/ 'Guerra al terrore' o competizione per le risorse naturali? La pr...

'Guerra al terrore' o competizione per le risorse naturali? La presenza militare americana e francese in Africa

'Guerra al terrore' o competizione per le risorse naturali? La presenza militare americana e francese in Africa
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 L'Africa rimane un territorio chiave nello scacchiere globale del 21 ° secolo. Ricco di petrolio e risorse naturali, il continente ha una posizione strategica.

L'Africa sub-sahariana è la patria di sei delle 10 economie a più rapida crescita al mondo.  Il Nord-Africa vanta vasti giacimenti di petrolio e di gas naturale, il Sahara  il minerale nucleare più strategico, e risorse come coltan, oro, rame e molte altre sono abbondanti nel continente.

"Chiunque controlli il Mali, controlla l' Africa occidentale, se non tutta l'Africa".

Ma nonostante la sua posizione e le risorse, conflitti e il caos si sono diffusi in tutto il continente. Al centro di questo fermento c'è un territorio strategico: il Sahel.

La regione a cavallo tra Sahara a nord e le savane del sud è diventato un importante nuovo fronte nella cosiddetta guerra contro il terrorismo.

Ma la versione ufficiale, la lotta al terrorismo, maschera una battaglia più grande? Le guerre per le risorse del 21 ° secolo sono già iniziate?

"Quello che stiamo vivendo può essere descritto come 'una nuova corsa all'Africa'," dice Jean Batou, docente di Storia all'Università di Losanna.

'Chiunque controlli il Mali, controlla l'Africa occidentale'

Al centro della regione travagliata del Sahel si trova la nazione del Mali, che è tra le più povere al mondo. La disoccupazione è dilagante e la maggior parte delle persone  vive alla giornata.

Eppure, già nel 13 ° secolo, l'impero del Mali si estendeva su gran parte dell'Africa occidentale ed era straordinariamente ricco e potente. Avorio e oro lo hanno reso un importante crocevia per il commercio globale del tempo. Ma inevitabilmente, queste risorse portano a conquiste.

 "Il paese ha un'importante posizione strategica: chi controlla il Mali, controlla Africa occidentale - se non tutta l'Africa ... Ecco perché questa regione è diventata così ambita ", dice Dulaye Konate dell'Associazione degli storici africani.

Le potenze europee imperiali hanno svelato i loro piani per colonizzare il Mali e il resto dell'Africa alla Conferenza di Berlino nel 1885. Gran Bretagna, Belgio, Portogallo, Spagna, Germania, Italia e Francia, ognuno ha ottenuto la sua parte.

L'impero coloniale francese si estendeva su gran parte dell'Africa occidentale e settentrionale, ma alla fine del 1950 i venti di libertà hanno cominciato a soffiare in tutta l'Africa, e in Francia era di perdere tutte le sue colonie.

Tuttavia, l'euforia dell' indipendenza è stata breve. La Francia ha mantenuto truppe, basi e influenza politica sulle sue ex colonie: la politica della "France-Afrique".

"La Francia era il cane da guardia dell'Africa, difendeva l'Occidente nella regione", afferma  Antoine Glazer, autore di France-Afrique . 

Gli Stati Uniti e la minaccia del 'terrorismo'

Nel 1960, la scoperta di enormi riserve di petrolio nel Golfo di Guinea ha attirato un nuovo giocatore: gli Stati Uniti. 

Gli Stati Uniti hanno fatto  investimenti economici e militari nel continente africano e l'Africa è diventata un campo di battaglia nella guerra fredda.

Nel 1992, gli Usa hanno lanciato un cosiddetto intervento umanitario nel Corno d'Africa. Gli Stati Uniti hanno inviato 28.000 soldati in Somalia per contribuire a porre fine a una guerra civile. L'operazione si è conclusa con un disastro due anni più tardi, dopo che i soldati americani sono stati catturati e uccisi, le immagini dei loro corpi mutilati in onda in tutto il mondo. Hanno deciso di ritirarsi.

Nel 2001, l'attacco al World Trade Center ha riconfigurato la geo-politica del mondo. Gli Stati Uniti hanno lanciato una guerra in Afghanistan  

Pochi mesi dopo l'11 settembre, l'esercito americano è tornato nel Corno d'Africa, con l'intenzione di rimanere. Hanno stabilito la loro prima base militare a Gibuti.

"Il Sahel ha giocato un ruolo chiave nei traffici di armi, di potenziali combattenti stranieri, e della criminalità organizzata ...", dice Rudolph Atallah, l'ex direttore dell' Africa antiterrorismo, Dipartimento della Difesa statunitense.

L'Africa Command (AFRICOM)

Gli Stati Uniti sono l'unico paese ad aver diviso il mondo in settori militari : NORTHCOM, PACOM, SOUTHCOM, EUCOM, CENTCOM e ora AFRICOM.

Sotto gli obiettivi dichiarati della lotta al terrorismo e del fornire assistenza umanitaria, AFRICOM si è impiantato nel continente, tenendo esercitazioni militari con un numero crescente di paesi africani.

La creazione di AFRICOM è stata la chiave per il consolidamento degli interessi degli Stati Uniti in Africa.  

Gli americani hanno cercato di stabilire la sede di AFRICOM, nonché una sede per la CIA in Mali. Il problema era che gli africani avevano una posizione comune di rifiutare la creazione di nuove basi militari.

Questa opposizione ha costretto gli Stati Uniti a stabilire il comando di AFRICOM a migliaia di miglia di distanza, a Stoccarda, in Germania.

Muammar Gheddafi: il 'cane pazzo del Medio Oriente'

 La resistenza africana ad AFRICOM era guidata da Muammar Gheddafi, il leader libico.

Il Presidente Ronald Reagan lo aveva etichettato il 'cane pazzo del Medio Oriente'  e ha cercato di assassinarlo nel 1986 bombardando il suo palazzo.

L'indipendenza e l'influenza del leader libico nasceva dalle vaste riserve di petrolio, le più grandi d'Africa, che aveva nazionalizzato quando ha preso il potere.

Gheddafi  voleva dimostrare che l'Africa poteva svilupparsi in maniera indipendente dal sistema bancario occidentale o dal Fondo monetario internazionale.

"Fin dall'inizio della sua carriera politica come leader, Muammar Gheddafi si è opposto ad una presenza militare straniera in Africa. Una delle prime cose che ha fatto dopo il suo arrivo al potere nel 1969 è stato espellere le basi militari USA britannico e in Libia", spiega Maximilian Forte, l'autore di "Nato's war on Lybia and Africa"

Ma nel marzo 2011, mentre le rivolte arabe si è diffondevano in tutto il Nord Africa, Francia e Stati Uniti hanno deciso di agire. Questa è stata la prima guerra di AFRICOM e il suo comandante in capo è stato il primo presidente afro-americano.

La caduta di Gheddafi ha prodotto un'onda d'urto che si è sentita molto al di là della Libia.

Alcune delle armi sono cadute nelle mani dei ribelli libici. Altre, tra cui missili anti-carro e anti-aerei sono cadute nelle mani dei combattenti tuareg che hanno combattuto al fianco di Gheddafi.

I Tuareg pesantemente armati hanno formata una nuova forza di combattanti, il MNLA, e ha lanciato un'offensiva contro il governo di Bamako nel gennaio 2012.

Tuareg e altre forze ribelli hanno invaso le principali città del nord del Mali. Nonostante anni di formazione e di milioni spesi, la più grande paura dell'Occidente è diventata realtà: un cosiddetto Stato islamico è stato istituito nel nord del Mali.

Ma ben presto le forze armate francesi hanno prestato il loro sostegno alle unità del Mali. L'avanzata dei ribelli è stata fermata e, in sole due settimane, i francesi hanno riguadagnato il nord. L'esercito francese ha affermato di aver ucciso centinaia di cosiddetti terroristi. L'ex potenza coloniale era diventata il salvatore del paese.

'L'El Dorado del Sahel'

Nonostante caos, guerre e rivoluzioni, l'interesse degli europei, americani e cinesi, rimane alto in quello che potrebbe essere la più grande riserva di petrolio non ancora sfruttate nel continente, "El Dorado del Sahel", che si estende dalla Mauritania  all'Algeria in tutto il Nord Mali.

L'interesse delle maggiori compagnie energetiche americane in Africa non è diminuito. Le esigenze di Asia e l'Europa non smettono di crescere. Quasi 2 trilioni di dollari di investimenti in petrolio e gas africano sono attesi nei prossimi due decenni.

"Sappiamo tutti che le risorse petrolifere stanno diventando sempre più rare. Le ultime grandi riserve di petrolio in Africa diventeranno sempre più importanti. Posizionarsi al fine di sfruttare queste risorse è di vitale importanza per i paesi", dice Batou.

Nel maggio 2014, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha annunciato che avrebbe destinato ulteriori $ 5 miliardi per la lotta contro il terrorismo globale.

Un numero crescente di governi africani ha firmato il programma di AFRICOM, come il Niger, dove l'esercito degli Stati Uniti ha portato le forze africane provenienti da 17 paesi per le esercitazioni militari.

Gli Stati Uniti hanno anche stabilito basi di droni in Gibuti, Niger, Kenya, Etiopia, Somalia, Sud Sudan, Burkina Faso e le Seychelles, e inviato truppe in Liberia durante la crisi Ebola nel 2014.

Per non essere da meno, la Francia ha anche annunciato l'intenzione di aumentare la propria presenza nel Sahel, con una ridistribuzione di 3.000 soldati.

La crescente militarizzazione dell'Africa è un nuovo centro di profitto, ambito da parte del complesso militare-industriale, con milioni di dollari di contratti per i produttori di armi e imprenditori privati.

Più di 130 anni dopo la Conferenza di Berlino, una nuova divisione del continente africano è in corso con le nuove potenze che mirano a garantirsi forniture di petrolio, minerali strategici,  e persino l'acqua sotto le sabbie del deserto.

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il Venezuela risponde alle nuove sanzioni dell'UE. "E' la prova inconfutabile della sua indegna subordinazione a Trump"

Il governo venezuelano ha respinto, attraverso un comunicato pubblicato questo lunedì, le sanzioni imposte a sette suoi alti funzionari da parte dell'Unione Europea (UE). Le sanzioni sono...
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa