/ Yemen: Le forze popolari lanciano un missile balistico contro l'a...

Yemen: Le forze popolari lanciano un missile balistico contro l'aeroporto saudita di Jeddah. L'Algeria ha rifiutato una richiesta dell'Arabia Saudita

Yemen: Le forze popolari lanciano un missile balistico contro l'aeroporto saudita di Jeddah. L'Algeria ha rifiutato una richiesta dell'Arabia Saudita
 

Le forze yemenite hanno annunciato che tra ieri notte e questa mattina un'unità dell'esercito e le forze popolari Ansarullah hanno lanciato un missile di tipo balistico Borkane 1 contro l'aeroporto Abdul Aziz nella città saudita nord Jeddah.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
La coalizione guidata dall'Arabia Saudita ha riconosciuto che è l'aeroporto è stato preso di mira da un missile yemenita, sostenendo che il missile è stato intercettato e distrutto a 65 km dalla città santa della Mecca. Questa informazione non è stata confermata in modo indipendente. L'aeroporto di Jeddah si trova 60 km a nord ovest di La Mecca.
 
Questa è la prima volta che un missile yemenita ha raggiunto la città saudita di Jeddah, a 600 km dai confini yemeniti. Le risposte yemenite per l'aggressione dell'Arabia saudita si erna limitate a obiettivi di confine.
 
Il lancio del missile è avvenuto in cui l'inviato delle Nazioni Unite ha proposto un piano di pace per soddisfare gli interessi sauditi.
 
Un piano di pace per soddisfare la coalizione saudita
 
L'iniziativa proposta dall' inviato speciale dell'Onu in Yemen, Ismail Ould Cheikh, sembra essere lontana dal soddisfare gli yemeniti.
 
Questo piano di pace globale non è stato reso pubblico, ma i dettagli sono trapelati per la prima volta, ieri.
 
Fonti vicine al caso citate dal quotidiano libanese Alakhbar, riferiscono che il piano prevede che il Presidente Hadi trasferisca il suo potere ad un nuovo vice presidente. Ma egli intende privare Sanaa dei punti di forza. Il piano delle Nazioni Unite prevede il disarmo delle forze yemenite, compresi i loro missili balistici.
 
Il piano si compone di 14 punti che probabilmente non è stato preparato dal mediatore delle Nazioni Unite.
 
Nel secondo punto del piano si legge: "Gli Stati Uniti, il Regno Unito, l&#
39;Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti ed i paesi del Golfo invitano parti yemenite a riprendere i colloqui con l'inviato delle Nazioni Unite."
 
Ciò conferma le accuse yemenite che questo piano non è altro che l'iniziativa del segretario di Stato Usa, John Kerry, il quale aveva sostenuto che le forze yemenite dovevano consegnare le armi ad un'entità terza.
 
Questo è indicato anche per il presunto piano delle Nazioni Unite che inviata l'esercito e Ansarullah a consegnare le armi, tra cui missili balistici, a terzi.
 
I combattenti dell'esercito e Ansarullah è stato anche ordinato di ritirarsi di 30 km dal confine con l'Arabia Saudita.
 
Algeri ha rifiutato una richiesta saudita
 
In questo contesto, Riyadh e Doha hanno proposto alla loro controparte algerina la partecipazione ad una forza di pace in Yemen, riporta il sito web Middle East Eye, citando una fonte diplomatica algerina.
 
Algeri si è riservato  tempo per studiare la proposta, ma con ogni probabilità si rifiuterà. "La tendenza è quella di rifiutare", ha detto la fonte diplomatica algerina.
 
L'Algeria ha già ribadito a  marzo 2015 il suo rifiuto di aderire alla coalizione, guidata dall'Arabia Saudita, che conduce attacchi mortali contro la popolazione yemenita.
 
"L'Algeria non permetterà alcuna partecipazione di truppe armate in operazioni militari al di fuori dei suoi confini", aveva dichiarato all'epoca il ministro degli Esteri, Ramtane Lamamra.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Al Manar.fr
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Turchia, il primo ministro Yildirim afferma che Ankara è pronta a combattere contro gli Usa

Intervistato dall’emittente televisiva tedesca ‘Ard’, il primo ministro turco Binali Yildirim, ha dichiarato che la Turchia «ha un problema con le Ypg» e che nel caso gli Stati Uniti decidessero di entrare in guerra al fianco dei curdi siriani, «combatteremo anche contro di loro»

  Aumentano le tensioni in Siria tra Turchia e Stati Uniti. il governo di Ankara si è infatti detto...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: Al-Nusra e 'Caschi bianchi' preparano un attacco chimico per accusare Damasco

Il gruppo terroristico di Al-Nusra (noto anche come il fronte Fath Al-Sham) e il corpo chiamato 'Caschi Bianchi' hanno trasportato più di 20 contenitori di cloro verso un villaggio situato nella provincia siriana di Idlib per preparare un attacco chimico e quindi accusare il governo siriano di questo crimine.

"La sera del 12 febbraio il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra ha ricevuto una telefonata...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Abbas a Putin: Gli USA non siano l'unico mediatore nel conflitto con Israele

Arrabbiato dai recenti passi di Washington a favore di Israele, il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha espresso la sua opposizione all'omologo russo Vladimir Putin nei riguardi degli Stati Uniti come unico mediatore nei negoziati di pace con il regime Tel Aviv.

"In questo ambiente, prodotto delle azioni degli Stati Uniti, dichiariamo che da questo momento ci rifiutiamo...
Notizia del:

Venezuela: l'impatto delle sanzioni USA colpisce tutto il popolo

L'economista e direttore di Datanalisis, Luis Vicente León, ha chiarito che le sanzioni applicate al Venezuela colpiscono tutti allo stesso modo

da Lechuguinos   Il direttore della società Datanalisis in Venezuela, Luis Vicente León,...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: L'ISIS usa base USA per salvarsi dall'esercito siriano

La Russia torna a denunciare la presenza illegale degli Stati Uniti in Siria che, lungi dal contribuire alla sconfitta del gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo), gli prepara una zona sicura nlla sua base nel paese, facilitando così la sua fuga dall'esercito siriano.

"L'ISIS si sente a proprio agio ad Al-Tanf (che si trova vicino al confine con la Giordania e l'Iraq),"...
Notizia del:     Fonte: http://www.redstar.ru

Siria, gli Stati Uniti hanno fatto crollare di proposito un ponte costruito dai militari russi

Gli esperti siriani ritengono che le serrature di una diga vicina siano state aperte con lo scopo deliberato di distruggere il ponte costruito dagli ingegneri russi.

Un'indagine condotta da specialisti siriani ha stabilito che la distruzione, il 7 gennaio scorso, di un ponte...
Notizia del:     Fonte: Middle East Eye

Washington e Parigi prendono in considerazione nuovi attacchi militari contro la Siria

Gli Stati Uniti stanno prendendo in considerazione nuovi attacchi militari contro le postazioni del governo siriano e la Francia è disposta a sostenere l'operazione, hanno riferito fonti al portale 'Middle East Eye'.

Di fronte a quello che sembra essere un processo di pace in stallo - i recenti colloqui a Vienna e Sochi hanno...
Notizia del:     Fonte: France 24

Iran: Gli europei non dovrebbero avere paura degli Stati Uniti

In un'intervista rilasciata a France 24, il viceministro dell'Economia iraniano ha dichiarato che l'Iran è rimasto fedele all'accordo sul nucleare, il piano globale di azione congiunta e ha arricchito gli scambi economici con il mondo.

"Siamo impegnati a rimanere nel patto nucleare, ma ammettiamo che il livello degli investimenti stranieri...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Jean-Luc Melenchon da Napoli: «La Russia non è un nostro nemico»

Il leader francese invita anche a contrastare le politiche guerrafondaie della NATO

  Dall’ex Opg di Napoli dove si è recato per un incontro con gli esponenti della lista Potere...
Notizia del:

Consiglio Mondiale della Pace: "E' un dovere difendere le vittorie della Siria contro il terrorismo, per il dialogo e la sovranità"

di Socorro Gomes, presidente del Consiglio Mondiale della Pace da cebrapaz.org.br Traduzione di Marx21.it Le forze di pace giudicano con ottimismo i progressi della Siria di fronte...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News - Al Mayadeen

L'Esercito siriano rifiuta la proposta delle YPG di entrare ad Afrin, ma continuerà a permettere il passaggio dei rinforzi curdi da Aleppo

Il portale di notizie 'Al Masdar News' ha smentito che l'esercito siriano entrerà ad Afrin, nord della Siria, per combattere l'aggressione turca, rifiutando la proposta delle YPG curde.

Ieri il canale libanese 'Al Mayadeen' ha annunciato che "lo schieramento di truppe siriane nei prossimi...
Notizia del:     Fonte: http://redstar.ru

La Russia ha lanciato più di 100 missili da crociera durante l'operazione anti-terrorismo in Siria

Il gruppo di attacco della portaerei russa nel Mediterraneo è riuscito a raggiungere più di 1.250 obiettivi terroristici in Siria.

Durante l'operazione antiterrorismo in Siria la marina russa ha lanciato contro le posizioni dei terroristi...
Notizia del:     Fonte: SANA

Cuba: sosteniamo la Siria e apprezziamo la sua fermezza contro il terrorismo e l'imperialismo

Cuba ribadisce la sua solidarietà e appoggio alla Siria elogiando la fermezza dei siriani di fronte al terrorismo e all'imperialismo.

Durante il suo incontro con il ministro siriano dell'Istruzione superiore, Atef Nadaf, a L'Avana, ieri,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa