/ Il nuovo ordine mondiale e l'ascesa dell'Est

Il nuovo ordine mondiale e l'ascesa dell'Est

Il nuovo ordine mondiale e l'ascesa dell'Est
 

Occidente e Oriente sono sull'orlo di una battaglia per la supremazia che finirà per favorire una piccola élite

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
“In realtà, come Winston ricordava, erano solamente quattro anni che l’Oceania era in guerra con l’Eurasia e alleata dell’Estasia. Ma questa era come una specie di nozione rubata, ch’egli per caso possedeva perché la sua memoria riusciva a non essere del tutto sotto controllo. Ufficialmente, uno scambio di alleanze non era mai avvenuto. L’Oceania era in guerra con l’Eurasia: quindi l’Oceania era sempre stata in guerra con l’Eurasia. Il nemico del momento rappresentava sempre il male assoluto, e ne conseguiva che qualsiasi alleanza, passata o futura, con lui diveniva impossibile” -  George Orwell, 1984
 
Nazioni, culture e popolazioni sono controllabili in maniera più efficace attraverso l'uso di falsi paradigmi, scrive Brandon Smith su Alt-Market.com. Questa è una tattica storicamente provata e sfruttata per secoli dagli oligarchi di tutto il mondo. Secondo la dialettica hegeliana (il fondamento dell'ideologia marxista e collettivista), si potrebbe riassumere la trappola dei falsi paradigmi come segue:
 
Se (A) la mia idea di libertà confligge (B) con la tua idea di libertà, (C) nessuno di noi due può essere libero finché non saremo tutti d'accordo nell’ essere schiavi.
 
In altre parole: problema, reazione, soluzione. Due lati sono contrapposti tra di loro. Ogni lato è portato a credere che la sua posizione sia la posizione buona e giusta. Nessuna delle due parti si interroga sulla legittimità del conflitto, perché ogni lato teme che questo porterebbe alla debolezza ideologica e alla disunione.
 
Le due parti vanno in guerra, a volte economicamente, altre volte militarmente. Entrambi i governi chiedono agli individui di rinunciare alla libertà, all'indipendenza e all'autonomia, un sacrificio che "deve essere fatto" in modo che la vittoria possa essere raggiunta. Alla fine, né la nazione, né la società ha davvero vinto. Gli unici vincitori sono gli oligarchi, che cantano le parole di lealtà ai loro rispettivi campi, agendo di concerto fin dall'inizio. Il loro obiettivo, il loro unico obiettivo, è stata la cittadinanza stessa - le masse attonite ora ipnotizzate dallo shock, dallo stupore e dal terrore.
 
Il metodo del falso paradigma e della dialettica hegeliana sono in pieno vigore oggi. Solo pochi anni fa, la Russia, la Cina e gli Stati Uniti erano considerati stretti alleati politici ed economici. Oggi, queste alleanze sono state rapidamente demolite per fare spazio al conflitto, un conflitto utile solo ad una selezionata élite internazionale. Quando si guarda al di là di tutta la retorica teatrale tra Barack Obama e Vladimir Putin, la realtà è che il rapporto di entrambi i governi con l'élite bancaria globale è la stessa.
 
Durante entrambi i mandati presidenziali, Obama ha inondato il suo gabinetto di attuali ed ex dipendenti di Goldman Sachs, un terreno di prova per finanzieri elitari con aspirazioni globaliste.
E chi è il consigliere economico principale di Vladimir Putin e dello Stato russo? Goldman Sachs , ovviamente!
 
Le élites statunitensi ed europee hanno chiesto una centralizzazione del potere economico sotto il controllo del Fondo Monetario Internazionale, così come una nuova valuta globale .
Non sorprende che anche Putin voglia una nuova moneta globale sotto il controllo del FMI.
 
Obama è strettamente consigliato dai globalisti come Zbigniew Brzezinski, membro del Council on Foreign Relations e cofondatore della Commissione Trilaterale, che nel suo libro 'Between Two Ages: America’s Role In The Technetronic Era' sostiene :
 
"Lo stato-nazione sta gradualmente cedendo la sua sovranità ... Un ulteriore progresso richiederà maggiori sacrifici americani. Più intensi sforzi per modellare una nuova struttura monetaria mondiale dovranno essere intrapresi, con qualche conseguente rischio per la relativamente favorevole posizione attuale americana ... "
 
Fintanto che è stato al potere, Putin è stato strettamente consigliato da Henry Kissinger , ancora un altro membro del CFR e fautore della Commissione Trilaterale, che ha detto :
 
"Alla fine, i sistemi politici ed economici possono essere armonizzati solo in uno di due modi: creando un sistema di regolamentazione politica internazionale della stessa portata di quello del mondo economico, oppure, riducendo le unità economiche a una dimensione gestibile da parte di strutture politiche esistenti, che rischia di portare ad un nuovo mercantilismo, forse di unità regionali. Un nuovo tipo di accordo globale sul modello di Bretton Woods è di gran lunga il risultato preferibile ... "
 
Kissinger e Brzezinski si riferiscono a questa struttura economica e politica globale armonizzata come il "Nuovo Ordine Mondiale." Il fatto che i leader politici della Russia e degli Stati Uniti sono chiaramente stati diretti da tali uomini non deve essere preso alla leggera.
 
Anche la Cina, ha chiesto una ristrutturazione del sistema monetario globale in un paniere di valute centralizzata sotto il dominio del FMI.
I legami della Cina con l'elite bancaria di Londra sono ben documentati.
 
Gli appelli per un nuovo sistema monetario e la fine del dollaro come riserva mondiale sembrano contraddire notevolmente la fantasia che l&# 39;Oriente e l'Occidente sono fondamentalmente in disaccordo. La progressione verso una moneta mondiale e / o governance economica sembra anche crescere insieme con il consolidamento dei legami economici e militari tra le nazioni orientali. Ciò suggerisce che l'ascesa dell’ Oriente e il declino dell’occidente sia effettivamente vantaggiosa per i banchieri globali nel lungo termine.
 
Mentre gli agenti della disinformazione e i complici i media hanno tentato di minimizzare ogni pericolo per la forza dell'America e del dollaro, i governi orientali stanno rapidamente stabilendo alleanze per smarcarsi dall’influenza degli Stati Uniti.
Lo storico accordo trentennale sul gas tra Russia e Cina è stato firmato. Questo accordo sta già mangiando spazi di mercato e influenzando il modo in cui il commercio energetico si comporta tradizionalmente.
Cina e Russia hanno inoltre ampliato i propri accordi bilaterali effettuati nel 2010, rimuovendo il dollaro come valuta di riserva nelle transazioni tra le due nazioni.
La sete di oro della Cina continua, mentre il paese sta ora costruendo il proprio gold exchange per rivaleggiare con il Comex Stati Uniti.
La Russia ha recentemente istituito quello che Putin chiama "Unione economica Eurasiatica", un accordo che include  Kazakistan e Bielorussia, due paesi che detengono grandi, appena scoperti, giacimenti di petrolio .
In risposta al conflitto in Ucraina, così come aal " Pivot Asia-Pacifico" degli Stati Uniti, la Cina ha apertamente chiesto un nuovo patto di sicurezza con la Russia e l'Iran.
Inoltre, non dimentichiamo che la Cina è destinata a superare gli Stati Uniti come più grande economia del mondo entro il 2016, secondo l'Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo (OCSE).
 
Mentre l’ascesa dell’Est viene dipinta nei circoli occidentali come una minaccia per il dominio di USA e NATO, il quadro più grande viene nascosto alla vista. Sì, in effetti, il consolidamento dell’Est è una minaccia considerevole per il dollaro e l'economia americana - soprattutto nel caso in cui la Cina si rifiutasse di accettare dollari come pagamento per le esportazioni e i debiti. Con il più grande esportatore/ importatore mondiale che si rifiuta di accettare dollari come riserva, la maggior parte delle nazioni inevitabilmente seguirebbe il suo esempio.  
 
I giocatori del Nuovo Ordine Mondiale hanno posizionato Oriente e Occidente in rotta di collisione. Perché? In un recente articolo "Chi è il nuovo segreto compratore del debito degli Stati Uniti?", vengono fornite prove che indicano che la Banca dei regolamenti internazionali e il FMI stanno preparando il mondo finanziario ad un nuovo sistema monetario globale, che dovrebbe nascere da una seconda conferenza di Bretton Woods. La svalutazione del dollaro e l'ascesa dell’Est non sono ostacoli a questo piano. Piuttosto, sono i fattori necessari. Non ci può essere nessun sistema veramente globale economico senza "armonizzazione", la scomparsa dello status di riserva mondiale del dollaro e la fine della governance economica sovrana.
 
Per coloro che dubitano di questo scenario,Smith riprende l’ultima dichiarazione di Paul Volcker, come riportata da Zero Hedge .
Volcker, lo stesso uomo che è stato direttamente coinvolto nella distruzione del primo accordo di Bretton Woods e il rantolo finale del gold standard, sta promuovendo un accordo in stile nuova Bretton Woods in cui valute sono ancorate a un sistema di mercato controllato - in sostanza, un sistema monetario internazionale centralizzato. Volcker suggerisce anche che una singola valuta di riserva a base nazionale, come il dollaro potrebbe essere un pericolo per la salute fiscale complessiva. 
 
 La propaganda viene accuratamente piantata all'interno del mainstream. Christine Lagarde del FMI, in tutte le interviste con i media, inserisce la frase "Reset dell’economica globale", senza spiegare esattamente che cosa comporterebbe; le élite delle banche centrali alla Volcker, dal canto loro, suggeriscono una conferenza di Bretton Woods II per instaurare una nuova autorità monetaria globale. Nel frattempo, i media russi finanziati dal governo, come RT, accusano gli Stati Uniti di essere una minaccia nucleare e gli americani sostengono che ci sia un complotto russo per danneggiare l'economia statunitense. Proprio come nel libro di Orwell, 1984, vecchi nemici diventano alleati e poi nemici, ancora una volta, e alla fine di tutto, è tutta una farsa.
 
Le migliori bugie contengono elementi di verità. La verità è che l'Oriente sta creando alleanze in opposizione all’Occidente, l'Occidente è impegnato in operazioni segrete in tutto il pianeta, ed entrambi i "lati" sono sull'orlo di una battaglia catastrofica per la supremazia. La grande bugia è che i dettagli importanti sono stati lasciati fuori della nostra piccola storia. Entrambe le parti sono soltanto marionette in un grande gioco di scacchi a livello mondiale, e ogni conflitto in ultima analisi è a beneficio di un piccolo gruppo di uomini. Chi sono quest'ultimi? I finanzieri internazionali che hanno influenzato il tessuto politico di ciascun governo, sperando che una nuova crisi possa finalmente regalare loro il "Nuovo Ordine Mondiale" che hanno sempre sognato.
 
 
 
 
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Il Venezuela esprime una categorica protesta per l’illegale celebrazione del Vertice MERCOSUR

Comunicato ufficiale della Repubblica Bolivariana del Venezuela - Ministero del Potere Popolare per gli Affari Esteri

  La Repubblica Bolivariana del Venezuela esprime una protesta categorica per l'illegale celebrazione...
Notizia del:

Mosca si esprime sul plebiscito "irregolare" della destra in Venezuela: "Ha solo diviso il paese di più"

Il direttore aggiunto del Dipartimento d'Informazione e stampa del Ministero degli Affari esteri russo, Artiom Kozhin, ha dichiarato che i "politici in Venezuela devono agire con saggezza statale...
Notizia del:     Fonte: Anadolu

La Turchia si vendica degli USA e pubblica la mappa delle sue basi segrete in Siria

L'agenzia di stampa turca Anadolu ha rivelato l'ubicazione di 10 avamposti militari degli Stati Uniti in Siria, specificando il numero delle truppe presenti.

Martedì scorso, l'agenzia statale turca di notizie 'Anadolu' ha pubblicato un rapporto sulla...
Notizia del:

Tito Boeri alla Camera: tra bufale e imperialismo

Oggi alla Camera dei deputati Tito Boeri, presidente dell’INPS, rilancia sulla assoluta necessità di far arrivare ogni anno in Italia centinaia di migliaia di migranti “per salvare l'INPS...
Notizia del:

Tiziana Beghin (M5S): "L'esercito Usa inquina più delle 5 multinazionali più grandi al mondo messe insieme. E nessuno lo dice..."

di Tiziana Beghin* SAPETE QUAL È L'ORGANIZZAZIONE PIÙ INQUINANTE DEL MONDO?   Parliamo di un gigante che inquina più delle prime 5 multinazionali chimiche americane...
Notizia del:

"Ti maledico". Il teologo spagnolo José Antonio Fortea contro Maduro e contro il Papa. A sostegno del golpe in Venezuela

In Venezuela si sta avvicinando il punto di non ritorno. Purtroppo, però, non si levano voci di condanna dalla «comunità internazionale»

di Geraldina Colotti* - il Manifesto Dopo i proiettili, le molotov di escrementi (le puputov) e le sanzioni...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran mette in guardia dalla trappola tesa dagli Stati Uniti in Iraq e in Siria

Nessuno ha l'autorità di decidere il destino di Iraq e Siria, tranne che i rispettivi popoli e governi legittimi, ha avvertito il portavoce delle forze armate iraniane, Seyed Massoud Yazayeri.

Il portavoce delle Forze Armate dell'Iran, il generale Seyed Massoud Yazayeri, ieri, ha condannato la politica...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa