/ Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia

Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia

Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia
 

La situazione in Turchia si sta rapidamente deteriorando e vi è il rischio di un colpo di stato militare per rovesciare il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha scritto Michael Rubin, ex capo del Dipartimento della Difesa USA, in un articolo pubblicato sul settimanale Newsweek.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Secondo Rubin, in articolo pubblicato sul settimanale Newsweek, il deterioramento della situazione in Turchia non si limita alla sicurezza, con l'attuale ondata di attacchi terroristici, ma anche per l'aumento il debito del paese, il calo delle entrate del turismo e il forte calo del valore della lira turca, che ha avuto un effetto negativo sul potere d'acquisto dei cittadini turchi.
 
Tutto questo, secondo l'autore, vuole dire che Erdogan non ha il controllo della Turchia. Ha cominciato a chiudere i giornali e canali di opposizione ed ad arrestare i dissidenti. Egli ha anche ordinato la costruzione di un grande palazzo nel stesso modo hanno fatto i sultani ed il suo sogno di ricostruzione del califfato ottomano.
 
Nelle ultime settimane, ha minacciato di sciogliere la Corte costituzionale. La corruzione è ormai dilagante nel paese e il figlio di Erdogan è stato accusato in Italia di uno scandalo riciclaggio di denaro ed è fuggito con un passaporto falso saudita.
 
Il paese sostiene apertamente e finanzia i terroristi in Siria e Iraq contro la volontà del governo di questi paesi. Erdogan ha anche concluso per motivi elettorali, la tregua con il PKK e si è impegnato in un vasto giro di vite contro le città curdi. Questo ha radicalizzato i curdi in Turchia, che non accetterà meno di quello che hanno raggiunto i loro fratelli in Iraq, vale a dire, una regione autonoma.
 
Così, la rabbia contro Erdogan ora si estende all'interno e all'esterno del paese. Anche alcuni membri del partito di Erdogan mostrano ora la loro preoccupazione per la situazione nel paese e la paranoia del presidente, che sta prendendo in considerazione l'implementazione di un sistema di difesa missilistica nel suo palazzo.
 
Irrequietezza e disagio hanno raggiunto l'esercito turco, dove molti alti ufficiali ritengono che Erdogan sta portando il Paese nel baratro. Rubin chiedendosi se l'istituzione militare sarebbe in grado oggi di rovesciare Erdogan e il suo ambiente, ritiene che i militari è in grado di farlo.
 
Rubin ha aggiunto che gli Stati Uniti, nel periodo elettorale e negli ultimi mesi dell'amministrazione Obama probabilmente non interferirranno, soprattutto se i militari affermano la loro volontà di ristabilire dall'interno una democrazia come un tempo nel paese. Gli statunitensi potrebbero criticare il colpo di stato relativamente senza problemi, ma poi lavorerebbero con il nuovo sistema. Inoltre, l'esercito liberebbe i  giornalisti e accademici imprigionato oggi e restituirebbero i giornali e le reti televisive ai loro legittimi proprietari come gesto distensivo verso l'Europa.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: TBS - SANA

Assad: Chi sostiene il terrorismo adesso non pianga perché è causa delle sofferenze dei siriani

Nella prima intervista concessa ad una Tv giapponese, TBS, dall'inizio della crisi, Assad ha affrontato anche la questione del summit sulla Siria ad Astana che, ha precisato, il suo primo scopo è ottenere una tregua duratura in tutto il paese.

Nel corso di una sua intervista al canale televisivo giapponese "TBS", al-Assad ha dichiarato che la...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Siria, i colloqui di Astana: i partecipanti, le priorità e le condizioni di Damasco

I negoziati ad Astana tra emissari di Damasco e i cosiddetti ribelli, sotto il patrocinio di Russia, Iran e Turchia, dovrebbero consentire il "consolidamento" del cessate il fuoco in Siria e cercare di raggiungere un accordo politico sul conflitto, ha dichiarato, oggi, Sergey Lavrov, Ministro degli esteri russo.

Qui il testo originale articolo sulle prospettive dei colloqui di Astana in merito al conflitto siriano   I...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia e Turchia si impegnano a coordinare i propri attacchi aerei in Siria

Russia e Turchia hanno raggiunto un accordo, ieri, per coordinare i loro attacchi aerei sul territorio siriano.

Secondo il Ministero della Difesa russa, il patto si propone di rafforzare la cooperazione tra Mosca e Ankara nei...
Notizia del:     Fonte: http://aa.com.tr/

Ankara chiede l'ergastolo per un deputato che rivelò l'invio di armi ai terroristi in Siria

È stato chiesto ergastolo per un deputato turco dell'opposizione accusato di aver rivelato l'invio di armi da parte della intelligence turca ai terroristi in Siria.

Un procuratore turco ha chiesto l'ergastolo per Enis Berberoglu, deputato dell'opposizione del partito...
Notizia del:     Fonte: http://piccolenote.ilgiornale.it/

Istanbul: non è come al Bataclan

da Piccole Note   No, non è il Bataclan, come invece hanno scritto alcuni giornali italiani. L’attentato di Istanbul, dove un terrorista ha fatto strage (testimonianze parlano di...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Hezbollah replica alla Turchia: Non lasceremo la Siria fino alla totale sconfitta dei terroristi

Hezbollah ha dichiarato che i suoi combattenti non si ritireranno dalla Siria fino alla totale eliminazione dei terroristi, replicando alle dichiarazioni del Ministro degli Esteri turco che, in base alla tregua, ha sostenuto che il movimento di resistenza libanese deve ritirarsi dal paese arabo.

"Abbiamo una presenza in Siria nel quadro della cooperazione con il governo di Damasco nella lotta contro...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

I dettagli del Piano di Russia e Turchia per il cessate il fuoco in Siria

I governi russo e turco ha accettato di termini di un cessate il fuoco a livello nazionale in Siria. Per la prima volta durante questa guerra Russia e Turchia mettono insieme un piano di pace per porre fine alla violenza.

Secondo quanto riferisce Al Masdar News, sulla base dei dettagli di questo piano, il cessate il fuoco a livello...
Notizia del:     Fonte: The New York Times

NYT: "L'Asse Russia-Iran-Turchia lascia ai margini gli USA sulla crisi siriana"

Iran, Russia e Turchia si sono riunite a Mosca per trovare una soluzione politica per porre fine alla crisi siriana, emarginando Stati Uniti, secondo quanto pubblicato dal 'The New York Times'.

Il quotidiano statunitense The New York Times ha riferito che l'incontro tenuto martedì scorso tra...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Una dignita' chiamata Siria

La Siria non vive una dittatura, la Siria è un paese sovrano che chiede gridando che gli Stati Uniti portino via i gruppi terroristi che hanno inviato, che vadano via i militari con le loro bombe, elicotteri e mitragliatrici. Che con loro vadano via i giornalisti mafiosi che disinformano con immagini manipolate

di Ilka Oliva Corado - teleSUR   Una delle monumentali farse della diffusione mediatica mondiale, degli...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Al Jazeera si unisce al coro per giustificare l'uccisione di Karlov: La Russia merita di peggio

Mentre in molti hanno espresso le loro condoglianze alla Russia e alla famiglia dell'ambasciatore assassinato in Turchia, la giornalista di Al-Jazeera, Elham Bader sembra anche lei supportare questo omicidio.

"È più vicino alla logica che (l'omicidio) sia stato un atto umano come reazione alla...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: AFP -Hispantv

Inviato del Papa in visita ad Aleppo: "La Siria canterà presto vittoria sul terrorismo e rimarrà culla delle religioni e delle civiltà"

L'inviato del Papa in Siria, il cardinale Mario Zenari, ha visitato la Grande Moschea della città di Aleppo.

L'inviato del Vaticano in Siria ha portato un messaggio di affetto di Papa Francesco e ha espresso la speranza...
Notizia del:     Fonte: http://parstoday.com/

Filippo VI a Riad, Spagna complice di atrocita' saudite in Yemen

Il 14 gennaio il sovrano spagnolo Felipe VI si è recato in visita in Arabia Saudita accompagnato da una delegazione commerciale e politica di alto rango ed ha incontrato il re saudita Salman

da ParsToday   In questo viaggio di tre giorni in Arabia saudita, effettuato, su invito del re Salman...
Notizia del:     Fonte: http://vocidallestero.it/

Craig Roberts: la dichiarazione di guerra di Trump all'establishment

Se si può dire la verità, il Presidente Trump ha dichiarato guerra a se stesso, una guerra per lui molto più pericolosa che se avesse dichiarato guerra alla Russia o alla Cina

  di Paul Craig Roberts - vocidallestero.it Il breve discorso inaugurale del presidente Trump è...
Notizia del:     Fonte: www.mediapart.fr

Da Aleppo un appello ad Hollande del volontario Pierre Le Corf: "La Francia tolga l'embargo alla Siria e la smetta di appoggiare i terroristi"

Pierre Le Corf è un giovane attivista bretone e da diverso tempo è testimone diretto della sofferenza della popolazione di Aleppo e delle campagne mediatiche che accusano di ogni crimine il governo siriano. In una lettera, Le Corf ha invitato il Presidente della Repubblica francese, François Hollande a smetterla di appoggiare chi ha distrutto la Siria e di togliere l'embargo che acuisce le sofferenze del popolo siriano.

Il link del testo della lettera in lingua originale     Da Aleppo, Lettera aperta a François...
Notizia del:

Alberto Negri - Trump e la trappola del Medio Oriente.

di Alberto Negri* - Il Sole 24 Ore   La trappola del Medio Oriente, dove da un secolo si decidono le sorti di intere nazioni e di qualche impero, è pronta a scattare anche per Trump....
Notizia del:     Fonte: RT

Trump: Da ciarlatano a tiranno, il volto volgare dell'impero del male

Oggi, il volto più volgare, grottesco, ignorante, misogino, razzista, xenofobo e selvaggiamente capitalista sfruttatore dell’impero statunitense assume il controllo della Casa Bianca

di Eva Golinger - RT   Bom bom bom bom ba bom bom ba bom! Questa mattina mi sono svegliata con la musica...
Notizia del:

"Non ci sarà nessun Trump che vi farà ripulire la faccia di quello che avete fatto, da Occhetto in poi"

È peculiare che i demosinistri qui facciano ironia e alzino il sopracciglio su Trump. Ma c'è una spiegazione semplice e psichiatrica. I demosinistri qui son gli stessi che hanno...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa