/ Caso Regeni e Ong, la resa senza condizioni della sinistra “senza...

Caso Regeni e Ong, la resa senza condizioni della sinistra “senza se e senza ma”

Caso Regeni e Ong, la resa senza condizioni della sinistra “senza se e senza ma”
 

Salda sulle questioni di principio, in fuga dalla politica e dalla realtà dei fatti: ecco perché la sinistra sta perdendo sia la partita libica, sia quella egiziana. Perché conosce la realtà, ma la nega, rifugiandosi nei principi e nei preconcetti

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fulvio Scaglione - Linkiesta
 

È un copione già molto visto ma le ultime settimane è stato riproposto come nuovo.La sinistra in fuga dalla politica si aggrappa a qualunque salvagente purché sia di quelli “senza se e senza ma”, cioè eviti di pensare, distinguere, agire e magari sporcarsi le mani. Le ultime ciambelle della serie sono le polemiche sulle Ong nel Mediterraneo e il cosiddetto “caso Regeni”.


Sul tema dei migranti e della gestione dei flussi abbiamo avuto il varo del “codice Minniti”, il gran rifiuto di Medici senza Frontiere, gli interventi della guardia costiera libica sostenuta dagli aiuti italiani. E infine il ritiro delle navi delle Ong, ora attraccate in Turchia, a Malta, in Tunisia, in Italia.
La sinistra-sinistra, senza se e senza ma, ha scelto Medici senza Frontiere. Prima contro un codice all’acqua di rose che è parso del tutto legittimo alle autorità Ue e a quelle internazionali e accettabile pure alla Conferenza episcopale italiana, che quanto ad accoglienza non può ricevere lezioni da nessuno. Poi contro il Governo italiano che collabora con quello libico e con la sua marina, accusata dalle Ong di sparare sulle navi dei soccorritori e di riportare i migranti verso quei gulag che sono i campi profughi della Libia.


La stampa amica ha raccolto la chiamata, senza negarsi nulla. Parla di navi di soccorso trasformate in missioni militari, quando il famoso codice prevede (anzi, prevedeva) l’imbarco temporaneo, e solo in casi eccezionali, di funzionari di polizia preposti alle indagini sul traffico di esseri umani. Misura che almeno metà delle Ong attive in mare aveva accettato senza traumi. E non esita ad alzare ancora i toni quando le navi delle Ong decidono di ritirarsi in porto, perché i libici sparano e operare in mare è diventato troppo pericoloso. Più pericoloso che lavorare in Sud Sudan, dove tre operatori umanitari sono stati uccisi in aprile? Che in Afghanistan, dove cinque operatori umanitari sono stati uccisi in gennaio? Che nella Repubblica centrafricana, dove sei operatori della Croce Rossa sono stati uccisi il 10 agosto?
Pare di sì, e comunque nessuno può imporre a nessuno di rischiare. Quindi vai con la retorica, fino a scrivere che le Ong sono “le uniche istituzioni che hanno fatto qualcosa di concreto per salvare vite in mare”, anche se i dati dimostrano che le nove navi delle Ong hanno il merito enorme di aver sottratto alle onde circa il 35% dei migranti in pericolo, ma che quasi tutti gli altri sono stati salvati dalle imbarcazioni delle forze armate italiane, il che fa dello Stato il più benemerito operatore umanitario attivo nel Mediterraneo.


Ma la realtà non riguarda più la sinistra. Quel che conta è trovare una via di fuga dalle angustie e dalle miserie della politica. È vero, verissimo, che la Libia non ha più uno Stato degno di tal nome, è un caos di poteri e contropoteri che si danno la caccia l’un l’altro spinti dai soldi e dalle mire di questo o quell’altro Paese. E sappiamo anche perché e come si è arrivati a questo punto. Però è una scoperta da poco. Piaccia o no (e a chi può piacere?), in Libia c’è un Governo, quello del premier Al-Farraj, debolissimo ma riconosciuto dall’intera comunità internazionale. E c’è un potere alternativo forte, quello del generale Al-Haftar, riconosciuto da nessuno ma appoggiato da Paesi come Egitto e Russia con i quali siamo in relazione. Che facciamo, come Italia, di fronte a tutto questo? Ci ritiriamo in porto, come le Ong? Diciamo che non giochiamo più, come i bambini? Mettiamo il broncio a questa Libia-Tortuga che però si trova appena oltre un braccio di mare e ha un’influenza decisiva sui flussi dei migranti che approdano sulle nostre coste?
Di nuovo: è vero, lo sappiamo, i migranti riportati in Libia finiscono male. Ma come si risolve questo problema, se non attraverso l’azione politica? Le Ong possono fare molto per l’emergenza. Ma ricostruire la Libia, o almeno darle un volto più umano, non è cosa loro. Che cosa vorremmo o potremmo fare di diverso? Istituzionalizzare l’emergenza, lasciare che tutti partano e i vivi arrivino?


Collaborare con i libici, come con la gran parte dei Governi del mondo, richiede una gran quantità di pelo sullo stomaco, impone compromessi, prevede fallimenti, sporca le mani e non solo quelle. Una pena. Ma ancor più penoso è lo spettacolo di una sinistra che, per non rovinarsi le unghie, rinuncia ad affrontare i problemi con gli strumenti più adeguati a risolverli (o almeno a ridurli) per rifugiarsi nell’ovatta dei buoni sentimenti e nel ricattino moralistico: ah, quindi, tu vuoi far morire i migranti! Salvo stupirsi, a fine giornata, se la gente non va più a votare e cresce il populismo.


Le stesse considerazioni si prestano per il “caso Regeni” e per le polemiche sul ritorno in servizio del nostro ambasciatore al Cairo. L’hanno capito anche i sassi che Al Sisi fa il pesce in barile e che nell’assassinio del ricercatore italiano sono coinvolti i suoi servizi di sicurezza. Schierarsi con la famiglia e la sua sete di giustizia è naturale, anzi doveroso. Ma è anche la cosa più facile. Perché poi resta una questione da nulla: come regoliamo i rapporti dell’Italia con l’Egitto? Ripristinandoli forse non sapremo la verità, mandandoli a monte non la sapremo di certo. Non abbiamo la potenza degli Usa, non possiamo decretare embarghi. E al resto del mondo del “caso Regeni” non importa nulla. Ce lo dimostrò, nelle settimane successive alla morte di Giulio, il buon François Hollande, socialista francese, che corse al soccorso di Al Sisi con prestiti e nuovi trattati commerciali, ansioso di prendere il posto dell’Italia nei rapporti bilaterali.


Nel caso dell’Egitto occorre purtroppo conciliare il dramma e lo sdegno della famiglia Regeni e di tutti coloro che hanno sete di giustizia con l’interesse dell’intero Paese. E questo non può non valutare l’influenza del regime di Al Sisi sulla situazione della Libia (l’Egitto è un grande sponsor del generale Al-Haftar), migranti compresi, e le relazioni economiche tra i due Paesi. A partire magari dal settore energetico e dalla scoperta in acque egiziane, due anni fa, da parte dell’Eni, del più grande giacimento di gas del mondo.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SABA

FOTO. I bambini yemeniti denunciano i crimini subiti da USA e Arabia Saudita

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, i bambini yemeniti hanno manifestato la loro condanna per i crimini commessi ai loro danni da parte di Arabia Saudita e USA.

"I bambini nel mondo celebrano i loro diritti e i bambini dello Yemen muoiono per il silenzio del mondo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia sfida Israele e Stati Uniti: Hezbollah rimarrà in Siria

L'ambasciatore russo in Libano avverte che Hezbollah "non andrà via dalla Siria", sfidando così Israele e gli Stati Uniti, che stanno cercando il ritiro del movimento di resistenza libanese.

"Chiunque ha cercato di rovesciare il presidente siriano Bashar al-Asad, ora, con tutti i mezzi, cerca il...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Gli USA hanno fallito in Siria e accusano Assad per l'uso di armi chimiche

La Russia rifiuta il "documento politicizzato" degli Stati Uniti sugli attacchi chimici in Siria e lo attribuisce al fallimento dei piani di Washington per rovesciare al-Assad.

In alcune dichiarazioni rilasciate ieri ai giornalisti, il capo della Commissione Difesa del Senato russo, Victor...
Notizia del:     Fonte: https://www.timesofisrael.com

Macron e Trump accettano di unirsi per combattere Iran e Hezbollah

Il presidente francese e il suo omologo statunitense hanno deciso di unirsi per lottare contro l'Iran e Hezbollah.

In una conversazione telefonica, il presidente della Francia e Stati Uniti, e Donald Trump Emmanuel Macron, rispettivamente,...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Russia pone il veto all'ONU alla risoluzione USA per l'indagine sull'uso di armi chimiche in Siria

Mosca ha votato contro l'estensione del mandato del meccanismo congiunto delle Nazioni Unite e dell'OPCW per le indagini sull'uso di armi chimiche in Siria.

La Russia ha votato oggi contro il progetto di risoluzione presentato dagli Stati Uniti all'ONU, che sosteneva...
Notizia del:     Fonte: Al Jazeera

Gli USA bloccano le donazioni alle vittime del terremoto in Iran

Gli Stati Uniti non si fermano nemmeno di fronte agli iraniani colpiti dal terremoto ed il loro Dipartimento del Tesoro blocca le donazioni online.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha bloccato le donazioni online fatte dagli espatriati iraniani...
Notizia del:     Fonte: Rupty

Mosca: "Sembra che gli Stati Uniti vogliano mantenere una parte del territorio della Siria"

Il ministero degli Esteri russo ha ricordato che l'esercito statunitense è in Siria "contro la volontà" del governo siriano, quindi si comportano da "invasori".

La Russia è preoccupata per i tentativi degli Stati Uniti di "stabilirsi nella casa di qualcun altro",...
Le più recenti da IpocrISIS
Notizia del:

Migranti, alcune domande sulle "denunce" dell'ONU

di Fulvio Scaglione* Si infittiscono le denunce, ultima quella delle Nazioni Unite, sulla situazione dei migranti che, in seguito ai patti siglati dall’Italia e dall’Unione...
Notizia del:

Libia, l'Onu oggi condanna. Ma ieri?

di Fulvio Scaglione* Leggo che l'Onu definisce "disumana" la politica Ue di collaborazione con la guardia costiera libica per intercettare i migranti. Curioso, molto. Non fu l'Onu,...
Notizia del:

Fulvio Scaglione: "Ecco come Putin si sta prendendo l'Iraq... e soffiando i curdi agli USA"

di Fulvio Scaglione* - Occhidellaguerra   Essere un paria della comunità internazionale ha i suoi vantaggi. Soprattutto in Medio Oriente, dove le fedeltà sono volatili, le alleanze...
Notizia del:

Fulvio Scaglione - Occidente, occhio con il mito dei Peshmerga

di Fulvio Scaglione Si registra con regolarità nell’opinione pubblica occidentale, orfana di grandi cause e di esempi trascinanti, una sete di mito che, applicata alle vicende del...
Notizia del:

Fulvio Scaglione - La strage terrorista (vista) di New York e le tante non viste

di Fulvio Scaglione* - Avvenire La strage compiuta dall’uzbeko Sayfullo Saipov nel cuore di New York è solo l’ultimo episodio di un periodo tra i più...
Notizia del:

Numeri e cifre in Iraq, Afghanistan e Pakistan: i nostri "alleati" sunniti fanno più paura dell'ISIS

di Fulvio Scaglione - Occhidellaguerra Solo qualche giorno fa, due attentati kamikaze contro moschee sciite, poi rivendicati dall’Isis, hanno ucciso 75 persone in Afghanistan, chiudendo...
Notizia del:

Fulvio Scaglione - Yemen, ecco come i sauditi si comprano l'ingiustizia

di Fulvio Scaglione*  Se uno vuole capire i meccanismi che nell’ultimo secolo hanno prodotto tante tragedie in Medio Oriente, non deve far altro che seguire le attuali vicende dello...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa