/ Kiev: anziani antifascisti mettono in fuga i neonazisti della Azo...

Kiev: anziani antifascisti mettono in fuga i neonazisti della Azov

Kiev: anziani antifascisti mettono in fuga i neonazisti della Azov
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Poggi per Contropiano

Come recita quel bizzarro adagio britannico: “le cronache riferite dai giornali sono tutte veritiere, tranne quelle che raccontano dei fatti cui hai assistito direttamente”. Quantomeno, le cronache non sono sempre complete.

Orbene, lo scorso 17 marzo, a Kiev, nel 25° anniversario del referendum che in Urss aveva visto la schiacciante vittoria del Sì al mantenimento dell’Unione Sovietica, un meeting della coalizione “Opposizione di sinistra” (cui partecipavano in maggioranza persone anziane) a favore di quei risultati poi disattesi dalla dirigenza eltsiniano-gorbacioviana, era stato attaccato alla maniera fascista da “attivisti civili” del battaglione neonazista Azov. Nel corso dell’assalto, che la polizia si era ben guardata dall’ostacolare, un anziano era stato colpito alla testa; ma l’autoambulanza, avvertita dai manifestanti, aveva preso tutto il tempo possibile prima di arrivare sul posto. E lo stesso 17 marzo, gli “azovisti” si erano affrettati a tessere le lodi di se stessi, per aver “disperso un meeting dei separatisti”, come vengono definiti in Ucraina non solo milizie e civili del Donbass, ma tutti coloro che manifestano la pur minima resistenza e opposizione al potere golpista.

Sin qui la cronaca. Oggi l’agenzia Novorosinform pubblica alcuni video dell’accaduto, che testimoniano come, ancora una volta, i fascisti si siano comportati da par loro: vero che i neonazisti di Azov hanno attaccato il meeting; vero che hanno pestato diversi anziani. Ma i baldi giovani di Azov, che nell’occasione non avevano rispettato la regola fascista del 10 contro 1, sono stati respinti a suon di legnate e messi in fuga da anziani pensionati per nulla intimoriti dalla provocazione.

In questo i neonazisti ucraini non si differenziano dallo “stile” fascista classico: “prodi” e baldanzosi quando hanno le spalle protette dalla forza dello stato; pavidi e pronti alla fuga quando gli assaliti non si lasciano intimorire. Come a Scandicci nel marzo o a Sarzana nel luglio 1921, oppure a Parma nell’agosto 1922; così oggi in Ucraina, quando le armi (o i bastoni) sono pari, i fascisti se la danno a gambe.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Contropiano.org
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Poroshenko ordina la massima allerta per le truppe al confine con Crimea e Donbass

Il leader del regime ucraino, Piotr Poroshenko, ha ordinato di porre in allerta tutte le unità del suo esercito situati nella frontiera con la Crimea e il Donbass. Lo riporta l'agenzia RIA NOVOSTI. "Mi...
Notizia del:     Fonte: albainformazione.com

Novorossia, la guerra in Europa che l'Europa nasconde. La testimonianza dal Lugansk si una giovane che resiste

Diana Volkova, Presidente dell’Associazione “Lugansk città russa”, allo scoppio della guerra ha lasciato la propria abitazione in Italia per tornare in Donbass

di Danilo Della Valle per AlbaInformazione   Lugansk, città martoriata dalle bombe e dai combattimenti...
Notizia del:     Fonte: Marx21.it

Fermiamo la repressione anticomunista in Ucraina!

Dichiarazione del Partito Comunista della Federazione Russa

Traduzione dal russo di Mauro Gemma per Marx21.it Libertà per Alla Aleksandrovskaya! Sul territorio...
Notizia del:

Il miliardario George Soros: io ho finanziato il colpo di stato in Ucraina

Era il maggio del 2014, tre mesi dopo il colpo di stato di Kiev, e il miliardario americano George Soros ha  rivelato a Fareed Zakaria della CNN di essere responsabile della  creazione di...
Notizia del:     Fonte: change.org

Petizione: nessuna onorificenza per Poroshenko

Riceviamo e pubblichiamo dal Coordinamento Ucraina Antifascista

Noi sottoscritti, cittadine e cittadini italiani e non, premesso che il Consiglio Comunale di Verona ha approvato...
Notizia del:

Costituito il Coordinamento italiano per l'Ucraina Antifascista

A più di due anni dalla cosiddetta "Rivoluzione del Maidan" l'Ucraina Ë attraversata da una profonda crisi democratica, economica e umanitaria.  Il governo filoeuropeista...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Gran Bretagna, Francia, USA e Ucraina respingono la richiesta russa di inserire i fiancheggiatori di Al Nosra in Siria nella lista dei gruppi terroristici

Regno Unito, Francia, Usa e Ucraina hanno bloccato la richiesta russa di aggiungere due milizie in Siria alla lista delle organizzazioni "terroriste"

Mosca ha chiesto che i gruppi Ahrar al-Sham e Jaish al-Islam fossero aggiunti alla lista nera delle organizzazioni...
Notizia del:     Fonte: RT

La presenza della NATO alle frontiere russe ricorda l'invasione nazista del 1941

Gli Stati Uniti bloccano la cooperazione con la Russia in Siria e in Ucraina ed aumentano la presenza NATO in prossimità delle frontiere russe, secondo gli esperti, con questo scenario, una guerra con la Russia è possibile.

"Nelle ultime due settimane l'amministrazione Obama sembra aver minato la cooperazione con Mosca su...
Notizia del:

Ucraina: gli antifascisti “uccisi” dal carcere

L'Occidente tace davanti alla brutalità sistematica dei golpisti ucraini, alle torture contro gli oppositori ed agli omicidi politici

di Maurizio Vezzosi e Giacomo Marchetti   L'antifascista Igor Astakhov è morto,...
Notizia del:

Paolo Ferrero e la politica estera di Rifondazione Comunista: poche stonature dallo spartito del Pd

L'AntiDiplomatico intervista il leader di Rifondazione Comunista sui principali temi di politica estera

di Fabrizio Verde «Dobbiamo obbligare l'Europa a cambiare le sue politiche», comincia parlando...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Tass

Lavrov: "Senza separare i terroristi dall'opposizione siriana non sarà possibile regolare il conflitto"

I ministri degli esteri di Russia e Stati Uniti hanno rilasciato delle dichiarazioni dopo il summit per discutere principalmente sulle questioni relative al coordinamento delle azioni per combattere il terrorismo in Siria.

Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il Segretario di Stato nordamericano, John Kerry, hanno partecipato...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Cresce la presenza militare di Israele in Honduras in vista delle elezioni

Un progetto di legge inviato al Parlamento dell'Honduras chiede l'approvazione un accordo di sostegno militare tra la nazione centroamericana e Israele.

Con l'entrata in vigore dell'accordo crescerà la presenza militare di Israele e Colombia in Honduras.   Gli...
Notizia del:     Fonte: Press.tv

Comandante iracheno: Gli USA ci danno false informazioni sull'ISIS

Un comandante delle forze popolari, ha affermato che gli Stati Uniti hanno dato false informazioni false alle forze irachene nella lotta contro il gruppo terroristico ISIS, Daesh in arabo.

"I funzionari degli Stati Uniti, che coordinano le operazioni dell'esercito iracheno contro i terroristi,...
Notizia del:

Il Vice Presidente degli USA, John Biden ammette che c'è stata copertura aerea nordamericana all'invasione turca in Siria.

Nel corso di una conferenza stampa con Erdogan, ieri, ad Ankara, il vicepresidente degli USA, Biden, ha ammesso che c'è stata la copertura aerea statunitense all'invasione turca in territorio siriano. Ed ha ribadito che il suo supporto per la Turchia è "assoluto e incrollabile".

Chi già vedeva Erdogan come un paladino dell'antimperialismo è presto servito. In questi giorni...
Notizia del:     Fonte: Maan

Il prigioniero palestinese, Bilal Kayed, vince la sua battaglia contro Israele dopo 71 giorni di sciopero della fame

Il prigioniero palestinese Bilal Kayed ha concluso, ieri, lo sciopero della fame dopo 71 giorni per protestare contro la sua detenzione amministrativa nelle carceri israeliane.

Il prigioniero palestinese ha raggiunto un accordo con le autorità israeliane circa la fine della sua detenzione...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Altri 10 carri armati turchi entrano in territorio siriano. Protesta della Siria: "La Turchia come può combattere l'ISIS se ha favorito la sua creazione?"

La Turchia ha inviato 10 carri armati in Siria, un giorno dopo la sua offensiva contro l'ISIS (Daesh, in arabo), nella città siriana di Jarabulus.

Un convoglio di 10 carri armati dell'esercito turco, ambulanze e attrezzature pesanti ha attraversato il confine...
Notizia del:     Fonte: celag.org

Crescita, occupazione ed equità di fronte al falso mito dell'indipendenza delle banche centrali

Proponiamo la traduzione di questo articolo di Alejandro Vanoli, economista e già presidente della Banca Centrale della Repubblica Argentina, che spiega quanto errato e deleterio sia il ruolo delle banche centrali nei regimi neoliberisti

di Alejandro Vanoli per Celag   Le banche centrali hanno la loro origine in banche private che avevano...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa