/ Un professore di diritto contro Summers: "Il contante è la moneta...

Un professore di diritto contro Summers: "Il contante è la moneta della libertà"

Un professore di diritto contro Summers: Il contante è la moneta della libertà
 

Summer si è espresso a favore dell'eliminazione del contante, in particolare della soppressione della banconota da 100 dollari.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Come vi scrivevamo il mese scorso, "Dopo la BCE che, su impulso della Commissione Ue, starebbe riflettendo sull'opportunità di fermare le emissioni della banconota da 500 euro nel quadro della lotta al finanziamento della criminalità e del terrorismo, un altro "studioso" di Harvard ed ex segretario del Tesoro statunitense, Lawrence H. Summers, si è espresso a favore dell'eliminazione del contante, in particolare della soppressione della banconota da 100 dollari.
 
In un editoriale pubblicato sul Washington Post, nel quale sposa la linea della Commissione europea - la proposta di limitare l'uso del contante citando il ruolo che esso rivestirebbe nel finanziamento del terrorismo internazionale - Summer sostiene che sebbene rimuovere le banconote di grosso taglio dalla circolazione, in Europa quanto negli Usa, “per ora appaia ancora un passo eccessivo”, una moratoria sulla loro emissione “renderebbe il mondo un posto migliore”. 
 
Summers ha esortato i paesi di tutto il mondo ad accettare di fermare l'emissione di banconote di taglio elevato, dicendosi "non sopreso a questo proposito dalla resistenza di paesi come il Lussemburgo, con la sua lunga e insalubre tradizione di dare rifugio a evasori fiscali, riciclatori di denaro e altri promotori del segreto bancario”.  
 
Quello che Summer propone, al contrario di una iniziativa unilaterale europea “sarebbe un accordo globale che cessi l'emissione di banconote dal valore superiore a 50 o 100 dollari. Si tratterebbe dell'iniziativa più importante adottata dal G7 o dal G20 nell'arco di diversi anni”. 

A Summers ha risposto, mezzo stampa, Glenn Harlan Reyonds, un professore di diritto dell&# 39; Università del Tennessee.
In un articolo pubblicato su USA Today, il professore scrive che " mentre l'ex segretario al Tesoro Larry Summers vuole sbarazzarsi della banconota da 100 dollari, penso che abbiamo bisogno di ripristinare le banconoteda 500 e 1000 dollari. E la ragione è che la gente come Larry Summers ha fatto un lavoro orribile". 

I governi vogliono sbarazzarsi di denaro per due motivi. In primo luogo, per avere un maggiore controllo sui cittadini: hanno presentato la progressiva eliminazione del contante in nome della lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata, ma ciò che realmente interessa è fare in modo che nessuno sfugga al loro controllo. In secondo luogo , se siete costretti a mettere i vostri soldi in una banca, possono costringervi a spenderli (e quindi "stimolare" l'economia) sottoponendovi a tassi di interesse negativi, in cui il denaro che si trova nella banca si riduce, fornendo un incentivo a spendere. 

Perché dare a persone come Sanders ancora più controllo su l'economia? Che motivo c'è di pensare che useranno che il controllo abbastanza, o addirittura con competenza? La loro esperienza non è molto impressionante.
 
Il contante ha un sacco di virtù. Una di queste è che permette alle persone di impegnarsi in transazioni volontarie senza la conoscenza o il permesso di chiunque altro. I governi chiamano questo sospetto, ma il resto di noi lo chiama libertà". 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Venezuela, perseverare è diabolico

L’eurodeputato Javier Couso Permuy, che fa parte della Delegazione Ue all’Assemblea parlamentare euro-latinoamericana, ha denunciato nei giorni scorsi l’esistenza di un documento preventivo dell’Unione europea per non riconoscere a priori il risultato delle elezioni venezuelane

da ilsimplicissimus   La notizia come avviene sempre più spesso è che manca la notizia:...
Notizia del:

Xi Jinping apre al mondo la “porta della Cina”

I riflettori del mondo sono puntati sul diciannovesimo congresso del Partito Comunista Cinese e il motivo è fin troppo semplice: la politica di Pechino non riguarda più solo la Cina ma...
Notizia del:

Khamenei: "Non perdo il mio tempo a rispondere alle fesserie del maleducato presidente degli Stati Uniti".

L’ayatollah sull'accordo nucleare: "Se gli Usa lo rompono, l'Iran lo triterà"

Il leader supremo iraniano, l’ayatollah Alí Khamenei ha assicurato questo mercoledì che il...
Notizia del:

Raqqa, tra propaganda USA/CURDA e anomalie: il reale peso della liberazione nella guerra in Siria

di Stefano Orsi Sono molti mesi che prosegue questo lungo e sanguinoso assedio alla città di Raqqa, città siriana, eletta anni fa a capitale dell'allora Califfato o Isis o Daesh,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Le forze irachene liberano i confini con la Siria e l'Iran dalla presenza dei curdi

Le forze irachene continuano ad avanzare rapidamente contro le milizie curde e assumono il controllo di diverse zone di confine del paese.

Come riportato dal sito 'Al masdar News',la Polizia Federale irachena, sostenuta da forze pro-governative...
Notizia del:     Fonte: http://nsarchive.gwu.edu

Svelati documenti che confermano la complicità degli USA nel massacro di 500.000 comunisti indonesiani

I documenti non classificati rivelano il sostegno statunitense all'esercito indonesiano per eliminare il Partito Comunista Indonesiano (PKI) tra il 1965 e il 1966.

La National Security Archive dell'Università George Washington, ha reso pubblico ieri un totale di...
Notizia del:

La tesi del “fine del comunismo” e il 19° congresso del Partito Comunista Cinese

di Fausto Sorini Intervento al Forum «Cina e Ue. I nodi politici ed economici nell’orizzonte della “nuova via della seta” e di una “nuova mondializzazione”»,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa