/ Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia

Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia

Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia
 

La situazione in Turchia si sta rapidamente deteriorando e vi è il rischio di un colpo di stato militare per rovesciare il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha scritto Michael Rubin, ex capo del Dipartimento della Difesa USA, in un articolo pubblicato sul settimanale Newsweek.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Secondo Rubin, in articolo pubblicato sul settimanale Newsweek, il deterioramento della situazione in Turchia non si limita alla sicurezza, con l'attuale ondata di attacchi terroristici, ma anche per l'aumento il debito del paese, il calo delle entrate del turismo e il forte calo del valore della lira turca, che ha avuto un effetto negativo sul potere d'acquisto dei cittadini turchi.
 
Tutto questo, secondo l'autore, vuole dire che Erdogan non ha il controllo della Turchia. Ha cominciato a chiudere i giornali e canali di opposizione ed ad arrestare i dissidenti. Egli ha anche ordinato la costruzione di un grande palazzo nel stesso modo hanno fatto i sultani ed il suo sogno di ricostruzione del califfato ottomano.
 
Nelle ultime settimane, ha minacciato di sciogliere la Corte costituzionale. La corruzione è ormai dilagante nel paese e il figlio di Erdogan è stato accusato in Italia di uno scandalo riciclaggio di denaro ed è fuggito con un passaporto falso saudita.
 
Il paese sostiene apertamente e finanzia i terroristi in Siria e Iraq contro la volontà del governo di questi paesi. Erdogan ha anche concluso per motivi elettorali, la tregua con il PKK e si è impegnato in un vasto giro di vite contro le città curdi. Questo ha radicalizzato i curdi in Turchia, che non accetterà meno di quello che hanno raggiunto i loro fratelli in Iraq, vale a dire, una regione autonoma.
 
Così, la rabbia contro Erdogan ora si estende all'interno e all'esterno del paese. Anche alcuni membri del partito di Erdogan mostrano ora la loro preoccupazione per la situazione nel paese e la paranoia del presidente, che sta prendendo in considerazione l'implementazione di un sistema di difesa missilistica nel suo palazzo.
 
Irrequietezza e disagio hanno raggiunto l'esercito turco, dove molti alti ufficiali ritengono che Erdogan sta portando il Paese nel baratro. Rubin chiedendosi se l'istituzione militare sarebbe in grado oggi di rovesciare Erdogan e il suo ambiente, ritiene che i militari è in grado di farlo.
 
Rubin ha aggiunto che gli Stati Uniti, nel periodo elettorale e negli ultimi mesi dell'amministrazione Obama probabilmente non interferirranno, soprattutto se i militari affermano la loro volontà di ristabilire dall'interno una democrazia come un tempo nel paese. Gli statunitensi potrebbero criticare il colpo di stato relativamente senza problemi, ma poi lavorerebbero con il nuovo sistema. Inoltre, l'esercito liberebbe i  giornalisti e accademici imprigionato oggi e restituirebbero i giornali e le reti televisive ai loro legittimi proprietari come gesto distensivo verso l'Europa.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: The New Yorker

'The New Yorker': Gli Stati Uniti sono costretti ad accettare Bashar al-Assad fino al 2021

Il governo degli Stati Uniti visti gli sviluppi degli ultimi anni sul campo di battaglia sono costretti ad accettare che il presidente siriano Bashar al-Assad rimanga al potere fino al 2021, secondo il settimanale statunitense, 'The New Yorker'.

Data la realtà dei campi di battaglia in Siria e gli ultimi progressi dell'esercito contro i gruppi...
Notizia del:

Oltre 170.000 documenti confermano che Gerusalemme appartiene ai palestinesi

Sull’edizione odierna di un quotidiano italiano, che non citiamo per non pubblicizzarlo immeritatamente, il direttore si lancia in un’affermazione perentoria: «…le orrende mozioni dell’Unesco che hanno provato a mettere in dubbio il legame millenario tra il popolo ebraico e Gerusalemme»

  Il recente riconoscimento ufficiale della città di Gerusalemme come capitale di Israele, annunciato...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Ex Comandante FDS: Migliaia di terroristi dell'ISIS hanno lasciato Raqqa dopo una accordo con gli USA

Un disertore e ex comandante delle milizie curdo-siriane ha ritrattato la sua versione sulla caduta di Raqqa ed ha raccontato, nel corso di un'intervista con la Reuters, che migliaia di terroristi dell'ISIS hanno abbandonato la città dopo un accordo segreto approvato dagli Stati Uniti.

Talal Silo, ex comandante delle forze democratiche siriane, FDS, ha  raccontato che il suo gruppo ha disposto...
Notizia del:

L'ennesimo 'capolavoro' degli strateghi nordamericani

di Federico Pieraccini Miliardi di dollari investiti, migliaia di civili trucidati, infiniti fiumi di inchiostro per ingannare decine di milioni di cittadini, il tutto per cosa?  La...
Notizia del:     Fonte: KUNA

Tillerson: Assad non avrà alcun ruolo nel futuro della Siria

Il Segretario di Stato USA, Rex Tillerson, ha nuovamente ribadito che il presidente siriano Bashar al-Assad non avrà alcun ruolo nel futuro della Siria

"La crisi siriana deve essere risolta attraverso una soluzione politica in conformità con la risoluzione...
Notizia del:     Fonte: KUNA

La Turchia creerà 12 posti di blocco nel territorio siriano in seguito agli accordi con Russia e Iran

Il ministro Canikli ha annunciato che la Turchia riceverà nel 2019 il sistema missilistico S-400 acquistato dai russi

Il ministro della Difesa turco Nurettin Canikli ha dichiarato che solo tre posti di blocco sono stati stabiliti...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Stampa israeliana smentisce la Turchia: 'Gli USA e alleati continueranno ad appoggiare le milizie curde in Siria'

La coalizione anti-ISIS, guidata dagli Stati Uniti continuerà a sostenere le milizie curde, deniminate 'Forze Democratiche Siriane (FDS). Lo riporta il quotidiano israeliano 'The Jerusalem Post'

"Gli Stati Uniti e i loro alleati continuerebbero a dare assistenza ai gruppi che costituiscono le FDS nella...
Notizia del:     Fonte: CNN

Turchia: Trump ha accettato di bloccare le forniture di armi ai curdi in Siria

Il Ministero degli esteri turco ha annunciato che il Presidente degli USA Trump ha deciso di bloccare i rifornimenti di armi alle milizie curde presenti in Siria.

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha annunciato oggi che il presidente degli Stati Uniti, Donald...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Siria confida nelle misure di Rohani e Putin per risolvere la crisi

La Siria è fiduciosa che le misure di Russia e Iran porranno fine sia ai conflitti che al terrorismo nel paese arabo.

"Tutte le azioni e le misure adottate dai presidenti Putin e Rohani contribuiranno alla soluzione della...
Notizia del:

Il consigliere capo di Erdogan dice che la Turchia potrebbe lasciare la NATO

Le tensioni tra il blocco militare e la Turchia sono aumentate la settimana scorsa quando durante un'esercitazione dell'alleanza la Turchia è stata dipinta come nemico

  Nervi tesi tra la NATO e uno dei suoi componenti più importanti come la Turchia. Nazione che possiede...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Tasnim

L'Iran avverte: Gli Stati Uniti cercano di riportare l'Iraq e la Siria nel caos

Un importante consigliere del leader della rivoluzione islamica in Iran avverte sui tentativi degli Stati Uniti di riportare l'Iraq e la Siria nel caos.

"Gli Stati Uniti cercano di generare conflitti e caos sia in Iraq che in Siria, in particolare nella città...
Notizia del:

"Chiusura domenicale dei negozi, una mossa per combattere il neocapitalismo selvaggio"

di Francesco Erspamer* Di Maio ha proposto di ripristinare la chiusura domenicale dei negozi e rigidi orari nei giorni feriali: una mossa anti-deregulation che scatenerà i liberisti e i loro...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, minando le norme del diritto internazionale"

Il rifiuto degli Stati Uniti di ritirare le loro truppe dalla Siria è un riflesso dell'atteggiamento sdegnoso di Washington nei confronti delle norme del diritto internazionale, secondo il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov.

Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, sminuendo le regole del diritto internazionale, ha dichiarato...
Notizia del:

(VIDEO) Fake news sulle fake news: il cortocircuito dei media mainstream

Servizio di Inna Afinogenova, RT Sembra che questa brutta usanza che ha la supposta trama russa di pubblicare notizie false e diffonderle per il mondo intero sia altamente contagiosa perché i media...
Notizia del:

La fine del Turkish Stream e la geopolitica dei gasdotti

  Dopo aver approvato le sanzioni che potrebbero colpire le aziende europee coinvolte nel progetto del North Stream 2 mettendosi direttamente in rotta di collisione con la Germania, il Dipartimento...
Notizia del:

Gli avvoltoi atlantici tornano a volteggiare sui Balcani

di Alberto Fazolo* Dai primissimi anni '90 la Jugoslavia si trasformò in un laboratorio per le ingerenze occidentali, vi vennero sperimentate tutte le tecniche di destabilizzazione che...
Notizia del:     Fonte: https://function.mil.ru/ - Ruptly

La Russia avvia il ritiro dei suoi aerei e della polizia militare dalla Siria

I bombardieri russi Tu-22M3 e un battaglione della polizia militare sono tornati in Russia oggi, dopo aver adempiuto alla loro missione antiterroristica in Siria, si legge in un comunicato del Ministero della Difesa russo

Il ministero della Difesa russo, in un comunicato, ha riferito che i bombardieri Tu-22M3, che sono intervenuto...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa