/ "Non c'è ragione di pagare il petrolio in dollari". L'AD di Tota...

"Non c'è ragione di pagare il petrolio in dollari". L'AD di Total, Christophe de Margerie

 Non c'è ragione di pagare il petrolio in dollari. L'AD di Total, Christophe de Margerie
 

L'ennesima spallata allo status del dollaro

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Gli Stati Uniti stanno rapidamente perdendo tutti gli amici che fino a poco prima sostenevano la loro condizione di 'privilegiati”. Dopo aver allontanato i tedeschi a causa dello scandalo intercettazioni, dopo aver fornito ai russi la spinta per la de-dollarizzazione, dopo aver facilitato la Cina nella diversificazione e punito la Francia per aver effettuato affari, in dollari, con paesi soggetti a sanzioni da parte degli Usa, ora è l'amministratore delegato di Total (il 13° più grande produttore di petrolio al mondo e il secondo più grande d'Europa) a ritenere che "Non vi è alcun motivo di pagare il petrolio in dollari ". Chiaramente, sulla base di osservazioni di Christophe de Margerie, abbiamo superato il picco dei Petrodollari, scrive il blog ZeroHedge.
 
Come riporta Reuters, l’Amministratore delegato del colosso petrolifero Total ha sostenuto che l'euro dovrebbe avere un ruolo più importante nel commercio internazionale, sebbene non sia ancora possibile fare a meno del dollaro statunitense. Christophe de Margerie stava rispondendo a domande sugli appelli politici francesi per trovare un modo a livello dell’UE per sostenere l'utilizzo dell'euro nel commercio internazionale, dopo la maximulta degli Usa alla BNP Paribas. "Non c'è ragione di pagare il petrolio in dollari", ha proseguito, aggiungendo “Il prezzo del barile è denominato in dollari, ma una qualunque raffineria è in grado di prendere quel prezzo e convertirlo al cambio del giorno per effettuare il pagamento con la moneta europea
 
Quindi, anche uno dei principali beneficiari dello status quo sembra vedere la fine in vista per i Petrodollari. 

Come commentava Brandon Smith già lo scorso anno, “il dollaro non è meno invincibile di qualsiasi altra moneta a corso forzoso nella storia. In un certo senso, è in realtà molto più debole rispetto a tutte le altre che sono venute prima. Il dollaro fa completo affidamento sul proprio status di riserva mondiale al fine di conservare il suo valore sul mercato globale. Come è evidente, paesi come la Cina stanno già eliminando il biglietto verde negli scambi con alcune nazioni. E’ assolutamente insensato supporre che questa tendenza sia in qualche modo “casuale", piuttosto che intenzionale. I paesi stranieri non scaricherebbero il dollaro oggi se non avessero intenzione di continuare a farlo anche domani. Tutto ciò che rimane è l’avvento di una nuova crisi. Le tensioni esistenti in Medio Oriente segnalano l’avvicinarsi di una crisi, molto probabilmente una crisi energetica, nel breve termine.”
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Evo Morales: «Gli Stati Uniti dotarono di armi chimiche Saddam per la guerra contro l'Iran»

Il presidente boliviano denuncia la «doppia morale dell'impero»

  Attraverso il proprio profilo Twitter, il presidente dello Stato Plurinazionale di Bolivia, Evo Morales,...
Notizia del:

Ucraina: schiavitù per i lavoratori e bombe per il Donbass

Questi non sono che i frutti di quella majdan Nezaležnosti, piazza Indipendenza, che il 24 agosto si appresta a celebrare il 26° anniversario della nezaležnosti

di Fabrizio Poggi - Contropiano   Oltre alla guerra nel Donbass, alla crisi economica che ha ridotto...
Notizia del:     Fonte: http://globovision.com/

Venezuela: l'oppositore Capriles avrebbe ricevuto ingenti finanziamenti dalla multinazionale Odebrecht

A rivelarlo è l’emittente televisiva Globovision, notoriamente vicina all’opposizione venezuelana

  Guai giudiziari in arrivo per Henrique Capriles. L’ex candidato presidenziale, sconfitto da Maduro,...
Notizia del:     Fonte: TASS

VIDEO. L'aviazione russa elimina più di 200 terroristi dell'ISIS diretti a Deir Ezzor

I terroristi stavano viaggiando verso la città siriana in un convoglio formato da circa venti veicoli, compresi carri armati.

L'aviazione russa ha eliminato oltre 200 membri dell'ISIS, colpendo un convoglio con armi pesanti diretto...
Notizia del:     Fonte: The Sunday Times

'The Sunday Times': L'ISIS ha utilizzato società britanniche per inviare materiale militare in Spagna

L'ISIS ha beneficiato di una rete di aziende collegate ad un ufficio situato a Cardiff, per inviare materiale militare di alta qualità in Spagna e finanziare i piani terroristici nei paesi europei.

"La tecnologia di sorveglianza che è stata inviata in Spagna, dove 14 persone sono morte giovedì...
Notizia del:

Il latte nero del terrore: Breve storia della “guerra sporca” anticomunista in italia (1945-73)

Occorre riprendere in mano la storia della “guerra sporca” così come si è articolata strutturalmente nel nostro Paese, per capirne i passaggi di fase che ha attraversato e la sua sostanziale riproposizione in chiave aggiornata

di Giacomo Marchetti - Contropiano   Il clima politico-sociale che la cura Minniti sta imponendo al...
Notizia del:     Fonte: Avn

Venezuela, la Costituente assume alcune competenze dell'Assemblea Nazionale per garantire pace e stabilità. L'opposizione calpesta ancora la Costituzione

Delcy Rodriguez ha ricordato che l’Assemblea Nazionale Costituente è stata eletta da oltre 8 milioni di persone attraverso elezioni libere, dirette e universali, al fine di frenare il piano sedizioso della destra contro la pace del popolo e la Rivoluzione Bolivariana

di Fabrizio Verde   L’Assemblea Nazionale Costituente del Venezuela ha approvato un decreto dove...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa