/ Chi e per quali ragioni sta ritardando la fine della guerra in Si...

Chi e per quali ragioni sta ritardando la fine della guerra in Siria

Chi e per quali ragioni sta ritardando la fine della guerra in Siria
 

Mentre l'ISIS continua a perdere terreno in Siria, diversi esperti militari ritengono che ci sia chi ostacoli la fine della guerra per trarre profitti. "È la guerra degli interessi degli attori internazionali", ha dichiarato il generale siriano Haitam Hassoum.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
FONTE ARTICOLO
 
Le organizzazioni terroristiche si indeboliscono giorno dopo giorno e stanno abbandonando le loro postazioni in Siria a seguito di operazioni militari su larga scala su diversi fronti. Così le forze armate siriane sostenute dagli attacchi dell'aviazione russa si dirigono verso Deir Ezzor, attualmente ancora nelle mani dei jihadisti, mentre l'esercito libanese e le truppe di Hezbollah sono riusciti a sloggiare i terroristi dal confine siro-libanese. Tutto ciò potrebbe determinare la fine della guerra sul suolo siriano. Ma cosa sta realmente accadendo?
 
L'analista politica siriana Kamal Jafa e l'esperto militare Haitam Hassoum commentano, a tal proposito, la situazione nella provincia di Idlib, di Raqqa e le difficoltà che ci si può aspettare dopo la fine della guerra.
 
Cosa sta succedendo a Idlib?
 
Secondo Kamal Jafa, la situazione attuale in Idlib è dovuta alla "partecipazione attiva dei servizi di intelligence e militari turchi".
 
"La Turchia non è interessata all'installazione delle forze armate siriane della provincia. La Turchia ha impiegato cinque anni per prendere posizione in città", ha spiegato.
 
Jaha ha sottolineato, inoltre che, nonostante i quasi 50.000 jihadisti appartenenti a diversi gruppi internazionali attualmente in Idlib, né Ankara né la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti conducono attacchi nella regione.
 
"Penso che queste organizzazioni terroristiche stiano coordinando le loro azioni con i servizi di intelligence turchi", ha affermato Jafa, aggiungendo che molti paesi, tra cui l'Arabia Saudita e il Qatar, si contendono il territorio siriano.
 
Per l'esperto militare siriano Haitam Hassoum, il problema cruciale risiede altrove. Secondo lui, sarà necessario attendere fino alla fine dei combattimenti per liberare Idlib dei terroristi.
 
"La guerra in Siria non è civile, è la guerra degli interessi degli attori internazionali", ha precisato.
 
E Raqqa?
 
La situazione rimane molto complessa in Raqqa, che è diventato un teatro di confronto tra diversi campi militari, secondo Haitam Hassoum.
 
"Molti gruppi sono coinvolti nei combattimenti a Raqqa, il che rende la situazione complicata", ha detto riferendosi al conflitto interno a Forze democratiche siriane, sostenuta da una parte dagli Stati Uniti e l'altro dall'ISIS.
 
"Queste forze erano in origine parte dello stesso campo e il combattimento è stato orchestrato dagli Stati Uniti," secondo il generale siriano, aggiungendo che alcuni comandanti arabi hanno cominciato a sospettare delle ambizioni curde nella regione, mentre il secondo hanno capito il pericolo che gli veniva dal riavvicinamento tra gli americani e i turchi.
 
"Tutte queste contraddizioni ostacolano la lotta decisa contro l'ISIS a Raqqa, che doveva essere liberata in tempi molto brevi. La possibilità di conflitti militari tra i gruppi all'interno della città aumenta tra l'altro", secondo Hassoum
 
Chi guiderà la battaglia decisiva?
 
Per il generale Hassoum si potrebbe assistere "l'onnipresente rivalità tra l'esercito siriano e i suoi alleati da un lato e le forze democratiche siriane sostenute dagli Stati Uniti d'America dall'altro poiché entrambe le parti vogliono entrare per primi a Raqqa e Deir Ezzor."
 
"Da parte mia, l'esercito siriano e i suoi alleati sono in vantaggio. Perché? Perché sono quasi arrivati a Deir Ezzor su tre fronti e che alcune divisioni sono già all'interno della città [...]. Gli Stati Uniti e i gruppi che sostengono hanno una posizione insostenibile. La risoluzione della situazione in Idlib porterà alla fine dei combattimenti nelle regioni centrali della Siria", ha concluso.
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Al Manar
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: TASS

Netanyahu a Putin: Israele non permetterà all'Iran di guadagnare terreno in Siria

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto al presidente russo Vladimir Putin durante la loro conversazione telefonica che Israele non accetterà i tentativi dell'Iran di ottenere un punto d'appoggio in Siria.

"Una conversazione ha avuto luogo [tra Netanyahu e Putin ndt] ed è durata circa mezz'ora. Hanno...
Notizia del:

'Incontro di Assad e Putin mostra il fallimento della politica di Israele'

L'ex primo ministro israeliano, Ehud Barak ha affermato che la visita del presidente siriano Bashar al-Assad in Russia dimostra la sconfitta della politica israeliana.

L'ex primo ministro israeliano Ehud Barak, in una serie di messaggi pubblicati ieri sul suo account del social...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele riconosce che Assad ha vinto la guerra contro i terroristi

Il ministro della Difesa israeliano, Avigdor Lieberman, riconosce che la Siria ha vinto la lotta contro il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) e allo stesso tempo chiede al suo governo lo stanziamento di altri fondi per le forze armate per la presenza di Iran e Hezbollah nel paese arabo.

Il presidente siriano "(Bashar) al-Assad haterminato la lotta, perché ora controlla il 90 per cento...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Il Libano dispone per il suo esercito la stato di "massima allerta" per affrontare il "nemico israeliano" al confine

All'esercito libanese è stato ordinato di rimanere vigile sul confine meridionale del paese.

Il capo dell'esercito libanese ha esortato i militari ad essere completamente pronti ad affrontare il "nemico...
Notizia del:     Fonte: http://kremlin.ru

Putin incontra Assad in Russia e dichiara: Vinta la guerra contro i terroristi, bisogna trovare una soluzione politica

Putin ha ricevuto oggi il suo omologo siriano, Bashar al-Asad, a Sochi e si è congratulato con lui per la fine dell'operazione militare contro il terrorismo nel paese arabo.

"Voglio congratularmi con voi per i risultati ottenuti dalla Siria nella lotta contro il terrorismo. (...)...
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Notizia del:

Il consigliere capo di Erdogan dice che la Turchia potrebbe lasciare la NATO

Le tensioni tra il blocco militare e la Turchia sono aumentate la settimana scorsa quando durante un'esercitazione dell'alleanza la Turchia è stata dipinta come nemico

  Nervi tesi tra la NATO e uno dei suoi componenti più importanti come la Turchia. Nazione che possiede...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SABA

FOTO. I bambini yemeniti denunciano i crimini subiti da USA e Arabia Saudita

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, i bambini yemeniti hanno manifestato la loro condanna per i crimini commessi ai loro danni da parte di Arabia Saudita e USA.

"I bambini nel mondo celebrano i loro diritti e i bambini dello Yemen muoiono per il silenzio del mondo...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Ministro israeliano: Collaboriamo 'in segreto' con l'Arabia Saudita contro l'Iran

Un ministro israeliano conferma ufficialmente l'esistenza di contatti 'segreti' tra l'Arabia Saudita e il regime israeliano per affrontare l'Iran.

Il ministro dell'energia del regime di Israele, Yuval Steinitz, ha confermato ieri l'esistenza di contatti...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
Notizia del:

E' la sconfitta dell'Isis. Putin riunisce Rohani e Erdogan a Sochi sul futuro della Siria

Il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato a Sochi il suo omologo turco, Recep Tayyip Erdogan, e iraniano, Hassan Rouhani, per cercare di giungere ad un compromesso sulla ricostruzione della Siria....
Notizia del:     Fonte: RT

Presto non avremo più bisogno delle banche. Parla l'esperto di criptovalute Falkvinge

Secondo l’esperto «la criptovaluta non ha davvero bisogno di sostituire il dollaro USA, sostituire l'euro. Ha solo bisogno di sopravvivere mentre questi colossi crollano sotto il loro stesso peso. E quando accadrà, sarà molto veloce»

  Siamo agli albori di un cambiamento epocale. Una nuova era dove le banche non saranno più un intermediario...
Notizia del:

Ecco come Cina e Russia hanno scavato la fossa dove seppellire il dollaro

di Misión Verdad da misionverdad.com Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it La Cina, l'unico paese con la forza sufficiente per sfidare l'egemonia finanziaria statunitense,...
Notizia del:

"Dopo 60 anni di attesa sta per nascere la Pesco". Sapete di cosa sta parlando la Ministra Pinotti?

di Manlio Dinucci* il manifesto, 21 novembre 2017 Dopo 60 anni di attesa, annuncia la ministra della Difesa Roberta Pinotti, sta per nascere a dicembre la Pesco, «Cooperazione strutturata...
Notizia del:     Fonte: TASS

Netanyahu a Putin: Israele non permetterà all'Iran di guadagnare terreno in Siria

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto al presidente russo Vladimir Putin durante la loro conversazione telefonica che Israele non accetterà i tentativi dell'Iran di ottenere un punto d'appoggio in Siria.

"Una conversazione ha avuto luogo [tra Netanyahu e Putin ndt] ed è durata circa mezz'ora. Hanno...
Notizia del:     Fonte: Mehrn

Iran: la tratta di esseri umani in Libia è dovuta all'aggressione straniera

Gli invasori militari che creano zone di conflitto e instabilità spianano la strada alla tratta di esseri umani in Libia, è la denuncia inviata dall'Iran alle Nazioni Unite.

"La tratta di esseri umani, soprattutto in situazioni di conflitto, sta diventando una sfida globale con...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa