/ Alberto Negri: 'Come in Siria, anche in Libia è una guerra per pr...

Alberto Negri: 'Come in Siria, anche in Libia è una guerra per procura'

Alberto Negri: 'Come in Siria, anche in Libia è una guerra per procura'
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Alberto Negri* - Il Sole 24 ore, 12 agosto 2016
 

Le notizie dal mondo arabo-musulmano, e non solo da quello, sono preoccupanti: il pessimismo appare il criterio più affidabile per anticiparne gli sviluppi politici.

La Libia non sfugge alla regola anche se la sconfitta dell’Isis a Sirte e la prossima riapertura dell’ambasciata italiana a Tripoli sembrano far propendere all’ottimismo. Senza farsi troppe illusioni: la Libia resterà per anni un Paese ad alta instabilità. 

In realtà spesso giudichiamo con criteri occidentali o ci affidiamo a chi dice le cose che vogliamo sentire. 

Gli esempi sono innumerevoli. L’opposizione irachena nel 2003 sembrava in grado di prendere in mano la situazione. Alla caduta di Saddam, il «Time» dedicò una copertina ad Ahmed Chalabi definito dal dipartimento di Stato il «Washington iracheno»: oggi pochi si ricordano di lui se non per una bancarotta in Giordania. In Siria la Turchia ma anche gli Usa e la Francia insistono che Assad deve fare le valigie: non risulta che la pensino allo stesso modo a Damasco, Mosca o a Teheran. Non solo, la guerra siriana, una sonora sconfitta per Erdogan, ha innescato insieme al fallito golpe la crisi tra Ankara e l’Occidente.

La Libia del dopo Gheddafi nel 2011 fu abbandonata al suo destino credendo che la democrazia fosse cosa fatta: il Paese si è disgregato, le frontiere sono crollate e si sono insediati i jihadisti. Questo non significa avere nostalgia di un dittatore o di un’età dell’oro mai esistita ma capire come evitare altri errori dopo questo intervento iniziato con i raid Usa e proseguito con la presenza sul terreno di truppe occidentali, tra cui quelle italiane. C’è un piano per la Libia o si tratta di interventi di corto respiro?

È stato il governo di Al Sarraj, che non è certo il “Washington libico”, a chiamare gli Stati Uniti, così come hanno gradito la presenza di forze speciali americane e britanniche le milizie che combattono contro l’Isis. Non sono dello stesso parere però fazioni islamiche come i Fratelli Musulmani.

Ma l’obiettivo di questa guerra, che intende rafforzare il debole governo di unità nazionale di Tripoli, non sono soltanto i jihadisti: il bersaglio è anche il contenimento del generale Khalifa Haftar e del governo di Tobruk, sostenuto da francesi, egiziani, emiratini e russi. La Francia pratica la politica del doppio binario: ufficialmente approva gli accordi a favore di Tripoli poi manda truppe al fianco di Haftar per difendere i suoi interessi strategici in Cirenaica. 

Come la Siria anche la Libia è una guerra per procura, soltanto che gli schieramenti sono diversi. Qui ci sono due coalizioni: una – con la Russia, l’Iran e gli Hezbollah libanesi – appoggia Assad, mentre gli americani guidano un fronte eterogeneo cui partecipano anche la Francia come pure Arabia Saudita e Turchia, che fino all’incontro tra Erdogan e Putin ha avuto per cinque anni come obiettivo supremo abbattere Assad ed eliminare i curdi, non far fuori i jihadisti che ha fatto affluire dalle sue frontiere. Anche Erdogan viaggia sul doppio binario: ha concesso di malavoglia agli Usa la base Nato di Incirlik contro l’Isis e ora tratta con Putin per salvare la faccia ed evitare che i curdi abbiano un embrione di stato ai suoi confini.
In Siria sta vincendo la coalizione guidata dai russi mentre quella degli americani non ha chiaro quale sarà il suo obiettivo oltre all’Isis. L’unico piano occidentale è stato appoggiare i curdi e riciclare i jihadisti di Al Qaeda tra l’opposizione “rispettabile” per accontentare turchi e sauditi, cioè il fronte sunnita opposto a quello sciita. È la vecchia politica del “doppio contenimento” inaugurata dagli Usa durante la guerra Iran-Iraq degli anni 80: a volte funziona ma non dura troppo a lungo.

In Libia non è chiaro a chi si debba salvare la faccia. Forse ci si fermerà alla Sirte, dove per altro sono numerose le tribù gheddafiane, lasciando che Tripolitania e Cirenaica restino separate. 
Gli americani hanno dichiarato che i raid non dureranno più di un mese, un tempo largamente insufficiente per sanare le divisioni tra i libici che hanno alla base un problema chiave: la spartizione della torta petrolifera, un bottino che insieme agli investimenti all’estero ammonta a circa 130-150 miliardi di dollari. Fette di torta cui aspiriamo anche noi qui in Occidente. 
Gli Stati Uniti possono essere soddisfatti di eliminare le roccaforti del Califfato e dare una spinta alla campagna della signora Clinton ma per l’Italia il problema fondamentale è stabilizzare le coste da dove affluiscono migliaia di rifugiati. La sconfitta dell’Isis può essere un inizio promettente ma non basta: oggi il 40% del Pil della Tripolitania è generato dal traffico di essere umani che alimenta le stesse fazioni del governo Sarraj. Aumentare l’export di oro nero e di gas è essenziale per sganciare fazioni e tribù dai proventi dei traffici clandestini. In questo l’Italia può dare una mano interessata, non meno di quella dei “pompieri incendiari” che hanno contribuito al caos del Paese.

La Libia, come la Siria, è una lezione sui tempi che corrono: concetti come “alleato” e “nemico” non spiegano più la realtà internazionale. Anche l’Italia nel caso libico ha avuto la prova di quanto gli alleati siano più spesso concorrenti che amici. Speriamo di avere imparato la lezione.

*Pubblichiamo su gentile concessione dell'Autore

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Al-Youm Rai

Gli Stati Uniti facilitano il trasferimento dell'ISIS e di Al-Qaeda in Libia

Un accordo segreto raggiunto dagli Stati Uniti e da diversi paesi arabi del Medio Oriente consente il trasferimento di migliaia di terroristi dell'ISIS (Daesh, in arabo), Al-Qaeda e di altre cellule estremiste dall'Iraq, Siria e Libano in Libia, ha rivelato il giornale arabo Al-Youm Rai.

Nell'articolo pubblicato ieri dal giornale arabo, 'Al-Youm Rai', che cita diverse fonti di intelligence...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Trump cerca di rovesciare Assad come pretendeva Obama

Per il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la posizione del presidente statunitense, Donald Trump in Siria è simile a quella del suo predecessore Barack Obama: entrambi cercano di rovesciare il legittimo presidente siriano, Bashar al-Assad.

"Non ci sono differenze drastiche tra [gli approcci] dell'amministrazione Obama e quella di Trump. Purtroppo,...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Un senatore repubblicano rivela: nessuna prova di 'attacchi sonici' contro diplomatici Usa a Cuba

Gli Stati Uniti non hanno trovato prove che i suoi diplomatici a L'Avana, a Cuba, siano stati vittime di ‘attacchi sonici’ con un'arma sconosciuta

  La questione ha tenuto banco per diverso tempo e i media nostrani hanno, come sempre, rimasticato le nebulose...
Notizia del:

Haftar annuncia possibile candidatura alle elezioni in Libia. "Il governo di Tripoli è obsoleto"

In un discorso tv il generale ha dichiarato che La Libia "è a una svolta storica pericolosa" con "la scadenza dell'accordo politico" di Skhirat. "Tutti gli organi politici nati da questa intesa perdono oggi di fatto la loro legittimità, entità peraltro già contestate da quando sono entrate in carica".

La Libia "è a una svolta storica pericolosa" con "la scadenza dell'accordo politico"...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Libia. Saif al-Islam Gheddafi prevede di candidarsi alle prossime elezioni presidenziali

Un portavoce delle tribù libiche e della famiglia di Gheddafi, Hashemi Alshoul ha rivelato all'emittente libanese, al-Mayadeen che "al-Islam Gheddafi Saif si sta preparando per le prossime elezioni presidenziali in Libia", aggiungendo che "ha il sostegno di una delle più grandi tribù del paese.

Secondo il canale satellitare libanese, al-Mayadeen, il programma della candidatura di Saif al-Islam per le presidenziali...
Notizia del:     Fonte: USA Today - AP(foto)

Studio Conflict Armament Research conferma: armi Usa per i "ribelli" siriani sono finite nelle mani dell'ISIS

La CIA non ha voluto commentare il Rapporto

Sofisticate armi militari statunitensi fornite 'segretamente' ai "ribelli siriani" sono rapidamente...
Notizia del:

Avvisate i "paladini anti bufale", il Sole 24 Ore ha già mostrato da dove nascono le Fake news in Italia

Vi spaventano con Putin, ma il Sole 24 Ore vi ha mostrato da dove nascono le Fake news. Da allora il giornalista dello scoop Nicola Borzi ha tutto sotto sequestro e non può fare il suo lavoro...

di Francesco Santoianni Tutti in Italia si sono, giustamente, scandalizzati per il giornalista picchiato...
Notizia del:

Renzi che fa propaganda con le "fake news": ottimo esempio di liberismo totalitario

di Francesco Erspamer* Che della questione delle fake news si sia appropriato proprio il politico universalmente noto come il cazzaro e che ne abbia fatto il tema principale della sua annuale kermesse...
Notizia del:     Fonte: Mehrn

Iran: la tratta di esseri umani in Libia è dovuta all'aggressione straniera

Gli invasori militari che creano zone di conflitto e instabilità spianano la strada alla tratta di esseri umani in Libia, è la denuncia inviata dall'Iran alle Nazioni Unite.

"La tratta di esseri umani, soprattutto in situazioni di conflitto, sta diventando una sfida globale con...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il Venezuela risponde alle nuove sanzioni dell'UE. "E' la prova inconfutabile della sua indegna subordinazione a Trump"

Il governo venezuelano ha respinto, attraverso un comunicato pubblicato questo lunedì, le sanzioni imposte a sette suoi alti funzionari da parte dell'Unione Europea (UE). Le sanzioni sono...
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa