/ Dichiarazioni di ordinaria follia dal nostro "alleato" turco sull...

Dichiarazioni di ordinaria follia dal nostro "alleato" turco sulla Siria

Dichiarazioni di ordinaria follia dal nostro alleato turco sulla Siria
 

Il premier Ahmet Davutoglu: "Ankara continuerà a sostenere gli eroici ribelli che difendono la città di Aleppo dalla pulizia etnica russa".

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Alcune dichiarazioni scioccanti in un'intervista ad Al-Jazeera del primo ministro Ahmet Davutoglu del 23 febbraio scorso. Solita ordinaria follia da parte di un paese membro della NATO che rischia come scritto correttamente da Weiss la scorsa settimana di gettare il mondo nell'apocalisse della Terza guerra mondiale se non viene espulso immediatamente dall'Alleanza Atlantica.

Leggi: S. Weiss: "La NATO espella la Turchia per evitare la terza guerra mondiale"
 
Il premier turco, dopo aver riconosciuto senza nessuna remora che Ankara sostiene i gruppi armati in Siria, ha accusato la Russia di pulizia etnica ad Aleppo, città dove difende i ribelli-terroristi che hanno assediato la città per anni. Anzi, Ankara continuerà a rifornirli.
 
Davutoglu ha elogiato i ribelli che controllano la città di Aleppo, impegnati in una guerra civile contro Damasco, per respingere gli attacchi provenienti da varie forze. "Come potrebbero essere in grado di difendersi se non ci fosse il sostegno turco? ... Se c'è oggi un'opposizione siriana moderata, è grazie al sostegno turco. Se oggi il regime [Assad] non è in grado di controllare tutti i territori [è] grazie alla Turchia e al supporto di alcuni altri paesi ", ha detto.
Sosterrà questi ribelli "moderati" in tutti i modi contro i terroristi come "YPG, Daesh (Stato islamico) e le forze straniere, che stanno invadendo la Siria, come la Russia e l'Iran ", ha proseguito il premier sfidando e pareggiando solo i deliri di Gentiloni.

Davutoglu ha poi dichiarato che lo scopo dell'operazione aerea russa in Siria è "pulizia etnica in ed intorno a Aleppo." E, poi ha accusato Mosca di colpire "tutte le forze anti-regime, tutti i gruppi"

Alla domanda precisa di un'invasione di terra in Siria, il premier turco ha glissato. Ha poi concluso dicendo che il suo paese non ha nessun rimpianto per il Su-24 russo abbattuto. 

Turchia, paese membro della Nato e parte dello Small Group che Gentiloni cita sempre come il referente che dovrebbe dare una soluzione alla crisi siriana. Invece di dire in Parlamento che l'Italia lavorerà per la destituzione di Assad, il governo italiano si faccia carico parte immediatamente una discussione all'interno della NATO per l'espulsione di questo "alleato" totalmente fuori controllo r
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Partito comunista siriano unificato: "Giù le mani dal nostro paese"

Nel gruppo degli aggressori, dobbiamo elencare, oltre a Europa e Stati uniti, Arabia saudita, Qatar, Turchia, Israele, Bahrein e altri stati reazionari, colonialisti e sionisti. E naturalmente tutte le fazioni terroriste armate, al lavoro contro la popolazione e le infrastrutture del paese. La cosiddetta “opposizione” che ha appoggiato l’attacco statunitense contro la Siria fa parte della categoria di chi vende la patria per i dollari e i rial.

  Comunicato del Partito comunista siriano unificato Dal giornale elettronico “Nur” Traduzione...
Notizia del:

25 aprile. Un corteo di popolo celebra il 25 Aprile, senza il Pd e l’arroganza dei sionisti

di Sergio Cararo* - Direttore di Contropiano Un corteo di popolo, lungo, affollato, partecipato oltre ogni aspettativa. E tra la gente circola una battuta al vetriolo: “Come si è saputo...
Notizia del:

Maggio 2013, Del Grande e Radio 3: i terroristi in Siria (Al Nusra) "sono il numero 1 dell'onestà."

Del Grande ha confezionato una serie “Syria Calling, voci dalla guerra”, trasmessa su Radio 3 dal 27 al 31 maggio 2013. Si racconta la rivoluzione siriana. Poi per chiudere in bellezza, nell’ultima puntata viene riportata la testimonianza di un generale dell’Esercito Siriano Libero che tesse le lodi dell’organizzazione terroristica Al Nusra, perché “sono il numero 1 dell’onestà, non hanno mai rubato nulla. Apprezzo il loro modo di trattare i civili”.

  Dopo essere stato rilasciato dalle autorità turche, rientra in Italia Gabriele Del Grande. Un...
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Notizia del:

Abbiano almeno il pudore di tacere, certi antifascisti a corrente alternata! 

di Mauro Gemma In Ucraina i nazisti sono al potere, con il sostegno anche del governo PD. Là si incarcera, si tortura e anche si uccide chi la pensa diversamente. Si mettono fuori legge partiti...
Notizia del:

Novaja Gazeta contro Ramzan Kadyrov

di Fabrizio Poggi Un po' di cronistoria. Lo scorso 1 aprile Novaja Gazeta scriveva di “arresti in massa e crudeltà in Cecenia nei confronti di persone sospettate di orientamenti sessuali...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Perché l'OPCW non indaga sugli attacchi chimici in Siria?

La Russia definisce 'insolita' la decisione dell'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPCW) di non indagare sui presunti attacchi chimici in Siria.

"È insolito perché la decisione non prevede altro che un'indipendente, imparziale e trasparente...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa