/ "Le impronte digitali chiare della Cia nel colpo di stato in Ucra...

"Le impronte digitali chiare della Cia nel colpo di stato in Ucraina". Oliver Stone

Le impronte digitali chiare della Cia nel colpo di stato in Ucraina. Oliver Stone
 

"La retorica occidentale della Russia in Crimea è una nuova perversione della storia come le armi di distruzione di massa in Iraq"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Il colpo di stato avvenuto a Kiev nel febbraio del 2013 è "terribilmente simile" ad altre operazioni della Cia in altri paesi, orchestrate per cambiare l'ordine costituito come in Iran, Cile e Venezuela. Lo ha dichiarato Oliver Stone, dopo aver intervistato per ore il presidente destituito Viktor Yanukovich a Mosca.
 
In un suo post Facebook, il grande regista americano ha scritto: “I dettagli seguiranno nel documentario, ma sembra chiaro che i cosiddetti 'cecchini' che hanno ucciso 14 poliziotti - feriti alti 85 – e 45 manifestanti, erano agitatori terzi. Molti testimoni, incluso Yanukovych ed ufficiali di polizia, ritengono che questi elementi stranieri sono stati introdotti nela paese da fazioni filo-occidentali, con le impronte digitali sulla Cia sul tutto”.
 
Il regista ha anche aggiunto che gli eventi di Kiev, che hanno portato al collasso del governo ucraino e l'imposizione di un nuovo governo ostile alla Russia, sono molto simili a quelli occorsi in altri paesi, attraverso quella che ha definito “la tecnica americana di soft power chiamata ‘Regime Change 101’.” Storicamente sono avvenuti contro il primo ministro iraniano Mohammad Mosaddegh nel 1953, il Presidente cileno Salvador Allende nel  1973, e contro il presidente venezuelano Chavez nel 2002. “I manifestanti a favore e contro Chavez furono colpiti da misteriosi cecchini”, sottolinea Stone.

“Una storia sporca, ma nella tragedia della fase successiva al colpo di stato, l'occidente ha mantenuto la retorica dominante della “Russia in Crimea” mentre la vera narrativa sono gli 'Usa in Ucraina'. La verità non viene raccontata dall'occidente. E' una perversione surreale della storia che si sta ripetendno un'altra volta, come è avvenuto con Bush e le arme di distruzione di massa in Iraq. Ma sono convinto che alla fine la verità alla fine uscirà, in tempo, spero, per fermare questa follia in corso”, conclude Stone. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

AAA ONG dei diritti umani cercasi... L’Ucraina nega l’ingresso alla cantante (disabile) che doveva rappresentare la Russia all’Eurovision

di Eugenio Cipolla Nell’assurdo gioco delle ripicche tra Russia e Ucraina, connesse all’attuale situazione della guerra in Donbass e della decisione della Crimea di ritornare russa, oggi...
Notizia del:

E' questa la miglior risposta possibile al bieco razzismo di Dijsselbloem

Cioè, nei Paesi Bassi il consumo pro capite di birra annuo è il triplo dell'Italia, la prostituzione è legale e noi siamo gli acolizzati mignottari? Eugenio Cipolla **   ...
Notizia del:

Ucraina, l'esperimento NATO passa alla "Dottrina della Sicurezza Nazionale dell'Informazione"

di Partito Comunista di Ucraina da solidnet.org Traduzione di Marx21.it  Il presidente dell'Ucraina ha varato la Dottrina della Sicurezza Nazionale dell'Informazione con...
Notizia del:     Fonte: IRNA

Hezbollah iracheni: Attaccheremo i soldati statunitensi se non lasceranno l'Iraq

Gli Hezbollah iracheni avvertono che dopo l'espulsione dell'ISIS dall'Iraq attaccheranno le forze nordamericane se non lasciano il loro paese.

Ja'far al-Husseini, portavoce del Movimento di Resistenza Islamico in Iraq (Kataib Hezbollah) ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: Jpost

Netanyahu a Putin: Israele continuerà i suoi attacchi aerei in Siria

"Se è fattibile dal punto di vista militare e dell'intelligence, allora attacchiamo, e così continueremo", ha dichiarato il primo ministro israeliano.

Il primo ministro israeliano Benjamín Netanyahu, ha dichiarato ai giornalisti in Cina che ha informato...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Akevot.org

Il governo israeliano finanziò la creazione della sezione locale di Amnesty International

Il governo israeliano finanziò la creazione della sezione locale di Amnesty International negli anni sessanta e settanta per renderlo un docile strumento della sua immagine internazionale, secondo i documenti ufficiali rivelate dal quotidiano Haaretz.

I documenti, secondo il quotidiano israeliano 'Haaretz, sono stati ottenuti dall'Istituto di Ricerca...
Notizia del:

11 settembre: le famiglie di 800 vittime hanno fatto causa all'Arabia Saudita

 Pix 11, un media di New York, ha riferito che le famiglie di 800 vittime hanno intentato una causa contro l'Arabia Saudita per il suo ruolo negli attentati dell'11 settembre 2001. Rappresentate...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa