/ Il Belgio avrebbe potuto arrestare i responsabili degli attacchi ...

Il Belgio avrebbe potuto arrestare i responsabili degli attacchi di Parigi e Bruxelles "almeno 13 volte"

Il Belgio avrebbe potuto arrestare i responsabili degli attacchi di Parigi e Bruxelles almeno 13 volte
 

Secondo il rapporto del comitato permanente di monitoraggio della polizia belga, si sono perse ottime occasioni per prevenire gli attacchi mortali a Parigi e Bruxelles del 2015 e 2016.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

La polizia belga hanno perso 13 opportunità per impedire ai terroristi di attaccare il 13 novembre 2015 Parigi e il 22 marzo 2016 a Bruxelles, secondo il rapporto finale del controllo di polizia Commissione permanente dei servizi di Polizia (Comitato P), ottenuto dai giornalisti dal The Wall Street Journal.
 
Questa relazione di 82 pagine è stata scritta nel settembre 2016, ma non è stata mai pubblicata.
 
Così, all'inizio del 2015, la polizia belga ha fermato una macchina con al volante Abdeslam Brahim, il cui nome era già nella lista dei potenziali terroristi.
 
Durante le indagini, la polizia ha trovato un libro sul consenso dei genitori per la jihad, ma dopo un breve interrogatorio, è stati rilasciato uno dei futuri attentatori degli attacchi di Parigi.
 
Suo fratello, Salah Abdeslam, fugurava nella lista dei potenziali terroristi. La polizia, però, non si era resa conto che aveva Salah aveva cambiato l'immagine del profilo sui social network mettendo la bandiera nera del Daesh.
 
Secondo lo stesso rapporto, nel marzo 2015, i servizi segreti spagnoli avevano chiesto informazioni ai loro colleghi sui viaggi di Brahim Abdeslam, ma la risposta dei colleghi belgi è arrivata solo dopo gli attacchi.
 
Le informazioni su Hadfi Bilal, uno dei kamikaze del Stade de France, sono rimaste inutilizzate per sei mesi. Ogni volta, la risposta è stata "mancanza di indizi."
 
Inoltre, secondo il rapporto, la polizia belga avrebbe saputo che i fratelli Abdeslam avrebbero  rivisto un loro vecchio amico d'infanzia, Abaaoud Abdelhamid, che era diventato un noto combattente del Daesh Siria.
 
La relazione conclude che tutti i fallimenti nel lavoro della polizia belga sono il risultato di una mancanza di risorse, di attenzione, di conoscenza e errori di valutazione.
 
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: The Wall Street Journal.
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Macron non vede un successore legittimo ad Assad

Il presidente francese Emmanuel Macron, ritiene che oggi non v'è alcuna valida alternativa al presidente siriano Bashar al-Assad, per evitare che il paese diventi uno Stato fallito.

 "La nuova prospettiva che ho avuto su questo tema è che non ho dichiarato che la rimozione di...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

I pericoli della flexicurity: cronaca di un disastro annunciato

La precarizzazione del lavoro in Spagna prodotto della riforma normativa 'flessibilizzatrice' ha ridotto in maniera importante la qualità del lavoro

di Adoración Guamán - teleSUR   Già da diverse decadi le norme che regolano...
Notizia del:

Non chiamateli terroristi

In un solo pomeriggio, quattro giovani vite sono state spezzate. Troppo facile per i giornali israeliani, per l'ONU e l'UE definire "terroristi" i palestinesi, ed eroina, la soldatessa israeliana

di Paola Di Lullo   È venerdì sera a Gerusalemme Est Occupata. In Sultan Suleiman Street,...
Notizia del:     Fonte: TASS

Siria, gli aerei russi rompono la spina dorsale dell'ISIS a Deir Al-Zur

Gli aerei da guerra russi hanno eliminato più di 180 terroristi dell'ISIS, tra i quali due comandanti sul campo di alto livello nell'offensiva nella Siria orientale.

Secondo una dichiarazione rilasciata ieri dal Ministero della Difesa russo, l'intelligence militare è...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Brigata siriana addestrata dalla Russia: Prima sterminiamo l'ISIS e poi cacceremo via le truppe USA

Un comandante di una brigata d'elite siriana addestrata dalla Russia ha avvertito che dopo aver eliminato i terroristi, si rivolgeranno alle truppe degli Stati Uniti.

"Gli Stati Uniti stanno gradualmente espandendo la loro presenza in tutto il paese. Sono venuti dal nord,...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Siria e Iraq creano centro operativo congiunto per combattere l'ISIS

Siria e Iraq hanno deciso di aumentare le loro operazioni militari il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) sul confine siro-iracheno.

"Damasco e Baghdad hanno affrontato la questione della creazione di un ' centro per le operazioni congiunte'...
Notizia del:     Fonte: http://vtv.gob.ve/

Venezuela, psicologa spiega: «La destra si è appropriata dei Simboli Patri per promuovere violenza e terrore»

La dottoressa Izaguirre ha realizzato un’analisi degli elementi simbolici utilizzati nelle operazioni psicologiche

  Si è tenuto presso la sede del Ministero degli Esteri, a Caracas, il primo ‘Forum Internazionale...
Notizia del:     Fonte: The New Yorker

'L'Iran accede al Mediterraneo con gli ultimi sviluppi in Siria e in Iraq'

Secondo il settimanale statunitense, 'The New Yorker', l'Iran e i suoi alleati in Siria e in Iraq si sono già assicurato un percorso che collega direttamente il confine iraniano al Mar Mediterraneo.

"Per la prima volta dall'inizio della guerra siriana, i combattenti sostenuti da Iran hanno raggiunto...
Notizia del:     Fonte: Fars

Iran: "Abbiamo le prove del sostegno diretto dell'imperialismo USA all'ISIS"

I leader iraniani collegano Riyadh e Washington agli attacchi terroristici del 7 giugno a Teheran.

Il Vice Direttore dello Stato Maggiore delle Forze Armate dell'Iran, Mostafa Izadi, ha annunciato che Teheran...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: L'attacco degli USA alle forze siriane è stato un atto di aggressione

L'attacco USA alle forze governative siriane vicino ad Al-Tanf è stato 'un atto di aggressione' che ha violato la sovranità del paese arabo, ha dichiarato il capo della diplomazia russa.

"In connessione con l'attacco di ieri guidato dagli Stati Uniti ad Al-Tanf, naturalmente, è stato...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: AdnKronos/Dpa

CETA: i socialisti spagnoli cambiano idea. Voteranno no

Finora il Psoe aveva votato a favore del Ceta sia all'Europarlamento che al parlamento di Madrid

A sorpresa il partito socialista spagnolo (Psoe) ha deciso di ritirare il suo appoggio al Ceta, il trattato...
Notizia del:

Tornano i sovietici! Il Corriere della Sera esagera con la russofobia...

Altra grande perla del giornalismo italiano: il Corriere della Sera cita fantomatiche «fonti sovietiche»

di Danilo Della Valle Era un po' la speranza nascosta di tutti gli oppressi della Terra, ieri il nostalgico...
Notizia del:

L'ONU si dichiara "preoccupata" per il sostegno di Israele ai gruppi terroristi in Siria

di Stefano Mauro - Contropiano Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha recentemente espresso le sue preoccupazioni riguardo ai contatti tra i militari dell’esercito...
Notizia del:

L’ex presidente Kuchma:”E' l’UE che ha messo in ginocchio l'Ucraina"

    L’Unione Europea? Ha messo in ginocchio l’Ucraina, considerandola come un appendice dove rifornirsi di materie prime. E’ un attacco veemente quello scagliato oggi da Leonid...
Notizia del:

Gentiloni, doppi standard e ipocrisia. Chi è l’italo-venezuelano ricercato numero uno per aver bruciato vivo un giovane chavista?

Chi è l’italo-venezuelano ricercato numero uno per aver bruciato vivo un giovane chavista? Enzo Franchini Oliveros è amministratore e azionista della ditta immobiliare che ha avuto...
Notizia del:

"La guerra deve essere portata in Iran prima che arrivi qui". Chi è Mohammed bin Salman, il nuovo erede al trono saudita

di Alberto Negri* - Il Sole 24 Ore Descritto come dinamico ma impulsivo, il nuovo erede al trono saudita punta a ribaltare i rapporti di forza con l’Iran. Gli iraniani, che hanno accusato...
Notizia del:

Macron non vede un successore legittimo ad Assad

Il presidente francese Emmanuel Macron, ritiene che oggi non v'è alcuna valida alternativa al presidente siriano Bashar al-Assad, per evitare che il paese diventi uno Stato fallito.

 "La nuova prospettiva che ho avuto su questo tema è che non ho dichiarato che la rimozione di...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa