/ 33 morti a Bengasi. In pochi se ne accorgono ma in Libia c'è una ...

33 morti a Bengasi. In pochi se ne accorgono ma in Libia c'è una guerra

33 morti a Bengasi. In pochi se ne accorgono ma in Libia c'è una guerra
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it




E’ salito ad almeno 33 morti il bilancio delle esplosioni provocate ieri sera da due autobomba davanti ad una moschea a Bengasi nel distretto centrale di Al Salmani. I feriti sono oltre 30.


Il portavoce delle forze militari e della polizia, il capitano Tarek Alkharraz, ha detto che la prima autobomba e’ esplosa nel quartiere di Salmani verso le 8:20 ora locale (le 7:20 in Italia) e la seconda mezz’ora più tardi, mentre i residenti ed il personale medico evacuavano i feriti.
 

Un veicolo imbottito di esplosivi è inizialmente esploso di fronte a una moschea nel quartiere centrale di al-Sleimani. Circa trenta minuti dopo è esplosa una seconda auto nella stessa area, dove si erano radunati responsabili della sicurezza e civili per soccorrere i feriti.


 

La moschea è nota come base di gruppi salafiti che combattono contro i jihadisti al fianco delle forze fedeli al generale Khalifa Haftar nella città portuale dell’est del Paese. Tra le vittime risulta esserci Ahmad al Fitouri, responsabile delle forze di sicurezza per le forze locali legate al generale Haftar, tra i feriti anche Mahdi al Fellah, un altro membro dell’intelligence. E’ da dicembre che il Lna (esercito nazionale libico) di Haftar rivendica di aver conquistato Bengasi, ma in queste settimane si sono susseguiti diversi attentati che dimostrano come la situazione sia tutt’altro che stabilizzata.


FONTE: CONTROPIANO

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Medio Oriente, ecco come imperialismo e sionismo continuano a lavorare per la guerra

di Ângelo Alves, Commissione Politica del Partito Comunista Portoghese | da avante.pt Traduzione di Marx21.it La situazione nel Medio Oriente rivela chiaramente la strategia...
Notizia del:     Fonte: RT

La Russia esorta alla cessazione delle "ambizioni occupanti" degli Stati Uniti in Siria

Mosca esorta gli Stati Uniti a smettere di fare minacce irresponsabili contro la Siria, attraverso l'inviato speciale della Russia all'ONU, Vasili Nebenzia, durante la riunione del Consiglio di sicurezza dell'ONU.

"L'obiettivo di lottare contro terroristi non deve essere una cortina fumogena per realizzare questi...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Nasrallah: Gli Stati Uniti continuano a complottare contro l'Asse della Resistenza

Nasrallah ha insistito sulla necessità di sostenere la Resistenza per contrastare i complotti degli interni ed esterni.

Il Segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah, ha avvertito che gli Stati Uniti, dopo aver fallito...
Notizia del:     Fonte: http://eng.mil.ru

"I terroristi bloccano l'invio di aiuti ai civili nel Ghouta Orientale"

Le azioni dei gruppi armati in Siria ostacolano il processo di pace e provocano misure reciproche da parte delle forze governative, si legge nella dichiarazione del ministero della Difesa russo.

I leader dei gruppi terroristici Jaysh Al-Islam e Jabhat Al-Nusra aggravano deliberatamente la situazione a Ghouta...
Notizia del:

Quello che i grandi media non ti raccontano su Ghouta Orientale

I media accusano nuovamente Assad di crimini contro l'umanità e diffondono la posizione dei paesi occidentali, rifiutandosi di prendere in considerazione gli argomenti del governo siriano stesso e di riconoscere la complessità della situazione

Sputnik   Il sobborgo orientale di Ghouta, a est della capitale siriana, ha occupato le prime pagine,...
Notizia del:     Fonte: SANA

Siria: la Francia, sponsor del terrorismo, non farà parte del processo di pace

La Francia "non è abilitata" a svolgere un ruolo nel processo di pace in Siria, per il suo supporto al terrorismo ha le mani macchiate del sangue dei siriani, ha avvertito il Ministero degli Affari Esteri siriano in un comunicato.

Nella lettera, inviata in due copie alle Nazioni Unite (ONU) e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa