/ I familiari delle vittime dell'attentato ad Aleppo. "Un massacro ...

I familiari delle vittime dell'attentato ad Aleppo. "Un massacro senza precedenti contro i bambini. La responsabilità è di Turchia e Qatar che finanzia i terroristi"

I familiari delle vittime dell'attentato ad Aleppo. Un massacro senza precedenti contro i bambini. La responsabilità è di Turchia e Qatar che finanzia i terroristi
 

Le famiglie dei martiri di Al Kefraya e Fauaa hanno rilasciato una dichiarazione in cui hanno accusato coloro che essi considerano responsabili dell'attacco terroristico che ha causato la morte di quasi 130 bambini e più di 400 tra morti e feriti, in quello che è considerato come "un massacro senza precedenti contro i bambini".

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Le famiglie hanno enumerato una lista di richieste e reclami nei confronti dei paesi garanti e alleati dei gruppi armati. Hanno anche chiesto di dichiarare il 15 aprile in Siria, giornata in onore della memoria dei bambini caduti negli attacchi terroristici.
 
A seguire il comunicato delle famiglie delle vittime di Kefraya e Al Fauaa raccolto dal canale tv libanese in lingua spagnola al Mayadeen.
 
"In nome di Dio, il Compassionevole, il Misericordioso"
 
Dichiarazione rilasciata dalle famiglie dei martiri di Al Kefraya e Fauaa.
 
Con grande tristezza e dolore abbiamo ricevuto la notizia dell'attacco criminale che ha avuto luogo alle 15:30 pm, di Sabato, 1542017, nei confronti di persone inermi, sfollate, in particolare i bambini, le donne e gli anziani, nei comuni di Kefraya e Al Fauaa, che ha causato la morte di quasi 130 bambini e più di 400 persone tra i martiri e feriti, che è considerato un massacro senza precedenti nei confronti dei bambini.
 
Questi sfollati sono stati costretti a lasciare la loro terra, le loro proprietà e i loro ricordi, per il resto della loro vita, e il futuro dei loro figli a causa di un assedio crudele e ingiusto, che è durato per più di due anni, dove sono stati sottoposti a vari tipi di attacchi giornalieri con razzi, mortai e cecchini contro donne e bambini, oltre ad imporre la fame, la sete e la mancanza di medicine e le esigenze più elementari della vita umana, provocando la morte di migliaia di civili che hanno affrontato questa aggressione sistematica fatta da questi gruppi estremisti radicati nei villaggi situati nei dintorni.
 
Pertanto, noi, cittadini delle città di Kefraya e Al Fauaa, condanniamo questo attacco brutale, vile e infido e cui responsabili diretti sono:
 
1: "Hayat Tahrir al-Sham '(Giunta della Liberazione di Sham), guidato da Al-Nusra e Ahrar al Sham e il resto delle fazioni terroristiche armate che hanno firmato l'accordo, impegnandosi a proteggere i convogli sfollati con la forza, tuttavia, questi gruppi hanno tradito l'accordo egli impegni presi.
 
2: Lo Stato del Qatar; sponsor regionale dell'accordo e la Turchia, sia come finanziatori che come principali garanti dei gruppi armati che hanno firmato l'accordo.
 
Questo atto vile è da condannare, non importa che l'autore militasse o meno alle fazioni che hanno firmato l'accordo, comunque devono assumersi la piena responsabilità. Questo atto contraddice la nostra religione islamica e viola tutti i principi e le pertinenti convenzioni delle Nazioni Unite e del Consiglio dei diritti umani.
 
La verità di ciò che è accaduto dopo l'arrivo del bus presso l'ultimo punto del processo di scambio, senza alcuna scorta neanche da parte di organizzazioni di osservatori della convenzione, fatto sospetto, i gruppi armati hanno cominciato a dilatarsi e a ritardare l'esecuzione dell'accordo all'incrocio, fraudolentemente e con pretesti infondati per due giorni, nel frattempo, i residenti erano sotto la pressione per la fame, la sete e in disumana in balia di queste condizioni dei gruppi armati.
 
Foto e video testimoniano che erano sul posto durante il massacro, indicati come membri armati dell&# 39;opposizione sono stati rimossi dal sito prima dell'attacco, e un gran numero di bambini Kefraya e Al Fauaa si sono avvicinati davanti una macchina per la distribuzione di cibo, che per lungo tempo non avevano , indicando che questi gruppi sapevano prima dell'attacco, e non ha fatto nessuno sforzo per proteggere i civili da questo atto vile dove hanno perso la vita centinaia di martiri, feriti e dispersi.
 
Facciamo luce , inoltre, sui diversi casi sequestri di alcuni giovani che erano in contatto con le loro famiglie dopo l'attacco e poi scomparve nel caos.
 
Pertanto, noi, le famiglie dei martiri, dei feriti e un appello affinché:
 
1. Le fazioni dell'opposizione armata devono consegnare tutti coloro che sono coinvolti in questo crimine per essere giudicate nei tribunali della Repubblica araba siriana.
2. Spostare i feriti agli ospedali pubblici della Repubblica.
3. Le fazioni dell' opposizione devono conformarsi con il resto degli articoli dell'accordo e di completarlo con l'evacuazione di tutti i restanti civili da Kefraya e Al Fauaa.
4. Vogliamo una relazione sulla sorte delle persone scomparse e rapite dopo questo crimine.
5. Chiediamo la protezione internazionale e le garanzie per i convogli in partenza da Al Fauaa e Kefraya in conformità con l'accordo.
6. Chiediamo al Qatar, Stato sponsor e garante dell'accordo per le fazioni armate, il pagamento di un indennizzo per ogni martire della sua famiglia e per compensare i feriti e tutte le persone colpite.
7. Facciamo un appello per convocare una sessione di emergenza del Consiglio di Sicurezza per condannare l'attacco e gli Stati sono alla base di questo atto terroristico e vigliacco devono essere ritenuto responsabili e puniti.
8. Chi ha accusato l'esercito siriano arabo e il governo di questo attacco, voleva solo liberarsi dal senso di colpa e di responsabilità.
9. Dichiarare quel giorno, il 15 aprile, Giornata dei bambini nella Repubblica araba siriana per onorare la memoria di questi bambini.
 
Noi le famiglie dei martiri Ringraziamo la nostra che ha avuto il massimo grado di autocontrollo, la moderazione e l'impegno per gli insegnamenti della nostra religione, per aver evitati qualsiasi atto di rappresaglia contro i civili che lasciano la regione di Madaya e Zabadani, e vi ringraziamo per gli sforzi l'esercito e dei suoi alleati per completare il processo di scambio e proteggere sfollati da Madaya e Zabadani e compiere il loro impegno per l'accordo e gli accordi precedenti. Ringraziamo la popolazione delle province di Idlib e Aleppo, fornendo primo soccorso e curare i feriti e tutti coloro che ci hanno sostenuto, e vi assicuriamo molto chiaramente che siamo vicini alla unità nazionale e l'integrità territoriale la Repubblica araba siriana e la coesistenza e la convivenza comune tra tutti le parti della società siriana, e la nostra ferma posizione insieme a tutte persone in questa nostra amata terra d'origine per porre fine al terrorismo.
 
Per le famiglie dei martiri:
 
Tahan -Sheikh - -Eid -Aswad- Hariri Ali Al - Haj Saleh - Haj Mussa - Chakoul - Mohsen - Taqi - Qorbash -Basti- Al Yusuf - Hashas ... e altri
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Al Mayadeen
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Tasnim

L'Iran avverte: Gli Stati Uniti cercano di riportare l'Iraq e la Siria nel caos

Un importante consigliere del leader della rivoluzione islamica in Iran avverte sui tentativi degli Stati Uniti di riportare l'Iraq e la Siria nel caos.

"Gli Stati Uniti cercano di generare conflitti e caos sia in Iraq che in Siria, in particolare nella città...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, minando le norme del diritto internazionale"

Il rifiuto degli Stati Uniti di ritirare le loro truppe dalla Siria è un riflesso dell'atteggiamento sdegnoso di Washington nei confronti delle norme del diritto internazionale, secondo il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov.

Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, sminuendo le regole del diritto internazionale, ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: https://function.mil.ru/ - Ruptly

La Russia avvia il ritiro dei suoi aerei e della polizia militare dalla Siria

I bombardieri russi Tu-22M3 e un battaglione della polizia militare sono tornati in Russia oggi, dopo aver adempiuto alla loro missione antiterroristica in Siria, si legge in un comunicato del Ministero della Difesa russo

Il ministero della Difesa russo, in un comunicato, ha riferito che i bombardieri Tu-22M3, che sono intervenuto...
Notizia del:     Fonte: The New Yorker

'The New Yorker': Gli Stati Uniti sono costretti ad accettare Bashar al-Assad fino al 2021

Il governo degli Stati Uniti visti gli sviluppi degli ultimi anni sul campo di battaglia sono costretti ad accettare che il presidente siriano Bashar al-Assad rimanga al potere fino al 2021, secondo il settimanale statunitense, 'The New Yorker'.

Data la realtà dei campi di battaglia in Siria e gli ultimi progressi dell'esercito contro i gruppi...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: In Siria, negli ultimi 7 mesi, eliminati 32.000 terroristi e liberati 67000 Km² di territorio

Il comandante del gruppo militare russo in Siria, il generale Sergey Surovikin ha riferito al presidente russo Vladimir Putin che 32.000 terroristi sono stati uccisi in Siria negli ultimi sette mesi.

"Più di 67.000 chilometri quadrati di territorio siriano, più di 1.000 località, 78...
Notizia del:

Oltre 170.000 documenti confermano che Gerusalemme appartiene ai palestinesi

Sull’edizione odierna di un quotidiano italiano, che non citiamo per non pubblicizzarlo immeritatamente, il direttore si lancia in un’affermazione perentoria: «…le orrende mozioni dell’Unesco che hanno provato a mettere in dubbio il legame millenario tra il popolo ebraico e Gerusalemme»

  Il recente riconoscimento ufficiale della città di Gerusalemme come capitale di Israele, annunciato...
Notizia del:     Fonte: Bloomberg

Ex CEO di LafargeHolcim accusato di aver finanziato il terrorismo in Siria

L'ex direttore esecutivo di LafargeHolcim Ltd., Eric Olsen, è stato sottoposto a un'indagine formale e accusato di aver finanziato gruppi terroristici nell'ambito di un'inchiesta francese sulle operazioni del produttore di cemento. Lo ha riporta il sito web Bloomberg.

Eric Olsen, ex direttore esecutivo di LafargeHolcim Ltd che dimessosi poi dalla società lo scorso aprile,...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Ex Comandante FDS: Migliaia di terroristi dell'ISIS hanno lasciato Raqqa dopo una accordo con gli USA

Un disertore e ex comandante delle milizie curdo-siriane ha ritrattato la sua versione sulla caduta di Raqqa ed ha raccontato, nel corso di un'intervista con la Reuters, che migliaia di terroristi dell'ISIS hanno abbandonato la città dopo un accordo segreto approvato dagli Stati Uniti.

Talal Silo, ex comandante delle forze democratiche siriane, FDS, ha  raccontato che il suo gruppo ha disposto...
Notizia del:     Fonte: CNN - http://stat.mil.ru/

Gli F-22 degli USA ostacolano i Jet russi in Siria, però fuggono quando arrivano i SU-35

Il Pentagono denuncia un "comportamento pericoloso" degli aerei russi, ma Mosca ricorda che "non c'è spazio aereo degli Stati Uniti in Siria e non esisterà".

Il ministero della Difesa russo ha risposto alle dichiarazioni rilasciate nelle ultime ore da rappresentanti...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Palestinesi e siriani uniti contro il riconoscimento di Gerusalemme capitale israeliana

Numerosi cittadini palestinesi e siriani sono scesi in strada per protestare e respingere la decisione di Trump su Al-Quds (Gerusalemme).

La decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, di riconoscere Gerusalemme come capitale del regime...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Con la vittoria dell'esercito siriano a Deir Ezzor, si è aperto un collegamento diretto da Teheran a Beirut

Il governo iraniano potrebbe aver segnato la sua più importante vittoria regionale dell'anno dopo che il suo alleato, ovvero l'Esercito arabo siriano, oggi, ha liberato l'intera sponda occidentale dell'Eufrate nel Governatorato di Deir Ezzor.

Come ha spiegato il portale di notizie 'Al Masdar News', quello che era iniziato come un'offensiva...
Notizia del:

Gary Sick, Professore della Columbia University: "Senza l'Iran, l'Isis sarebbe giunto fino a Baghdad".

Secondo quello che riporta l’Ansa, Gary Sick, il noto esperto di Medio Oriente e professore alla Columbia University - “in questi giorni in visita in Italia” e “che ha tenuto in...
Notizia del:     Fonte: Reuters - Al Masdar News

L'Esercito siriano libera l'ultimo bastione dell'ISIS in Siria

Le forze siriane in collaborazione con le Unita di mobilitazione popolare irachene hanno liberato l'ultima fortezza dell'ISIS in Siria.

L'esercito arabo siriano ha ufficialmente liberato l'ultima fortezza dell'ISIS), Albukamal, questa...
Notizia del:     Fonte: SANA

L'Esercito siriano ha liberato totalmente dall'ISIS la città di Deir Ezzor

Le forze armate siriane, in collaborazione con i loro alleati, hanno liberato la città di Deir Ezzor, occupata dall'ISIS dal 2014.

Le truppe siriane hanno assunto il controllo completo della città di Deir Ezzor espellendo l'organizzazione...
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar News

L'esercito siriano ha liberato più di 57.000 Km² di territorio nel 2017 dall'ISIS e dai gruppi "ribelli"

Per l'esercito arabo siriano ed i suoi alleati il 2017 è stato davvero l'anno della riscossa, dal momento che sono stati liberati grandi pezzi di territorio sia dalle forze "ribelli" che dall'ISIS.

Ecco in dettaglio i successi dell'esercito siriano e dei suoi alleati nel corso del 2017, così come...
Notizia del:

Che ci fanno le armi della NATO in un deposito dell'Isis abbandonato in Siria?

  Che ci fanno le armi della NATO in un deposito dell'Isis abbandonato in Siria? Nell’azione di liberazione dal terrorismo che ha infestato la Siria negli ultimi sei anni, emergono giorno...
Notizia del:     Fonte: RT Arabic

VIDEO. Migliaia di siriani salutano per l'ultima volta il Generale Zahreddine, eroe della lotta all'ISIS

Grande partecipazione popolare a Sweida per il funerale del Generale dell'esercito siriano, eroe della lotta all'ISIS, Issam Zahreddine, rimasto ucciso per l'esplosione di una mina, mercoledì scorso.

Migliaia di siriana hanno reso omaggio, oggi, al Gen. Issam Zahreddine che ha perso la vita dopo il convoglio...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa