/ Gerusalemme, un venerdì di sangue come tanti

Gerusalemme, un venerdì di sangue come tanti

Gerusalemme, un venerdì di sangue come tanti
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Paola Di Lullo
 

Venerdì, giorno di riposo e di preghiera per tutti i musulmani.

A Gerusalemme Est, non è un venerdì come gli altri. O forse sì. Intorno alle 7,00 del mattino, tre palestinesi, armati di due fucili Carl Gustav e di una pistola, hanno aperto il fuoco contro contro alcuni soldati israeliani. Siamo alla Porta dei Leoni, una delle sette entrate alla città vecchia di Gerusalemme.


Due poliziotti di frontiera, Hail Stawi, 30 anni, di Maghar, e Kamil Shakib Shinan, 22 anni, di Horfish, vengono gravemente feriti. Nel pomeriggio, Micky Rosenfield, portavoce della polizia israeliana, dichiarerà che i due sono morti. Ancora ricoverato un terzo poliziotto, ferito in maniera più leggera.



Secondo le testimonianze, i tre palestinesi scappano verso la Porta della Redenzione ed entrano nell'Al Aqsa Compound, dove vengono "neutralizzati", ossia uccisi, dall'esercito israeliano. A nessuna ambulanza viene consentito, al solito, di avvicinarsi ai tre ragazzi che muoiono dissanguati, per terra.


La portavoce della polizia israeliana, Luba al-Samri, su indicazione dei servizi di sicurezza dello Shin Bet, ha successivamente identificato i tre palestinesi come arabi israeliani di Umm al-Fahm. Mohammed Ahmed Mohammed Jabareen, 29 anni, Mohammed Hamed Abd Al-Latif Jabareen, 19 anni e Mohammed Ahmed Mafdal Jabareen, 19 anni, tutti senza alcun precedente per reati contro la sicurezza.



Tre ore prima dell'attacco, due dei terroristi avrebbero pubblicato una foto su Facebook con la moschea Al-Aqsa sullo sfondo e con la scritta : "Il sorriso sarà più bello domani".


A seguito dell'attacco, le forze israeliane hanno chiuso l'Al Aqsa Compound, respingendo fedeli e visitatori. Chiuse tutte le porte di accesso, chiusa anche tutta l'area della città vecchia. Impedita la preghiera del venerdì, per la prima volta dal 2014 quando l'attivista ebreo di destra Yehuda Glick - ora membro della Knesset - fu sparato nella zona .


Per impedire l'accesso dei fedeli, le forze di sicurezza israeliane, hanno istituito delle barricate. Il Gran Muftì di Gerusalemme, Sheikh Muhammad Hussein, ha invitato i fedeli musulmani ad arrivare alle barricate ed a tenere le preghiere di venerdì. "Non c'è una forza sulla terra che possa impedirci di arrivare ad al-Aqsa e tenere le preghiere del venerdì". Il Gran Muftì è stato arrestato dalle forze israeliane durante il primo pomeriggio di venerdì mentre stava pregando tra una folla di fedeli musulmani, costretti a pregare in strada dopo la chiusura dell'Al Aqsa Compound. Dopo alcune ore di detenzione è stato rilasciato dietro una cauzione di 10.000 shekels (2.813 dollari).


La polizia ha arrestato anche le guardie del Waqf islamico, il corpo giordano incaricato della custodia dell'Al Aqsa Compound , che erano nel complesso durante l'attacco. Secondo l'Autorità Islamica Waqf, la polizia ha sequestrato anche i cellulari delle guardie.


Alla domanda come sia stato possibile per i palestinesi entrare amati all'interno del Compound, il capo della polizia ha spiegato che "tutti gli anni, ogni venerdì, decine di migliaia di fedeli entrano nel complesso e non passano attraverso un controllo di sicurezza, come avviene di solito, poiché è difficile controllare circa 180.000 persone, che attraversano diversi cancelli. Diventa così più semplice portare armi".


 

Mentre Hamas ha dichiarato che l'attacco "è una risposta naturale al terrorismo israeliano e che mostra che l'intifada continua ed il popolo è unito alla resistenza", il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha chiamato il primo ministro Benjamin Netanyahu per condannare la sparatoria e chiedere la riapertura del sito. Netanyahu ha chiarito ad Abbas che non ci sarà nessuna modifica allo status quo.

 

I media giordani, nel frattempo, hanno riferito che i funzionari governativi del regno erano in trattative con Israele nel tentativo di far riaprire l'Al Aqsa Compound.


 

Fin qui la cronaca. Chi si è recato almeno una volta a Gerusalemme, però, qualche dubbio lo ha. I controlli cominciano in strada, molto prima di arrivare ai gates. Io, internazionale cui sono stati garantiti più diritti che ai palestinesi, sono stata perquisita ed il mio zaino svuotato e controllato. Può essere possibile che ai "terroristi" palestinesi venga negato questo onore?
Non solo. La prima sparatoria è avvenuta alla Porta dei Leoni. Per raggiungere l'Al Aqsa Compound i tre palestinesi devono aver percorso 650 metri. Otto minuti circa, a piedi. Armati? Di solito, non riescono a fare nemmeno otto passi. Possibile che non abbiano pensato di disfarsi delle armi, prima di andare a mischiarsi ai fedeli? Possibile che abbiano corso il rischio, certo, certissimo, di essere perquisiti e, nel migliore dei casi, arrestati? La dichiarazione del capo della polizia di Gerusalemme fa acqua da tutte le parti. Le perquisizioni ci sono, eccome. Ed i palestinesi ne sono ben consapevoli. Tra l'altro, all'interno del Compound, come mostrato dai video, non c'è quasi nessuno. Erano tutti nella moschea, i fedeli? E questi tre ragazzi erano fuori con le loro armi in bella vista che invitavano ad ucciderli? Troppe domande senza risposte, una ricostruzione dei fatti che non convince, non me...




I link dei video : https://www.facebook.com/QudsN/videos/1646800168730211/
https://www.facebook.com/QudsN/videos/1646610588749169/


 

Fonti : Ynet News
Haaretz
Ma'an News Agency
Quds Network

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele riconosce che Assad ha vinto la guerra contro i terroristi

Il ministro della Difesa israeliano, Avigdor Lieberman, riconosce che la Siria ha vinto la lotta contro il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) e allo stesso tempo chiede al suo governo lo stanziamento di altri fondi per le forze armate per la presenza di Iran e Hezbollah nel paese arabo.

Il presidente siriano "(Bashar) al-Assad haterminato la lotta, perché ora controlla il 90 per cento...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Il Libano dispone per il suo esercito la stato di "massima allerta" per affrontare il "nemico israeliano" al confine

All'esercito libanese è stato ordinato di rimanere vigile sul confine meridionale del paese.

Il capo dell'esercito libanese ha esortato i militari ad essere completamente pronti ad affrontare il "nemico...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Ministro israeliano: Collaboriamo 'in segreto' con l'Arabia Saudita contro l'Iran

Un ministro israeliano conferma ufficialmente l'esistenza di contatti 'segreti' tra l'Arabia Saudita e il regime israeliano per affrontare l'Iran.

Il ministro dell'energia del regime di Israele, Yuval Steinitz, ha confermato ieri l'esistenza di contatti...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia sfida Israele e Stati Uniti: Hezbollah rimarrà in Siria

L'ambasciatore russo in Libano avverte che Hezbollah "non andrà via dalla Siria", sfidando così Israele e gli Stati Uniti, che stanno cercando il ritiro del movimento di resistenza libanese.

"Chiunque ha cercato di rovesciare il presidente siriano Bashar al-Asad, ora, con tutti i mezzi, cerca il...
Notizia del:

Anticamera Teatro di Torino e il regime di Israele: L’Italia scelga tra sudditanza e dignità

di Patrizia Cecconi* - Pressenza C’è un mistero che molti cercano di svelare ma che ancora rimane coperto da un impenetrabile e spesso velo: come sia possibile che il paese più...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele è disposto a condividere con l'Arabia Saudita i dati di intelligence sull'Iran

Israele e Arabia Saudita seppur ufficialmente non hanno relazioni diplomatiche, ribadiscono la loro alleanza 'de facto' contro l'Iran.

Israele informa che può fornire informazioni di intelligence sull'Iran all'Arabia Saudita, attraverso...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele minaccia: Non permetteremo che la Siria diventi un avamposto dell'Iran

Il regime israeliano assicura di mantenere la completa libertà di azione in Siria e prende in considerazione solo gli interessi della propria sicurezza.

"Abbiamo assoluta libertà di azione e le uniche considerazioni che ci guidano sono le considerazioni...
Notizia del:     Fonte: SANA

Forum arabo contro alleanza USA-Israele-Arabia Saudita: "La Vittoria della Siria ha creato le basi per un mondo multipolare"

Il Forum arabo per combattere l'alleanza USA-Israele e con gli stati reazionari arabi ed a supporto della resistenza del popolo palestinese, ieri, ha concluso sue attività a Damasco, dove hanno partecipato figure e forze politiche di Siria, Libano, Palestina, Yemen, Giordania, Egitto, Iraq, Algeria, Bahrain e Mauritania.

Al termine di 3 giorni di dibattiti e confronti, i partecipanti del Forum sulle nuove strategie di lotta contro...
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

Ex ufficiale CIA: 'Arabia Saudita e Israele cercano di condurre gli Stati Uniti ad una guerra con l'Iran'

Un ex ufficiale della CIA ritiene che Arabia Saudita e Israele cercano di mettere gli Stati Uniti contro l'Iran, in quanto non lo possono sconfiggere da soli in una guerra eventuale.

"L'Arabia Saudita e Israele sanno che non possono sconfiggere l'Iran e i suoi alleati senza la partecipazione...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - Ruptly

VIDEO. Migliaia di yemeniti manifestano per chiedere la fine del blocco saudita sullo Yemen

"Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite vende le nazioni per una manciata di dollari"

Al grido di "Morte all'Arabia Saudita", "Morte a Israele" e "Morte agli USA",...
Le più recenti da La mia Gaza
Notizia del:

100 anni dalla Dichiarazione di Balfour, May è "fiera di aver fatto nascere Israele". Corbyn diserta le "feste"

di Paola di Lullo Il 2017 è un anno ricco di ricorrenze, tutte nefaste per il popolo palestinese. 100 anni dalla dichiarazione di Balfour, 50 anni dalla guerra dei 6 giorni che portò...
Notizia del:

Storia di ordinaria "democrazia" nella Palestina occupata

di Paola Di Lullo   In Palestina la vita corre appesa ad un filo. Ieri sera, una sera come tante, Muhammad Abdullah Moussa, 26 anni, e sua sorella Latifa, 33 anni, entrambi del villaggio di...
Notizia del:

Il regime d'Israele torna a bombardare Gaza (nel silenzio complice della comunità internazionale): almeno 7 morti

di Paola Di Lullo Sono circa le 17,00 di ieri sera quando un forte boato viene distintamente udito in tutta la Striscia di Gaza, fino ad Eshkol, Israele. Si pensa ad un attacco missilistico lanciato...
Notizia del:

E' libera Shereen Al-Issawi, nelle carceri del regime di Israele per 43 settimane senza un processo

di Paola Di Lullo È stata liberata ieri, Shereen Al-Issawi, dopo 43 settimane nelle carceri israeliane. Il suo destino è legato a doppio filo a quello del fratello Samer, a Gilad...
Notizia del:

Campi profughi palestinesi in Libano, vi racconto quello che ho visto

Sebbene ogni campo abbia la sua storia, le condizioni dei campi e quindi delle persone che vi dimorano, con qualche minima differenza, sono le medesime

di Paola Di Lullo   Burj El Barajneh, Chatila, Nahr El Bared, Ein El Helwe, Al Jalil Balbak. Sono...
Notizia del:

Da bambina gli sterminarono la famiglia, la storia di Shahira: Israele ha distrutto i suoi sogni, non le sue speranze

di Paola Di Lullo Beirut, 18 settembre 2017 Shahira è una donna forte, trasuda resistenza, chiede giustizia, non intende rassegnarsi né arretrare. Israele ha distrutto i suoi...
Notizia del:

I palestinesi ci chiedono di ricordare. Al via la missione italiana in Libano

di Paola Di Lullo BEIRUT. È partita ieri per Beirut la delegazione italiana composta da 27 persone, organizzata dalle Associazioni "Per non dimenticare Sabra e Chatila" e "Con...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa