/ Delcy Rodriguez attacca il Partito Popolare: «L'organizzazione po...

Delcy Rodriguez attacca il Partito Popolare: «L'organizzazione politica più corrotta della storia spagnola»

Delcy Rodriguez attacca il Partito Popolare: «L'organizzazione politica più corrotta della storia spagnola»
 

L'esponente del governo bolivariano condanna l'appoggio del partito spagnolo all'opposizione violenta venezuelana

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Il Ministro degli Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Delcy Rodriguez, ha condannato l'appoggio offerto dal Partito Popolare spagnolo all'opposizione golpista venezuelana che richiede la liberazione di Leopoldo López, il leader di Voluntad Popular che si trova in stato di arresto in quanto responsabile dei fatti violenti del 2014 che lasciarono sul selciato i corpi senza vita di 43 persone. 

All'esterno della sede del governo regionale di Madrid, guidato dal Partito Popolare, campeggia un drappo dove si richiede la liberazione dell'esponente politico venezuelano.

 

Attraverso il proprio profilo Twitter, Delcy Rodriguez ha così commentato: «Il Partito Popolare che appoggia la destra violenta venezuelana è il partito più corrotto nella storia del Regno di Spagna».

 

 

Per poi aggiungere che nel Partito di Mariano Rajoy «vi sono oltre 500 imputati e ulteriori 100 indagati per corruzione. Per noi è un onore essere attaccati da funzionari di questo genere».   

 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: mppre.gob.ve
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Ministro Rodríguez: chiediamo che i governi che attaccano il Venezuela condannino la violenza dell’opposizione

da italia.embajada.gob.ve   Caracas, 21 aprile 2017 (MPPRE) - Venerdì scorso, il ministro degli Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Delcy Rodríguez ha guidato la...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Venezuela: immagini manipolate per accusare la polizia dell'utilizzo di tecniche terorristiche

La denuncia di una giornalista di teleSUR che non troverete sui nostri media

di Fabrizio Verde   Manipolare le immagini per addossare alle forze di sicurezza venezuelane la responsabilità...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Evo Morales: Il petrolio è la ragione principale per l'attacco alla Siria e le minacce al Venezuela

Il presidente de Bolivia, Evo Morales, ha denunciato sul suo account Twitter che l'attacco militare degli Stati Uniti contro la Siria e le minacce contro il Venezuela hanno lo scopo di appropriarsi del una risorsa naturale esistente in entrambi i paesi.

Il presidente boliviano Evo Morales  ha condannato i pretesti sulla presunta esistenza di armi chimiche...
Notizia del:     Fonte: RT

Il business dell'Occidente, Italia compresa, nella guerra silenziata nello Yemen

La responsabile della ONG spagnola 'Solidarios Sin Fronteras': "Le armi che stanno uccidendo la popolazione yemenita sono spagnole, francesi, italiane, tedesche, australiane, statunitensi, britanniche, brasiliane...Tutti fanno affari con la guerra in Yemen".

"La guerra allo Yemen è per il mondo una guerra silenziata che l'Occidente cerca di nascondere...
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Ministro Rodríguez: «Il Venezuela non è sotto la tutela di nessuno»

da italia.embajada.gob.ve   Washington, 5 aprile 2017 (MPPRE) - "L'Organizzazione degli Stati Americani ha perso l'orientamento nelle sue funzioni. (...) Tutti conosciamo le false...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

OSA, la denuncia di Evo Morales: «Si è trasformata in un Ministero delle Colonie»

«L’OSA si è di nuovo trasformata in Ministero delle Colonie.» Viene attuato un golpe istituzionale per impedire alla Bolivia di assumere l’esercizio della presidenza di turno», questo è quanto dichiarato da Evo Morales

  Attraverso il proprio account Twitter, il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha denunciato che l’Organizzazione...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Pablo Sepúlveda Allende: "La rivoluzione bolivariana deve prepararsi a qualsiasi scenario"

Il nipote del Presidente cileno Salvador Allende, morto l'11 settembre del 1973, in un colpo di stato ordito dagli USA e attuato dal generale Augusto Pinochet, da alcuni anni in Venezuela, in un'intervista ad Al-Mayadeen, sostiene che è necessario creare un nuovo corso per l'economia venezuelana, creando una propria industria, oltre a sradicare la corruzione dentro e fuori il PSUV e rafforzare il potere popolare per preparasi a qualsiasi scenario.

Link dell'intervista realizzata per 'al Mayadeen' dall'analista internazionale Yerko Ortega.   Pablo...
Notizia del:

I silenzi assordanti di Almagro all'interno dell'Osa

Il Segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani (OSA), Luis Almagro, ha chiesto l'applicazione della Carta democratica e l'espulsione dall'organizzazione internazionale...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

I popoli faranno nuovamente trionfare i movimenti progressisti. Evo Morales

  Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha affermato che il XIV Vertice Straordinario dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nuestra America - Trattato di Commercio dei Popoli, ha...
Notizia del:     Fonte: http://www.avn.info.ve/

In Venezuela 200 ospiti internazionali onoreranno la memoria di Hugo Chavez

Nella fitta programmazione di eventi commemorativi, il 5 di marzo è previsto un Vertice straordinario dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nuestra America (Alba-TCP)

  Ancora molto forte è in Venezuela e nel mondo il ricordo della straordinaria azione di governo compiuta...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Rt

Russia: "Il Pentagono sta creando un'arma per un attacco globale in massa"

"Gli Stati Uniti stanno sviluppando armi per un attacco globale istantaneo". Lo ha denunciato il rappresentante dello Stato maggiore russo, il tenente generale Víktor Poznijir secondo...
Notizia del:

Brasile. La polizia attacca manifestanti indigeni davanti il Parlamento. 4 arresti

La polizia militare brasiliana giovedì ha caricato violentemente migliaia di membri delle tribù indigene che manifestavano di fronte al Parlamento di Brasilia rivendicando maggiori diritti. Molti...
Notizia del:

Il "messaggio a Putin". Così il Regno Unito prosegue nella militarizzazione dell'est Europa

di Fabrizio Poggi - Contropiano  Pressoché in contemporanea con l'apertura a Mosca della Conferenza internazionale sulla sicurezza “MCIS-2017”, disertata dalla Nato, i...
Notizia del:

Macron e il sogno non nascosto di intervento armato contro la Siria

Ospite de L'Emisisone politique lo scorso 6 aprile, Emmanuel Macron si è dichiarato su France 2 a favore di "un intervento militare" in Siria, sotto gli auspici delle Nazioni Unite,...
Notizia del:

"Perché chiede elezioni in Siria e non nel suo paese?". La risposta dell'Ambasciatore saudita all'Onu non ha prezzo

Mr Propagande Quando poni la domanda all'ambasciatore saudita alle Nazioni Unite sul perché egli chieda elezioni libere in Siria ma non nel suo paese.  "Perché è...
Notizia del:

Rapporto think tank. L'Isis sta collassando: questo potrebbe portare a più attacchi terroristici in tutto il mondo

E' difficile quantificare l'effetto che l'ISIS  ha avuto sula nostra psiche collettiva . Dal momento che l'organizzazione ha iniziato a fare notizia diversi anni fa, siamo stati inondati...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Lettera del leader politico palestinese, Marwan Barghouti ai parlamenti del mondo e ai membri dell'Assemblea parlamentare del Consiglio dell'Unione europea sullo sciopero per "la libertà e la dignità"

Il leader palestinese Marwan Barghouti, ha inviato un messaggio che è stato distribuito ai parlamentari di tutto il mondo per lo sciopero il cui motto è "battaglia per la libertà e la dignità", così come ai membri dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, che comprende 47 paesi in rappresentanza di 800 milioni di cittadini dei paesi del continente europeo e a chi difende i diritti umani e la democrazia, dato che lo Stato di Palestina è un partner di questo organismo e Israele è un membro osservatore.

Attualmente, una delegazione del Consiglio nazionale palestinese partecipa alla sessione ordinaria dell'Assemblea...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa