/ Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia

Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia

Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia
 

La situazione in Turchia si sta rapidamente deteriorando e vi è il rischio di un colpo di stato militare per rovesciare il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha scritto Michael Rubin, ex capo del Dipartimento della Difesa USA, in un articolo pubblicato sul settimanale Newsweek.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Secondo Rubin, in articolo pubblicato sul settimanale Newsweek, il deterioramento della situazione in Turchia non si limita alla sicurezza, con l'attuale ondata di attacchi terroristici, ma anche per l'aumento il debito del paese, il calo delle entrate del turismo e il forte calo del valore della lira turca, che ha avuto un effetto negativo sul potere d'acquisto dei cittadini turchi.
 
Tutto questo, secondo l'autore, vuole dire che Erdogan non ha il controllo della Turchia. Ha cominciato a chiudere i giornali e canali di opposizione ed ad arrestare i dissidenti. Egli ha anche ordinato la costruzione di un grande palazzo nel stesso modo hanno fatto i sultani ed il suo sogno di ricostruzione del califfato ottomano.
 
Nelle ultime settimane, ha minacciato di sciogliere la Corte costituzionale. La corruzione è ormai dilagante nel paese e il figlio di Erdogan è stato accusato in Italia di uno scandalo riciclaggio di denaro ed è fuggito con un passaporto falso saudita.
 
Il paese sostiene apertamente e finanzia i terroristi in Siria e Iraq contro la volontà del governo di questi paesi. Erdogan ha anche concluso per motivi elettorali, la tregua con il PKK e si è impegnato in un vasto giro di vite contro le città curdi. Questo ha radicalizzato i curdi in Turchia, che non accetterà meno di quello che hanno raggiunto i loro fratelli in Iraq, vale a dire, una regione autonoma.
 
Così, la rabbia contro Erdogan ora si estende all'interno e all'esterno del paese. Anche alcuni membri del partito di Erdogan mostrano ora la loro preoccupazione per la situazione nel paese e la paranoia del presidente, che sta prendendo in considerazione l'implementazione di un sistema di difesa missilistica nel suo palazzo.
 
Irrequietezza e disagio hanno raggiunto l'esercito turco, dove molti alti ufficiali ritengono che Erdogan sta portando il Paese nel baratro. Rubin chiedendosi se l'istituzione militare sarebbe in grado oggi di rovesciare Erdogan e il suo ambiente, ritiene che i militari è in grado di farlo.
 
Rubin ha aggiunto che gli Stati Uniti, nel periodo elettorale e negli ultimi mesi dell'amministrazione Obama probabilmente non interferirranno, soprattutto se i militari affermano la loro volontà di ristabilire dall'interno una democrazia come un tempo nel paese. Gli statunitensi potrebbero criticare il colpo di stato relativamente senza problemi, ma poi lavorerebbero con il nuovo sistema. Inoltre, l'esercito liberebbe i  giornalisti e accademici imprigionato oggi e restituirebbero i giornali e le reti televisive ai loro legittimi proprietari come gesto distensivo verso l'Europa.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: https://aawsat.com

Ex Ambasciatore USA in Siria: "Fallito il piano per rovesciare Assad". E avverte i curdi: "Pagheranno a caro prezzo la loro fiducia in Washington"

Secondo l'ex ambasciatore degli Stati Uniti in Siria, Washington ha fallito nei suoi piani di rovesciare il Presidente Assad.

Robert Ford, ex ambasciatore Usa in Siria (2010-2014), ha dichiarato ieri, nel corso di un'intervista...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - Al Jazeera

Per gli USA sarebbe 'complicato" inserire i Fratelli Musulmani nella lista delle organizzazioni terroristiche

Gli Stati Uniti ritengono che potrebbero complicarsi le sue relazioni con altri paesi, con l'inserimento dell'organizzazione Fratelli Musulmani.

"La decisione di definire la Fratellanza Musulmana nella sua totalità come organizzazione terrorista...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - Anadolu

Il Qatar accoglie con favore l'invio i 5000 soldati turchi sul suo territorio

Il Qatar accoglie con favore l'invio di truppe turche al suo territorio, precisando, comunque, che non chiede soluzioni non militari nella controversia con i paesi arabi.

Mercoledì scorso, il parlamento turco ha approvato l'invio di truppe in una base nel Qatar e come...
Notizia del:     Fonte: Wion Tv

Assad: "Il peggio è passato nonostante l'Occidente abbia appoggiato i terroristi per imporre la sua agenda politica"

Il Presidente siriano Bashar al Assad nel corso di un'intervista rilasciata alla Tv indiana, ' Wion Tv' ha affermato che "la parte peggiore della guerra è passata nonostante il sostegno occidentale enorme ai gruppi terroristici"

Ecco alcuni punti salienti dell'intervista rilasciata dal Presidente siriano Bashar al Assad alla tv indiana...
Notizia del:

L'impatto economico delle sanzioni alla Russia

Storicamente le sanzioni di tipo economico solo in un terzo dei casi raggiungono il proprio obiettivo e questo dipende anche dall'importanza del Paese sanzionato e da quello sanzionatore

di Danilo Della Valle   Dallo scoppio della crisi Ucraina il braccio di ferro tra la Federazione Russa...
Notizia del:     Fonte: Hispantv Addiyar

Assad: "Se non potrò liberare la Siria dal terrorismo nei prossimi 2 anni mi dimetterò"

Il presidente siriano Bashar al-Assad, ha dichiarato, nel corso di un incontro con alcune personalità politiche, che se la Siria non riuscirà a liberare la Siria dalla presenza dei terroristi in due anni, si dimetterà dalla carica.

"Se non potrò liberare la Siria, mi dimetterò, ma sono sicuro al cento per cento che la Siria...
Notizia del:     Fonte: The Guardian

Le forze curde cercano di dominare un terzo della Siria con il supporto degli Stati Uniti

I curdo siriani, con il supporto degli Stati Uniti, cercano di espandere le aree in loro potere per creare un 'sistema democratico federale' nel nord della Siria.

Il piano prevede il collegamento della regione del Rojava (Kurdistan siriano), nord della Siria, al Mar Mediterraneo,...
Notizia del:     Fonte: Ria Novosti

Russia, Iran e Turchia hanno firmato un accordo per la creazione di quattro aree di protezione in Siria

La Russia ha proposto di creare tali zone nella provincia di Idlib, a nord della città di Homs, nella regione del Ghouta orientale(Damasco) e sud del paese.

Un memorandum concordato tra la Russia, l'Iran e la Turchia nel corso delle consultazioni tenute ad Astana...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Avvertimento alla Turchia? La Russia 'invia' soldati a nord di Aleppo

La Russia avrebbe inviato un convoglio militare verso la città di Afrin, nel nord della provincia settentrionale di Aleppo, controllata dalle forze di autodifesa curde.

Media locali, citati dal canale iraniano in lingua spagnola, 'HispanTV', hanno riferito, ieri, dell'arrivo...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Russia propone di 'creare 4 zone per diminuire la tensione in Siria'

La Russia propone la creazione di quattro zone "per ridurre la tensione in Siria", ha riferito ieri, la delegazione dell'opposizione siriana.

"La Federazione russa propone di creare quattro zone di ridotta tensione in Siria nella provincia di Idlib...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Massacro del Donbass e recupero della Crimea. Il via libera dell'Albright e del National Democratic Institute

del National Democratic Institute

Risulta assai difficile dare un giudizio sull’incontro tra i presidenti di USA e Ucraina che si è...
Notizia del:

Professore australiano: "La fine dell'Isis? Quando la famiglia saudita sarà rimossa dal potere".

Quando i gruppi di Al-Qaeda sono stati cacciati da Aleppo, si è sancita la fine degli Elmetti Bianchi ad Aleppo. Quando la famiglia saudita sarà rimossa dal potere, si sancirà la...
Notizia del:     Fonte: Bloomberg

Il Piano di Trump per dominare il Mercato mondiale dell'Energia

L'Amministrazione Trump ha già iniziato la revisione della legislazione che limita lo sviluppo del settore energetico e cerca di eliminare gli ostacoli amministrativi per l'estrazione degli idrocarburi.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, annuncerà la 'Settimana per l'Energia' per...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Hispantv

Israele attacca l'esercito siriano per il terzo giorno consecutivo

Israele continua i suoi attacchi contro l'esercito siriano sulle alture del Golan per il terzo giorno consecutivo, ignorando gli avvertimenti del governo siriano.

Come riportato dal quotidiano israeliano 'Haaretz', anche oggi i carri armati israeliani hanno attaccato...
Notizia del:     Fonte: https://www.welt.de

Il premio Pulitzer Seymour Hersh: Gli USA hanno bombardato la Siria senza che ci fosse stato un attacco chimico di Damasco

Gli Stati Uniti hanno bombardato la Siria pur sapendo che non c'era stato alcun attacco chimico ad opera di Damasco, ha spiegato, il giornalista Premio Pulitzer, Symur Hersh, dopo aver consultato diverse fonti statunitensi.

"Sappiamo che non c'è stato alcun attacco chimico. (...) I russi sono furiosi e noi che diciamo...
Notizia del:     Fonte: Associated Press

Coalizione guidata dagli Stati Uniti: Qualsiasi impegno da parte del governo siriano per sconfiggere l'ISIS è il benvenuto

La coalizione militare statunitense anti-ISIS accoglierà uno sforzo concertato del governo siriano o dai suoi alleati per sconfiggere il gruppo terroristico nelle sue rimanenti fortificazioni della Siria orientale, ha dichiarato un portavoce degli Stati Uniti.

Il colonnello dell'esercito USA Ryan Dillon, portavoce della coalizione anti ISIS, ha dichiarato ai giornalisti,...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - al Masdar

Nuovo attacco di Israele contro la Siria e i "ribelli" riprendono l'offensiva sul Golan

In 48 ore l'aviazione israeliana ha attaccato 2 volte le truppe siriane nella provincia di Quneitra. Allo stesso tempo i "ribelli" affiliati ad al Qaeda hanno ripreso la loro offensiva. Non è una coincidenza

Questo pomeriggio l'aviazione israeliana ha attaccato due batterie di artiglieria e un camion di munizioni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa