/ Ex analista CIA smonta la storia degli attacchi russi: «Trucco pr...

Ex analista CIA smonta la storia degli attacchi russi: «Trucco propagandistico per screditare Trump»

Ex analista CIA smonta la storia degli attacchi russi: «Trucco propagandistico per screditare Trump»
 

In queste ore tiene banco il rapporto dell’intelligence statunitense che proverebbe la presunta ingerenza russa nel processo elettorale. Il rapporto è carente di evidenze

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

Le maggiori smentite circa i presunti attacchi informatici russi volti ad alterare il risultato delle ultime elezioni presidenziali statunitensi, in favore del presidente eletto Donald Trump, continuano ad arrivare dagli Stati Uniti stessi. Questa volta è l’ex analista CIA, Larry Johnson, intervistato dall’emittente RT ha dichiarare che si tratta di un «trucco propagandistico» destinato a screditare Donald Trump. 

 

«Si tratta di un progetto per diffamare Trump», afferma l’ex analista, il quale poi specifica che «il linguaggio utilizzato ha sviluppato l’idea che Vladimir Putin abbia istruito i corpi dell’intelligence russa per discreditare Hillary Clinton». Tuttavia, secondo Johnson, l’ex candidata per il Partito Democratico «non ha avuto di nessun aiuto per discreditarsi, in questo è stato abbastnza efficace il suo comportamento». 

 

L’ex analista Cia ha ricordato lo scandalo delle mail di Hillary Clinton, evidenziando come «non fu Putin a dire alla Clinton di utilizzare un account privato di posta elettronica per condividere informazioni classificate».  

 

In queste ore tiene banco il rapporto dell’intelligence statunitense che proverebbe la presunta ingerenza russa nel processo elettorale. Il rapporto è carente di evidenze: «Non penso stiano nascondendo qualcosa - spiega Larry Johnson - perché non hanno nulla in mano». L’ex analista evidenzia il linguaggio utilizzato dall’intelligence statunitense. Parole come «valutato che», «crediamo che», oppure «probabile che», stanno a significare che «non sanno se questo sia avvenuto, perché se il sabotaggio fosse avvenuto l’avrebbero dichiarato pubblicamente». Il tutto è poi basato su «fonti multiple» ed anonime. 

 

Inoltre, Larry Johnson, sottolinea come solo la CIA e l’FBI concordano sul fatto che i russi abbiano influito sul processo elettorale attraverso attacchi informatici, mentre l’agenzia specializzata, la celebre NSA dove lavorava il whistleblower Edward Snowden, si è tirata fuori dalla questione. 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Sconfitta dei media in Venezuela

di Leopoldo Santos Ramirez - La Jornada   L'industria dei media, degli USA, si sta muovendo tra le contraddizioni della politica interna USA e della politica internazionale senza adempiere...
Notizia del:

La mobilitazione dei comunisti venezuelani contro le minacce di intervento militare degli Stati Uniti

Dichiarazione di Carlos Aquino, dell'Ufficio Politico del Partito Comunista del Venezuela (PCV)

  da prensapcv.wordpress.com Traduzione di Marx21.it “Le recenti dichiarazioni di Donald...
Notizia del:

Lanciarazzi Usa per la difesa della democrazia in Ucraina

I documenti mostrano che la società americana «AirTronic USA», vicina al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, ha concluso l’11 novembre scorso un contratto con la compagnia statale ucraina "Spetstehnoeksport” per la fornitura di 100 lanciarazzi a propulsione

di Giuseppe Acciaio   I primi di agosto sono stati diffusi alcuni documenti ufficiali attestanti che...
Notizia del:     Fonte: The Independent

Theresa May rifiuta la richiesta dei sopravvissuti dell'11 settembre di pubblicare i documenti sui legami tra terroristi e Arabia Saudita

I sopravvissuti hanno definito la risposta del Regno Unito "vergognosa".

Come ha riportato il quotidiano britannico 'The Independent', la premier della Gran Bretagna, Theresa May...
Notizia del:     Fonte: Reuters

SDF-YPG: Gli USA resteranno in Siria per decenni

Il portavoce delle 'Forze democratiche siriane', un insieme di milizie dominate dalle YPG, afferma che i militari statunitensi rimarranno nella Siria settentrionale a lungo dopo la sconfitta dei terroristi, prevedendo legami duraturi con la regione dominata dai curdi.

Le forze democratiche siriane (SDF) sostenute dagli Stati Uniti, un'alleanza di milizie dominate dal YPG...
Notizia del:

Venezuela invincibile

Il chavismo ha sconfitto in due decenni, uno dopo l'altro, tutti i tentativi di porre fine alla sua esperienza di trasformazione, liberazione nazionale e sociale

di Angel Guerra Cabrera - Cubainformazione* Gli USA hanno lanciato una feroce guerra non convenzionale contro...
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Venezuela, il Ministro degli Esteri ringrazia Cina e Russia per il loro sostegno in favore della sovranità nazionale

da italia.embajada.gob.ve   Il Ministro degli Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Jorge Arreaza, ha ringraziato i governi della Repubblica Popolare Cinese e della Federazione...
Notizia del:     Fonte: Tass

Russia: La scoperta di armi chimiche degli Stati Uniti in Siria è la prova che l'Occidente sostiene i terroristi

Alcuni paesi si impegnano, da un lato, verbalmente per il diritto internazionale, ma da un altro armano i terroristi con sostanze vietate, ha affermato Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo.

La scoperta di armi chimiche di produzione statunitense e britannica in Siria è la prova che i paesi occidentali,...
Notizia del:

Intervista a D. G. Novikov (KPRF): "Siamo pronti a celebrare a dovere il centenario della Rivoluzione del 1917, un grande cambiamento per l'umanità"

Il deputato della Duma e vice segretario del Comitato Centrale del Kprf: "Le sanzioni non hanno peggiorato i rapporti economici Usa- Russia, ma solo quelli Russia-UE"

di Danilo Della Valle Nella Mosca del 1917, nella prima metà di Agosto, si organizzava nel Teatro...
Notizia del:     Fonte: Al masdar news

L'Esercito siriano avanza verso la base USA situata al sud della Siria

Oggi, l'esercito arabo siriano ed i suoi alleati hanno realizzato un enorme progresso nella Siria meridionale, entrando nella zona a sud-est di Damasco dalle loro posizioni nella provincia di Sweida.

Come ha riferito il portale, 'al Masdar News', sostenuto da Hashd Al-Sha'abi (combattenti iracheni)...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Sconfitta dei media in Venezuela

di Leopoldo Santos Ramirez - La Jornada   L'industria dei media, degli USA, si sta muovendo tra le contraddizioni della politica interna USA e della politica internazionale senza adempiere...
Notizia del:

La mobilitazione dei comunisti venezuelani contro le minacce di intervento militare degli Stati Uniti

Dichiarazione di Carlos Aquino, dell'Ufficio Politico del Partito Comunista del Venezuela (PCV)

  da prensapcv.wordpress.com Traduzione di Marx21.it “Le recenti dichiarazioni di Donald...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano ha messo l'ISIS in trappola nella Siria centrale

Era solo una questione di tempo e, infatti, adesso l'ISIS si trova completamente assediato nel Governatorato di Hama. Il crollo completo del gruppo terroristico in tutto il deserto siriano in tempi così rapidi, fino a poco tempo, non era affatto previsto.

Come ha riferito 'Al Masdar news', ieri, l'incubo dell'ISIS è diventato una realtà,...
Notizia del:

Lanciarazzi Usa per la difesa della democrazia in Ucraina

I documenti mostrano che la società americana «AirTronic USA», vicina al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, ha concluso l’11 novembre scorso un contratto con la compagnia statale ucraina "Spetstehnoeksport” per la fornitura di 100 lanciarazzi a propulsione

di Giuseppe Acciaio   I primi di agosto sono stati diffusi alcuni documenti ufficiali attestanti che...
Notizia del:     Fonte: The Independent

Theresa May rifiuta la richiesta dei sopravvissuti dell'11 settembre di pubblicare i documenti sui legami tra terroristi e Arabia Saudita

I sopravvissuti hanno definito la risposta del Regno Unito "vergognosa".

Come ha riportato il quotidiano britannico 'The Independent', la premier della Gran Bretagna, Theresa May...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - Al Manar

Iran e Hezbollah condannano l'attentato di Barcellona: "Esercitare pressioni sugli Stati che appoggiano l'ISIS"

L'Iran e il Movimento di resistenza islamica libanese, Hezbollah condannando il vile e crudele attentato di Barcellona e, senza ipocrisie, avvertono che è necessario esercitare pressioni sugli Stati che appoggiano l'organizzazione terroristica ISIS

"Dopo le perdite costanti dei terroristi sul terreno nella regione (Medio Oriente), hanno esteso le loro...
Notizia del:

Liberali e radicali di "sinistra" reagiscono agli attentati di Barcellona: gattini su Twitter

Oggi si è svolta la prima manifestazione di solidarietà nei confronti delle vittime. Sembrava un remake del corteo di qualche mese fa, in cui si urlava "meno turisti e più migranti

di Omar Minniti La "sinistra" liberale e pseudo-radicale europea, ormai in coma e meritevole di...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa