/ Dal partito della Merkel: "La Grecia non è più necessaria all'eur...

Dal partito della Merkel: "La Grecia non è più necessaria all'euro. Non vi salveremo più"

Dal partito della Merkel: La Grecia non è più necessaria all'euro. Non vi salveremo più
 

Intanto il direttore di un famoso istituto di ricerca economica di Monaco, l’IFO, afferma: “La Grecia valuti l’uscita dall’euro”

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Francesca Morandi

E’ iniziata nei giorni scorsi la campagna elettorale per le elezioni anticipate in Grecia che si terranno il prossimo 25 gennaio. Mentre i sondaggi danno in testa, con il 28,1% delle intenzioni di voto, la sinistra radicale di Syriza, contraria alle politiche di austerità dell’UE, seguita dal partito Nd del premier uscente Antonis Samaras  al 25,1%, dalla Germania giungono le controverse dichiarazioni di un politico tedesco, Michael Fuchs, membro di lunga data della CDU, partito della cancelliera Angela Merkel.
 
“Nessuno politico europeo è obbligato a salvare la Grecia in quanto il Paese non è più di importanza sistemica alla moneta unica”, ha detto Michael Fuchs in un’intervista pubblicata sul quotidiano Rheinische Post, aggiungendo che i politici greci non potranno più “ricattare” i loro partner dell’Eurozona.  “Se Alexis Tsipras, leader del partito Syriza pensa di poter fermare le politiche di austerità e le riforme, allora la Troika dovrà tagliare i crediti concessi alla Grecia”.
 

 
Parole che suonano come un avvertimento ai greci euroscettici e ai sostenitori di Syriza che non intende rispettare i tagli al debito pubblico previsti dal piano di salvataggio europeo che il partito di Tsipras vuole ridiscutere con Bruxelles, sebbene non intenda uscire dall’euro.  
 
A suggerire alla Grecia di uscire dalla moneta unica è stato invece Hans-Werner Sinn, direttore di un influente istituto di studi economici di Monaco, l’IFO Institute, intervistato dal giornale Tagesspiegel. Secondo Hans-Werner Sinn “tagli al debito (greco) sarebbero necessari in maniera continuata, a meno che il Paese non uscisse dall’euro, riguadagnando la propria competitività attraverso la svalutazione”.  
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: nrg.co

Il capo dei servizi segreti di Israele ha ribadito che Tel Aviv non vuole la sconfitta dell'ISIS in Siria

Herzl Halevi si è mostrato preoccupato per le perdite subite dal gruppo terroristico negli ultimi tre mesi ed ha sottolineato che la sua sconfitta potrebbe mettere Israele in una "posizione difficile".

Il capo dell'intelligence militare israeliana, Herzl Halevi, ha ribadito che il suo Paese non vuole che lo...
Notizia del:

Vladímir Putin: "Accusare la Rusia dopo il 'Brexit' è una dimostrazione di poca cultura politica"

Il presidente russo Vladimir Putin ha respinto le accuse contro la Russia e il suo presunto interesse ad una vittoria del 'Brexit' nel Regno Unito. Lo riporta TASS. "Le affermazioni di...
Notizia del:

Brexit. La rivincita della sovranità nazionale. Marcello Foa

"La decisione degli elettori britannici di lasciare l’Unione europea è storica innanzitutto per il contesto elettorale in cui è maturata", scrive Marcello Foa sul suo...
Notizia del:

Brexit. Perché non è una vittoria delle xenofobie

di Diego Angelo Bertozzi   Infranto il "dogma" Unione Europea. Rifilato un sonoro schiaffo ai "chierici" dell'europeismo sempre e comunque, alle vestali del "ci...
Notizia del:

Brexit e quel fastidio ricorrente per la democrazia di Laura Boldrini

Quando è il popolo e la democrazia a decidere, Laura Boldrini è spesso infastidita: **
Notizia del:

"Avete distrutto il sogno dei giovani". Il post contro gli anziani inglesi dell'Unità sciocca il web

L'Unità, il giornale megafono del regime renzista, commenta così la decisione sovrana del popolo inglese sulla Brexit. "L'egoismo degli anziani ha distrutto il sogno...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Come Israele beneficia degli attacchi in Giordania

Un'autobomba ha colpito martedì scorso l'esercito giordano in una regione di confine con la Siria, uccidendo sei soldati e ferendone altri 6. Anche se l'attacco non è stato rivendicato, i media hanno accusato l'ISIS di essere l'autore. Ecco però quali saranno i benefici per Israele.

In risposta all'attacco, la Giordania ha dichiarato le "zone militari chiuse" lungo i confini con...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa