/ Un professore di diritto contro Summers: "Il contante è la moneta...

Un professore di diritto contro Summers: "Il contante è la moneta della libertà"

Un professore di diritto contro Summers: Il contante è la moneta della libertà
 

Summer si è espresso a favore dell'eliminazione del contante, in particolare della soppressione della banconota da 100 dollari.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Come vi scrivevamo il mese scorso, "Dopo la BCE che, su impulso della Commissione Ue, starebbe riflettendo sull'opportunità di fermare le emissioni della banconota da 500 euro nel quadro della lotta al finanziamento della criminalità e del terrorismo, un altro "studioso" di Harvard ed ex segretario del Tesoro statunitense, Lawrence H. Summers, si è espresso a favore dell'eliminazione del contante, in particolare della soppressione della banconota da 100 dollari.
 
In un editoriale pubblicato sul Washington Post, nel quale sposa la linea della Commissione europea - la proposta di limitare l'uso del contante citando il ruolo che esso rivestirebbe nel finanziamento del terrorismo internazionale - Summer sostiene che sebbene rimuovere le banconote di grosso taglio dalla circolazione, in Europa quanto negli Usa, “per ora appaia ancora un passo eccessivo”, una moratoria sulla loro emissione “renderebbe il mondo un posto migliore”. 
 
Summers ha esortato i paesi di tutto il mondo ad accettare di fermare l'emissione di banconote di taglio elevato, dicendosi "non sopreso a questo proposito dalla resistenza di paesi come il Lussemburgo, con la sua lunga e insalubre tradizione di dare rifugio a evasori fiscali, riciclatori di denaro e altri promotori del segreto bancario”.  
 
Quello che Summer propone, al contrario di una iniziativa unilaterale europea “sarebbe un accordo globale che cessi l'emissione di banconote dal valore superiore a 50 o 100 dollari. Si tratterebbe dell'iniziativa più importante adottata dal G7 o dal G20 nell'arco di diversi anni”. 

A Summers ha risposto, mezzo stampa, Glenn Harlan Reyonds, un professore di diritto dell&# 39; Università del Tennessee.
In un articolo pubblicato su USA Today, il professore scrive che " mentre l'ex segretario al Tesoro Larry Summers vuole sbarazzarsi della banconota da 100 dollari, penso che abbiamo bisogno di ripristinare le banconoteda 500 e 1000 dollari. E la ragione è che la gente come Larry Summers ha fatto un lavoro orribile". 

I governi vogliono sbarazzarsi di denaro per due motivi. In primo luogo, per avere un maggiore controllo sui cittadini: hanno presentato la progressiva eliminazione del contante in nome della lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata, ma ciò che realmente interessa è fare in modo che nessuno sfugga al loro controllo. In secondo luogo , se siete costretti a mettere i vostri soldi in una banca, possono costringervi a spenderli (e quindi "stimolare" l'economia) sottoponendovi a tassi di interesse negativi, in cui il denaro che si trova nella banca si riduce, fornendo un incentivo a spendere. 

Perché dare a persone come Sanders ancora più controllo su l'economia? Che motivo c'è di pensare che useranno che il controllo abbastanza, o addirittura con competenza? La loro esperienza non è molto impressionante.
 
Il contante ha un sacco di virtù. Una di queste è che permette alle persone di impegnarsi in transazioni volontarie senza la conoscenza o il permesso di chiunque altro. I governi chiamano questo sospetto, ma il resto di noi lo chiama libertà". 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Venezuela, sovranità, autodeterminazione e guerra economica: importante seminario alla Sapienza

Alla presenza di oltre 150 studenti e come seminario delle lezioni alla Sapienza del Prof. Luciano Vasapollo, l’Ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Isaìas Rodriguez, è...
Notizia del:

Haftar annuncia possibile candidatura alle elezioni in Libia. "Il governo di Tripoli è obsoleto"

In un discorso tv il generale ha dichiarato che La Libia "è a una svolta storica pericolosa" con "la scadenza dell'accordo politico" di Skhirat. "Tutti gli organi politici nati da questa intesa perdono oggi di fatto la loro legittimità, entità peraltro già contestate da quando sono entrate in carica".

La Libia "è a una svolta storica pericolosa" con "la scadenza dell'accordo politico"...
Notizia del:

Assad: "Il terrorismo in Siria esiste grazie all'appoggio dell'Occidente"

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha ricevuto lunedì una delegazione ufficiale ed economica russa guidata dal vice primo ministro russo, Dmitry Rogozin. Lo riporta l'agenzia siriana SANA.  ** Sulle...
Notizia del:     Fonte: http://www.rtl.fr

Siria: Macron ritiene che "sarà necessario parlare" con Assad

Il Presidente francese in un'intervista a 'France 2' ritiene che la priorità sia riportare la stabilità in Siria, dialogando con il suo omologo siriano Assad senza escluderlo in una prima fase dal processo di pace.

Il presidente francese , Emmanuel Macron, durante un'intervista rilasciata ieri alla rete televisiva statale...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Libia. Saif al-Islam Gheddafi prevede di candidarsi alle prossime elezioni presidenziali

Un portavoce delle tribù libiche e della famiglia di Gheddafi, Hashemi Alshoul ha rivelato all'emittente libanese, al-Mayadeen che "al-Islam Gheddafi Saif si sta preparando per le prossime elezioni presidenziali in Libia", aggiungendo che "ha il sostegno di una delle più grandi tribù del paese.

Secondo il canale satellitare libanese, al-Mayadeen, il programma della candidatura di Saif al-Islam per le presidenziali...
Notizia del:

RAPPORTO. "Militari Usa presenti in tutti i paesi d'Europa tranne Russia e Bielorussia"

Gli Stati Uniti hanno oggi una presenza militare nel 75% dei paesi del mondo

Un rapporto indica un nuovo record nel militarismo statunitense: Washington ha schierato forze in 149 paesi in...
Notizia del:     Fonte: SANA - Telesur

L'agenzia siriana SANA smentisce Sputnik sull'arrivo di truppe cinesi in Siria

Con un comunicato, l'agenzia statale siriana, SANA, ribadisce di non essere la fonte della notizia circa l'arrivo di truppe cinesi nel paese arabo.

All'inizio di questa settimana, era stata diffusa da diverse agenzie di stampa la notizia circa lo schieramento...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa