/ Il Belgio avrebbe potuto arrestare i responsabili degli attacchi ...

Il Belgio avrebbe potuto arrestare i responsabili degli attacchi di Parigi e Bruxelles "almeno 13 volte"

Il Belgio avrebbe potuto arrestare i responsabili degli attacchi di Parigi e Bruxelles almeno 13 volte
 

Secondo il rapporto del comitato permanente di monitoraggio della polizia belga, si sono perse ottime occasioni per prevenire gli attacchi mortali a Parigi e Bruxelles del 2015 e 2016.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

La polizia belga hanno perso 13 opportunità per impedire ai terroristi di attaccare il 13 novembre 2015 Parigi e il 22 marzo 2016 a Bruxelles, secondo il rapporto finale del controllo di polizia Commissione permanente dei servizi di Polizia (Comitato P), ottenuto dai giornalisti dal The Wall Street Journal.
 
Questa relazione di 82 pagine è stata scritta nel settembre 2016, ma non è stata mai pubblicata.
 
Così, all'inizio del 2015, la polizia belga ha fermato una macchina con al volante Abdeslam Brahim, il cui nome era già nella lista dei potenziali terroristi.
 
Durante le indagini, la polizia ha trovato un libro sul consenso dei genitori per la jihad, ma dopo un breve interrogatorio, è stati rilasciato uno dei futuri attentatori degli attacchi di Parigi.
 
Suo fratello, Salah Abdeslam, fugurava nella lista dei potenziali terroristi. La polizia, però, non si era resa conto che aveva Salah aveva cambiato l'immagine del profilo sui social network mettendo la bandiera nera del Daesh.
 
Secondo lo stesso rapporto, nel marzo 2015, i servizi segreti spagnoli avevano chiesto informazioni ai loro colleghi sui viaggi di Brahim Abdeslam, ma la risposta dei colleghi belgi è arrivata solo dopo gli attacchi.
 
Le informazioni su Hadfi Bilal, uno dei kamikaze del Stade de France, sono rimaste inutilizzate per sei mesi. Ogni volta, la risposta è stata "mancanza di indizi."
 
Inoltre, secondo il rapporto, la polizia belga avrebbe saputo che i fratelli Abdeslam avrebbero  rivisto un loro vecchio amico d'infanzia, Abaaoud Abdelhamid, che era diventato un noto combattente del Daesh Siria.
 
La relazione conclude che tutti i fallimenti nel lavoro della polizia belga sono il risultato di una mancanza di risorse, di attenzione, di conoscenza e errori di valutazione.
 
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: The Wall Street Journal.
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria denuncia le operazioni 'illegali' degli Stati Uniti a Raqqa

Il governo siriano ribadisce l'illegittimità delle operazioni degli Stati Uniti nella città di Raqqa contro il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

"Senza il coordinamento con il governo siriano, qualsiasi attacco nordamericano contro Daesh o dell'esercito...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Cuba, OSPAL: "Le lotte di Che Guevara ispirano la Siria contro l'attacco imperialista'

L'Organizzazione di Solidarietà con i popoli dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina (OSPAL) ha rinnovato la sua solidarietà alla Siria nella sua guerra al terrorismo ribadendo che il paese arabo trionferà contro l'imperialismo.

A l'Avana, durante la presentazione di un libro sulla storia del rivoluzionario Ernesto Che Guevara, la presidentessa...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Nasrallah: la sconfitta dell'ISIS in Siria è un fallimento per Israele

Il Segretario Generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, ha dichiarato che la sconfitta dell'ISIS è un fallimento del piano di Israele messo a punto nella regione.   In un discorso,...
Notizia del:     Fonte: The Huffington Post

'Arabia Saudita, il principale sponsor del terrorismo'

L'Arabia Saudita e non l'Iran è il principale sponsor del terrorismo di Stato nella regione e nel mondo, secondo il quotidiano statunitense 'The Huffington Post'.

"L'Arabia Saudita, non l'Iran, è il più grande stato sponsor del terrorismo oggi nel...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

Marine Le Pen in Polonia propone alleanza per smantellare l'UE. 'Diritto e Giustizia' rigetta la proposta

La leader del Front National propone a Varsavia di unirsi per smantellare l'Europa. I polacchi rispondono di non essere interessati

  La leader del Front National francese, Marine Le Pen, attraverso il quotidiano polacco Rzeczpospolita ...
Notizia del:     Fonte: Izvestia

Assad ha dato il via libera all'Iraq per colpire l'ISIS in Siria

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha dato il permesso al governo iracheno per colpire l'ISIS all'interno dei confini della Siria, la ha riferito, ieri, il ministro siriano Sadji Taama al giornale...
Notizia del:     Fonte: Fox news

Fox: L'Arabia Saudita ha addestrato la maggior parte dei terroristi dell'ISIS

I sauditi costituiscono la maggioranza dei membri del gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) in Iraq, secondo quanto ha rivela la Fox che cita un alto funzionario dell'intelligence irachena.

Secondo quando ha annunciato, ieri, dal canale statunitense 'Fox News', che cita un alto funzionario...
Notizia del:     Fonte: Tahrir Souri

Gli Stati Uniti usano illegalmente il cementificio 'Lafarge' come base aerea nel nord-ovest della Siria

Gli Stati Uniti hanno occupato 'illegalmente' il cementificio Lafarge nei pressi della provincia di Raqqa, che si trova nel nord-ovest della Siria, utilizzandolo come base aerea.

Tahrir Souri, che copre le notizie sul conflitto in Siria, ieri ha pubblicato un'immagine satellitare del...
Notizia del:     Fonte: nypost.com

I veterani ingannati dai soldi sauditi per evitare che Riad paghi per l'11-Settembre

Diversi ex membri delle forze armate USA dichiarano di essere stati pagati per viaggiare a Washington allo scopo di aiutare a modificare la legge che permette di citare in giudizio l'Arabia Saudita per l'11-S.

L'Arabia Saudita ha pagato i viaggi a Washington ai veterani degli Stati Uniti per fare pressione sul governo...
Notizia del:     Fonte: 'Washington Post'

Il Pentagono vuole un maggiore coinvolgimento militare degli Stati Uniti in Siria

In una nuova proposta, il Dipartimento della Difesa ha chiesto alla Casa Bianca di rafforzare in modo significativo le forze USA in Siria.

Come riportato oggi dal 'Washington Post', citando fonti del governo degli Stati Uniti, il Pentagono...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Gli USA intendono aumentare la loro partecipazione all'attacco militare contro lo Yemen

Gli Stati Uniti potrebbero aumentare in modo esponenziale il loro sostegno militare all'Arabia Saudita nella sua aggressione contro lo Yemen. Lo riporta il 'The Washington Post'

Secondo quanto si evince da un articolo pubblicato, ieri, dal quotidiano statunitense 'The Washington Post',...
Notizia del:     Fonte: TASS

Ministro israeliano elogia il coordinamento con la Russia sulla Siria

Il meccanismo di coordinamento sulla Siria tra Israele e la Russia ha funzionato bene, secondo il Ministro dell'Intelligence israeliana Yisrael Katz in un'intervista con l'agenzia russa TASS.

"Il meccanismo per il coordinamento delle attività militari al fine di evitare conflitti tra la Russia...
Notizia del:     Fonte: Prensa Latina

Prensa Latina: Nord della Siria. Dalla lotta all'ISIS al 'tutti contro tutti'

La situazione esplosiva nel nord della Siria, secondo Pedro Garcia Hernandez, corrispondente di Prensa Latina nel paese arabo, si è aggravata con gli scontri nelle ultime ore nei pressi della diga di Al Tabqa, 40 chilometri dalla città di Raqqa, la autoproclamata capitale dell'ISIS.

Articolo originale Pedro Garcia Hernandez, corrispondente in Siria per Prensa Latina Le forze curde combattono...
Notizia del:

Lavrov: "L'Occidente riveda il suo doppio standard sulle proteste a Mosca"

La stessa cifra censurata dai media italiani per la manifestazione di Eurostop di sabato, otto mila, è da ore su tutti i giornali per un sit in non autorizzato a Mosca contro il governo di Vladimir...
Notizia del:

Neonazisti ucraini e jihadisti ceceni, quando "gli obblighi della democrazia" dell'UE non valgono

di Fabrizio Poggi - Contropiano UE e USA prendono le difese dei “bielorussi arrabbiati” che hanno manifestato ieri a Minsk. Punto. Potrebbe bastare questo a raccontare la situazione in...
Notizia del:

La logica dei media mainstream, la logica di un regime

di Federico Pieraccini A Mosca 500 persone sfilano contro Putin: tutti i giornali occidentali ne parlano. A Sana'a centinaia di migliaia di persone manifestano per fermare i disumani bombardamenti...
Notizia del:

La Siria 7 anni (e 7 miliardi di dollari investiti dagli USA) dopo

di Mostafa El Ayoubi* - Nigrizia La guerra in Siria è entrata nel suo settimo anno. Ed è difficile prevederne la fine in tempi brevi. Gli Usa sono stati il principale attore internazionale...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa