/ Giorgio Cremaschi - "Ovazioni della destra e dei fascisti a Minni...

Giorgio Cremaschi - "Ovazioni della destra e dei fascisti a Minniti? Meritate"

Giorgio Cremaschi - Ovazioni della destra e dei fascisti a Minniti? Meritate
 

"In un solo momento il ministro degli interni è stato contestato, quando ha affermato che il fascismo è finito. Ha ragione la sala nostalgica, il fascismo con lui continua e si rinnova."

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Giorgio Cremaschi


Mentre a Bologna Eurostop teneva una assemblea per discutere e denunciare la devastazione democratica, sociale, ed umana delle sue leggi feroci, 
http://contropiano.org/…/stop-minniti-amnistia-sociale-conv… - il ministro Minniti raccoglieva il meritato consenso alla festa Atreiu, organizzata da Giorgia Meloni.


In quella platea che festeggiava Italo Balbo - che lì celebrano come trasvolatore, ma che noi ricordiamo come feroce e vile squadrista sconfitto a Parma dagli Arditi del Popolo di Picelli - il ministro di polizia, lo sbirro, ha trovato la sua sede naturale.


Come dice la saggezza popolare Dio li fa e poi li accoppia e l'entusiasmo mostrato da Meloni e dai suoi per Minniti dimostra come oramai i confini tra destra e partito democratico siano saltati. Ma non nel senso che non ci siano più destra e sinistra, ma perché sono proprio tutti di destra.





E neppure della destra liberale, ma di quella reazionaria e forcaiola che in Italia compare sempre nei momenti di crisi. Quella che quando un poliziotto grida spezzategli un braccio si entusiasma e acclama: era ora!


Quella che appena vede teste calve su mascella quadrate comincia a sognare.


In un solo momento il ministro degli interni è stato contestato, quando ha affermato che il fascismo è finito. Ha ragione la sala nostalgica, il fascismo con lui continua e si rinnova.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

Pensioni, lavoro e diritti sociali: l'Italia è come la Grecia

La letterina della Commissione UE appena giunta al governo italiano chiarisce tutto. I burocrati europei confermano che la legge Fornero è un tabù intoccabile. E che il governo si è già formalmente impegnato su questo

di Giorgio Cremaschi Un vecchio governo democristiano avrebbe sicuramente evitato questo crisi da burla...
Notizia del:

"Le cose nel mondo del lavoro si sono rimesse in moto. Ed è solo l'inizio."

USB primo sindacato alla GD di Bologna

di Giorgio Cremaschi  La fabbrica metalmeccanica GD di Bologna, quasi 1500 dipendenti, è stata...
Notizia del:

Difesa comune europea: l'UE vuole portare i popoli alla guerra contro la Russia

di Giorgio Cremaschi In politica progetti disastrosi e criminali a volte nascono come idee di finto buonsenso. La firma del trattato di difesa europea da parte di 23 paesi, non tutti i 27 stati...
Notizia del:

L'Armata Branca(ccio)leone

  di Giorgio Cremaschi   Se i suoi promotori Anna Falcone e Tomaso Montanari, invece che inseguire i giri di valzer della sinistra di palazzo, avessero provato a mettersi in...
Notizia del:

Ai cretini che: "scioperano di venerdì per fare il ponte"

di Giorgio Cremaschi I primi segnali sullo sciopero generale proclamato da USB COBAS UNICOBAS sono molto buoni. Trasporti bloccati in tutto il paese e tante adesioni nel lavoro pubblico come in...
Notizia del:

100 anni e non li dimostra

di Giorgio Cremaschi  La Rivoluzione d'Ottobre è la più importante rivoluzione dell'epoca moderna. Finora almeno, aggiungo con un moto di ottimismo.   Il 25...
Notizia del:

Braccianti di Rignano: il coraggio dei braccianti, la vergogna dell'Italia

  di Giorgio Cremaschi    Coraggio, diritti, dignità, scandisce a pugno chiuso Aboubakar Soumahoro, per tutti Abou, mentre inizia il suo intervento in una sala di Foggia,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa