/ Soros ci riprova in Brasile. Questa volta con Neves

Soros ci riprova in Brasile. Questa volta con Neves

Soros ci riprova in Brasile. Questa volta con Neves
 

Primo obiettivo dichiarato: privatizzare la statale Petrobras, la compagnia petrolifera brasiliana

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
Dopo che i media, la CIA e George Soros hanno tentato di imporre la candidata del partito Verde Marina Silva alla guida del Brasile, queste stesse forze sono di nuovo in campo per impedire un secondo mandato di Dilma Rousseff e favorire l'ascesa di Aecio Neves. Lo scrive Wayne Madsen su Strategic-Culture.
 
Grazie ad un ottimo lavoro investigativo di alcuni giornalisti brasiliani, i legami di Silva con Soros e gli altri magnati di hedge fund è emerso con chiarezza. Gli elettori brasiliani hanno quindi evitato di votare per un burattino dei banchieri globali, ma Silva ha poi dato il suo endorsement a Neves, che, prosegue Madsen, è presto diventata la seconda scelta di Soros.
 
Una seconda scelta di lusso se si considera che il principale consigliere economico di Neves - e l'uomo che diventerebbe ministro delle Finanze - è Arminio Fraga Neto, ex amico e socio di Soros. Con il suo hedge fund Quantum, Fraga spera di aprire il Brasile alle "forze di mercato", le stesse forze che hanno dichiarato guerra economica al Venezuela e stanno tentando di truffare l'Argentina attraverso i fondi avvoltoi gestiti dagli amici di Soros a Wall Street. Fraga, un habitué del World Economic Forum di Davos, in Svizzera, è anche un ex dirigente di Salomon Brothers, ex presidente della Banca Centrale del Brasile, ed ha fatto affari milionari con Goldman Sachs. La sua partecipazione al gruppo elitario Council on Foreign Relations e il gruppo dei 30 mette Fraga in continuo contatto con Alan Greenspan, David Rockefeller e Larry Summers.
 
La facile vittoria di Rousseff il 5 ottobre, prosegue l&# 39;autore, ha costretto Wall Street ed i suoi media di proprietà ad alzare il tiro per impedire che il progetto in atto tra Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa per competere con il Washington consensus si realizzi. Ed ecco che discutibli sondaggi che parlano di un testa a testa vengano riproposti in modo assiduo dai “giornalisti” del The Wall Street Journal, Financial Times, Bloomberg News e Forbes. 
 
Dopo aver abbandonato le credenziali socialiste del nonno, Tancredo Neves – morto poco dopo aver giurato come presidente nel 1985 per una malattia su cui restano molti dubbi - Aécio Neves rappresenta gli interessi di Wall Street, impersonificati dalla figura di Fraga come suo principale consigliere economico. Gli avvoltoi di Wall Street, tra cui Soros e gli altri soci di Fraga a New York, hanno come primo obiettivo dichiarato quello di privatizzare la statale Petrobras, la compagnia petrolifera brasiliana. E per questa ragione, Aécio Neves è stato profumatamente comprato dagli stessi interessi finanziari globalizzati che hanno tentato di portare Marina Silva al potere.
 
Le politiche del presidente Rousseff hanno creato potenti nemici all'interno della CIA, tra le stanze di comando di Wall Street e tra le multinazionali più potenti dell'Occidente. L'erede di Lula ha sconfessato i sondaggi il 5 ottobre ma il 26 sarà più difficile. Il futuro del popolo brasiliano dipende da quel voto e, conclude Wayne, per la nuova immensa classe media create dalle politiche redistributive in atto vi è una certezza: una vittoria di Neves distruggerà i loro mezzi di sussistenza, così come la loro stessa vita. La speranza è che i brasiliani si rilevino saggi quanto il 5 ottobre.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Il miliardario George Soros: io ho finanziato il colpo di stato in Ucraina

Era il maggio del 2014, tre mesi dopo il colpo di stato di Kiev, e il miliardario americano George Soros ha  rivelato a Fareed Zakaria della CNN di essere responsabile della  creazione di...
Notizia del:

"Rafforzare la solidarietà tra i popoli nella lotta per la pace, contro l’imperialismo!": in Brasile l'assemblea mondiale per la pace

da cebrapaz.org.br Traduzione di Marx21.it São Luís (Stato di Maranhao) sarà la capitale della lotta per la pace in novembre. Il Consiglio Mondiale della Pace (CMP) svolgerà...
Notizia del:     Fonte: Vtv/Telesur

Brasile: eletto il nuovo presidente della Camera dei Deputati

Si tratta di Rodrigo Maia esponente del Partito dei Democratici che ha avuto la meglio sul socialdemocratico Rodrigo Rosso

La Camera dei Deputati del Brasile ha eletto dopo due votazioni il nuovo presidente che sostituirà...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Lula: «Non possiamo permettere che calpestino la democrazia brasiliana»

L'ex presidente brasiliano interviene in difesa di Dilma Rousseff

L’ex presidente del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva, dopo i falliti tentativi di estrometterlo...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Dilma Rousseff: «Tornerò per ricostruire il paese»

La presidente del Brasile denuncia che il governo Temer è illegittimo e che continuerà a lottare contro il colpo di stato orchestrato dalle élite

Per descrivere quanto accaduto nel suo paese, la presidente del Brasile (sospesa per 180 giorni) Dilma Rousseff...
Notizia del:     Fonte: Alwaght

Lanciata una guerra economica contro Hezbollah in Sud America

Una nuova guerra mediatica organizzata ed una la campagna giudiziaria è stata lanciata contro la struttura economica della comunità libanese in Paraguay.

Questa campagna accusa gli uomini d'affari libanesi in Paraguay di far parte del Movimento di Resistenza Islamica...
Notizia del:

Manifestazione a Roma contro il colpo di Stato in Brasile

L'attuale crisi politica che uccide la democrazia brasiliana ci spaventa e ci fa indignare. Per questo motivo noi del “Collettivo BELI” (Brasiliani in lotta – Italia) abbiamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Illuminante lettera dal Venezuela: la scarsità di beni serve a rovesciare il governo Maduro

Una lettera dell’educatrice venezuelana Jacquelyn Jiménez porta alla luce quanto occultato dai media che coprono in maniera vergognosa la situazione in Venezuela: «Viene messa in discussione la gestione di Maduro ma non la dittatura finanziaria che quotidianamente sottomette i venezuelani alla minaccia della fame»

di Fabrizio Verde «Viviamo in una dittatura finanziaria, un golpe industriale dove non si produce...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Venezuela. «L'OSA vuole imporre un nuovo espansionismo coloniale»

La giornalista argentina Stella Calloni attacca frontalmente l'ingerenza del Segretario dell'OSA Almagro sul Venezuela e l'assordante silenzio sul golpe in Brasile

«L’Organizzazione degli Stati Americani è tornata a essere un’organizzazione...
Notizia del:     Fonte: The Guardian

Dal Regno Unito: la sospensione di Dilma Rousseff è un insulto alla democrazia in Brasile

Abbiamo tradotto e ripreso una bella lettera apparsa sulle colonne del quotidiano britannico 'The Guardian' dove politici del Regno Unito afferenti al Labour Party inglese, allo Scottish National...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Marx21.it

Fermiamo la repressione anticomunista in Ucraina!

Dichiarazione del Partito Comunista della Federazione Russa

Traduzione dal russo di Mauro Gemma per Marx21.it Libertà per Alla Aleksandrovskaya! Sul territorio...
Notizia del:

Così l’occidente usa gli stessi strumenti di Goebbels per combattere Putin

di Eugenio Cipolla   L’ultimo dei capolavori che la propaganda occidentale ha confezionato per combattere la tanto odiata russa è un prodotto made in Italy. A lanciarlo nell’affascinante...
Notizia del:

La reazione del mondo arabo alla storicità della candidatura di Hillary

Abbiamo già commentato le parole entusiaste di Laura Boldrini accorsa a Philadelphia a partecipare al trionfo-farsa di Hillary Clinton nella Convention di Philadelhia che di democratico ha davvero...
Notizia del:

Manlio di Stefano (M5S): Il tempo delle ipocrisie è finito. Mercoledì il Pd dovrà decidere se stare con l'Arabia Saudita o con la lotta al terrorismo

di Manlio Di Stefano* "Continueremo ad approfondire le nostre relazioni con i paesi del Golfo rimuovendo gli ostacoli al commercio e proteggendo e promuovendo gli investimenti". "La...
Notizia del:

TERRORISMO E DOPPIA MORALE: IL CASO DELLA CECENIA

Agli attentati terroristici che dal 2001 a oggi insanguinano i principali Paesi occidentali, i governi hanno risposto con la restrizione delle libertà, con maggiori controlli e con una progressiva...
Notizia del:     Fonte: Vzgliad

Chi è intrappolato ad Aleppo?

L'esercito siriano ha dato un ultimatum ai gruppi armati di Aleppo, ma c'è un problema: non è possibile distinguere i terroristi dai cosiddetti “ribelli moderati”.

L'operazione dell'esercito siriano con l'appoggio dell’Air Force russa continua ad avere risultati...
Notizia del:

Il miliardario George Soros: io ho finanziato il colpo di stato in Ucraina

Era il maggio del 2014, tre mesi dopo il colpo di stato di Kiev, e il miliardario americano George Soros ha  rivelato a Fareed Zakaria della CNN di essere responsabile della  creazione di...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa