/ Come muore un paese

Come muore un paese

Come muore un paese
 

I segnali che caratterizzano l'inizio del declino

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Coloro che hanno vissuto durante il declino di Roma, si legge su Economicnoise.com, si renderebbero probabilmente conto di quello che sta succedendo oggi. Il declino è un fenomeno lento ma costante, che nel caso di Roma è durato qualche centinaio di anni. Chiunque vive durante il declino ha esperienza solo di una piccola parte del fenomeno e, nella maggioranza dei casi, non nota nulla di diverso dall'ordinario.
 
I paesi non hanno una durata di vita geneticamente determinata. Né muoiono rapidamente, a meno che non intervenga il cataclisma di qualche grande guerra. Anche in questi casi estremi, ci sono di solito dei segnali di avvertimento, sebbene questi siano più evidenti col senno di poi rispetto al momento.
 
Pochi cittadini di una nazione morente ne sanno riconoscere i segni. La maggior parte di loro sono troppo impegnati a cercare di vivere la loro vita. Se la morte occupa la mente, è rispetto a se stessi, ad un parente o ad un amico. La maggior parte delle persone non concepisce la morte di una nazione.
 
Segni o sintomi precedono la morte di un paese come in caso di morte di una persona.
 
L’economia. Economicamente, le persone diventano più povere. Diventa più difficile sfamare una famiglia. La crescita economica si blocca e poi crolla. Le opportunità di lavoro diminuiscono. I disincentivi a lavorare aumentano mentre il governo cerca di alleviare l'onere per i disoccupati e i meno qualificati. Questi sforzi richiedono più entrate che si traducono in tasse più alte o finanziamento del debito. Disincentivi a creare posti di lavoro sono amplificati dai tentativi di affrontare il problema. Maggiori imposte e altri oneri sono imposti sulla produzione rendendo il lavoro meno attraente.
 
La risposta non dovrebbe sorprendere: fuga dei capitali e “fuga di cervelli". Le persone di talento lasciano il paese per luoghi che offrono maggiori opportunità. Nel caso degli Stati Uniti, per sfuggire alle tasse queste persone devono rinunciare alla loro cittadinanza. Le rinunce di cittadinanza sono attualmente ai massimi livelli nella storia.
 
La fuga di capitali, sia reali che umani, abbassa ulteriormente gli standard di vita. I segni di stagnazione diventano più evidenti, gli annnunci di lavoro diminuiscono.
 
Inizialmente, le persone intaccano i loro risparmi o iniziano a prendere in prestito, al fine di mantenere il loro tenore di vita. I più credono che sia una situazione temporanea. Alla fine i fallimenti aumentano. I centri commerciali si svuotano e chiudono. Le grandi aree come Detroit diventano inabitabili.
 
Queste condizioni caratterizzano l'inizio del declino. 
 
Lo Stato. Lo Stato è minacciato dal declino. Tre comportamenti caratterizzano il suo comportamento. Lo Stato deve convincere i cittadini che:
 
1. le cose non stanno poi così male come sembra
2. lo Stato non è responsabile della situazione.
3. lo Stato deve fare di più per risolvere i problemi.
 
Le statistiche rilasciate dallo Stato cercano di trasmettere una falsa immagine di benessere. La spesa pubblica vola ma è in gran parte improduttiva e controproducente per il corretto funzionamento dell'economia.
 
Gli incentivi sono previsti per incoraggiare le persone a vivere al di sopra dei propri mezzi. Le bolle si susseguono. Le persone e le aziende sono invitate a prendere decisioni imprudenti, tutto nel tentativo di rendere l'economia apparentemente migliore.
 
Lo Stato ha un obiettivo ed è quello di rimanere al potere. Leggi e regolamenti si moltiplicano a ritmi sempre più veloci. Regole e leggi tiranniche sono adottate sotto il pretesto di proteggere la popolazione contro qualche minaccia. In realtà, queste leggi sono adottate per proteggere i leader contro la popolazione quando finalmente capirà cosa è stato fatto per loro.
 
La società. La società diventa grossolana quando questo processo progredisce. Le persone non sono più in grado di soddisfare i bisogni delle loro famiglie. Alcuni si rivolgono a comportamenti non etici, persino atti criminali. Il comune senso del pudore declina.
 
I regolamenti imposti dall'alto riducono la sfera delle interazioni volontarie tra le persone. Il governo decide sempre di più ciò che si deve fare, quando e come  farlo. Cosa si può dire è sotto attacco. Infine, come si deve vivere è sempre più determinato. Sempre più persone fanno quello che devono, piuttosto che quello che vogliono.
 
I gruppi di interesse, creati in tempi migliori, non riducono le loro richieste. L'incapacità di soddisfare le loro richieste crea conflitti politici e, eventualmente, problemi civili. Onorare le loro richieste divide la società ancora di più. Richieste non onorate possono produrre disordini  civili.
 
La società diventa sempre più divisa in termini di "creatori" e "acquirenti". Mentre gli acquirenti crescono in numero, i produttori diminuiscono. Poi i parassiti sopraffanno i produttori e la società crolla
 
Gli Stati Uniti, una volta il faro di libertà e di ricchezza, mostrano un deterioramento avanzato in tutte e tre le aree di cui sopra. Il tasso di deterioramento sta accelerando ma le persone non sono consapevoli delle conseguenze. La maggior parte delle persone non è addestrata a pensare in questi termini, né dovrebbe esserlo.  
 
Le persone sentono che c'è qualcosa di sbagliato, anche se non sono in grado di identificare cosa. Molti probabilmente credono che tutto ciò che sta accadendo sia temporaneo, come una sorta di rallentamento economico prima di un ritorno alla normalità. Per loro è sufficiente stringere la cinghia fino a quando non ritorneranno i bei tempi.

 
 
Di seguito i risultati di un sondaggio Gallup nel quale si rileva il grado di fiducia nutrito dagli americani nei confronti delle istituzioni della loro società.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Notizia del:

Zimbabwe: continua il braccio di ferro tra Mugabe e forze armate

Le mancate dimissioni dell'anziano leader e le mosse conseguenti dei militari

  Le mancate dimissioni del presidente Mugabe hanno ulteriormente aggravato la crisi politica dello Zimbabwe....
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Notizia del:

Il consigliere capo di Erdogan dice che la Turchia potrebbe lasciare la NATO

Le tensioni tra il blocco militare e la Turchia sono aumentate la settimana scorsa quando durante un'esercitazione dell'alleanza la Turchia è stata dipinta come nemico

  Nervi tesi tra la NATO e uno dei suoi componenti più importanti come la Turchia. Nazione che possiede...
Notizia del:

E ora in Germania (e nell'Unione Europea) che succede?

Dopo il fallimento del negoziato per la Jamaica Koalition, la Germania naviga a vista in acque sconosciute.

di Federico Nero  Dopo il fallimento del negoziato per la Jamaica Koalition, la Germania naviga...
Notizia del:     Fonte: RT

Zimbabwe, Mugabe a sorpresa non annuncia dimissioni

L’Unione Africana dello Zimbabwe - Fronte Patriottico, propone per la carica di presidente Emmerson Mnangagwa

  La settimana scorsa con la comparsa di blindati nelle strade di Harare e l’annuncio dato dal capo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SABA

FOTO. I bambini yemeniti denunciano i crimini subiti da USA e Arabia Saudita

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, i bambini yemeniti hanno manifestato la loro condanna per i crimini commessi ai loro danni da parte di Arabia Saudita e USA.

"I bambini nel mondo celebrano i loro diritti e i bambini dello Yemen muoiono per il silenzio del mondo...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa