/ "Lo Stato dell'Honduras è responsabile della morte di Berta, nost...

"Lo Stato dell'Honduras è responsabile della morte di Berta, nostra madre, nostra figlia, nostra guida"

Lo Stato dell'Honduras è responsabile della morte di Berta, nostra madre, nostra figlia, nostra guida
 

Comunicato delle figlie, del figlio e della madre di Berta Caceres. "I responsabili per il suo omicidio sono gruppi di affari in combutta con il governo nazionale"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Comunicato delle figlie, del figlio e della madre di Berta Caceres
traduzione di Antonio Lupo e Chiara de Poli

Davanti al letto della nostra Bertha, nostra madre, nostra figlia, nostra guida.
 
Le sue figlie Olivia, Bertha e Laura, il figlio Salvador, sua madre Bertha Austra, accompagnati dai nostri famigliari, amiche e amici, noi vogliamo rendere pubblici i nostri pensieri in questo momento di profonda costernazione.
 
La nostra Bertha è la maggiore delle nostre ispirazioni, per questo sentiamo il bisogno di far conoscere la verità sulla sua vita e sulla sua lotta.
 
In questa circostanza vogliamo ringraziare prima tutta la solidarietà nazionale e internazionale che ci accompagna.
Siamo grati per il sostegno al popolo Lenca, a cui ha dedicato la maggior parte della sua resistenza. Al popolo Garifuna con cui si sono condivise fraternamente lotte e utopie. A tutte le organizzazioni e movimenti sociali in Honduras, America Latina e nel mondo, che hanno condiviso il nostro dolore. Siamo grati per tutte le immense dimostrazioni di affetto e condoglianza che il popolo honduregno ha offerto, che dimostrano che la sua lotta è una degna lotta dei popoli e di cui il mondo ha bisogno.

Non si può distorcere la verità sul crimine che ha concluso la sua vita. Sappiamo con chiarezza certa che le ragioni del suo vile assassinio sono state la sua resistenza e la lotta contro lo sfruttamento dei beni comuni della natura e in difesa del popolo Lenca. Il suo omicidio è un tentativo di porre fine alla lotta del popolo Lenca contro ogni forma di sfruttamento e di saccheggio. Un tentativo di interrompere la costruzione di un nuovo mondo.
 
Le circostanze della sua morte si collocano nel mezzo della lotta del popolo Lenca contro l'installazione del progetto idroelettrico Agua Zarca sul fiume Gualcarque. Chiediamo che siano chiarite le responsabilità della Impresa DESA che sta sviluppando il progetto. Noi riteniamo responsabile la Impresa DESA, come anche le istituzioni finanziarie internazionali che sostengono il progetto, la Banca olandese FMO, lo Fondo Finn, BCIE, Ficohsa e le imprese impegnate CASTOR, il Gruppo imprenditoriale ATALA, della persecuzione, criminalizzazione, stigmatizzazione, delle continue minacce di morte contro la sua persona, la nostra e il COPINH.
 
Noi riteniamo responsabile lo Stato honduregno di aver in gran misura ostacolato la protezione della nostra Bertha, e di aver propiziato la persecuzione, criminalizzazione e l'omicidio. Avendo scelto di tutelare gli interessi delle imprese rispetto alle decisioni e ai mandati delle comunità.
 
Come è possibile che le istituzioni della polizia, l'esercito, il ministero di sicurezza che proteggono gli interessi e le installazioni dell'impresa DESA siano presumibilmente le stesse che pretendevano di garantire la protezione e la sicurezza alla nostra Bertha?
 
Come è possibile che la polizia, l'esercito e lo Stato honduregno che dovevano proteggere la sua integrità, siano gli stessi che la minacciavano di morte, molestavano e perseguitavano?
 
I responsabili per il suo omicidio sono gruppi di affari in combutta con il governo nazionale, i governi municipali e le istituzioni repressive dello Stato, che stanno dietro ai progetti estrattivi sviluppati nella regione. I finanziatori di questi progetti estrattivi di morte sono anche responsabili per la morte del nostro Bertha e di tante persone che lottano contro lo sfruttamento dei territori, dal momento che i loro soldi rendono possibile l'imposizione di interessi economici sopra i diritti ancestrali dei popoli.
 
Non permetteremo che la sua immagine diventi un logo vuoto, rivendichiamo la nostra Bertha nella lotta permanente ed energica per la difesa della vita, dei territori e contro questo sistema di sfruttamento e di saccheggio.
 
Esigiamo che si istituisca una commissione internazionale imparziale per l'investigazione di questo crimine, tra cui la Commissione Interamericana per i Diritti Umani, organizzazioni internazionali per i diritti umani e gli organi governativi competenti, data la dimostrata mancanza di obiettività sulle indagini che sono state avviate nel Paese .
 
Vogliamo che si rispetti l'integrità della sua figura di resistenza. Bertha è una combattente eterna contro il razzismo, il patriarcato e il sistema capitalista oppressore e assassino. La sua lotta è sta attraversata da un forte anti-imperialismo, costantemente corroborato dalle sue pratiche internazionali e dal suo totale rifiuto del colpo di stato finanziato e sostenuto dagli Stati Uniti, che è stato l'inizio della consegna del territorio nazionale alle multinazionali a discapito dei diritti il popolo Lenca e la popolazione honduregna.

Esigiamo in modo immediato e definitivo che venga annullata la concessione di DESA sul fiume Gualcarque e che il fiume Gualcarque scorra liberamente.

Se il governo vuole davvero fare giustizia esigiamo che si cancellino tutte le concessioni minerarie, di dighe, foreste e tutti i progetti che minacciano la sovranità nazionale.
 
Esigiamo il rispetto e garanzie per l'integrità fisica, giuridica ed emozionale della nostra famiglia, delle comunità, in particolare del Rio Blanco e di tutte le persone organizzate all'interno del COPINH.

La sua lotta non è stata solo per l'ambiente ma anche per il cambiamento del sistema, contro il capitalismo, il razzismo e il patriarcato.

Essi non solo hanno ucciso solo nostra madre, hanno ucciso la madre di un intero popolo.

Facciamo un appello perchè diventino sempre più forti la mobilitazione, la denuncia e solidarietà per chiedere la vera giustizia.
 
"Risvegliamo, risvegliamo l'umanità!, Non è tempo che le nostre coscienze siano scosse solo dal contemplare l'autodistruzione, basata sulla rapina capitalista, razzista e patriarcale"
 
Bertha vive !!
 
La Esperanza, Intibucá , 5 marzo 2016
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Hispantv

"La Russia continua ad utilizzare la base iraniana per attaccare i terroristi"

Il Presidente del Parlamento iraniano, Ali Larijani, ha dichiarato, oggi, che gli aerei russi stanno ancora utilizzando la base iraniana Noyé per attaccare i terroristi in Siria.

Larijani ha riferito, confutando il Ministero della Difesa della Russia, che anche i bombardieri strategici russi...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Gli attacchi della coalizione guidata degli Stati Uniti hanno causato danni per 2 miliardi di dollari alla Siria

L'industria del petrolio e del gas in Siria ha subito ingenti danni in seguito ai bombardamenti della coalizione guidata dagli Stati Uniti.

Gli attacchi della coalizione guidata dagli Stati Uniti, il cui scopo ufficiale è quello di combattere l'ISIS,...
Notizia del:

Assange: Clinton e Trump sono un disastro per tutti

Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, ritiene che l'elezione a Presidente degli Stati Uniti di Hillary Clinton o Donald Trump sarebbe un disastro per gli USA e per il resto del mondo.

"Entrambi i candidati (per la Casa Bianca), lei e Donald Trump, sono un disastro sia per il loro paese che...
Notizia del:

Ministero della Difesa iraniano: "La Russia utilizzerà la nostra base per tutto il tempo necessario"

Il Ministero della Difesa iraniano ha annunciato che la Russia può utilizzare la base iraniana di Hamdan per le operazioni contro i terroristi in Siria per tutto il tempo necessario. Si valuta, inoltre, la concessione di altre basi iraniane alla Russia.

"Gli aerei russi useranno la base militare Hamadan per attaccare lo Stato Islamico tutto il tempo necessario",...
Notizia del:

Il burkini e la libertà religiosa

Credo che ci sia un ambito privato dove ogni cittadino deve poter manifestare le proprie convinzioni e le proprie idee. Piacciano o non piacciano, almeno finché non offendono altri cittadini

di Maurizio Musolino   Le polemiche sul burkini in Francia è di giorno in giorno più stucchevole....
Notizia del:

Bourj Hammoud: dal genocidio armeno alla crisi siriana

Bourj Hammoud si trova nella parte nord-orientale della capitale libanese a poca distanza dal mare e dal porto della città, oltre il Beirut River. Il quartiere deve il suo nome a quello dell'unico edificio presente prima della progressiva urbanizzazione della zona: la torre (in arabo Bourj) costruita dalla famiglia libanese Hammoud che, in uno dei punti d'accesso alla città, permetteva di tenere sotto controllo il territorio circostante

  di Maurizio Vezzosi e Giacomo Marchetti     Beirut - La vernice rossa scalfisce i muri...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

"Israele dovrebbe preoccuparsi per i bombardamenti russi dall'Iran in Siria"

Per l'analista israeliano Yossi Melman, Israele farebbe bene a preoccuparsi per l'uso del territorio iraniano per il decollo dei bombardieri russi a lungo raggio Tu-22M3 e Su-34.

"Questo problema ha significati strategici globali a lungo termine, causando la preoccupazione di Israele",...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa