/ Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia

Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia

Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia
 

La situazione in Turchia si sta rapidamente deteriorando e vi è il rischio di un colpo di stato militare per rovesciare il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha scritto Michael Rubin, ex capo del Dipartimento della Difesa USA, in un articolo pubblicato sul settimanale Newsweek.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Secondo Rubin, in articolo pubblicato sul settimanale Newsweek, il deterioramento della situazione in Turchia non si limita alla sicurezza, con l'attuale ondata di attacchi terroristici, ma anche per l'aumento il debito del paese, il calo delle entrate del turismo e il forte calo del valore della lira turca, che ha avuto un effetto negativo sul potere d'acquisto dei cittadini turchi.
 
Tutto questo, secondo l'autore, vuole dire che Erdogan non ha il controllo della Turchia. Ha cominciato a chiudere i giornali e canali di opposizione ed ad arrestare i dissidenti. Egli ha anche ordinato la costruzione di un grande palazzo nel stesso modo hanno fatto i sultani ed il suo sogno di ricostruzione del califfato ottomano.
 
Nelle ultime settimane, ha minacciato di sciogliere la Corte costituzionale. La corruzione è ormai dilagante nel paese e il figlio di Erdogan è stato accusato in Italia di uno scandalo riciclaggio di denaro ed è fuggito con un passaporto falso saudita.
 
Il paese sostiene apertamente e finanzia i terroristi in Siria e Iraq contro la volontà del governo di questi paesi. Erdogan ha anche concluso per motivi elettorali, la tregua con il PKK e si è impegnato in un vasto giro di vite contro le città curdi. Questo ha radicalizzato i curdi in Turchia, che non accetterà meno di quello che hanno raggiunto i loro fratelli in Iraq, vale a dire, una regione autonoma.
 
Così, la rabbia contro Erdogan ora si estende all'interno e all'esterno del paese. Anche alcuni membri del partito di Erdogan mostrano ora la loro preoccupazione per la situazione nel paese e la paranoia del presidente, che sta prendendo in considerazione l'implementazione di un sistema di difesa missilistica nel suo palazzo.
 
Irrequietezza e disagio hanno raggiunto l'esercito turco, dove molti alti ufficiali ritengono che Erdogan sta portando il Paese nel baratro. Rubin chiedendosi se l'istituzione militare sarebbe in grado oggi di rovesciare Erdogan e il suo ambiente, ritiene che i militari è in grado di farlo.
 
Rubin ha aggiunto che gli Stati Uniti, nel periodo elettorale e negli ultimi mesi dell'amministrazione Obama probabilmente non interferirranno, soprattutto se i militari affermano la loro volontà di ristabilire dall'interno una democrazia come un tempo nel paese. Gli statunitensi potrebbero criticare il colpo di stato relativamente senza problemi, ma poi lavorerebbero con il nuovo sistema. Inoltre, l'esercito liberebbe i  giornalisti e accademici imprigionato oggi e restituirebbero i giornali e le reti televisive ai loro legittimi proprietari come gesto distensivo verso l'Europa.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Erdogan: Stabiliremo una no-fly zone nel nord della Siria

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha dichiarato che ha in programma di stabilire una no-fly zone nel nord della Siria.

"Questo è il nostro obiettivo: vogliamo stabilire una no-fly zone in una zona di 95 a 45 chilometri,...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

I terroristi di Ahrar al-Sham si uniscono all'intervento militare turco in Siria

Il gruppo chiamato Ahrar al-Sham ufficialmente ha aderito all'intervento militare in corso della Turchia nel nord della Siria.

Il gruppo terroristico Ahrar al-Sham attraverso un decreto religioso (fatwa) ha chiesto ai suoi membri di sostenere...
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar

Al-Watan: I Curdi chiedono l'aiuto di Siria e Russia contro gli attacchi della Turchia

Il quotidiano siriano Al-Watan ha riferito che le forze curdo-siriane YPG hanno chiesto aiuto al governo siriano e alla Russia per fermare le incursioni della Turchia nel paese. Fino ad oggi, i gruppi...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Turchia e Stati Uniti hanno in programma di lanciare la loro primo operazione congiunta in Siria

L'esercito turco, insieme ai suoi alleati ribelli e ad un gruppo di forze speciali degli Stati Uniti preparano un'operazione militare in Siria con il pretesto dio combattere l'ISIS.

L'obiettivo dell'operazione, ha riportato ieri il quotidiano statunitense The Wall Street Journal, è...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

"I servizi segreti turchi favoriscono il trasporto delle armi dei terroristi dell'ISIS in Siria"

Un ex alto ufficiale turco ha spiegato e rivelato come il governo di Ankara ha appoggiato i terroristi che combattono in Siria.

"Il MIT (Servizi segreti della Turchia) trasportano apertamente le armi e materiali esplosivi in ??Siria in...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria non resterà con le braccia incrociate di fronte all'invasione turca

La consigliera del presidente siriano, Bashar al-Assad, ha avvertito che Damasco non rimarrà indifferente a una possibile invasione dell'esercito turco.

In una intervista concessa, ieri, con la televisione iraniana, in arabo, Al-Alam, Bouthaina Shaaban, consulente...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

"L'appoggio degli Stati Uniti ai curdi ha aperto nuovi conflitti in Siria"

Alcuni analisti statunitensi ritengono che la strategia di Washington in Siria ha aperto la strada per la nascita di nuovi conflitti nel paese arabo.

In un articolo pubblicato sul siti web statunitense, "The Intercept", si sottolinea come l'iniziativa...
Notizia del:

Washington Post: Le forze appoggiate dagli Stati Uniti in Siria hanno dimenticato l'ISIS e combattono tra di loro.

In un articolo pubblicato, ieri, dal Washington Post, si evidenzia che gli scontri si sono intensificati tra i cosiddetti ribelli siriani e le forze democratiche della Siria (SDF).  Quando i ribelli...
Notizia del:

Il Vice Presidente degli USA, John Biden ammette che c'è stata copertura aerea nordamericana all'invasione turca in Siria.

Nel corso di una conferenza stampa con Erdogan, ieri, ad Ankara, il vicepresidente degli USA, Biden, ha ammesso che c'è stata la copertura aerea statunitense all'invasione turca in territorio siriano. Ed ha ribadito che il suo supporto per la Turchia è "assoluto e incrollabile".

Chi già vedeva Erdogan come un paladino dell'antimperialismo è presto servito. In questi giorni...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Altri 10 carri armati turchi entrano in territorio siriano. Protesta della Siria: "La Turchia come può combattere l'ISIS se ha favorito la sua creazione?"

La Turchia ha inviato 10 carri armati in Siria, un giorno dopo la sua offensiva contro l'ISIS (Daesh, in arabo), nella città siriana di Jarabulus.

Un convoglio di 10 carri armati dell'esercito turco, ambulanze e attrezzature pesanti ha attraversato il confine...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

MH17: l’indagine farsa condotta da pubblici ministeri di paesi NATO

di Eugenio Cipolla  La verità, quella vera, e lo abbiamo scritto più volte, perché è così che va in questi casi, non la sapremo mai. Se non altro perché...
Notizia del:

La polizia Usa uccide un afroamericano in preda a convulsioni: 'si comportava in modo strano'

Alfred Olango è l'ultima vittima della brutale repressione poliziesca del regime di Washington. Un regime che uccide una persona ogni 6,5 ore. Anche se a produrle è il regime più...
Notizia del:

No alle Olimpiadi, si al Ponte: l'alleanza della finanza globale e degli speculatori locali è di nuovo salda.

di Francesco Erspamer* Il fiasco delle Olimpiadi non era nei patti: chi aveva sovvenzionato e appoggiato il regime per lucrare sul Grande Evento non è contento. Ecco allora, immediato e necessario,...
Notizia del:

L’ASSASSINIO DELLO SCRITTORE NAHED ATTAR: I TERRORISTI ISLAMICI, I LORO PADRINI, E LA BATTAGLIA DI  ALEPPO  

di Vincenzo Brandi* - Roma 27.9.2016                           Partiamo da una notizia che...
Notizia del:

Casa Pound-Assad: l'alibi della 'sinistra' imperialista (con la coscienza sporca)

Volano gli stracci sula Rete dopo l’affissione, in quasi tutte le città italiane, di un manifesto di Casa Pound che inneggia (“da sei anni la migliore difesa dell’Europa contro...
Notizia del:

Dopo Obama anche le aziende Usa si schierano contro la legge per le cause all’Arabia Saudita

  Poco dopo il rilascio delle famigerate 28 pagine del rapporto della Commissione del Congresso sulle stragi del 2001, la Casa Bianca ha rilasciato una dichiarazione nella quale respinge le...
Notizia del:

'Due mesi in più di Renzi e di regime piddino non saranno senza conseguenze'

di Francesco Erspamer* Due mesi in più di Renzi e di regime piddino non saranno senza conseguenze. Come si è visto a Roma, la loro tattica è quella della terra bruciata: saccheggiare...
 

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa