/ Un professore di diritto contro Summers: "Il contante è la moneta...

Un professore di diritto contro Summers: "Il contante è la moneta della libertà"

Un professore di diritto contro Summers: Il contante è la moneta della libertà
 

Summer si è espresso a favore dell'eliminazione del contante, in particolare della soppressione della banconota da 100 dollari.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Come vi scrivevamo il mese scorso, "Dopo la BCE che, su impulso della Commissione Ue, starebbe riflettendo sull'opportunità di fermare le emissioni della banconota da 500 euro nel quadro della lotta al finanziamento della criminalità e del terrorismo, un altro "studioso" di Harvard ed ex segretario del Tesoro statunitense, Lawrence H. Summers, si è espresso a favore dell'eliminazione del contante, in particolare della soppressione della banconota da 100 dollari.
 
In un editoriale pubblicato sul Washington Post, nel quale sposa la linea della Commissione europea - la proposta di limitare l'uso del contante citando il ruolo che esso rivestirebbe nel finanziamento del terrorismo internazionale - Summer sostiene che sebbene rimuovere le banconote di grosso taglio dalla circolazione, in Europa quanto negli Usa, “per ora appaia ancora un passo eccessivo”, una moratoria sulla loro emissione “renderebbe il mondo un posto migliore”. 
 
Summers ha esortato i paesi di tutto il mondo ad accettare di fermare l'emissione di banconote di taglio elevato, dicendosi "non sopreso a questo proposito dalla resistenza di paesi come il Lussemburgo, con la sua lunga e insalubre tradizione di dare rifugio a evasori fiscali, riciclatori di denaro e altri promotori del segreto bancario”.  
 
Quello che Summer propone, al contrario di una iniziativa unilaterale europea “sarebbe un accordo globale che cessi l'emissione di banconote dal valore superiore a 50 o 100 dollari. Si tratterebbe dell'iniziativa più importante adottata dal G7 o dal G20 nell'arco di diversi anni”. 

A Summers ha risposto, mezzo stampa, Glenn Harlan Reyonds, un professore di diritto dell&# 39; Università del Tennessee.
In un articolo pubblicato su USA Today, il professore scrive che " mentre l'ex segretario al Tesoro Larry Summers vuole sbarazzarsi della banconota da 100 dollari, penso che abbiamo bisogno di ripristinare le banconoteda 500 e 1000 dollari. E la ragione è che la gente come Larry Summers ha fatto un lavoro orribile". 

I governi vogliono sbarazzarsi di denaro per due motivi. In primo luogo, per avere un maggiore controllo sui cittadini: hanno presentato la progressiva eliminazione del contante in nome della lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata, ma ciò che realmente interessa è fare in modo che nessuno sfugga al loro controllo. In secondo luogo , se siete costretti a mettere i vostri soldi in una banca, possono costringervi a spenderli (e quindi "stimolare" l'economia) sottoponendovi a tassi di interesse negativi, in cui il denaro che si trova nella banca si riduce, fornendo un incentivo a spendere. 

Perché dare a persone come Sanders ancora più controllo su l'economia? Che motivo c'è di pensare che useranno che il controllo abbastanza, o addirittura con competenza? La loro esperienza non è molto impressionante.
 
Il contante ha un sacco di virtù. Una di queste è che permette alle persone di impegnarsi in transazioni volontarie senza la conoscenza o il permesso di chiunque altro. I governi chiamano questo sospetto, ma il resto di noi lo chiama libertà". 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

LA CINA METTE IN GUARDIA SULL’USO DELLA FORZA IN COREA

Il Ministro degli esteri cinese Wang Yi ha affermato che il dialogo e il negoziato sono gli unici strumenti per poter risolvere il problema della crisi nucleare in Corea, in un suo intervento ad una riunione...
Notizia del:

Saviano e i "Caschi Bianchi": Lettera aperta ad "Amici"

Gentile redazione di Amici, Apprendiamo con stupore che l’onnipresente Roberto Saviano utilizzerà la trasmissione "Amici" di questa sera per un ennesimo panegirico degli Elmetti...
Notizia del:

Per la prima volta un paese bombardato dalla Nato vota per l'integrazione nell'Alleanza

Il Parlamento del Montenegro ha votato questo venerdì a favore del progetto per l'integrazione del paese nella Nato, proposto dalla coalizione al governo. L'opposizione ha convocato proteste...
Notizia del:

Come da manuale arrivano i "Caschi Bianchi" anche in Venezuela

Come da manuale, arrivano i Caschi Bianchi a Caracas per il sostegno mediatico al tentativo di golpe violento contro il governo venezuelano.  Ea! Ya están en Venezuela, ¿quién?...
Notizia del:

Il sistema “Anaconda” ai confini russi: la "cintura liberale" per stritolare Mosca

di Fabrizio Poggi - Contropiano La municipalità di Kiev ha stabilito di proclamare il 2017, nell'area comunale, anno dell'UPA, il cosiddetto esercito insurrezionale ucraino, braccio...
Notizia del:     Fonte: http://www.mid.ru

"Incoerenze evidenti": Mosca mette in discussione le accuse della Francia sull'uso di armi chimiche in Siria

Il ministero degli Esteri russo ha ribadito ancora una volta che l'unica possibilità di trovare la verità è che l'OPCW conduca un'indagine.

La Russia ha messo in discussione l'integrità di un rapporto dell'intelligence francese che ripete...
Notizia del:     Fonte: Al-Mayadeen

VIDEO. Yemen sempre più allo stremo, oltre all'aggressione dell'Arabia Saudita, le organizzazioni internazionali riducono gli aiuti

Più di quarantamila sfollati yemeniti ad Abes, nella Provincia di Hajja, Yemen occidentale, soffrono la carenza di cibo in seguito alla decisione delle organizzazioni internazionali per ridurre il loro aiuto a meno della metà. Un reportage di Ahmed Abdul Rahman parla delle grandi difficoltà nelle quali gli sfollati yemeniti dal vivo, oltre a quella dell'aggressione dell'Arabia Saudita appoggiata dagli USA.

Lunghe code in attesa della distribuzione del cibo che non è sufficiente. Dopo la riduzione, quel poco...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa