti umani (una ONG di immigrati siriani che operano dall'abitazione di Londra del suo presidente) rimandiamo a questa bell'indagine giornalistica di  Nimrod Kamer che svela chiaramente l'attendibilità di questa fonte presa come Bibbia dal mainstream sulla crisi siriana.
 
Poi, come non citare le parole del ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni, colui che mercoledì in Parlamento ha detto come l'Italia debba lavorare per la transizione in Siria dopo la destituzione del presidente Assad, che ha avuto un colloquio telefonico con Riad Hijab, il capo dell'Alto Comitato Negoziale (Hnc). "La tregua può reggere nonostante le violazioni". E le violazioni, nel gioco circo mediatico-politica collusa, di cui parla Gentiloni sono quelle citate dall'Osservatorio siriano dei diritti umani.

"Ma, ad eccezione di questi raid, la tregua sembra reggere", afferma il mainstram.  E, addirittura, arrivano i complimenti che devono aver emozionato Republica e Gentiloni da parte statunitense. “Ci complimentiamo con tutte le parti impegnate", si legge nel dispaccio diffuso ai media dall'US Strategic Command -Combined Joint Task Force.

In realtà, il ministero della Difesa russo, dopo aver interrotto ogni attacco anche contro i terroristi di Al-Nusra per non colpire gruppi che appoggiano i seguaci di Al-Qaeda ma che hanno accettato la tregua, ha registrato nove violazioni della tregua nelle ultime 24 ore. Alcune delle violazioni sono direttamente attribuibili ai cosiddetti ribelli moderati, coloro che Gentiloni considera i referenti per il futuro della Siria nel processo di transizione dopo aver destituito Assad. 

Sei delle nove violazioni sono state rilevate nella periferia di Damasco sotto il controllo di gruppi ribelli "moderati", che, su impegno formale statunitense hanno accettato il cessate il fuoco. 

Nella provincia di Latakia, i combattenti del gruppo terroristico di Al Nusra, che non è incluso nell'accordo di cessate il fuoco, hanno sparato colpi di mortaio ad una forza di milizia locale, che ha risposto. Le posizioni terroristiche erano in una zona sotto il controllo di un gruppo ribelle "moderato", sottolineano fonti sul campo citato dal rapporto del Ministero della Difesa russo.

Infine, un attentatore suicida ha fatto esplodere la sua auto-bomba su una strada a circa 1 km a est dalla città di Hama. La vettura proveniva da una zona controllata dai ribelli "moderati", osserva il rapporto.

Nel pomeriggio di domenica, infine, Mosca ha rilevato di aver ricevuto informazioni di attacchi nel territorio siriano contro la città di Tell Abyad da parte della Turchia con artiglieria di grosso calibro, che è stata successivamente verificata e confermata da diversi canali, tra cui i rappresentanti delle forze democratiche della Siria ", ha detto a Interfax il direttore del centro di riconciliazione delle parti in lotta in Siria, il tenente generale Sergei Kuralenko. Il Centro russo ha contattato il centro degli Stati Uniti per la riconciliazione, che si trova ad Amman, per chiedere spiegazioni.
 
Quindi capite il gioco della stampa mainstream? Alcune violazioni “forse aerei russi”  “come riporta l'Osservatorio siriano dei diritti umani” (con sede a Londra), ma per il resto la tregua regge. Regge perché le violazioni le fanno i “nostri” ribelli “moderati” e il membro NATO Turchia. Si prepara il terreno mediatico per coprire l'ultimo dei castelli di carta di menzogne creato fino ad oggi sulla crisi siriana: i ribelli “moderati” e al-Nusra (Al-Qaeda) sono la stessa identica cosa.

La Redazione
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: AFP

Yemen, attacco della coalizione saudita su un hotel provoca 35 morti

Un altro terribile massacro dell'Arabia saudita compiuto nello Yemen con l'appoggio di USA e Gran Bretagna ha provocato la morte di più di 30 persone nei pressi di Sanaa.

Un nuovo bombardamento della coalizione guidata dall'Arabia Saudita ha colpito un albergo vicino alla capitale...
Notizia del:     Fonte: rupty

Raqqa, la denuncia dei civili: La Coalizione "ha bombardato deliberatamente" quando c'erano bambini nelle strade

I sopravvissuti agli attacchi della coalizione guidati dagli Stati Uniti segnalano che gli aerei hanno usato fosforo bianco quando hanno bombardato un'area residenziale in Siria.

Molti civili nella provincia Raqqa raccontano di essere stati bersaglio di bombardamenti effettuati in questa...
Notizia del:     Fonte: Tass - Haaretz

Netanyahu ribadisce a Putin di temere più l'Iran che l'ISIS in Siria

Il primo ministro del regime israeliano in un incontro con il Presidente russo Putin ha ribadito che la presenza dell'Iran in Siria rappresenta una minaccia per Israele e per il mondo intero.

Israele utilizzerà i mezzi necessari per proteggere se stesso e impedire all'Iran di rafforzare la...
Notizia del:

John Pilger ha ragione. Se il Venezuela cade, l'umanità cade

"Gli USA hanno già invaso il Venezuela con gruppi sovversivi come la NED, che supportano una cosiddetta 'opposizione', che cerca rovesciare con la forza un governo eletto"

di Luis Hernández Navarro - Cubainformazione (Traduzione di Francesco Monterisi*)   John...
Notizia del:

Cuba: il paese con la più rapida crescita di internet... o il contrario?

I grandi media internazionali continuano a sottolineare che il governo di Cuba ostacola lo sviluppo di Internet per "timore della libertà di informazione". Un argomento che ogni giorno è più debole

di José Manzaneda - coordinatore di Cubainformación (Traduzione di Francesco Monterisi*)   I...
Notizia del:

Cuba, l'isola ferita solidale con il popolo spagnolo colpito dal terrorismo

I cubani solidarizzano con il popolo spagnolo, e gli altri che negli ultimi tempi hanno sofferto le conseguenze delle azioni terroristiche, perché sanno cosa vuol dire perdere i propri cari

di Arthur González (Traduzione di Francesco Monterisi*)   Rabbia ed impotenza si uniscono...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria denuncia i massacri dei civili e danni per 2,5 miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi aerei USA

Dopo le continue denuncie all'ONU sulle morti dei civili, il governo siriano lamenta anche danni per miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi della Coalizione guidata dagli USA che illegalmente opera nel paese arabo.

In una lettera inviata al Segretario generale delle Nazioni Unite e al presidente del Consiglio di sicurezza...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa