/ I familiari delle vittime dell'attentato ad Aleppo. "Un massacro ...

I familiari delle vittime dell'attentato ad Aleppo. "Un massacro senza precedenti contro i bambini. La responsabilità è di Turchia e Qatar che finanzia i terroristi"

I familiari delle vittime dell'attentato ad Aleppo. Un massacro senza precedenti contro i bambini. La responsabilità è di Turchia e Qatar che finanzia i terroristi
 

Le famiglie dei martiri di Al Kefraya e Fauaa hanno rilasciato una dichiarazione in cui hanno accusato coloro che essi considerano responsabili dell'attacco terroristico che ha causato la morte di quasi 130 bambini e più di 400 tra morti e feriti, in quello che è considerato come "un massacro senza precedenti contro i bambini".

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Le famiglie hanno enumerato una lista di richieste e reclami nei confronti dei paesi garanti e alleati dei gruppi armati. Hanno anche chiesto di dichiarare il 15 aprile in Siria, giornata in onore della memoria dei bambini caduti negli attacchi terroristici.
 
A seguire il comunicato delle famiglie delle vittime di Kefraya e Al Fauaa raccolto dal canale tv libanese in lingua spagnola al Mayadeen.
 
"In nome di Dio, il Compassionevole, il Misericordioso"
 
Dichiarazione rilasciata dalle famiglie dei martiri di Al Kefraya e Fauaa.
 
Con grande tristezza e dolore abbiamo ricevuto la notizia dell'attacco criminale che ha avuto luogo alle 15:30 pm, di Sabato, 1542017, nei confronti di persone inermi, sfollate, in particolare i bambini, le donne e gli anziani, nei comuni di Kefraya e Al Fauaa, che ha causato la morte di quasi 130 bambini e più di 400 persone tra i martiri e feriti, che è considerato un massacro senza precedenti nei confronti dei bambini.
 
Questi sfollati sono stati costretti a lasciare la loro terra, le loro proprietà e i loro ricordi, per il resto della loro vita, e il futuro dei loro figli a causa di un assedio crudele e ingiusto, che è durato per più di due anni, dove sono stati sottoposti a vari tipi di attacchi giornalieri con razzi, mortai e cecchini contro donne e bambini, oltre ad imporre la fame, la sete e la mancanza di medicine e le esigenze più elementari della vita umana, provocando la morte di migliaia di civili che hanno affrontato questa aggressione sistematica fatta da questi gruppi estremisti radicati nei villaggi situati nei dintorni.
 
Pertanto, noi, cittadini delle città di Kefraya e Al Fauaa, condanniamo questo attacco brutale, vile e infido e cui responsabili diretti sono:
 
1: "Hayat Tahrir al-Sham '(Giunta della Liberazione di Sham), guidato da Al-Nusra e Ahrar al Sham e il resto delle fazioni terroristiche armate che hanno firmato l'accordo, impegnandosi a proteggere i convogli sfollati con la forza, tuttavia, questi gruppi hanno tradito l'accordo egli impegni presi.
 
2: Lo Stato del Qatar; sponsor regionale dell'accordo e la Turchia, sia come finanziatori che come principali garanti dei gruppi armati che hanno firmato l'accordo.
 
Questo atto vile è da condannare, non importa che l'autore militasse o meno alle fazioni che hanno firmato l'accordo, comunque devono assumersi la piena responsabilità. Questo atto contraddice la nostra religione islamica e viola tutti i principi e le pertinenti convenzioni delle Nazioni Unite e del Consiglio dei diritti umani.
 
La verità di ciò che è accaduto dopo l'arrivo del bus presso l'ultimo punto del processo di scambio, senza alcuna scorta neanche da parte di organizzazioni di osservatori della convenzione, fatto sospetto, i gruppi armati hanno cominciato a dilatarsi e a ritardare l'esecuzione dell'accordo all'incrocio, fraudolentemente e con pretesti infondati per due giorni, nel frattempo, i residenti erano sotto la pressione per la fame, la sete e in disumana in balia di queste condizioni dei gruppi armati.
 
Foto e video testimoniano che erano sul posto durante il massacro, indicati come membri armati dell&#
39;opposizione sono stati rimossi dal sito prima dell'attacco, e un gran numero di bambini Kefraya e Al Fauaa si sono avvicinati davanti una macchina per la distribuzione di cibo, che per lungo tempo non avevano , indicando che questi gruppi sapevano prima dell'attacco, e non ha fatto nessuno sforzo per proteggere i civili da questo atto vile dove hanno perso la vita centinaia di martiri, feriti e dispersi.
 
Facciamo luce , inoltre, sui diversi casi sequestri di alcuni giovani che erano in contatto con le loro famiglie dopo l'attacco e poi scomparve nel caos.
 
Pertanto, noi, le famiglie dei martiri, dei feriti e un appello affinché:
 
1. Le fazioni dell'opposizione armata devono consegnare tutti coloro che sono coinvolti in questo crimine per essere giudicate nei tribunali della Repubblica araba siriana.
2. Spostare i feriti agli ospedali pubblici della Repubblica.
3. Le fazioni dell' opposizione devono conformarsi con il resto degli articoli dell'accordo e di completarlo con l'evacuazione di tutti i restanti civili da Kefraya e Al Fauaa.
4. Vogliamo una relazione sulla sorte delle persone scomparse e rapite dopo questo crimine.
5. Chiediamo la protezione internazionale e le garanzie per i convogli in partenza da Al Fauaa e Kefraya in conformità con l'accordo.
6. Chiediamo al Qatar, Stato sponsor e garante dell'accordo per le fazioni armate, il pagamento di un indennizzo per ogni martire della sua famiglia e per compensare i feriti e tutte le persone colpite.
7. Facciamo un appello per convocare una sessione di emergenza del Consiglio di Sicurezza per condannare l'attacco e gli Stati sono alla base di questo atto terroristico e vigliacco devono essere ritenuto responsabili e puniti.
8. Chi ha accusato l'esercito siriano arabo e il governo di questo attacco, voleva solo liberarsi dal senso di colpa e di responsabilità.
9. Dichiarare quel giorno, il 15 aprile, Giornata dei bambini nella Repubblica araba siriana per onorare la memoria di questi bambini.
 
Noi le famiglie dei martiri Ringraziamo la nostra che ha avuto il massimo grado di autocontrollo, la moderazione e l'impegno per gli insegnamenti della nostra religione, per aver evitati qualsiasi atto di rappresaglia contro i civili che lasciano la regione di Madaya e Zabadani, e vi ringraziamo per gli sforzi l'esercito e dei suoi alleati per completare il processo di scambio e proteggere sfollati da Madaya e Zabadani e compiere il loro impegno per l'accordo e gli accordi precedenti. Ringraziamo la popolazione delle province di Idlib e Aleppo, fornendo primo soccorso e curare i feriti e tutti coloro che ci hanno sostenuto, e vi assicuriamo molto chiaramente che siamo vicini alla unità nazionale e l'integrità territoriale la Repubblica araba siriana e la coesistenza e la convivenza comune tra tutti le parti della società siriana, e la nostra ferma posizione insieme a tutte persone in questa nostra amata terra d'origine per porre fine al terrorismo.
 
Per le famiglie dei martiri:
 
Tahan -Sheikh - -Eid -Aswad- Hariri Ali Al - Haj Saleh - Haj Mussa - Chakoul - Mohsen - Taqi - Qorbash -Basti- Al Yusuf - Hashas ... e altri
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Al Mayadeen
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Crisi umanitaria in Venezuela? Solo una fake news, afferma esperto dell'ONU

L'avvocato e storico statunitense Alfred de Zayas, esperto nel campo dei diritti umani, ha messo in guardia sull'uso del termine crisi umanitaria per intervenire in Venezuela e rovesciare l'attuale governo

di Fabrizio Verde   «Ho comparato le statistiche del Venezuela con quelle di altri paesi e non...
Notizia del:     Fonte: BBC - The Guardian

Londra riprende il progetto di "finanziamento ad Al-Qaeda" in Siria

Il Regno Unito ha ripreso un controverso programma di miliardi di sterline per addestrare 'polizia' nelle aree occupate dai gruppi armati in Siria, un progetto sospeso più di due mesi fa a causa di accuse di aver finanziato gruppi 'estremisti' affiliati ad Al- Qaeda.

Il progetto è cessato nel novembre dello scorso anno dopo che un'indagine ha rivelato che le forze...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: RT arabic - AP news - Ria Novosti

VIDEO. Le forze siriane entrano ad Afrin e la Turchia bombarda

Le unità dell'esercito siriano sono entrate oggi nel distretto di Afrin, dove le forze armate turche e le sue milizie alleate stanno portando avanti un'aggressione contro le YPG curde.

Le forze filo-governative siriane hanno iniziato ad entrare ad Afrín nonostante le minacce provenienti...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele fornisce armi e denaro a 7 gruppi "ribelli" in Siria

Un rapporto dettagliato pubblicato oggi dal quotidiano israeliano 'Harretz', rivela come il regime israeliano sta inviando denaro, armi e munizioni a sette gruppi 'ribelli' che operano attraverso le alture del Golan occupate da Israele e che combattono contro l'esercito siriano.

Secondo l'analista Elishabeth Tsurkov, che per anni ha monitorato lo sviluppo del conflitto siriano, almeno...
Notizia del:     Fonte: RT

Lavrov: "La Russia esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria"

La Russia è preoccupata per le azioni degli Stati Uniti che mirano alla "disintegrazione della Siria".

La Russia "esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria e a calibrare attentamente i suoi...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

VIDEO. Consulente Media YPG: L'esercito siriano è il benvenuto ad Afrin in qualsiasi momento

Le Unità di Protezione popolare curde, YPG, ribadiscono che l'esercito siriano è benvenuto nella regione di Afrin, dove da alcune settimane la Turchia ha avviato una brutale aggressione.

Il consigliere dei media delle Unità di protezione popolare (YPG), Rizan Haddou, ha dichiarato venerdì...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:

Afrin, "l'esercito siriano entrerà nelle prossime ore"

"L'esercito arabo siriano entrerà ad Afrin nelle prossime ore". Lo riportano i media locali siriani oggi.  Un membro del Partito dell'Unione Democratica aveva annunciato...
Notizia del:

Generale Bertolini, ex comandante Coi: "Gli americani quando devono scegliere tra Assad e i terroristi non scelgono Assad, e questo lo fanno anche gli israeliani."

  Nell'intervista rilasciata a il Sussidiario il Generale Bartolini, ex comandante del Coi, con all'attivo missioni dal Libano ai Balcani all'Afghanistan, ha dichiarato come l'attacco...
Notizia del:

Gli Stati Uniti progettano di suddividere la Siria

Di Jeff Mackler - Counterpunch Durante un discorso tenuto il 17 gennaio all’Università di Stanford, il Segretario di Stato Rex Tillerson, ha annunciato che i militari statunitensi armeranno,...
Notizia del:

(VIDEO) Esercito siriano risponde alla nuova aggressione israeliana vicino Damasco

Jet israeliani hanno attaccato obiettivi vicino Damasco dallo spazio aereo libanese. L'esercito siriano ha affermato di aver distrutto la quasi totalità dei missili israeliani. L'agenzia...
Notizia del:

Damasco: "Le accuse di armi chimiche fanno parte di una campagna mediatica per impedire la liberazione di Idlib dai terroristi"

AlManar (versione francese) Una fonte del governo di Damasco ha denunciato l'esistenza di una campagna politica e mediatica occidentale per esercitare pressioni sull'esercito siriano...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Dopo anni migliaia di civili tornano nelle loro case nella provincia di Damasco

Un gran numero di civili sfollati hanno iniziato a tornare nelle loro case vicino alla capitale siriana, Damasco. Vengono da diverse parti della capitale e dei suoi dintorni. Alle famiglie sono state infine restituite le loro case dopo diversi anni di allontanamento causato dai terroristi.

Da Hispantv   Migliaia di civili sfollati si sono radunati fuori dalla città di Al-Bueda, nella...
Notizia del:

Intervento illegale turco in Siria: la dura condanna dell'Egitto

L’Egitto ha condannato fortemente l’intervento militare turco in Siria, nella regione di Arbin,  nel nord del Paese nella zona controllata attualmente dai curdo-siriani, dove sabato...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa