/ Soros ci riprova in Brasile. Questa volta con Neves

Soros ci riprova in Brasile. Questa volta con Neves

Soros ci riprova in Brasile. Questa volta con Neves
 

Primo obiettivo dichiarato: privatizzare la statale Petrobras, la compagnia petrolifera brasiliana

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
Dopo che i media, la CIA e George Soros hanno tentato di imporre la candidata del partito Verde Marina Silva alla guida del Brasile, queste stesse forze sono di nuovo in campo per impedire un secondo mandato di Dilma Rousseff e favorire l'ascesa di Aecio Neves. Lo scrive Wayne Madsen su Strategic-Culture.
 
Grazie ad un ottimo lavoro investigativo di alcuni giornalisti brasiliani, i legami di Silva con Soros e gli altri magnati di hedge fund è emerso con chiarezza. Gli elettori brasiliani hanno quindi evitato di votare per un burattino dei banchieri globali, ma Silva ha poi dato il suo endorsement a Neves, che, prosegue Madsen, è presto diventata la seconda scelta di Soros.
 
Una seconda scelta di lusso se si considera che il principale consigliere economico di Neves - e l'uomo che diventerebbe ministro delle Finanze - è Arminio Fraga Neto, ex amico e socio di Soros. Con il suo hedge fund Quantum, Fraga spera di aprire il Brasile alle "forze di mercato", le stesse forze che hanno dichiarato guerra economica al Venezuela e stanno tentando di truffare l'Argentina attraverso i fondi avvoltoi gestiti dagli amici di Soros a Wall Street. Fraga, un habitué del World Economic Forum di Davos, in Svizzera, è anche un ex dirigente di Salomon Brothers, ex presidente della Banca Centrale del Brasile, ed ha fatto affari milionari con Goldman Sachs. La sua partecipazione al gruppo elitario Council on Foreign Relations e il gruppo dei 30 mette Fraga in continuo contatto con Alan Greenspan, David Rockefeller e Larry Summers.
 
La facile vittoria di Rousseff il 5 ottobre, prosegue l&# 39;autore, ha costretto Wall Street ed i suoi media di proprietà ad alzare il tiro per impedire che il progetto in atto tra Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa per competere con il Washington consensus si realizzi. Ed ecco che discutibli sondaggi che parlano di un testa a testa vengano riproposti in modo assiduo dai “giornalisti” del The Wall Street Journal, Financial Times, Bloomberg News e Forbes. 
 
Dopo aver abbandonato le credenziali socialiste del nonno, Tancredo Neves – morto poco dopo aver giurato come presidente nel 1985 per una malattia su cui restano molti dubbi - Aécio Neves rappresenta gli interessi di Wall Street, impersonificati dalla figura di Fraga come suo principale consigliere economico. Gli avvoltoi di Wall Street, tra cui Soros e gli altri soci di Fraga a New York, hanno come primo obiettivo dichiarato quello di privatizzare la statale Petrobras, la compagnia petrolifera brasiliana. E per questa ragione, Aécio Neves è stato profumatamente comprato dagli stessi interessi finanziari globalizzati che hanno tentato di portare Marina Silva al potere.
 
Le politiche del presidente Rousseff hanno creato potenti nemici all'interno della CIA, tra le stanze di comando di Wall Street e tra le multinazionali più potenti dell'Occidente. L'erede di Lula ha sconfessato i sondaggi il 5 ottobre ma il 26 sarà più difficile. Il futuro del popolo brasiliano dipende da quel voto e, conclude Wayne, per la nuova immensa classe media create dalle politiche redistributive in atto vi è una certezza: una vittoria di Neves distruggerà i loro mezzi di sussistenza, così come la loro stessa vita. La speranza è che i brasiliani si rilevino saggi quanto il 5 ottobre.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: hispantv

I BRICS verso un nuovo sistema di commercio dell'oro

La Banca centrale russa ha già firmato un memorandum con i suoi partner cinesi per stabilire un sistema bilaterale di scambi d'oro, dato che Mosca spera di avviare il summenzionato sistema entro il 2018

  Il mondo si trova in una fase di grandi cambiamenti. Dove quelli che vengono ancora definiti in maniera...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Lula ai popoli latinoamericani: «Sconfiggeremo ancora una volta il neoliberismo»

«In tutti i nostri paesi abbiamo già sconfitto il progetto neoliberista una volta e non ho dubbi che saremo in grado di sconfiggerlo di nuovo», ha dichiarato il leader brasiliano ai latinoamericani riuniti a Montevideo

  «Fuori Macri!» e «Fuori Temer!», questi sono stati due degli slogan maggiormente...
Notizia del:

Strasburgo, Dilma Rousseff esprime solidarietà al popolo venezuelano

L'Unione Europea è uno dei centri nevralgici da dove partono gli attacchi alla Repubblica Bolivariana del Venezuela

  L’Unione Europea è uno degli attori internazionali maggiormente impegnati nell’opera...
Notizia del:

Emir Sader: "Perché il Brasile è l'anello debole del neo-liberismo in America Latina"

di Emir Sader* | da alainet.org Traduzione di Marx21.it L'America Latina era diventata l'anello più debole della dominazione neoliberista su scala mondiale. Avendo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

'Jobs Act' e ridefinizione schiavitù: i sindacati brasiliani denunciano Temer alla Commissione Interamericana per i Diritti Umani

Il governo neoliberista si difende citando ad esempio leggi sul lavoro approvate in Italia e Francia

  La riforma del lavoro imposta in Brasile dal golpista Michel Temer, ha significato una regressione per...
Notizia del:

Lula denuncia: «Nel 2013 c'è stata una Primavera Araba brasiliana». Poi promette un referendum per revocare le misure di Temer

L'ex presidente brasiliano intervistato dal quotidiano spagnolo El Mundo

  «Il Brasile deve tornare ad essere governato in funzione delle masse e non di pochi, per questo la...
Notizia del:     Fonte: AVN

Maduro: «Gli Stati Uniti mi attaccano perché sono leale alla Nazione»

«Se l’impero mi attacca in questa maniera vuol dire che sto compiendo la mia missione, facendo il mio lavoro, che sono leale ai principi della nazione e di un popolo che merita la protezione del suo governo», questa la forte risposta di Maduro agli attacchi sempre più scomposti di Trump

di Fabrizio Verde   Nel bel mezzo di un assedio internazionale di proporzioni enormi il governo socialista...
Notizia del:

Il monito di Dilma Rousseff: Trump mette in pericolo l'esistenza dell'umanità

L’ex presidente del Brasile ha inoltre denunciato gli attacchi portati dall’inquilino della Casa Bianca a nazioni libere e sovrane come Iran, Cuba e Venezuela

  «Gli atteggiamenti di Trump riportano ai tempi della Guerra Fredda, minacciano le nazioni libere...
Notizia del:

"Un anno dopo la deposizione di Dilma il golpe in Brasile va avanti"

José Reinaldo Carvalho, responsabile delle Relazioni Internazionali del Partito Comunista del Brasile (PCdoB): "Il governo di Michel Temer è impegnato a svuotare la CELAC e a trasformare il paese in una testa di ariete dell'attacco al Venezuela."

Intervista a José Reinaldo Carvalho, responsabile delle Relazioni Internazionali del Partito Comunista...
Notizia del:

Dal vertice BRICS un chiaro messaggio agli USA: basta interventi militari e sanzioni unilaterali

I leader dei BRICS hanno denunciato l'intervento militare e le sanzioni che hanno portato a conflitti in tutto il mondo, dichiarando che la comunità internazionale deve sostenere e promuovere la pace

di Fabrizio Verde   Da Xiamen, città cinese nata nel 1394 come fortezza contro le incursioni...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Venezuela, sovranità, autodeterminazione e guerra economica: importante seminario alla Sapienza

Alla presenza di oltre 150 studenti e come seminario delle lezioni alla Sapienza del Prof. Luciano Vasapollo, l’Ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Isaìas Rodriguez, è...
Notizia del:

Haftar annuncia possibile candidatura alle elezioni in Libia. "Il governo di Tripoli è obsoleto"

In un discorso tv il generale ha dichiarato che La Libia "è a una svolta storica pericolosa" con "la scadenza dell'accordo politico" di Skhirat. "Tutti gli organi politici nati da questa intesa perdono oggi di fatto la loro legittimità, entità peraltro già contestate da quando sono entrate in carica".

La Libia "è a una svolta storica pericolosa" con "la scadenza dell'accordo politico"...
Notizia del:

Assad: "Il terrorismo in Siria esiste grazie all'appoggio dell'Occidente"

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha ricevuto lunedì una delegazione ufficiale ed economica russa guidata dal vice primo ministro russo, Dmitry Rogozin. Lo riporta l'agenzia siriana SANA.  ** Sulle...
Notizia del:     Fonte: http://www.rtl.fr

Siria: Macron ritiene che "sarà necessario parlare" con Assad

Il Presidente francese in un'intervista a 'France 2' ritiene che la priorità sia riportare la stabilità in Siria, dialogando con il suo omologo siriano Assad senza escluderlo in una prima fase dal processo di pace.

Il presidente francese , Emmanuel Macron, durante un'intervista rilasciata ieri alla rete televisiva statale...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Libia. Saif al-Islam Gheddafi prevede di candidarsi alle prossime elezioni presidenziali

Un portavoce delle tribù libiche e della famiglia di Gheddafi, Hashemi Alshoul ha rivelato all'emittente libanese, al-Mayadeen che "al-Islam Gheddafi Saif si sta preparando per le prossime elezioni presidenziali in Libia", aggiungendo che "ha il sostegno di una delle più grandi tribù del paese.

Secondo il canale satellitare libanese, al-Mayadeen, il programma della candidatura di Saif al-Islam per le presidenziali...
Notizia del:

RAPPORTO. "Militari Usa presenti in tutti i paesi d'Europa tranne Russia e Bielorussia"

Gli Stati Uniti hanno oggi una presenza militare nel 75% dei paesi del mondo

Un rapporto indica un nuovo record nel militarismo statunitense: Washington ha schierato forze in 149 paesi in...
Notizia del:     Fonte: SANA - Telesur

L'agenzia siriana SANA smentisce Sputnik sull'arrivo di truppe cinesi in Siria

Con un comunicato, l'agenzia statale siriana, SANA, ribadisce di non essere la fonte della notizia circa l'arrivo di truppe cinesi nel paese arabo.

All'inizio di questa settimana, era stata diffusa da diverse agenzie di stampa la notizia circa lo schieramento...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa