/ Il 50% di tutte le terre coltivabili in Europa possedute dal 3% d...

Il 50% di tutte le terre coltivabili in Europa possedute dal 3% di grandi proprietari

Il 50% di tutte le terre coltivabili in Europa possedute dal 3% di grandi proprietari
 

Come la Pac facilita i grandi conglomerati e sta portando all'estinzione i piccoli coltivatori

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

I fenomeni di concentrazione e di accampamento delle terre non riguarda solo l'Africa e l'Asia, ma i grandi proprietari terrieri sono presenti anche all'interno dell'Unione Europea. E' quello che mostra in modo molto esplicitocon uno studio pubblicato il 14 aprile dall'organizzazione Transnational Institute.
 
I dati sono incredibili: il 3% dei proprietari di terreni agricoli controlla il 50 % delle terre dell'Unione Europea! Lo riporta Basta!, che sottolinea come in Francia questo trend è in netto aumento ai danni dei piccoli coltivatori: tra il 2003 e il 2010, il numero degli accampamenti inferiori ai 10 ettari, per esempio, è diminuito di un quarto e, nello stesso periodo, quelli superiori ai 50 ettari si sono estesi su 7 milioni d’ettari, vale a dire la superficie dell'Irlanda!

(Fonte Basta!)
 
Questo fenomeno sugli ettari agricoli coltivabili riguarda in particolare i paesi dell'Europa orientale. L'Ungheria, la Romania e la Serbia sono i paesi maggiormente soggetti alle mire degli investitori stranieri: 500.000 ettari in Serbia, il 15% di tutto il territorio agricolo, sono stati acquisiti, rileva la Transnational Institute, da società commerciale. A questi fenomeni di concentrazione e di finanziariazzione delle terre agricole, si aggiunge il problema dell'artificializzazione e di perdita di produttività delle terre. Tra il 2005 e il 2010, la superficie agricola in Francia è diminuita di 227.200 ettari, più o meno la superficie di Lussemburgo.
 
Il Transnational Institute punta il dito anche contro la Pac che determina per sua struttura un aumento delle concentrazioni terriere e lo sfruttamento dai grandi conglomerati: dal 1992, i sostegni apportati ai prezzi dei prodtti agricoli sono stati rimpiazzati dalle sovvenzioni alla produzione. In altre parole, maggiore è la concentrazione agricola, maggiori sono gli aiuti che si ricevono e il risultato è che nel 2011, l'1,5% dei maggiori conglomerati agricoli hanno percepito un terzo delle sovvenzioni della PAC.  Questa disuguaglianza nell'attribuzione delle sovvenzioni sono anche geografici: l'Europa dell'Ovest, che rappresenta il 44% delle terre coltivabili, ha ricevuto l'80 % delle sovvenzioni – contro il 20% per l'Europa dell'est.
 


Fonte (Basta!)

Chi sono i principali beneficiari di questi aiuti?  Non sono solo nell'agricoltura ma anche imprese del settore agro-alimentare. Dal 1997, ad esempio, Friesland Campina, una cooperativa olandese di latticini, ha percepito 1,6 milliardi - si miliardi - di euro di sovvenzioni!! Le imprese francesi Saint Louis Sucre (filiale della tedesca Südzucker) hanno beneficiato di quasi duecento milioni di sovvenzioni dal 2004. E la multinazionale Nestlé ha percepito 197 milioni di euro. 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Venezuela, sovranità, autodeterminazione e guerra economica: importante seminario alla Sapienza

Alla presenza di oltre 150 studenti e come seminario delle lezioni alla Sapienza del Prof. Luciano Vasapollo, l’Ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Isaìas Rodriguez, è...
Notizia del:

Haftar annuncia possibile candidatura alle elezioni in Libia. "Il governo di Tripoli è obsoleto"

In un discorso tv il generale ha dichiarato che La Libia "è a una svolta storica pericolosa" con "la scadenza dell'accordo politico" di Skhirat. "Tutti gli organi politici nati da questa intesa perdono oggi di fatto la loro legittimità, entità peraltro già contestate da quando sono entrate in carica".

La Libia "è a una svolta storica pericolosa" con "la scadenza dell'accordo politico"...
Notizia del:

Assad: "Il terrorismo in Siria esiste grazie all'appoggio dell'Occidente"

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha ricevuto lunedì una delegazione ufficiale ed economica russa guidata dal vice primo ministro russo, Dmitry Rogozin. Lo riporta l'agenzia siriana SANA.  ** Sulle...
Notizia del:     Fonte: http://www.rtl.fr

Siria: Macron ritiene che "sarà necessario parlare" con Assad

Il Presidente francese in un'intervista a 'France 2' ritiene che la priorità sia riportare la stabilità in Siria, dialogando con il suo omologo siriano Assad senza escluderlo in una prima fase dal processo di pace.

Il presidente francese , Emmanuel Macron, durante un'intervista rilasciata ieri alla rete televisiva statale...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Libia. Saif al-Islam Gheddafi prevede di candidarsi alle prossime elezioni presidenziali

Un portavoce delle tribù libiche e della famiglia di Gheddafi, Hashemi Alshoul ha rivelato all'emittente libanese, al-Mayadeen che "al-Islam Gheddafi Saif si sta preparando per le prossime elezioni presidenziali in Libia", aggiungendo che "ha il sostegno di una delle più grandi tribù del paese.

Secondo il canale satellitare libanese, al-Mayadeen, il programma della candidatura di Saif al-Islam per le presidenziali...
Notizia del:

RAPPORTO. "Militari Usa presenti in tutti i paesi d'Europa tranne Russia e Bielorussia"

Gli Stati Uniti hanno oggi una presenza militare nel 75% dei paesi del mondo

Un rapporto indica un nuovo record nel militarismo statunitense: Washington ha schierato forze in 149 paesi in...
Notizia del:     Fonte: SANA - Telesur

L'agenzia siriana SANA smentisce Sputnik sull'arrivo di truppe cinesi in Siria

Con un comunicato, l'agenzia statale siriana, SANA, ribadisce di non essere la fonte della notizia circa l'arrivo di truppe cinesi nel paese arabo.

All'inizio di questa settimana, era stata diffusa da diverse agenzie di stampa la notizia circa lo schieramento...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa