/ Giorgio Cremaschi - "Ovazioni della destra e dei fascisti a Minni...

Giorgio Cremaschi - "Ovazioni della destra e dei fascisti a Minniti? Meritate"

Giorgio Cremaschi - Ovazioni della destra e dei fascisti a Minniti? Meritate
 

"In un solo momento il ministro degli interni è stato contestato, quando ha affermato che il fascismo è finito. Ha ragione la sala nostalgica, il fascismo con lui continua e si rinnova."

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Giorgio Cremaschi


Mentre a Bologna Eurostop teneva una assemblea per discutere e denunciare la devastazione democratica, sociale, ed umana delle sue leggi feroci, 
http://contropiano.org/…/stop-minniti-amnistia-sociale-conv… - il ministro Minniti raccoglieva il meritato consenso alla festa Atreiu, organizzata da Giorgia Meloni.


In quella platea che festeggiava Italo Balbo - che lì celebrano come trasvolatore, ma che noi ricordiamo come feroce e vile squadrista sconfitto a Parma dagli Arditi del Popolo di Picelli - il ministro di polizia, lo sbirro, ha trovato la sua sede naturale.


Come dice la saggezza popolare Dio li fa e poi li accoppia e l'entusiasmo mostrato da Meloni e dai suoi per Minniti dimostra come oramai i confini tra destra e partito democratico siano saltati. Ma non nel senso che non ci siano più destra e sinistra, ma perché sono proprio tutti di destra.





E neppure della destra liberale, ma di quella reazionaria e forcaiola che in Italia compare sempre nei momenti di crisi. Quella che quando un poliziotto grida spezzategli un braccio si entusiasma e acclama: era ora!


Quella che appena vede teste calve su mascella quadrate comincia a sognare.


In un solo momento il ministro degli interni è stato contestato, quando ha affermato che il fascismo è finito. Ha ragione la sala nostalgica, il fascismo con lui continua e si rinnova.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

Embraco, non esiste una terza via: o nazionalizzazioni o massacro sociale

di Giorgio Cremaschi L'Embraco Whilpool  licenzia, butta in mezzo alla strada 500 operai e le loro famiglie, mandando a stendere il ministro Calenda e tutto il governo italiano. Hanno...
Notizia del:

La strage continua: altro operaio assassinato a Pisa. Non esprimete cordoglio voi ipocriti che parlate di produttività

di Giorgio Cremaschi  Mentre incontravamo gli operai della Piaggio abbiamo saputo che un altro operaio era stato assassinato ai cantieri navali di Pisa. Un operaio è stato assassinato...
Notizia del:

Militanti e candidati di Potere al Popolo fermano uno sfratto con tre bambini in provincia di Brescia

  A Ospitaletto in provincia di Brescia militanti e candidati di Potere al Popolo hanno fermato lo sfratto di una famiglia con tre bambini. La casa è pignorata perché il...
Notizia del:

Gli assassini sono tra noi

di Giorgio Cremaschi Come una bomba è esplosa una fabbrica chimica vicino a Como, diversi operai sono feriti gravi, ci auguriamo che ce la facciano, così come speriamo che la popolazione...
Notizia del:

Ecco perché la Borsa di New York è crollata

"E' la crisi della globalizzazione bellezza e le tue chiacchiere non possono farci niente."

di Giorgio Cremaschi La Borsa di New York è crollata sotto un peso pari a quello che dieci...
Notizia del:

Il ritorno del fascismo ha molti complici

Il killer nazifascista di Macerata ha ottenuto un successo travolgente. Il dibattito ufficiale   minimizza la  gravità del suo crimine, ignora le sue vittime e si concentra tutto...
Notizia del:

Macerata, la colpa non è solo dei fascisti. E' anche di chi li ha sdoganati

IL RAID RAZZISTA ASSASSINO DI MACERATA ERA NELL'ARIA DA TEMPO - Da tempo in Italia le forme più violente di razzismo e fascismo sono state legittimate dalle campagne contro i migranti e contro...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa