/ "Festeggiamenti del Natale assenti ad Aleppo dopo anni": la "bufa...

"Festeggiamenti del Natale assenti ad Aleppo dopo anni": la "bufala dell'anno" sulla Siria va al Corriere della Sera

Festeggiamenti del Natale assenti ad Aleppo dopo anni: la bufala dell'anno sulla Siria va al Corriere della Sera
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 

Sulle conseguenze di un probabile attentato con LSD contro il Corriere della Sera ce ne eravamo già occupati, in agosto, per un, davvero delirante, articolo che accusava Putin di utilizzare un diabolico marchingegno, denominato Nooskop, capace di “manipolare le menti”.

Attentato che si direbbe essersi reiterato in questi giorni. Non troviamo, infatti, nessuna altra spiegazione davanti a quanto pubblicato sul Corriere, a firma Andrea Riccardi, già Ministro per la cooperazione internazionale nel governo Monti - artefice delle Sanzioni alla Siria -, e fondatore di quella “Comunità di Sant'Egidio” così cara a Bush e agli altri Signori della Guerra.



Un articolo che, - dopo aver dovuto ricordare il clima di fraterna coabitazione tra le varie comunità religiose ad Aleppo sotto il governo di Assad – così si esprime: “Ora che faranno (i cristiani)? Riemergono paure verso i musulmani. Qualche esplosione fa temere, mentre si combatte ancora non lontano. Soprattutto serpeggia l’incertezza: ci sarà spazio per i cristiani ad Aleppo nel futuro o l’odio è ormai incolmabile?”


Ma se è stata proprio la comunità cristiana di Aleppo la più determinata a sostenere il governo di Damasco! Le testimonianze sono innumerevoli: l’intervista (censurata dai media main stream italiani) del Vescovo di Aleppo; l’appello (censurato dai media main stream italiani) di esponenti cristiani di Aleppo contro le sanzioni alla Siria; le dichiarazioni (censurate dai media main stream italiani) di tanti cristiani di Aleppo; si veda qui, qui, qui, qui, qui, qui.... Perché mai, ora che Aleppo è stata finalmente liberata dall’esercito di Damasco, non dovrebbe esserci “spazio per i cristiani di Aleppo”?
 

Ma forse è meglio corroborare questa domanda al Corriere con il video dei festeggiamenti per il Natale che, finalmente si stanno tenendo ad Aleppo. Nella speranza che si plachino, finalmente, gli effetti dell’LSD.

 

Francesco Santoianni

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

Mappa della guerra in Siria dopo l'avanzata dell'esercito siriano contro i "ribelli" appoggiati dagli USA alla frontiera giordana

I recenti progressi dell'esercito siriano, come riportato da 'Al Masdar news', nella campagna meridionale della Siria, hanno portato al recupero di una grande parte di territorio che è...
Notizia del:     Fonte: SANA

Il mainstream lo ignora, ma di terrorismo si muore ogni giorno in Siria. Homs, attentato provoca 4 morti e più di 30 feriti

Quattro persone sono state uccise e altre 30 sono rimaste ferite, oggi, a causa dell'esplosione di un pick-up azionata dai terroristi vicino alla centrale elettrica principale nel quartiere al-Zahraa nella città di Homs.

Il reporter dell'agenzia di stampa siriana, SANA, ha riferito che due terroristi hanno fatto esplodere un pick-up...
Notizia del:     Fonte: al masdar esp

Siria, documentario "Infiltrati a Idlib", viaggio nella roccaforte dei "ribelli", in realtà in mano ad al Qaeda

La giornalista Jenan Moussa ha presenta questo documentario sulla situazione attuale a Idlib, città situata a nord della Siria controllata quasi esclusivamente dai vari gruppi di insorti armati,...
Notizia del:     Fonte: https://www.bna.bh

Trump e leader arabi potrebbero inviare 34.000 soldati in Iraq e Siria 'contro l'ISIS'

Nell'ambito del documento intitolato 'Dichiarazione di Riyadh', i leader di diversi paesi a maggioranza musulmana si impegnano a sostenere le operazioni militari, se necessario.

Come parte della visita del Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a Riyadh, capitale dell'Arabia Saudita,...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Il Pentagono distrae dalle spese del carburante 80 milioni di dollari per destinarli ai "ribelli" in Siria

Secondo il quotidiano statunitense 'The Washington Post', con un budget di carburante volutamente gonfiato, il Pentagono deve ancora trovare i soldi per sostenere i "ribelli in Siria" e per continuare le sue operazioni in Afghanistan.

I funzionari del Pentagono hanno gonfiato i preventivi per il costo del carburante per l'acquisto al fine...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

'Gli USA attaccano le forze irachene che impediscono le spedizioni di armi all'ISIS'

Falah al-Jazali, un membro del parlamento iracheno e uno dei comandanti delle unità di mobilitazione irachene, Al-Hashad Al-Shabi, ha dichiarato che i membri del gruppo Kataib Sayyed Al-Shohada sono stati bombardati dagli aerei della coalizione anti ISIS guidata dagli USA.

Secondo Falah Al-Jazali, membro del parlamento iracheno e uno dei comandanti delle unità di mobilitazione...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Siria, la battaglia decisiva al confine con l'Iraq

Altro che liberazione di Raqqa dall'ISIS, ormai il campo di battaglia decisivo per la guerra alla Siria sembra essere la zona del confine siro-iracheno.

Sembrava che per il futuro della Siria fosse decisiva la battaglia per la liberazione di Raqqa attualmente in...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Siria, i "ribelli" appoggiati dagli USA continuano a perdere terreno a Sweida per l'avanzata dell'esercito siriano

L'esercito arabo siriano (SAA), accanto a diverse unità alleate, ha conquistato un grosso pezzo di territorio in mano ai "ribelli" del FSAnella campagna orientale di Al-Sweida, ha...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

FOTO. Gli attacchi degli USA non intimoriscono la Siria che invia rinforzi nella provincia di Sweida

Come riferisce il portale di notizie, 'Al Masdar News', ieri sera, l'esercito arabo siriano (SAA) ha inviato una dozzina di tecnici verso l'autostrada Damasco-Baghdad per rafforzare i contingenti...
Notizia del:

Video: I "Caschi Bianchi" assistenti boia nell'esecuzione pubblica di un civile ad opera dei terroristi in Siria

I membri dei sedicenti 'Caschi Bianchi' in Siria in un video assistono alla esecuzione pubblica di una persona da parte di terroristi nel sud della Siria.

Mercoledì scorso è stato pubblicato lo scena sui social network, in cui i membri di un gruppo armato...
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Contrordine bufalari: i "forni crematori" in Siria non esistono. Deve smentire il Dipartimento Usa, quando le scuse dei "giornali"?

Repubblica, il Corriere, La Stampa, Il Fatto quotidiano, SKY, la RAI ... per giorni e giorni, hanno sbandierato la bufala del Dipartimento di Stato sul “crematorio di Assad” (addirittura farneticando...
Notizia del:

Così Repubblica prepara l'opinione pubblica all'attacco militare contro la Corea del Nord

Esauritosi (speriamo) il repertorio degli innumerevoli crimini di  Kim Jong un, Repubblica si industria nel trovare altri argomenti per preparare l'opinione pubblica all'attacco militare alla...
Notizia del:

“Venezuela: i media alla guerra”: una guida video per riconoscere le bufale di regime (PRIMA PARTE)

Sul Venezuela, ogni giorno i media ci rifilano le loro falsità. Che raccontano di pacifici manifestanti aggrediti e uccisi dal governo: lo stesso copione utilizzato per alimentare le cosiddette...
Notizia del:

Nuovo look per i tagliagole in Siria: gli Elmetti Bianchi cambiano nome e divisa

  Nuovo look per i tagliagole in Siria. Impazza su tutti i media, dopo gli “Elmetti bianchi”,  la divisa della loro nuova “struttura umanitaria”: l'“Idlib Health...
Notizia del:

Dall'Ucraina alla Siria. Più che senza frontiere, Reporter senza vergogna

  Puntuale come il raffreddore da fieno, anche per questa primavera incombe il “Rapporto sulla libertà di stampa nel mondo”. Redatto da “Reporter senza frontiere”...
Notizia del:

Saviano, le navi delle Ong e le "rivoluzioni colorate"

“Il Venezuela, come il Cile di Pinochet, che i migranti li vorrebbe morti in fondo al mare”. Non è certo la prima volta che Roberto Saviano – icona della sinistra sushi&spumantino...
Notizia del:

L' “Armada” perduta, Yeonmi Park, Hyeonseo Lee e tutte le esilaranti bufale sulla Corea del Nord

"Ma perchè? Ci sono borse di Chanel nella Corea del Nord?” comincia a franare con questa domanda – posta dalla giornalista investigativa Mary Ann Jolley - la leggenda di ...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa