/ Il 50% di tutte le terre coltivabili in Europa possedute dal 3% d...

Il 50% di tutte le terre coltivabili in Europa possedute dal 3% di grandi proprietari

Il 50% di tutte le terre coltivabili in Europa possedute dal 3% di grandi proprietari
 

Come la Pac facilita i grandi conglomerati e sta portando all'estinzione i piccoli coltivatori

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

I fenomeni di concentrazione e di accampamento delle terre non riguarda solo l'Africa e l'Asia, ma i grandi proprietari terrieri sono presenti anche all'interno dell'Unione Europea. E' quello che mostra in modo molto esplicitocon uno studio pubblicato il 14 aprile dall'organizzazione Transnational Institute.
 
I dati sono incredibili: il 3% dei proprietari di terreni agricoli controlla il 50 % delle terre dell'Unione Europea! Lo riporta Basta!, che sottolinea come in Francia questo trend è in netto aumento ai danni dei piccoli coltivatori: tra il 2003 e il 2010, il numero degli accampamenti inferiori ai 10 ettari, per esempio, è diminuito di un quarto e, nello stesso periodo, quelli superiori ai 50 ettari si sono estesi su 7 milioni d’ettari, vale a dire la superficie dell'Irlanda!

(Fonte Basta!)
 
Questo fenomeno sugli ettari agricoli coltivabili riguarda in particolare i paesi dell'Europa orientale. L'Ungheria, la Romania e la Serbia sono i paesi maggiormente soggetti alle mire degli investitori stranieri: 500.000 ettari in Serbia, il 15% di tutto il territorio agricolo, sono stati acquisiti, rileva la Transnational Institute, da società commerciale. A questi fenomeni di concentrazione e di finanziariazzione delle terre agricole, si aggiunge il problema dell'artificializzazione e di perdita di produttività delle terre. Tra il 2005 e il 2010, la superficie agricola in Francia è diminuita di 227.200 ettari, più o meno la superficie di Lussemburgo.
 
Il Transnational Institute punta il dito anche contro la Pac che determina per sua struttura un aumento delle concentrazioni terriere e lo sfruttamento dai grandi conglomerati: dal 1992, i sostegni apportati ai prezzi dei prodtti agricoli sono stati rimpiazzati dalle sovvenzioni alla produzione. In altre parole, maggiore è la concentrazione agricola, maggiori sono gli aiuti che si ricevono e il risultato è che nel 2011, l'1,5% dei maggiori conglomerati agricoli hanno percepito un terzo delle sovvenzioni della PAC.  Questa disuguaglianza nell'attribuzione delle sovvenzioni sono anche geografici: l'Europa dell'Ovest, che rappresenta il 44% delle terre coltivabili, ha ricevuto l'80 % delle sovvenzioni – contro il 20% per l'Europa dell'est.
 


Fonte (Basta!)

Chi sono i principali beneficiari di questi aiuti?  Non sono solo nell'agricoltura ma anche imprese del settore agro-alimentare. Dal 1997, ad esempio, Friesland Campina, una cooperativa olandese di latticini, ha percepito 1,6 milliardi - si miliardi - di euro di sovvenzioni!! Le imprese francesi Saint Louis Sucre (filiale della tedesca Südzucker) hanno beneficiato di quasi duecento milioni di sovvenzioni dal 2004. E la multinazionale Nestlé ha percepito 197 milioni di euro. 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Venezuela, perseverare è diabolico

L’eurodeputato Javier Couso Permuy, che fa parte della Delegazione Ue all’Assemblea parlamentare euro-latinoamericana, ha denunciato nei giorni scorsi l’esistenza di un documento preventivo dell’Unione europea per non riconoscere a priori il risultato delle elezioni venezuelane

da ilsimplicissimus   La notizia come avviene sempre più spesso è che manca la notizia:...
Notizia del:

Xi Jinping apre al mondo la “porta della Cina”

I riflettori del mondo sono puntati sul diciannovesimo congresso del Partito Comunista Cinese e il motivo è fin troppo semplice: la politica di Pechino non riguarda più solo la Cina ma...
Notizia del:

Khamenei: "Non perdo il mio tempo a rispondere alle fesserie del maleducato presidente degli Stati Uniti".

L’ayatollah sull'accordo nucleare: "Se gli Usa lo rompono, l'Iran lo triterà"

Il leader supremo iraniano, l’ayatollah Alí Khamenei ha assicurato questo mercoledì che il...
Notizia del:

Raqqa, tra propaganda USA/CURDA e anomalie: il reale peso della liberazione nella guerra in Siria

di Stefano Orsi Sono molti mesi che prosegue questo lungo e sanguinoso assedio alla città di Raqqa, città siriana, eletta anni fa a capitale dell'allora Califfato o Isis o Daesh,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Le forze irachene liberano i confini con la Siria e l'Iran dalla presenza dei curdi

Le forze irachene continuano ad avanzare rapidamente contro le milizie curde e assumono il controllo di diverse zone di confine del paese.

Come riportato dal sito 'Al masdar News',la Polizia Federale irachena, sostenuta da forze pro-governative...
Notizia del:     Fonte: http://nsarchive.gwu.edu

Svelati documenti che confermano la complicità degli USA nel massacro di 500.000 comunisti indonesiani

I documenti non classificati rivelano il sostegno statunitense all'esercito indonesiano per eliminare il Partito Comunista Indonesiano (PKI) tra il 1965 e il 1966.

La National Security Archive dell'Università George Washington, ha reso pubblico ieri un totale di...
Notizia del:

La tesi del “fine del comunismo” e il 19° congresso del Partito Comunista Cinese

di Fausto Sorini Intervento al Forum «Cina e Ue. I nodi politici ed economici nell’orizzonte della “nuova via della seta” e di una “nuova mondializzazione”»,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa