/ "Non c'è ragione di pagare il petrolio in dollari". L'AD di Tota...

"Non c'è ragione di pagare il petrolio in dollari". L'AD di Total, Christophe de Margerie

 Non c'è ragione di pagare il petrolio in dollari. L'AD di Total, Christophe de Margerie
 

L'ennesima spallata allo status del dollaro

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Gli Stati Uniti stanno rapidamente perdendo tutti gli amici che fino a poco prima sostenevano la loro condizione di 'privilegiati”. Dopo aver allontanato i tedeschi a causa dello scandalo intercettazioni, dopo aver fornito ai russi la spinta per la de-dollarizzazione, dopo aver facilitato la Cina nella diversificazione e punito la Francia per aver effettuato affari, in dollari, con paesi soggetti a sanzioni da parte degli Usa, ora è l'amministratore delegato di Total (il 13° più grande produttore di petrolio al mondo e il secondo più grande d'Europa) a ritenere che "Non vi è alcun motivo di pagare il petrolio in dollari ". Chiaramente, sulla base di osservazioni di Christophe de Margerie, abbiamo superato il picco dei Petrodollari, scrive il blog ZeroHedge.
 
Come riporta Reuters, l’Amministratore delegato del colosso petrolifero Total ha sostenuto che l'euro dovrebbe avere un ruolo più importante nel commercio internazionale, sebbene non sia ancora possibile fare a meno del dollaro statunitense. Christophe de Margerie stava rispondendo a domande sugli appelli politici francesi per trovare un modo a livello dell’UE per sostenere l'utilizzo dell'euro nel commercio internazionale, dopo la maximulta degli Usa alla BNP Paribas. "Non c'è ragione di pagare il petrolio in dollari", ha proseguito, aggiungendo “Il prezzo del barile è denominato in dollari, ma una qualunque raffineria è in grado di prendere quel prezzo e convertirlo al cambio del giorno per effettuare il pagamento con la moneta europea
 
Quindi, anche uno dei principali beneficiari dello status quo sembra vedere la fine in vista per i Petrodollari. 

Come commentava Brandon Smith già lo scorso anno, “il dollaro non è meno invincibile di qualsiasi altra moneta a corso forzoso nella storia. In un certo senso, è in realtà molto più debole rispetto a tutte le altre che sono venute prima. Il dollaro fa completo affidamento sul proprio status di riserva mondiale al fine di conservare il suo valore sul mercato globale. Come è evidente, paesi come la Cina stanno già eliminando il biglietto verde negli scambi con alcune nazioni. E’ assolutamente insensato supporre che questa tendenza sia in qualche modo “casuale", piuttosto che intenzionale. I paesi stranieri non scaricherebbero il dollaro oggi se non avessero intenzione di continuare a farlo anche domani. Tutto ciò che rimane è l’avvento di una nuova crisi. Le tensioni esistenti in Medio Oriente segnalano l’avvicinarsi di una crisi, molto probabilmente una crisi energetica, nel breve termine.”
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Tass

Lavrov: "Senza separare i terroristi dall'opposizione siriana non sarà possibile regolare il conflitto"

I ministri degli esteri di Russia e Stati Uniti hanno rilasciato delle dichiarazioni dopo il summit per discutere principalmente sulle questioni relative al coordinamento delle azioni per combattere il terrorismo in Siria.

Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il Segretario di Stato nordamericano, John Kerry, hanno partecipato...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Cresce la presenza militare di Israele in Honduras in vista delle elezioni

Un progetto di legge inviato al Parlamento dell'Honduras chiede l'approvazione un accordo di sostegno militare tra la nazione centroamericana e Israele.

Con l'entrata in vigore dell'accordo crescerà la presenza militare di Israele e Colombia in Honduras.   Gli...
Notizia del:     Fonte: Press.tv

Comandante iracheno: Gli USA ci danno false informazioni sull'ISIS

Un comandante delle forze popolari, ha affermato che gli Stati Uniti hanno dato false informazioni false alle forze irachene nella lotta contro il gruppo terroristico ISIS, Daesh in arabo.

"I funzionari degli Stati Uniti, che coordinano le operazioni dell'esercito iracheno contro i terroristi,...
Notizia del:

Il Vice Presidente degli USA, John Biden ammette che c'è stata copertura aerea nordamericana all'invasione turca in Siria.

Nel corso di una conferenza stampa con Erdogan, ieri, ad Ankara, il vicepresidente degli USA, Biden, ha ammesso che c'è stata la copertura aerea statunitense all'invasione turca in territorio siriano. Ed ha ribadito che il suo supporto per la Turchia è "assoluto e incrollabile".

Chi già vedeva Erdogan come un paladino dell'antimperialismo è presto servito. In questi giorni...
Notizia del:     Fonte: Maan

Il prigioniero palestinese, Bilal Kayed, vince la sua battaglia contro Israele dopo 71 giorni di sciopero della fame

Il prigioniero palestinese Bilal Kayed ha concluso, ieri, lo sciopero della fame dopo 71 giorni per protestare contro la sua detenzione amministrativa nelle carceri israeliane.

Il prigioniero palestinese ha raggiunto un accordo con le autorità israeliane circa la fine della sua detenzione...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Altri 10 carri armati turchi entrano in territorio siriano. Protesta della Siria: "La Turchia come può combattere l'ISIS se ha favorito la sua creazione?"

La Turchia ha inviato 10 carri armati in Siria, un giorno dopo la sua offensiva contro l'ISIS (Daesh, in arabo), nella città siriana di Jarabulus.

Un convoglio di 10 carri armati dell'esercito turco, ambulanze e attrezzature pesanti ha attraversato il confine...
Notizia del:     Fonte: celag.org

Crescita, occupazione ed equità di fronte al falso mito dell'indipendenza delle banche centrali

Proponiamo la traduzione di questo articolo di Alejandro Vanoli, economista e già presidente della Banca Centrale della Repubblica Argentina, che spiega quanto errato e deleterio sia il ruolo delle banche centrali nei regimi neoliberisti

di Alejandro Vanoli per Celag   Le banche centrali hanno la loro origine in banche private che avevano...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa