/ CONCLUSA LA CONFERENZA DI PRESENTAZIONE DELLA “BELT AND ROAD”, IM...

CONCLUSA LA CONFERENZA DI PRESENTAZIONE DELLA “BELT AND ROAD”, IMPLEMENTATI GIA’ 270 PROGETTI

CONCLUSA LA CONFERENZA DI PRESENTAZIONE DELLA “BELT AND ROAD”, IMPLEMENTATI GIA’ 270 PROGETTI
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
 
Si è chiusa la “due giorni” - 14 e 15 maggio 2017 - di presentazione della Belt and RoadInitiative, il progetto di connettività globale proposto dal governo cinese nei campi delle infrastrutture di trasporto via terra e via mare.

Alla conferenza, tenutasi a Pechino, hanno partecipato 1.500 delegati provenienti da più di 130 Paesi. Erano presenti 29 Capi di Stato e di governo.

Nel documento conclusivo si è afferma la necessità di "lavorare per una globalizzazione aperta, inclusiva e vantaggiosa per tutti“.
 
I firmatatri hanno deciso di costituire "un sistema finanziario stabile e sostenibile con rischi controllabili" al fine di sostenere lo sviluppo dei progetti. Hanno inoltre concordato di utilizzare canali di finanziamento più ampi, con metodi innovativi e minori costi di finanziamento. Xi Jinping ha ribadito che la Cina non intende perseguire un'agenda politica né ottenere "accordi in esclusiva" con i Paesi-partner aderenti.
 
Il presidente cinese ha inoltre  affermato di volere un modello di sviluppo “verde” e con basso impiego di fattori inquinanti.
La prossima conferenza di aggiornamento si terrà nel 2019.
 
In una conferenza-stampa separata, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che il lancio dell’iniziativa “Belt and Road” è stato molto tempestivo perché dà una risposta concreta ai problemi di grande instabilità che sta attraversando in questo momento il pianeta.
 
I 270 risultati pubblicizzati nel documento finale sono stati ottenuti nei campi delle politiche di intervento, nelle infrastrutture, nel commercio, nel settore finanziario e nella connettività “people-to-people”, come già anticipato dal presidente cinese Xi Jinping nel discorso inaugurale di domenica scorsa.
 
Sono stati sottoscritti inoltre documenti di cooperazione con numerose organizzazioni internazionali come il Programma Sviluppo delle Nazioni Unite, l'Organizzazione per lo Sviluppo Industriale delle Nazioni Unite, il Programma delle Nazioni Unite per gli Insediamenti Umani e il Fondo delle Nazioni Unite per la tutela dell’infanzia.
 
Durante il forum il governo cinese ha firmato accordi di cooperazione economica e commerciale con 30 Paesi come Vietnam, Pakistan, Sri Lanka, Filippine, Indonesia, Uzbekistan e Bielorussia.



La quantità dei progetti sottoscritti ha portato la Cina ad aumentare il sostegno finanziario all'iniziativa tramite l’espansione del fondo dedicato allo sviluppo della “Via della Seta” a 100 miliardi di yuan (circa 14,5 miliardi di dollari), incoraggiando inoltre le istituzioni finanziarie a condurre operazioni all’estero in yuan (la valuta cinese, in patria denominata “renmibi”) per un importo stimato di circa 300 miliardi di yuan (circa 43,5 miliardi di dollari), che forniranno altresì la copertura da un miliardo di dollari per il Fondo di Assistenza e Cooperazione Sud-Sud.

 
La regione nord-orientale della Cina e la zona dell'Estremo Oriente della Russia vedranno un significativo incremento della cooperazione economica con progetti finanziati per 100 miliardi di yuan (circa 14,5 miliardi di dollari) e con un fondo iniziale di 10 miliardi di yuan (circa 1,45 miliardi di dollari), come riportato nel comunicato congiunto.
 
Giuseppe Dibello

Fonte: CGTN
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
Notizia del:

Le strategie dell'imperialismo in Africa Australe: le sfide di Sudafrica, Zimbabwe, Angola e Mozambico

di Carlos Lopes Pereira da “Avante!”, Settimanale del Partito Comunista Portoghese Traduzione di Marx21.it In Africa Australe sono in corso sviluppi della situazione in...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran chiede alla Turchia la "fine immediata" degli attacchi in Siria

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi ha chiesto la "fine immediata" delle operazioni militari della Turchia contro le milizie curde nella città di Afrin, nel nord della Siria, avvertendo che queste offensive possono alimentare solo "le fiamme della guerra e dell'annientamento".

"La Repubblica islamica ha sottolineato, in modo serio, la necessità di salvaguardare l'integrità...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa