/ Soros ci riprova in Brasile. Questa volta con Neves

Soros ci riprova in Brasile. Questa volta con Neves

Soros ci riprova in Brasile. Questa volta con Neves
 

Primo obiettivo dichiarato: privatizzare la statale Petrobras, la compagnia petrolifera brasiliana

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
Dopo che i media, la CIA e George Soros hanno tentato di imporre la candidata del partito Verde Marina Silva alla guida del Brasile, queste stesse forze sono di nuovo in campo per impedire un secondo mandato di Dilma Rousseff e favorire l'ascesa di Aecio Neves. Lo scrive Wayne Madsen su Strategic-Culture.
 
Grazie ad un ottimo lavoro investigativo di alcuni giornalisti brasiliani, i legami di Silva con Soros e gli altri magnati di hedge fund è emerso con chiarezza. Gli elettori brasiliani hanno quindi evitato di votare per un burattino dei banchieri globali, ma Silva ha poi dato il suo endorsement a Neves, che, prosegue Madsen, è presto diventata la seconda scelta di Soros.
 
Una seconda scelta di lusso se si considera che il principale consigliere economico di Neves - e l'uomo che diventerebbe ministro delle Finanze - è Arminio Fraga Neto, ex amico e socio di Soros. Con il suo hedge fund Quantum, Fraga spera di aprire il Brasile alle "forze di mercato", le stesse forze che hanno dichiarato guerra economica al Venezuela e stanno tentando di truffare l'Argentina attraverso i fondi avvoltoi gestiti dagli amici di Soros a Wall Street. Fraga, un habitué del World Economic Forum di Davos, in Svizzera, è anche un ex dirigente di Salomon Brothers, ex presidente della Banca Centrale del Brasile, ed ha fatto affari milionari con Goldman Sachs. La sua partecipazione al gruppo elitario Council on Foreign Relations e il gruppo dei 30 mette Fraga in continuo contatto con Alan Greenspan, David Rockefeller e Larry Summers.
 
La facile vittoria di Rousseff il 5 ottobre, prosegue l&# 39;autore, ha costretto Wall Street ed i suoi media di proprietà ad alzare il tiro per impedire che il progetto in atto tra Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa per competere con il Washington consensus si realizzi. Ed ecco che discutibli sondaggi che parlano di un testa a testa vengano riproposti in modo assiduo dai “giornalisti” del The Wall Street Journal, Financial Times, Bloomberg News e Forbes. 
 
Dopo aver abbandonato le credenziali socialiste del nonno, Tancredo Neves – morto poco dopo aver giurato come presidente nel 1985 per una malattia su cui restano molti dubbi - Aécio Neves rappresenta gli interessi di Wall Street, impersonificati dalla figura di Fraga come suo principale consigliere economico. Gli avvoltoi di Wall Street, tra cui Soros e gli altri soci di Fraga a New York, hanno come primo obiettivo dichiarato quello di privatizzare la statale Petrobras, la compagnia petrolifera brasiliana. E per questa ragione, Aécio Neves è stato profumatamente comprato dagli stessi interessi finanziari globalizzati che hanno tentato di portare Marina Silva al potere.
 
Le politiche del presidente Rousseff hanno creato potenti nemici all'interno della CIA, tra le stanze di comando di Wall Street e tra le multinazionali più potenti dell'Occidente. L'erede di Lula ha sconfessato i sondaggi il 5 ottobre ma il 26 sarà più difficile. Il futuro del popolo brasiliano dipende da quel voto e, conclude Wayne, per la nuova immensa classe media create dalle politiche redistributive in atto vi è una certezza: una vittoria di Neves distruggerà i loro mezzi di sussistenza, così come la loro stessa vita. La speranza è che i brasiliani si rilevino saggi quanto il 5 ottobre.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: http://www.bbc.com/

Dilma Rousseff alla BBC: «La visione dell'Occidente sul Venezuela è irresponsabile»

«Vogliono ricreare qui in America Latina quanto già fatto in Iraq e Afghanistan: un conflitto armato». Questa la forte denuncia dell’ex presidente del Brasile

  Ai microfoni dell’emittente britannica BBC, l’ex presidente del Brasile Dilma Rousseff, vittima...
Notizia del:     Fonte: http://www.marx21.it/

Il futuro del Brasile dipende sempre da Lula

La destra, molto disturbata, dovrà sempre fare riferimento a Lula come al proprio maggiore nemico

di Emir Sader* | da alainet.org Traduzione di Marx21.it La destra brasiliana ha architettato il colpo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Mujica a Lula: «Caro Lula, le classi sociali esistono e i dominatori non sopportano che i sottomessi gli contendano il potere»

Il messaggio di Mujica è stato pubblicato dal Movimiento de Participación Popular (MPP), che è parte integrante del Frente Amplio

  «Caro Lula, le classi sociali esistono e i dominatori non sopportano che i sottomessi gli contendano...
Notizia del:

Il Premio Nobel Esquivel denuncia il golpismo contro Lula. E il Brasile scende in piazza a sua difesa

Mentre in Venezuela i poteri forti cercano con ogni mezzo di spazzar via il socialismo bolivariano, in Brasile vogliono ad ogni costo impedire un cambiamento strutturale. Il primo bersaglio da abbattere, mediante un "golpe giudiziario" è Lula, favorito alle presidenziali.

di Geraldina Colotti   “No alla prigione per Lula. Abbasso il colpo di Stato”. Sindacati...
Notizia del:

Ecco le "prove" contro Lula nella condanna per corruzione: un contratto senza firme e articoli di giornale

A giudizio dell'analista Beto Almeida la condanna «perversa» di Lula è «essenzialmente politica»

di Fabrizio Verde   Un contratto senza intestazione e senza firme, articoli di giornale. Questi gli...
Notizia del:

Brasile, Lula condannato a 9 anni per corruzione. Dilma Rousseff: «Condanna ingiusta che ferisce la democrazia»

«Proveremo l’innocenza di Lula in tutte le corti imparziali, incluse le Nazioni Unite», ha dichiarato un membro della difesa all’agenzia AFP

  Il giudice della 13° Corte Federale di Curitiba Sergio Moro - che ha delle inquietanti connessioni...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Brasile: commissione parlamentare chiede giudizio penale contro Temer

Sergio Zveiter, istruttore della commissione parlamentare, ha indicato che vi sono «seri indizi» di colpevolezza

  Il deputato brasiliano, Sergio Zveiter, istruttore della commissione parlamentare che si occupa della denuncia...
Notizia del:

"Fora Temer". A un anno dal golpe, in Brasile è sciopero generale

di Geraldina Colotti* - Il Manifesto Ieri, i brasiliani si sono svegliati ancora al grido di “Fora Temer”, per gli effetti dello sciopero generale che, dal 30 giugno, ha interessato 21...
Notizia del:

Brasile: Lula in testa nei sondaggi in vista delle presidenziali

L'ex presidente brasiliano risulta essere il più popolare secondo un sondaggio dell'istituto Datafolha

  L’ex presidente Lula sarebbe il candidato preferito dai brasiliani. Secondo un sondaggio dell’istituto...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Il grido «Fuera Temer» torna a risuonare in Brasile

I manifestanti chiedono la convocazione di nuove elezioni affinché sia «il popolo a decidere chi governa»

di Fabrizio Verde   Migliaia di brasiliani tornano in piazza, questa volta a San Paolo, per gridare...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Una minaccia attraversa il mondo

Una minaccia attraversa il mondo, le élite mondiali hanno deciso di dare battaglia non solo per le risorse naturali dei paesi, ma anche per l’imposizione totalitaria della propria visione culturale

di Elias Jaua Milano - Ciudad CCS   C’è uno schema ricorrente nelle cosiddette ‘resistenze’...
Notizia del:

Evo Morales: «Gli Stati Uniti dotarono di armi chimiche Saddam per la guerra contro l'Iran»

Il presidente boliviano denuncia la «doppia morale dell'impero»

  Attraverso il proprio profilo Twitter, il presidente dello Stato Plurinazionale di Bolivia, Evo Morales,...
Notizia del:

Ucraina: schiavitù per i lavoratori e bombe per il Donbass

Questi non sono che i frutti di quella majdan Nezaležnosti, piazza Indipendenza, che il 24 agosto si appresta a celebrare il 26° anniversario della nezaležnosti

di Fabrizio Poggi - Contropiano   Oltre alla guerra nel Donbass, alla crisi economica che ha ridotto...
Notizia del:     Fonte: http://globovision.com/

Venezuela: l'oppositore Capriles avrebbe ricevuto ingenti finanziamenti dalla multinazionale Odebrecht

A rivelarlo è l’emittente televisiva Globovision, notoriamente vicina all’opposizione venezuelana

  Guai giudiziari in arrivo per Henrique Capriles. L’ex candidato presidenziale, sconfitto da Maduro,...
Notizia del:     Fonte: TASS

VIDEO. L'aviazione russa elimina più di 200 terroristi dell'ISIS diretti a Deir Ezzor

I terroristi stavano viaggiando verso la città siriana in un convoglio formato da circa venti veicoli, compresi carri armati.

L'aviazione russa ha eliminato oltre 200 membri dell'ISIS, colpendo un convoglio con armi pesanti diretto...
Notizia del:     Fonte: The Sunday Times

'The Sunday Times': L'ISIS ha utilizzato società britanniche per inviare materiale militare in Spagna

L'ISIS ha beneficiato di una rete di aziende collegate ad un ufficio situato a Cardiff, per inviare materiale militare di alta qualità in Spagna e finanziare i piani terroristici nei paesi europei.

"La tecnologia di sorveglianza che è stata inviata in Spagna, dove 14 persone sono morte giovedì...
Notizia del:

Il latte nero del terrore: Breve storia della “guerra sporca” anticomunista in italia (1945-73)

Occorre riprendere in mano la storia della “guerra sporca” così come si è articolata strutturalmente nel nostro Paese, per capirne i passaggi di fase che ha attraversato e la sua sostanziale riproposizione in chiave aggiornata

di Giacomo Marchetti - Contropiano   Il clima politico-sociale che la cura Minniti sta imponendo al...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa