/ Soros ci riprova in Brasile. Questa volta con Neves

Soros ci riprova in Brasile. Questa volta con Neves

Soros ci riprova in Brasile. Questa volta con Neves
 

Primo obiettivo dichiarato: privatizzare la statale Petrobras, la compagnia petrolifera brasiliana

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
Dopo che i media, la CIA e George Soros hanno tentato di imporre la candidata del partito Verde Marina Silva alla guida del Brasile, queste stesse forze sono di nuovo in campo per impedire un secondo mandato di Dilma Rousseff e favorire l'ascesa di Aecio Neves. Lo scrive Wayne Madsen su Strategic-Culture.
 
Grazie ad un ottimo lavoro investigativo di alcuni giornalisti brasiliani, i legami di Silva con Soros e gli altri magnati di hedge fund è emerso con chiarezza. Gli elettori brasiliani hanno quindi evitato di votare per un burattino dei banchieri globali, ma Silva ha poi dato il suo endorsement a Neves, che, prosegue Madsen, è presto diventata la seconda scelta di Soros.
 
Una seconda scelta di lusso se si considera che il principale consigliere economico di Neves - e l'uomo che diventerebbe ministro delle Finanze - è Arminio Fraga Neto, ex amico e socio di Soros. Con il suo hedge fund Quantum, Fraga spera di aprire il Brasile alle "forze di mercato", le stesse forze che hanno dichiarato guerra economica al Venezuela e stanno tentando di truffare l'Argentina attraverso i fondi avvoltoi gestiti dagli amici di Soros a Wall Street. Fraga, un habitué del World Economic Forum di Davos, in Svizzera, è anche un ex dirigente di Salomon Brothers, ex presidente della Banca Centrale del Brasile, ed ha fatto affari milionari con Goldman Sachs. La sua partecipazione al gruppo elitario Council on Foreign Relations e il gruppo dei 30 mette Fraga in continuo contatto con Alan Greenspan, David Rockefeller e Larry Summers.
 
La facile vittoria di Rousseff il 5 ottobre, prosegue l&# 39;autore, ha costretto Wall Street ed i suoi media di proprietà ad alzare il tiro per impedire che il progetto in atto tra Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa per competere con il Washington consensus si realizzi. Ed ecco che discutibli sondaggi che parlano di un testa a testa vengano riproposti in modo assiduo dai “giornalisti” del The Wall Street Journal, Financial Times, Bloomberg News e Forbes. 
 
Dopo aver abbandonato le credenziali socialiste del nonno, Tancredo Neves – morto poco dopo aver giurato come presidente nel 1985 per una malattia su cui restano molti dubbi - Aécio Neves rappresenta gli interessi di Wall Street, impersonificati dalla figura di Fraga come suo principale consigliere economico. Gli avvoltoi di Wall Street, tra cui Soros e gli altri soci di Fraga a New York, hanno come primo obiettivo dichiarato quello di privatizzare la statale Petrobras, la compagnia petrolifera brasiliana. E per questa ragione, Aécio Neves è stato profumatamente comprato dagli stessi interessi finanziari globalizzati che hanno tentato di portare Marina Silva al potere.
 
Le politiche del presidente Rousseff hanno creato potenti nemici all'interno della CIA, tra le stanze di comando di Wall Street e tra le multinazionali più potenti dell'Occidente. L'erede di Lula ha sconfessato i sondaggi il 5 ottobre ma il 26 sarà più difficile. Il futuro del popolo brasiliano dipende da quel voto e, conclude Wayne, per la nuova immensa classe media create dalle politiche redistributive in atto vi è una certezza: una vittoria di Neves distruggerà i loro mezzi di sussistenza, così come la loro stessa vita. La speranza è che i brasiliani si rilevino saggi quanto il 5 ottobre.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: RT

Sorpresa! Torna la sinistra in America Latina

In Messico arriva la rivincita

di John M. Ackerman - RT   Sorpresa! Quando meno te l’aspetti, la sinistra torna in America Latina.   L’ottima...
Notizia del:     Fonte: http://www.mppre.gob.ve/

Il Parlasur non accetta le sanzioni contro il Venezuela nel Mercosur

Sconfessata la strategia della Triplice Alleanza diretta ad escludere il Venezuela dall'organismo regionale

da mppre.gob.ve   I parlamentari degli Stati Membri del Mercato Comune del Sud (Mercosur), riunitisi...
Notizia del:     Fonte: http://www.mppre.gob.ve/

Il Venezuela condanna la riunione tra Julio Borges e il Ministro degli Esteri brasiliano Serra

da mppre.gob.ve   Il Ministro degli Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Delcy Rodríguez, condanna categoricamente la riunione sostenuta questo giovedì tra Julio...
Notizia del:     Fonte: www.pressenza.com

Brasile, Dilma Rousseff: «Temer è un burattino, una facciata»

In un’intervista con Calle 2, la ex presidente ha detto che andare a elezioni indirette sarebbe approfondire il golpe. Analizza anche il momento attuale in America Latina, la crisi politica e le misure dell’attuale governo

  di Vinícius Mendes | Calle2 | Traduzione dal brasiliano di Pressenza   Da Palazzo Alvorada*...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Avanza il neoliberismo in Brasile: previsti ingenti tagli nel 2017

  Tagli, austerità, licenziamenti di massa, aumento esponenziale della povertà. Questo è lo scenario che inevitabilmente si ripete quando uno Stato decide di adottare un...
Notizia del:

Giornalista Usa: "George Soros ha legami con oltre 50 'partner' delle proteste anti Trump"

Una giornalista americana ha pubblicato una lista di oltre 50 associazioni finanziate da George Soros che hanno preso parte come organizzatori alla marcia delle donne contro Trump. Migliaia di donne...
Notizia del:

Scandalo diplomatico: la ministra degli Esteri del Venezuela denuncia di essere stata aggredita dalla polizia argentina

Un’aggressione fisica subita da Delcy Rodriguez che va a sommarsi ai tentativi della Triplice Alleanza - Argentina, Brasile e Paraguay - di estromettere senza alcun appiglio legale reale e valido, la Repubblica Bolivariana del Venezuela dall’organismo internazionale

  Il Ministro degli Esteri del Venezuela, Delcy Rodriguez, ha denunciato un atto gravissimo: la polizia argentina...
Notizia del:

63% dei brasiliani vuole che Michel Temer rinunci e si vada ad elezioni

Il popolo brasiliano vuole le dimissioni immediate del golpista Temer e andare ad elezioni. E' quello che chiede il 60 per cento del popolo brasiliano in un recente sondaggio Datafolha. Lo riporta...
Notizia del:     Fonte: RT/teleSUR

Il Venezuela denuncia un tentativo di 'golpe' in seno al Mercosur

Argentina, Brasile e Paraguay utilizzando motivazioni pretestuose cercano di espellere il Venezuela dal Mercosur

di Fabrizio Verde   La cosiddetta Triplice Alleanza, formata da Argentina, Brasile e Paraguay sta provando...
Notizia del:     Fonte: RT/HispanTv

Lula a Oliver Stone: «In Brasile guerra contro la democrazia». Manifestanti occupano la Camera bassa del Parlamento brasiliano

L'ex presidente intervistato dal regista statunitense denuncia la feroce campagna mediatica condotta contro di lui

  «In Brasile c’è una guerra, siamo di fronte a un processo violento contro la democrazia....
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Roberta Lombardi - "Caso Alitalia, a pagare non siano ancora i lavoratori"

di Roberta Lombardi* Punto e a capo. Siamo un’altra volta punto a capo. E ad ogni nuovo stop e ripartenza a rimetterci siamo sempre tutti noi, nessuno escluso. Caso Alitalia, febbraio 2017....
Notizia del:     Fonte: http://panap.net

Studio: Gli insediamenti israeliani in Cisgiordania avvelenano i palestinesi

Una recente ricerca ha rivelato che le colonie israeliane illegali inquinano le terre palestinesi in Cisgiordania con pesticidi pericolosi.

Una ricerca congiunta condotta da organizzazioni non governative 'Gruppo arabo per la protezione della natura'...
Notizia del:     Fonte: CNN

McCain si reca in Siria in segreto e incontra le forze USA

Secondo la CNN, il senatore statunitense John McCain è stato in Siria la scorsa settimana, dove ha visitato le truppe degli Stati Uniti e ha sostenuto la necessita di un'azione militare più aggressiva nel paese arabo.

Questo viaggio segreto è stato confermato, ieri, da Julie Tarallo, portavoce del senatore repubblicano,...
Notizia del:     Fonte: http://reliefweb.int

L'ONU avverte: più di 17 milioni di yemeniti non possono alimentarsi per le conseguenze dell'aggressione dell'Arabia Saudita

L'ONU stima che il numero di yemeniti che non possono alimentarsi per la 'terribile situazione umanitaria' causata dall'aggressione dell'Arabia Saudita supera i 17 milioni.

"Stiamo assistendo a una carenza di cibo e ad un aumento dei prezzi di cibo, carburante e instabilità...
Notizia del:

Venezuela, Maduro annuncia un nuovo corso per il Chavismo

"Oggi questi scenari sono stati modificati dal carattere non convenzionale della guerra globale."

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha affermato ai dirigenti del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV)...
Notizia del:

Giornalista Usa: "Il nostro ruolo è controllare esattamente quello che la gente pensa"

Nel corso di una vivace discussione incentrata sui timori che il presidente Trump stia "cercando di minare i media", il giornalista della MSNBC Mika Brzezinski si lascia sfuggire finalmente...
Notizia del:

Firma la petizione contro l'aggressione dei nazisti di Kiev al Donbass

a cura di Marx21.it “Come abitante dell'Europa aggiungo la mia firma per associarmi alla denuncia delle violazioni dei diritti umani da parte dell'Ucraina nel Donbass”....
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa