/ Libia, Alessandro Di Battista: "Il Ministro Gentiloni perché non ...

Libia, Alessandro Di Battista: "Il Ministro Gentiloni perché non pubblica i risultati ottenuti dal Gruppo di contrasto al finanziamento all'Isis?"

Libia, Alessandro Di Battista: Il Ministro Gentiloni perché non pubblica i risultati ottenuti dal Gruppo di contrasto al finanziamento all'Isis?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Nell'informativa urgente del governo sulle scelte sulla crisi libica, il ministro degli esteri italiano Gentiloni ha ricordato mercoledì pomeriggio come a 5 anni dalla caduta di Gheddafi, il paese sia oggi diviso e invaso da Daesh e terroristi jihadisti. Il tutto senza mai soffermarsi sul come uno dei paesi con i redditi procapiti più alti della regione si sia trasformato in quello scenario. Ma dei crimini della Nato e del “terrorismo occidentale” meglio non dire per chi ha creato il problema e oggi si propone come soluzione.

“Dobbiamo partire dall'individuazione del nostro interesse nazionale: qual è quello italiano? L'interesse dell'Italia è evitare un'ulteriore degenerazione, evitare il collasso definitivo. Un collasso che la trasformerebbe in una polveriera, crisi umanitaria”. E poi la citazione che il ministro non poteva certo trattenere: “Gli stati falliti sono più pericolosi degli stati canaglia, ci ha ricordato Obama all'Onu”.  Presidente che di stati falliti se ne intende certamente.

“Evitare il collasso, quindi lavorare con pazienza, ritessere la sovranità di quel paese. Serve un governo legittimo in grado di riconciliare tutto il paese oggi diviso, capace di riprendere gradualmente il controllo del territorio, prosciugare l'acqua in cui nuota Daesh”. E la soluzione? Lavorare a creare un governo di unità nazionale, “portarlo a Tripoli” e avere il tempo necessario per chiedere l'intervento della comunità internazionale. “E' anche la posizione francese” (che di distruzione della Libia se ne intende). “Con un incontro che avremo con Usa, Regno Unito, Unione Europea, Germania, lavoreremo a quest'obiettivo”. Interlocutori giusti per la ricostruzione di un paese visti i noti successi del recente passato.

E poi arriva il capolavoro di Gentiloni: “In Libia esiste il rischio di un macabro franchesing dell'Isis con le altre formazioni jihadiste. Lo abbiamo visto in altre zone”. Gentiloni non lo dice direttamente ma qui si sta riferendo alla Siria e alla connivenza di obiettivi e strategia di Isis, Al-Nusra e presunti “ribelli moderati”. Quei ribelli che Gentiloni considera come i “nostri” referenti per il futuro della Siria. Un capolavoro.

Ma comunque contro il terrorismo la reazione ci deve essere spiega il ministro. “Dalla minaccia terrorista ci dobbiamo difendere e lo faremo. L'Art. 52 della Costituzione lo prevede”. E ancora: “Lo faremo anche in Libia”. E delle operazioni dell'intelligence con supporto militare, ci tiene a precisare il Ministro, il Parlamento sarà informato attraverso il Copasir. Questo è il massimo di democrazia oggi a disposizione in questo nostro mondo che si crede libero e offre un ministro come Gentiloni in un governo con un primo ministro mai eletto da nessuno che gioca alla guerra.
 
Per abbattere il mostro ISIS, utilizzato in modo connivente da nostri "alleati" per destabilizzare la Siria, bisogna interrompere le sue linee di approvvigionamento. Ma per farlo bisogna avere il coraggio di andare contro gli "alleati", Arabia Saudita e membri NATO come la Turchia. Il coraggio che Gentiloni non dimostra di avere mai. 

Nel suo intervento di risposta a Gentiloni, il deputato del Movimento 5 Stelle Alessandro Di Battista, dopo aver definito un intervento armato in Libia come un possibile Vietnam italiano, ha ricordato che forse l'Italia non ha tutta questa intenzione di stanare l'Isis.  “Qualcuno si ricorda del Gruppo di Lavoro sul contrasto al finanziamento dell'ISIS (GCFI), di cui l'Italia fa parte, annunciato in pompa magna alla Farnesina nel marzo 2015 con affianco Stati Uniti e Arabia Saudita? Il Ministro Gentiloni perché non pubblica i risultati ottenuti fino ad oggi? Si è forse scoperto che i finanziatori erano all'interno del Gruppo?”, ha dichiarato Di Battista. Se l'obiettivo fosse sconfiggere l'Isis e il terrorismo, si partirebbe da qui. Ma Gentiloni non ha mai detto una parola su questo Gruppo di contrasto all'Isis. Perché secondo voi?
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

No alle Olimpiadi, si al Ponte: l'alleanza della finanza globale e degli speculatori locali è di nuovo salda.

di Francesco Erspamer* Il fiasco delle Olimpiadi non era nei patti: chi aveva sovvenzionato e appoggiato il regime per lucrare sul Grande Evento non è contento. Ecco allora, immediato e necessario,...
Notizia del:

L’ASSASSINIO DELLO SCRITTORE NAHED ATTAR: I TERRORISTI ISLAMICI, I LORO PADRINI, E LA BATTAGLIA DI  ALEPPO  

di Vincenzo Brandi* - Roma 27.9.2016                           Partiamo da una notizia che...
Notizia del:

Casa Pound-Assad: l'alibi della 'sinistra' imperialista (con la coscienza sporca)

Volano gli stracci sula Rete dopo l’affissione, in quasi tutte le città italiane, di un manifesto di Casa Pound che inneggia (“da sei anni la migliore difesa dell’Europa contro...
Notizia del:

Dopo Obama anche le aziende Usa si schierano contro la legge per le cause all’Arabia Saudita

  Poco dopo il rilascio delle famigerate 28 pagine del rapporto della Commissione del Congresso sulle stragi del 2001, la Casa Bianca ha rilasciato una dichiarazione nella quale respinge le...
Notizia del:

'Due mesi in più di Renzi e di regime piddino non saranno senza conseguenze'

di Francesco Erspamer* Due mesi in più di Renzi e di regime piddino non saranno senza conseguenze. Come si è visto a Roma, la loro tattica è quella della terra bruciata: saccheggiare...
Notizia del:

Vescovo di Aleppo sul bombardamento Usa a Deir El-Zor: 'Vogliono prenderci in giro, come se fossimo dei mentecatti'

In un'intervista rilasciata a La Stampa, il vescovo maronita della città di Aleppo Joseph Tobji ci offre una testimonianza diretta della situazione nella città un tempo più florida...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: la vera barbarie è quella che gli Stati Uniti hanno fatto in Iraq e Libia

La portavoce del Ministero degli affari esteri russi ha definito come 'barbarie vera e propria' le azioni degli Stati Uniti Iraq e Libia.

In risposta alle dichiarazioni dell'inviato degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Samantha Power, che ha definito...
 

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa