/ Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia

Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia

Newsweek: Possibile colpo di stato militare in Turchia
 

La situazione in Turchia si sta rapidamente deteriorando e vi è il rischio di un colpo di stato militare per rovesciare il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha scritto Michael Rubin, ex capo del Dipartimento della Difesa USA, in un articolo pubblicato sul settimanale Newsweek.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Secondo Rubin, in articolo pubblicato sul settimanale Newsweek, il deterioramento della situazione in Turchia non si limita alla sicurezza, con l'attuale ondata di attacchi terroristici, ma anche per l'aumento il debito del paese, il calo delle entrate del turismo e il forte calo del valore della lira turca, che ha avuto un effetto negativo sul potere d'acquisto dei cittadini turchi.
 
Tutto questo, secondo l'autore, vuole dire che Erdogan non ha il controllo della Turchia. Ha cominciato a chiudere i giornali e canali di opposizione ed ad arrestare i dissidenti. Egli ha anche ordinato la costruzione di un grande palazzo nel stesso modo hanno fatto i sultani ed il suo sogno di ricostruzione del califfato ottomano.
 
Nelle ultime settimane, ha minacciato di sciogliere la Corte costituzionale. La corruzione è ormai dilagante nel paese e il figlio di Erdogan è stato accusato in Italia di uno scandalo riciclaggio di denaro ed è fuggito con un passaporto falso saudita.
 
Il paese sostiene apertamente e finanzia i terroristi in Siria e Iraq contro la volontà del governo di questi paesi. Erdogan ha anche concluso per motivi elettorali, la tregua con il PKK e si è impegnato in un vasto giro di vite contro le città curdi. Questo ha radicalizzato i curdi in Turchia, che non accetterà meno di quello che hanno raggiunto i loro fratelli in Iraq, vale a dire, una regione autonoma.
 
Così, la rabbia contro Erdogan ora si estende all'interno e all'esterno del paese. Anche alcuni membri del partito di Erdogan mostrano ora la loro preoccupazione per la situazione nel paese e la paranoia del presidente, che sta prendendo in considerazione l'implementazione di un sistema di difesa missilistica nel suo palazzo.
 
Irrequietezza e disagio hanno raggiunto l'esercito turco, dove molti alti ufficiali ritengono che Erdogan sta portando il Paese nel baratro. Rubin chiedendosi se l'istituzione militare sarebbe in grado oggi di rovesciare Erdogan e il suo ambiente, ritiene che i militari è in grado di farlo.
 
Rubin ha aggiunto che gli Stati Uniti, nel periodo elettorale e negli ultimi mesi dell'amministrazione Obama probabilmente non interferirranno, soprattutto se i militari affermano la loro volontà di ristabilire dall'interno una democrazia come un tempo nel paese. Gli statunitensi potrebbero criticare il colpo di stato relativamente senza problemi, ma poi lavorerebbero con il nuovo sistema. Inoltre, l'esercito liberebbe i  giornalisti e accademici imprigionato oggi e restituirebbero i giornali e le reti televisive ai loro legittimi proprietari come gesto distensivo verso l'Europa.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News -OZ Analysis Maps

Mappa del conflitto in Siria dopo gli ultimi successi dell'esercito siriano contro l'ISIS

Giunti alla metà di agosto si registra una continua serie di sconfitte strategiche per l'ISIS sul campo di battaglia con l'esercito siriano e le forze alleate che proseguono, con l'appoggio dell'aviazione russa, la loro offensiva per sollevare l'assedio dell'ISIS su Deir Ezzor.

Come riporta il portale di notizie, 'Al Masdar news', nella Siria orientale, tre fronti massicci sono...
Notizia del:     Fonte: Rt esp

Ministero della Difesa russo: Stabilita la terza zona di riduzione della tensione in Siria

La terza area di riduzione della tensione in Siria comprende territori a nord della città di Homs. Il cessate il fuoco entrerà in vigore a partire dalle 12.

Il Ministero della Difesa russo ha annunciato di aver accordato terza zona di escalation in Siria, che copre i...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia manda le sue forze per monitorare il cessate il fuoco nei pressi di Damasco

La Russia ha schierato le sue truppe di polizia militare per monitorare il cessate il fuoco in una zona sicura nella periferia est di Damasco.

Il capo della Direzione delle Operazioni dello Stato Maggiore Generale russo, Gen. Sergei Rudskói, ha...
Notizia del:     Fonte: Anadolu

La Turchia si vendica degli USA e pubblica la mappa delle sue basi segrete in Siria

L'agenzia di stampa turca Anadolu ha rivelato l'ubicazione di 10 avamposti militari degli Stati Uniti in Siria, specificando il numero delle truppe presenti.

Martedì scorso, l'agenzia statale turca di notizie 'Anadolu' ha pubblicato un rapporto sulla...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Cambiamenti in vista? A Ginevra l'opposizione siriana non chiede più le dimissioni di Assad

Il principale gruppo di opposizione sembrerebbe aver cambiato la sua posizione verso il presidente Bashar al-Assad non menzionando la necessità delle sue dimissioni.

La notizia è stata riferita dal rappresentante permanente della Russia alle Nazioni Unite a Ginevra, Alexei...
Notizia del:     Fonte: http://www.centcom.mil

Gli USA hanno addestrato 8.500 combattenti curdi per la battaglia di Raqqa

8.500 combattenti curdi sono pronti a combattere dopo l'addestramento dalle forze speciali statunitensi nel nord della Siria, ha dichiarato il generale di brigata Dave Anderson.

Il Generale di Brigata Dave Anderson in una conferenza stampa da Bagdad ha annunciato che sono stati forniti armamenti...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia invierà le sue forze militari nelle zone di sicurezza in Siria

La Russia invierà le sue truppe nelle aree di sicurezza stabilite con Iran e Turchia in territorio siriano.

Alexandr Lavrentiev, capo della delegazione russa per le consultazioni siriane ad Astana ha annunciato, ieri, che...
Notizia del:     Fonte: http://www.unhcr.org - Reuters

ONU: Quasi mezzo milione di siriani sono tornati nelle loro case da gennaio

Quasi mezzo milione di persone sfollate all'interno della Siria sono tornate a casa dallo scorso gennaio, la maggior parte alla ricerca di membri della famiglia, per controllare lo stato delle loro proprietà o perché ha percepito miglioramenti nella sicurezza, secondo l'ONU.

L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha notato un "significativo trend spontaneo...
Notizia del:     Fonte: TASS

Lavrov: La Russia avrà una reazione proporzionata alle provocazioni degli USA in Siria

Gli Stati Uniti dovrebbero astenersi dal creare pretesti per nuovi attacchi contro le forze del governo siriano, sulla base di alcuni dati di intelligence segreti, ha dichiarato, ieri, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in una conferenza stampa a Krasnodar.

"Mi aspetto che questa volta, gli Stati Uniti prenderanno in considerazione la necessità di garantire...
Notizia del:     Fonte: https://aawsat.com

Ex Ambasciatore USA in Siria: "Fallito il piano per rovesciare Assad". E avverte i curdi: "Pagheranno a caro prezzo la loro fiducia in Washington"

Secondo l'ex ambasciatore degli Stati Uniti in Siria, Washington ha fallito nei suoi piani di rovesciare il Presidente Assad.

Robert Ford, ex ambasciatore Usa in Siria (2010-2014), ha dichiarato ieri, nel corso di un'intervista...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Una minaccia attraversa il mondo

Una minaccia attraversa il mondo, le élite mondiali hanno deciso di dare battaglia non solo per le risorse naturali dei paesi, ma anche per l’imposizione totalitaria della propria visione culturale

di Elias Jaua Milano - Ciudad CCS   C’è uno schema ricorrente nelle cosiddette ‘resistenze’...
Notizia del:

Evo Morales: «Gli Stati Uniti dotarono di armi chimiche Saddam per la guerra contro l'Iran»

Il presidente boliviano denuncia la «doppia morale dell'impero»

  Attraverso il proprio profilo Twitter, il presidente dello Stato Plurinazionale di Bolivia, Evo Morales,...
Notizia del:

Ucraina: schiavitù per i lavoratori e bombe per il Donbass

Questi non sono che i frutti di quella majdan Nezaležnosti, piazza Indipendenza, che il 24 agosto si appresta a celebrare il 26° anniversario della nezaležnosti

di Fabrizio Poggi - Contropiano   Oltre alla guerra nel Donbass, alla crisi economica che ha ridotto...
Notizia del:     Fonte: http://globovision.com/

Venezuela: l'oppositore Capriles avrebbe ricevuto ingenti finanziamenti dalla multinazionale Odebrecht

A rivelarlo è l’emittente televisiva Globovision, notoriamente vicina all’opposizione venezuelana

  Guai giudiziari in arrivo per Henrique Capriles. L’ex candidato presidenziale, sconfitto da Maduro,...
Notizia del:     Fonte: TASS

VIDEO. L'aviazione russa elimina più di 200 terroristi dell'ISIS diretti a Deir Ezzor

I terroristi stavano viaggiando verso la città siriana in un convoglio formato da circa venti veicoli, compresi carri armati.

L'aviazione russa ha eliminato oltre 200 membri dell'ISIS, colpendo un convoglio con armi pesanti diretto...
Notizia del:     Fonte: The Sunday Times

'The Sunday Times': L'ISIS ha utilizzato società britanniche per inviare materiale militare in Spagna

L'ISIS ha beneficiato di una rete di aziende collegate ad un ufficio situato a Cardiff, per inviare materiale militare di alta qualità in Spagna e finanziare i piani terroristici nei paesi europei.

"La tecnologia di sorveglianza che è stata inviata in Spagna, dove 14 persone sono morte giovedì...
Notizia del:

Il latte nero del terrore: Breve storia della “guerra sporca” anticomunista in italia (1945-73)

Occorre riprendere in mano la storia della “guerra sporca” così come si è articolata strutturalmente nel nostro Paese, per capirne i passaggi di fase che ha attraversato e la sua sostanziale riproposizione in chiave aggiornata

di Giacomo Marchetti - Contropiano   Il clima politico-sociale che la cura Minniti sta imponendo al...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa